Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Caterpillar

Nuovo Utente

  • "Caterpillar" started this thread

Posts: 5

Activitypoints: 22

Date of registration: Jan 16th 2012

  • Send private message

1

Monday, January 16th 2012, 5:15pm

Università: ansia, umore nero e incapacità di concentrazione

Salve a tutti! Sono una studentessa abbondantemente fuori corso e mi mancano 2 esami per laurearmi alla triennale. Ho un problema che mi porto avanti da tempo e nonostante mille sforzi non riesco proprio a risolvere definitivamente, anche se ci provo in ogni modo e sono davvero esasperata.
Quando ho iniziato l'università avevo la borsa di studio e la casa dello studente, dunque una situazione ideale per procedere bene, ma sfortunatamente stavo con un ragazzo molto possessivo che ha fatto in modo di impedirmi di continuare a vivere nella città dove studiavo per gelosia, e io, stupidamente e per fragilità, l'ho permesso. Da lì ho iniziato gradualmente a trascurare gli studi (nonostante fossi molto brava e ci tenessi molto) perché viaggiavo ogni giorno dal mio paese che ed era molto stancante, inoltre le spese erano ingenti per me e la mia famiglia che si trovava in crisi. All'inizio del terzo anno ho iniziato a lavorare e sempre meno a studiare fino a lavorare a tempo pieno; a quel punto ho smesso, o quasi, di studiare ed è iniziato un periodo veramente negativo. Ho iniziato a dimagrire (fino a pesare 44Kg) e a soffrire d'ansia alternata a depressione. Ho lasciato quel ragazzo e sono peggiorata: il motivo, che dopo riflessioni e aiuti psicologici, sono arrivata a comprendere era che fino ad allora avevo vissuto all'ombra di me stessa, ubbidendo alle imposizioni ossessive di quel ragazzo che mi ha fatto perdere tutte le mie amicizie e la vita che avrei voluto fare, studiare, raggiungere il massimo delle capacità che sapevo di avere. E ciò solo per colpa mia, per il mio carattere debole e senza valore. La crisi è durata a lungo. Poi come un click ho scelto di vivere e ricominciare, innanzittutto con lo studio che stupidamente avevo abbandonato. Ho ripreso a studiare dedicandomi il meno possibile al lavoro con l'aiuto economico dei miei. Inizialmente ho fatto molta fatica per via delle mie condizioni anche fisiche ancora non al 100%, poi sono andata alla grande con voti altissimi. Il problema è che da qualche tempo a questa parte ho ricominciato ad avere difficoltà, tempi sempre più lunghi nella preparazione di esami, umore nero, ansia e ira: Non riesco a sopportare il rumore circostante, il sottofondo in cui vivo e non posso cancellare, che mi distraggo subito, mi innervosisco e passo giornate intere a piangere. Ho provato tutti i posti ma invano! Anche le biblioteche oggi sono rumorose perché ci si va a chiacchierare non a impegnarsi!!! Io voglio dare il massimo, sono rigorosa con me stessa perché ho perso sin troppo tempo e questo pensiero mi assilla giorno e notte perché in realtà non ho ancora ottenuto nulla, nonostante le mie fatiche e quanto ci credo a questa cosa, tutti ci riescono tranne me, perché? Non so che fare, dove andare a studiare per trovare la serenità e così sto rendendo la vita insopportabile a chi mi sta intorno con le mie lamentele e le mie urla di rabbia. Anche oggi mi sono seduta nella sedia e ho iniziato a sentire la tv al piano di sotto, motoseghe e macchine in strada, ho messo i tappi alle orecchie (fastidiosissimi) e dopo mezz'ora sono scoppiata in lacrime e mi sono rinchiusa in camera. Questo succede molto spesso, mi sento così stanca a sfiduciata e non ho più voglia di stare male... Sono alla ricerca di una soluzione che non trovo. Forse in realtà non dovevo ricominciare e illudermi che potevo farlo dato che sono incapace... Che fare???


dac82

Giovane Amico

  • "dac82" is male
  • "dac82" has been banned

Posts: 178

Activitypoints: 687

Date of registration: Dec 7th 2011

  • Send private message

2

Monday, January 16th 2012, 5:43pm

Ciao!
forse il problema non è dove studi, ma come studi. E' vero, spesso il caos distrae molto...non hai un posto dove ti piace stare quando non studi? perchè non provi lì?
oppure potresti metterti le cuffie ed ascoltare della buona musica...non conosco i generi che ti piacciono, però potresti ascoltare musica rilassante dove è meglio se non capisci le parole così non ti concentri sul significato o ti distrai cantandola.
Oppure potresti ancora importi limite temporale nel quale dai tutta te stessa nello studio: un'ora o due nelle quali dai il 100% a tutti i costi cercando di scacciare ogni altro pensiero e sopratutto cercando di non piangerti addosso. Sarà certamente impegnativo concentrarsi così tanto ma poi, quando avrai finito potrai rilassarti facendo ciò che vuoi.
Oppure chiedi a qualche compagno/a di corso di studiare insieme.
Di alternative ce ne sono veramente tante, non ti arrendere e cerca la tua strada, il tuo metodo! se sei sempre riuscita studiare ottenedo dei buoni risultati non c'è motivo per il quale non devi riuscirci ora!
ciao :hi:
dac
________________________________________________
"Un uomo solo che guarda il muro è un uomo solo.
Ma due uomini che guardano il muro è il principio di un'evasione."

________________________________________Jack Folla


LunaX

Pilastro del Forum

  • "LunaX" is female

Posts: 3,334

Activitypoints: 10,258

Date of registration: Jul 20th 2008

Location: Altrove

Occupation: Allevo tarli

  • Send private message

3

Monday, January 16th 2012, 6:25pm

Quanti anni hai?
[...]

Caterpillar

Nuovo Utente

  • "Caterpillar" started this thread

Posts: 5

Activitypoints: 22

Date of registration: Jan 16th 2012

  • Send private message

4

Monday, January 16th 2012, 6:46pm

Ciao e grazie innanzitutto per i tuoi consigli. Ho già constatato che la mia necessità primaria per rendere nello studio è la solitudine e il silenzio! Per il resto credo di avere un metodo buono, leggo, sottolineo, e preparo degli schemi concettuali per poi ripeterli. Poi purtroppo non posso permettermi di studiare 1 o 2 ore al giorno poiché la mole dei miei esami non è mai inferiore alle 600, 700 pagine e questi ultimi due constano di 5 libri ciascuno...Ciò equivale a molte giornate intere di studio solo per passarlo. E poi parlano di triennale! Contando i miei esami e la quantità di libri studiati è una vera ingiustizia... E per questo ulteriore frustrazione per un sistema di base sbagliato che ti introduce in una società in cui nonostante il mazzo che ti sei fatto ti sottovaluta!
Cmq, non ti dico come ce l'ho fatta le ultime volte. Studiando in 20 posti diversi, con tanto nervosismo e dilatando i tempi... Poi c'è anche la pressione della fine, la stanchezza, la non voglia di sopportare le solite difficoltà. Molta ansia e insicurezza... E poi la gente che non capisce, come se avere bisogno del silenzio per studiare fosse una cosa fuori dal mondo!!! Ma gli altri come studiano???? In discoteca???

Caterpillar

Nuovo Utente

  • "Caterpillar" started this thread

Posts: 5

Activitypoints: 22

Date of registration: Jan 16th 2012

  • Send private message

5

Monday, January 16th 2012, 6:49pm

Quasi 28... Non parliamo poi della paranoia per l'età!
Quanti anni hai?

veraeMENTEme

Utente Attivo

Posts: 36

Activitypoints: 122

Date of registration: Jan 12th 2012

  • Send private message

6

Monday, January 16th 2012, 7:41pm

ciao Caterpillar,
ti capisco. Anche io studio e ho studiato in tanti posti, anche più strani, per cercare serenità e silenzio. Cercane altri, anche se strani come un bagno. Poi forse il problema non è tanto nel luogo, ma l'importanza che gli dai all'esame.
Io mi sento di invitarti a cercare di stare tranquilla, non pensare al tempo passato, hai tuoi anni, non ti preoccurare di questo. Pensa che sei una brava studentessa che ha avuto delle difficoltà. Chiama le tue colleghe, confrontati con loro sullo studio, a me avvolte ha aiutato.

