Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Luana anni 60

Giovane Amico

  • "Luana anni 60" is female
  • "Luana anni 60" started this thread

Posts: 147

Activitypoints: 574

Date of registration: Apr 29th 2020

Location: RC

  • Send private message

1

Sunday, May 10th 2020, 11:32pm

Kierkegaard: La Malattia Mortale

È uno dei libri che in qualche modo mi ha accompagnata, sin da giovane, mi aveva colpita.

Dal web:
A cura di D. Fusaro

" LA MALATTIA MORTALE
A. CHE LA DISPERAZIONE SIA LA MALATTIA MORTALE -
B. LA DISPERAZIONE È UNA MALATTIA NELLO SPIRITO NELL'IO, E COSÌ PUÒ ESSERE TRIPLICE:
DISPERATAMENTE NON ESSERE CONSAPEVOLE DI AVERE UN IO (DISPERAZIONE IN SENSO IMPROPRIO);
DISPERATAMENTE NON VOLER ESSERE SE STESSO;
DISPERATAMENTE VOLER ESSERE SE STESSO. (...)

Due sono i possibili modi di relazionarsi a se stesso; uno è quello di accettare di essere se stesso, l'altro è quello di rifiutare di essere se stesso; ma la disperazione si verifica in entrambi i casi, sia quando l'uomo vuole essere se stesso, sia quando non vuole assolutamente essere se stesso, cioè quando egli rinnega totalmente se stesso, quello che è e quello che potrebbe essere. Nel primo caso il singolo si dispera perché vuole ma non riesce a trovare se stesso nei vari possibili, in quanto tutte le possibilità di essere se stesso si rivelano insufficienti e inadeguate. Nel secondo caso egli si dispera quando percepisce che non c'è piú alcuna possibilità di trovare il vero se stesso, e vi rinuncia; e vorrebbe semplicemente distruggere se stesso senza potervi riuscire. Questa seconda è dunque la forma piena, totale, della disperazione; è quella che Kierkegaard chiama malattia mortale.
Cadere nella malattia mortale è non poter morire;
ma non come se ci fosse la speranza della vita; l'assenza di ogni speranza significa qui che non c'è nemmeno l'ultima speranza, quella della morte. Quando il maggior pericolo è la morte, si spera nella vita; ma quando si conosce un pericolo ancora piú terribile, si spera nella morte. Quando il pericolo è cosí grande che la morte è divenuta la speranza, allora la disperazione nasce venendo a mancare la speranza di poter morire. In quest'ultimo significato la disperazione è chiamata la malattia mortale: quella contraddizione penosa ... di morire eternamente, di morire e tuttavia di non morire, di morire la morte. Perché morire significa che tutto è passato, ma morire la morte significa vivere, sperimentare il morire.(...) "

This post has been edited 3 times, last edit by "Luana anni 60" (May 10th 2020, 11:52pm)


Luana anni 60

Giovane Amico

  • "Luana anni 60" is female
  • "Luana anni 60" started this thread

Posts: 147

Activitypoints: 574

Date of registration: Apr 29th 2020

Location: RC

  • Send private message

2

Monday, May 11th 2020, 12:09am

Søren Aabye Kierkegaard è stato un filosofo, teologo e scrittore danese, il cui pensiero è da alcuni studiosi considerato punto di avvio dell'esistenzialismo. Wikipedia
Nascita: 5 maggio 1813, Copenaghen, Danimarca
Decesso: 11 novembre 1855, Copenaghen, Danimarca
Nome completo: Søren Aabye Kierkegaard
Luogo di sepoltura: Cimitero di Assistens, Copenaghen, Danimarca
Film: Diario di un seduttore, Either/Or in Chinatown

Luana anni 60

Giovane Amico

  • "Luana anni 60" is female
  • "Luana anni 60" started this thread

Posts: 147

Activitypoints: 574

Date of registration: Apr 29th 2020

Location: RC

  • Send private message

3

Monday, May 11th 2020, 12:22am

Dal web.
Frasi di Soren Kierkegaard :

>La vita può essere capita solo all'indietro ma va vissuta in avanti.

>Esistere significa "poter scegliere"; anzi, essere possibilità. ...

>L'ironia è l'occhio sicuro che sa cogliere lo storto, l'assurdo, il vano dell'esistenza.

>La vita non è un problema da risolvere.

Luana anni 60

Giovane Amico

  • "Luana anni 60" is female
  • "Luana anni 60" started this thread

Posts: 147

Activitypoints: 574

Date of registration: Apr 29th 2020

Location: RC

  • Send private message

4

Monday, May 11th 2020, 12:42am

Soren, mi ha sempre portato a pensare, a conocermi e a conoscere l'altro.
Non avevo idea allora che la disperazione potesse riguardare anche il voler essere se stesso.
Allora, quando ero ragazza io, non si parlava di queste cose così liberamente, c'era una sorta di tabù.
Io trovai il Suo libro casualmente, un vecchio libro buttato per terra lì con altri, in una biblioteca pubblica che stava per essere chiusa, alla fine il nostro mi sembró quasi un incontro.

Il suo linguaggio era comprensibile, pur essendo un filosofo, un teologo.

Poi si può essere daccordo o meno sul suo, come conclude il Fusaro: . (La malattia mortale) Questa disperazione è la porta della fede."

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests