Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Rossi73

Nuovo Utente

  • "Rossi73" started this thread

Posts: 1

Activitypoints: 10

Date of registration: Nov 27th 2019

  • Send private message

1

Wednesday, November 27th 2019, 10:26pm

Rossi73

Salve a tutti, vi scrivo in quanto sto passando un bruttissimo periodo di ansia, seguito da panico. Tutto ebbe inizio nel 2004, presumo, dovuto a un Forte stress. I sintomi inziali erano tipici di una Forte ipocondria improvvisa, tramutata in seguito, in agorafobia. A oggi vivo sempre col pensiero anticipatorio Che MI venga, l' ansia, per esempio, se devo andare a fare un Viaggio per lavoro, ho LA paura di non arrivare a destinatione,attualmente, ho la paura di non riuscire piu a mangiare: vivo da un mesetto con questa fissazione, premetto Che dal 2004 sto assumendo daparox, 20mg una pastiglia e mezza, MA con discreti benefici. Vado dallo psichiatra da un anno, MI ha aggiunto lo Xanax rp0, 5 MG con 20 gocce di alprazolam. MA a oggi i sintomi sono peggiorati.ogni Volta Che si presenta l 'Ora di pranzo l, ansia aumenta e MI devo concentrare per calmarmi e di conseguenza mangio in fretta, :MA stamattina ha preso IL sopravvento e MI si e' chiuso lo stomaco, ho iniziato ad avere l ennesimo pensiero di non venirne piu fuori e MI e' venuto IL panico, vi prego chiedo se c, e qualcuno Che abbia passato cio' Che sto passando io.. Se MI puo'aiutare.. A superare e a togliere definitivamente questo grosso problema. Grazie!

dottdistefano

Utente Attivo

  • "dottdistefano" is male

Posts: 23

Activitypoints: 73

Date of registration: Aug 19th 2017

Location: Roma

Occupation: Medico Psicoterapeuta

  • Send private message

2

Thursday, November 28th 2019, 11:39am

Gentile Rossi73

la sua situazione è condivisa da milioni di persone, solo in Italia.

Le terapie riconosciute valide dalle linee guida internazionali sono soprattutto i trattamenti psicologici.

“L’uso di farmaci come unica terapia è appropriato solo se non è disponibile la psicoterapia

Le terapie psicologiche ritenute valide sono:

  • Cognitivo-comprtamentale
  • EMDR
  • Psicoterapia psicodinamica

Possono essere di aiuto

  • Psicoeducazione
  • Esposizione prolungataT
  • Terapie di gruppo focalizzate sul trauma
  • Tecniche di rilassamento

Stanno evolvendo altri trattamenti promettenti come la terapia sensomotoria o anche la ACT - Acceptance and Commitment Therapy, che non hanno ancora dati di evidenza scientifica, però.

Io personalmente le ho usate anche con successo, ma avviso chiaramente i pazienti delle possibili scelte terapeutiche.

Caro amico, questo è quello che dice la ricerca scientifica. Nella pratica, i farmaci mostrano più frequenti e più gravi ricadute, senza la psicoterapia.

È anche abbastanza evidente. Il farmaco ha un’efficacia limitata nel tempo. Quando, prima o poi, si arriva alla sospensione oppure i sintomi si aggravano e il farmaco non riesce più a tamponare, si torna alla situazione precedente.

Bene quindi, l’uso dei farmaci, se però è affiancato dalla psicoterapia. Solo quest'ultima modifica la mente e porta a dei cambiamenti concreti e stabili.

Molto spesso attacchi di panico e ansia sono dovuti alla presenza di traumi psicologici non elaborati. L’elaborazione dei traumi spesso può portare ad un’importante riduzione dei sintomi, con i trattamenti che consigliano le linee guida e che le ho scritto in questa breve risposta, ma non con altri trattamenti, che non hanno risultati consolidati.

La saluto cordialmente
Dottor Michelangelo Di Stefano, medico e psicoterapeuta
Certificato EMDR, Training Autogeno e Psicoterapia
sito web email