Forza e coraggio ;)

Caterpillar

Nuovo Utente

  • "Caterpillar" started this thread

Posts: 5

Activitypoints: 22

Date of registration: Jan 16th 2012

  • Send private message

7

Tuesday, January 17th 2012, 1:20pm

Grazie anche a te! Anche oggi mi sono alzata con l'intenzione di fare ma mi sono subito ridimensionata...Stavano facendo lavori nel cortile di casa esattamente sotto la mia finestra, sembra una maledizione per me!!! I miei non sembrano preoccupati se non mi vedono studiare, io invece vorrei attivarmi, fare milioni di cose ed emanciparmi, trovare il mio posto nel mondo a partire dallo studio che mi ha dato molte soddisfazioni anche se ho dovuto lottare più di tante persone che sottovalutano quello che fanno... Io se non mi do da fare mi sento persa ed è sempre più difficile risalire la china perché mi prende lo sconforto, anche la mia sopportazione è ridotta al limite, forse il problema è anche mio, dentro di me, quella pace che non so trovare per vivere serena. Mi sembra tutto così impossibile da realizzare, questa benedetta laurea... Ho deciso che proverò a stravolgere un po' le mie abitudini e studiare la notte, quando tutti sono fermi... E' la mia ultima spiaggia. Voi avete metodi particolari per la concentrazione e il rilassamento?

pensiero libero

Giovane Amico

Posts: 189

Activitypoints: 588

Date of registration: Jun 10th 2011

  • Send private message

8

Tuesday, January 17th 2012, 11:30pm

E' la mia ultima spiaggia. Voi avete metodi particolari per la concentrazione e il rilassamento?
Per la concentrazione e il rilassamento? Sì un modo c'è.
Decidi di non emanciparti più.
Poi magari fai i bagagli, molli tutta questa società, e vai in Somalia, con 1000€ cambiati con la loro moneta, vivrai a lungo, ma non in città, vai in un villaggio, una tribù pacifica (non quelle con i kalashnikov) e chiedi loro di viver assieme per almeno qualche anno, gli dici che pagherai vitto e alloggio nelle loro capanne. Dopo appena 20 minuti, sicuramente comincerai a piangere, per i pesi che porti, e loro, donne, uomini, bambini (ah si, ricordiamo i loro costumi, le donne non si coprono le mammelle, l'uomo porta pochi indumenti, i bambini sono nudi), donne uomini e bambini, di questa tribù, ti osserveranno straniti; se deciderai di rimanere lì comunque, sicuramente potresti trovare un affetto ancora umano, e capiresti che piangere non servirebbe a nulla, che non servirebbe niente di quello a cui ora aspiri, che la vita non è quella cosa che immaginavi fosse, prima di convivere con degli esseri umani.

