Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

1

Sunday, April 14th 2019, 7:53pm

Ansia quando mi chiedono cosa ho fatto nel fine settimana

Ho quasi 25 anni ma non ho la vita che ha una normale persona della mia età (niente amici o fidanzato, niente uscite la sera etc.). Sto frequentando un corso dove ci sono persone della mia età e fanno conversazione ovviamente su uscite, serate, locali e io mi sento un pesce fuor d'acqua. In particolare quando uno di essi mi ha chiesto "Cosa hai fatto ieri sera?" mi è venuta l'ansia. Ho risposto male chiudendo velocemente il discorso.Non potevo mica rispondere che ho passato il venerdì sera in casa come per tutto il resto dei giorni dell'anno da anni ormai. Non mi va di mentire ma non mi va neanche di dire la verità a queste persone . In fondo passerò con loro solo sei mesi per il corso e non mi va di passare per quella strana nè di raccontare come sono arrivata a questo punto. Allo stesso tempo non voglio sentirmi esclusa ...

2

Sunday, April 14th 2019, 8:38pm

Perché no?
Puoi rispondere che sei rimasta a casa, non c'è niente di cui vergognarsi. Anzi magari potrebbe nascere un invito per organizzare un'uscita assieme in gruppo e allargare un po' la tua vita sociale.
Che ne pensi?
[email protected]
### ### ### ###
*sara swarovsky*

Santacruz

Utente amorevole

  • "Santacruz" is female

Posts: 515

Activitypoints: 802

Date of registration: Oct 18th 2017

  • Send private message

3

Monday, April 15th 2019, 5:16pm

Non mi va di mentire ma non mi va neanche di dire la verità a queste persone .


Non sei tenuta ad essere "te stessa" con tutti.
Nello stesso tempo non c'è nulla di male a dire la verità. Se sei strana, e te lo dice una strana sul serio, ma non perché ho i capelli fucsia e l'anello al naso, ma proprio per come mi comporto e quello che dico, verrai valutata strana a prescindere da quello che hai fatto venerdì e dal fatto che tu sia uscita o meno sabato. Se invece non sei strana, verrai accettata comunque, anzi, potresti attirare qualche invito. Comunque è indifferente quello che hai risposto... Vieni valutato dagli altri per tutta una serie di aspetti su cui non hai il controllo.
Quindi mettiti l'anima in pace e pensa a stare bene.

4

Monday, April 15th 2019, 5:30pm

Scusami ma ... ti mancano gli amici, uno chiede cosa hai fatto e gli rispondi male ?

Inventati una scusa del tipo che frequentavi una comitiva, poi per varie motivazioni si è disgregata come spesso accade e ultimamente fatichi da farti una nuova compagnia per uscire,... e vedi se ti invitano per esempio ...
"così sono partito per un lungo viaggio, lontano dagli errori e dagli sbagli che ho commesso"

Santacruz

Utente amorevole

  • "Santacruz" is female

Posts: 515

Activitypoints: 802

Date of registration: Oct 18th 2017

  • Send private message

5

Monday, April 15th 2019, 7:30pm

Inventati una scusa del tipo che frequentavi una comitiva, poi per varie motivazioni si è disgregata

Questa è un ottima strategia, il problema è che quando hai difficoltà relazionali, anche la strategia migliore rischia di non funzionare.

In ogni caso non so se il problema di MUDPIE sia contingente oppure sia il sintomo di un disagio più profondo e generalizzato.

6

Monday, April 22nd 2019, 7:45pm

Io non voglio farmi degli amici in quel gruppo. Voglio solo non essere esclusa e reputata strana come succede sempre . Purtroppo per il corso che sto facendo, mi serve l'aiuto di quelle persone e essere emarginata da queste potrebbe compromettere la buona riuscita del corso . Poi lo so che non è solo il fatto che non ho una vita normale a farmi sembrare strana ma un insieme di fattori diversi , già alcuni commenti riferiti a questo aspetto li ho sentiti. Non voglio pensare a domani quando mi chiederanno cosa ho fatto a Pasqua e Pasquetta :(

7

Monday, April 22nd 2019, 8:00pm

Perché non vuoi farti amici in quel gruppo?
[email protected]
### ### ### ###
*sara swarovsky*

Scorpio1963

Giovane Amico

  • "Scorpio1963" is male

Posts: 282

Activitypoints: 874

Date of registration: Feb 21st 2019

Location: Toscana

  • Send private message

8

Yesterday, 10:08am

Non mi va di mentire ma non mi va neanche di dire la verità a queste persone . In fondo passerò con loro solo sei mesi per il corso e non mi va di passare per quella strana nè di raccontare come sono arrivata a questo punto. Allo stesso tempo non voglio sentirmi esclusa ...


Leggi anche tu le contraddizioni che leggo io?

Non ti va di mentire.. ma nemmeno di dire la verità

Però non vuoi sentirti esclusa...

A me pare che di fatto sia tu che stai escludendo , non trovi?

Perché non ti va di sentirti esclusa?

Vuoi sentirti inclusa, ma senza mettere dentro nulla di te, né la menzogna ne la verità

Quindi sembrerebbe tu voglia solo "prendere" senza "dare"

Cosa vorresti prendere da questa auspicata "inclusione" a costo zero per te?

9

Yesterday, 11:29am

Ho quasi 25 anni ma non ho la vita che ha una normale persona della mia età (niente amici o fidanzato, niente uscite la sera etc.). Sto frequentando un corso dove ci sono persone della mia età e fanno conversazione ovviamente su uscite, serate, locali e io mi sento un pesce fuor d'acqua. In particolare quando uno di essi mi ha chiesto "Cosa hai fatto ieri sera?" mi è venuta l'ansia. Ho risposto male chiudendo velocemente il discorso.Non potevo mica rispondere che ho passato il venerdì sera in casa come per tutto il resto dei giorni dell'anno da anni ormai. Non mi va di mentire ma non mi va neanche di dire la verità a queste persone . In fondo passerò con loro solo sei mesi per il corso e non mi va di passare per quella strana nè di raccontare come sono arrivata a questo punto. Allo stesso tempo non voglio sentirmi esclusa ...


se non fosse che....
- ci soffri
- i tuoi colleghi sembrano fare semplice conversazione
ti direi di mentire spudoratamente, di alzare il tiro ed esagerare!
la cosa avrebbe senso se ti trovassi in una compagnia di snob, di quei classici che ti guardano dall'alto e ti giudicano pezzente se non frequenti posti/persone che dicono loro.

però da ciò che dici non pare essere il caso.
perché allora non rimani semplicemente sul vago e magari "sfrutti" la loro intraprendenza per uscire insieme?
namasté

ipposam

Utente Avanzato

Posts: 814

Activitypoints: 2,476

Date of registration: Mar 25th 2015

  • Send private message

10

Yesterday, 11:34am

Ciao,
secondo me non sei affatto tenuta a dire come passi i venerdì, o i sabati, o le domeniche. Non credo ci sia nulla di cui vergognarsi se non passi le serate come fanno altri, non c'è un modo "normale" di passarle. La giovane età spesso lascia pensare che esista un modo doveroso di vivere, quello che applicano dei fantomatici "altri" (ma quali altri poi?), e purtroppo solo col tempo e con l'esperienza si comprende che esiste solo un modo giusto di trascorrere la vita: il proprio.
Se invece il problema è che non ti piace come vivi, allora il discorso è un altro: è importante che ci sia allineamento tra ciò che si vuole (dentro di sé, e non perché così andrebbe fatto) e ciò che si fa. Spesso questo gap è fonte di frustrazione e dolore, e anche su questo, purtroppo, occorre un lavoro di anni per trovare un equilibrio, anche perché spesso nella vita questo gap è incolmabile e si può solo avvicinarsi al colmarlo, e questa secondo me è la vera sfida dell'esistenza.

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests