Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


mpoletti

Amico Inseparabile

  • "mpoletti" is male
  • "mpoletti" started this thread

Posts: 1,281

Activitypoints: 4,655

Date of registration: Mar 12th 2014

  • Send private message

16

Monday, May 16th 2016, 12:37pm

Le aspettative degli altri, quello che gli altri riescono a fare e tu no, mi sembra che tu metti te stesso a confronto con quello che gli altri si aspettano da te.
Ma sei tu che vuoi alcune cose da te o semplicemente pensi che gli altri si aspettino qualcosa da te?
Quando si dà troppa importanza agli altri c'è il rischio di fare le cose solo per soddisfare gli altri e non noi stessi.
Non fare mai questo sbaglio.
Tu continui a dire che gli altri si aspettano qualcosa da te, che tu invidi gli altri, che ti senti inferiore, ma conosci davvero queste altre persone a cui ti riferisci?
Sai, posso dirti che dal di fuori certe vite sembrano perfette ma se ti avvicini perfette non sono e quindi forse quelle persone che tu ritieni abbiano tutto questo successo con meno fatica poi non sai dietro come stanno.
Tu parli di "ATTESE", ma chi si attende qualcosa da te? chi?
Hai un giudice esterno che ti dice cosa fai bene e cosa fai male? o hai un giudice interno che ti castra in questo modo?
Ognuno di noi possiede certe capacità e non possiede altre capacità. quindi magari tu sei bravo in alcune cose e non in altre.
Così come quelle persone magari sono brave in qualcosa ma in altro sono una schiappa.
Forse tu non hai trovato ancora un settore dove poter scoprire le tue vere capacità o qualità.
Forse non hai ancora avuto modo di esprimere il meglio di te.
Ma se continui a stare a sentire quello che gli altri dicono di te allora non ti dai nemmeno il tempo.
Sei troppo concentrato su quello che gli altri vogliono da te. Ma tu cosa vuoi?


Quoted

Ma sei tu che vuoi alcune cose da te o semplicemente pensi che gli altri si aspettino qualcosa da te?

Penso che gli altri si aspettino qualcosa da me. In generale, quando i capi o i famigliari mi assegnano dei compiti, si aspettano che sia fatto bene; spesso vengo ripreso per la disattenzione/distrazione o per il fatto di non aver capito bene il compito. Quando ciò accade, mi sento in colpa e mi ripeto che è colpa mia e della mia distrazione. Credo che questa mia affermazione risponda anche alla questione del giudice interno.
Sinceramente, non ho ancora scoperto le mie capacità, ammesso di averne almeno una.
Cosa voglio io? Vorrei essere più sereno, ma è un concetto ancora molto vago....

Used tags

amici, ansia, autostima