The Heart

Colonna del Forum

  • "The Heart" is male
  • "The Heart" has been banned

Posts: 2,274

Activitypoints: 7,455

Date of registration: Aug 24th 2011

Location: Roma

Occupation: Studente psicologia

  • Send private message

9

Wednesday, January 18th 2012, 2:01am

Salve a tutti! Sono una studentessa abbondantemente fuori corso e mi mancano 2 esami per laurearmi alla triennale. Ho un problema che mi porto avanti da tempo e nonostante mille sforzi non riesco proprio a risolvere definitivamente, anche se ci provo in ogni modo e sono davvero esasperata.
Quando ho iniziato l'università avevo la borsa di studio e la casa dello studente, dunque una situazione ideale per procedere bene, ma sfortunatamente stavo con un ragazzo molto possessivo che ha fatto in modo di impedirmi di continuare a vivere nella città dove studiavo per gelosia, e io, stupidamente e per fragilità, l'ho permesso. Da lì ho iniziato gradualmente a trascurare gli studi (nonostante fossi molto brava e ci tenessi molto) perché viaggiavo ogni giorno dal mio paese che ed era molto stancante, inoltre le spese erano ingenti per me e la mia famiglia che si trovava in crisi. All'inizio del terzo anno ho iniziato a lavorare e sempre meno a studiare fino a lavorare a tempo pieno; a quel punto ho smesso, o quasi, di studiare ed è iniziato un periodo veramente negativo. Ho iniziato a dimagrire (fino a pesare 44Kg) e a soffrire d'ansia alternata a depressione. Ho lasciato quel ragazzo e sono peggiorata: il motivo, che dopo riflessioni e aiuti psicologici, sono arrivata a comprendere era che fino ad allora avevo vissuto all'ombra di me stessa, ubbidendo alle imposizioni ossessive di quel ragazzo che mi ha fatto perdere tutte le mie amicizie e la vita che avrei voluto fare, studiare, raggiungere il massimo delle capacità che sapevo di avere. E ciò solo per colpa mia, per il mio carattere debole e senza valore. La crisi è durata a lungo. Poi come un click ho scelto di vivere e ricominciare, innanzittutto con lo studio che stupidamente avevo abbandonato. Ho ripreso a studiare dedicandomi il meno possibile al lavoro con l'aiuto economico dei miei. Inizialmente ho fatto molta fatica per via delle mie condizioni anche fisiche ancora non al 100%, poi sono andata alla grande con voti altissimi. Il problema è che da qualche tempo a questa parte ho ricominciato ad avere difficoltà, tempi sempre più lunghi nella preparazione di esami, umore nero, ansia e ira: Non riesco a sopportare il rumore circostante, il sottofondo in cui vivo e non posso cancellare, che mi distraggo subito, mi innervosisco e passo giornate intere a piangere. Ho provato tutti i posti ma invano! Anche le biblioteche oggi sono rumorose perché ci si va a chiacchierare non a impegnarsi!!! Io voglio dare il massimo, sono rigorosa con me stessa perché ho perso sin troppo tempo e questo pensiero mi assilla giorno e notte perché in realtà non ho ancora ottenuto nulla, nonostante le mie fatiche e quanto ci credo a questa cosa, tutti ci riescono tranne me, perché? Non so che fare, dove andare a studiare per trovare la serenità e così sto rendendo la vita insopportabile a chi mi sta intorno con le mie lamentele e le mie urla di rabbia. Anche oggi mi sono seduta nella sedia e ho iniziato a sentire la tv al piano di sotto, motoseghe e macchine in strada, ho messo i tappi alle orecchie (fastidiosissimi) e dopo mezz'ora sono scoppiata in lacrime e mi sono rinchiusa in camera. Questo succede molto spesso, mi sento così stanca a sfiduciata e non ho più voglia di stare male... Sono alla ricerca di una soluzione che non trovo. Forse in realtà non dovevo ricominciare e illudermi che potevo farlo dato che sono incapace... Che fare???



Ciao Caterpillar,
hai scelto un nick che la dice lunga sulla tua forza di volontà e sul tuo senso del dovere. Nick insolito per una ragazza, tra l'altro.

Non sei un'incapace! Al contrario, sei fortissima! Hai sempre reso bene nello studio quando ti ci sei potuta dedicare in buone condizioni. Sei molto determinata, hai valori forti, non sei come tanti studenti mollaccioni tuoi e miei coetanei. Tu prendi lo studio sul serio - e così va preso!
Sei sicura che il tuo problema sia lo studio?
Non può essere invece che ti senti sola o triste? Che vorresti piu tempo, piu spazio per te stessa?

Sai, quando ci sentiamo tristi lo studio diventa cinque volte più difficile.
Fabri
Si vede bene solo con il cuore: l'essenziale è invisibile agli occhi

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 8,860

Activitypoints: 27,013

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

10

Wednesday, January 18th 2012, 3:10pm

Che fare???


In farmacia vendono degli ottimi tappi per le orecchie. Ti suggerisco quelli di cera modellabile, che sono a totale insonorizzazione.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

Philippa

It's all the dreams that never came true 'cause you're too damn scared to try

  • "Philippa" is female

Posts: 95

Activitypoints: 348

Date of registration: Oct 18th 2011

Occupation: Idealista

  • Send private message

11

Wednesday, January 18th 2012, 6:12pm

Ciao! Innanzitutto complimenti per la forza di volontà dimostrata nel terminare gli studi, anche io sono "in ritardo" ma ho smesso di considerarlo un cruccio perché l'importante per me è che da dieci anni a questa parte sarò una donna laureata e spero anche in gamba nel mio mestiere, e che importa che la laurea l'ho presa in un anno oppure in un altro? Credimi, adesso potrà sembrare triste o non so che, ma la verità è che una volta preso il foglio dei carta sei uguale a tutti gli altri, non ti cambia niente :) Concentrati su questo punto, stai facendo un importante investimento e l'unica cosa che conta è PORTARLO A TERMINE, è importante che tu lo faccia, non la modalità e non la tempistica!

Sai ho letto tutto d'un fiato quello che hai scritto, e ho la sensazione che il peggiore rumore tra tutti quelli che senti, sia quello che hai dentro! Chissà per quale motivo non vuoi sentirlo, e non sei serena, credi che sia la motosega oppure che si tratti dei clacson dell'ora di punta, ma non è così.

Io da qui poco posso dirti, ma presumo che ci sia qualcosa nella tua vita che manca, oppure che è presente e non riesci a scacciarlo. Non ci credo che siano tutte rose e fiori tra te & te, perché di solito chi è sereno riesce anche a concentrarsi senza problemi, ma quando invece la mente è incapace di soffermarsi, vuol dire che si è in stato di allarme per qualcosa.

Tappi per le orecchie o luoghi isolati non ti aiuteranno a mettere a tacere qualcosa che hai dentro e che ti sta divorando, è il bello del rumore della nostra coscienza :) Si sta ribellando e solo tu puoi decidere se darle ascolto o meno. Passa una settimana a concentrarti su di lei anziché sui libri, e vedi che succede.

:)

12

Wednesday, January 18th 2012, 10:05pm

Domanda: fai qualche attività fisica durante il giorno? Palestra, piscina, un po' di corsa, o qualsiasi altra cosa?
Mi pare di capire che in passato hai alternato lo studio al lavoro e ora, per finire, ti stai concentrando solo su quello. Forse il tuo corpo ha anche bisogno di scaricarsi un po'?
Io nei periodi di studio intenso mi concentravo molto meglio se andavo regolarmente in palestra.

gg01

Giovane Amico

Posts: 192

Activitypoints: 968

Date of registration: Nov 24th 2011

  • Send private message

13

Tuesday, January 24th 2012, 7:46pm

Ciao Caterpillar,anche io,studente universitario,sono spesso deconcentrato...Ogni mattina ho buoni propositi,mi alzo con l'obbiettivo di fare un determinato lavoro,ma poi finisco per farne pochissimo,perdendo tempo al computer o ascoltando musica,soltanto quando sono sotto pressione allora mi impegno e faccio più o meno bene...Ho dato due esami ultimamente dei tre previsti e il terzo ce l'ho tra due settimane,ma non sto praticamente studiando perchè la mia merda di coscienza si sente in pari...E credimi che questo mi dispiace un sacco,perchè io mi sento costantemente un fallito quindi non riuscire a studiare è per me molto difficile...Vorrei trovare una soluzione anch'io a questo mio problema,ma non so come fare...
Ciao e a presto e grazie...