Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Ipazia;

Sulla cattiva strada

  • "Ipazia;" is female
  • "Ipazia;" started this thread

Posts: 686

Activitypoints: 2,355

Date of registration: Jun 5th 2014

  • Send private message

1

Monday, July 27th 2015, 3:18pm

Trasferirsi all'estero: fuga necessaria?

In questa fase della mia vita,dovendo iniziare l'università e affrontare una serie di nuove esperienze mi rendo conto sempre di più che forse l'Italia non fa proprio per me.Forse anche per una serie di vicissitudini personali,mi sento una straniera in questo paese...o almeno,non riesco a concettualizzare cosa voglia dire essere italiani,studiare e lavorare in Italia,senza togliermi dalla mente quel provincialismo schietto che sembra permeare molto aspetti,diventare così tangibile da essere quasi un motivo di vanto.

Ragazzi della mia età assolutamente inconsapevoli delle possibili aperture che un ambiente universitario o scolastico più internazionale potrebbe offrire loro,sia da un punto di vista culturale che umano.Persone che sono fondamentalmente individualiste,ma che non hanno la forza interiore per esserlo fino in fondo e scadono quindi nel provincialismo,nel cercare di sentirsi sé in un modo che è assolutamente inconsistente.Insomma,è soffocante.

Non sto difendendo gli esterofili che pensano che tutto ciò che è italiano è cattivo e tutto ciò che è tedesco,inglese,francese,funziona alla perfezione.Mi chiedo solo se una persona con una mentalità che sente come aliena a un modo di pensare che tra i giovani invece pare andare per la maggiore,non si senta in dovere di provare a inserirsi altrove,dove si può sentire a casa senza per questo avere in mente un "dentro" e un "fuori",in cui i confini sono meno netti,meno inclusivi o esclusivi in toto.

Nella fattispecie,voglio,nei prossimi anni,andare in erasmus a Berlino,città che sento profondamente mia,studiare il tedesco fin da ora,e tentare in futuro,di fare la specialistica lì.certo,ora devo concentrarmi sull'entrare a medicina senza lasciarmi travolgere da questo entusiasmo.Ma questo è quello che sento,che l'Italia non è la mia casa.

Voi cosa ne pensate? Quali ragioni dovrebbero spingere un giovane a rimanere qui,escludendo quelle di tipo affettivo e sentimentale,dato che non concepisco come la vita di una persona dovrebbe essere strettamente determinata da questo?
Dite la vostra.
There is a crack in everything
That’s how the light gets in.

Purple Haze

at the Gates of Dawn

Posts: 870

Activitypoints: 2,759

Date of registration: Jul 12th 2015

Location: Toscana

  • Send private message

2

Monday, July 27th 2015, 3:28pm

Quoted

Voi cosa ne pensate?


se l'Italia non è la tua casa vai via dall'Italia, fai medicina a Berlino

Quoted

Quali ragioni dovrebbero spingere un giovane a rimanere qui,escludendo quelle di tipo affettivo e sentimentale,dato che non concepisco come la vita di una persona dovrebbe essere strettamente determinata da questo?


una ragione senza dubbio la lingua, ma anche semplicemente il fatto di doversi spostare, no? è più facile che un giovane tedesco stia in Germania e un italiano in Italia

è l'abitudine a volte che non ci fa cambiare strade e posti dove si vive...
Peace & Love

Le nuove catene sono digitali, distruggile!

Nasci, studi, e vai a lavorare, per comprare quello che non hai, e così ti scordi che sei vivo

Purple Haze

at the Gates of Dawn

Posts: 870

Activitypoints: 2,759

Date of registration: Jul 12th 2015

Location: Toscana

  • Send private message

3

Monday, July 27th 2015, 3:29pm

Quoted

l'università


Sex Pistols - Schools Are Prisons

Peace & Love

Le nuove catene sono digitali, distruggile!

Nasci, studi, e vai a lavorare, per comprare quello che non hai, e così ti scordi che sei vivo

MB

Uno qualunque.

  • "MB" is male

Posts: 640

Activitypoints: 2,000

Date of registration: Aug 29th 2010

  • Send private message

4

Monday, July 27th 2015, 8:11pm

Ho in mente una persona a me molto cara che fa esattamente quello che vuole... semplicemente facendolo, senza crearsi problemi: voleva lavorare, ha lavorato; voleva laurearsi, si è laurata con lode; voleva cambiare lavoro, ha cambiato lavoro; voleva girare il mondo, gira il mondo; non voleva me tra i piedi, mi ha escluso dalla sua vita. Io sono felice per lei.

Se VUOI andare all'estero, perché ti attrae e infervora la sola idea... DEVI andare all'estero.
Se se ne ha la possibilità, fare quello che si vuole è necessario.

Diverso è non sapere quello che si vuole, ma non mi sembra il tuo caso (è il mio).

Comunque in ogni Paese ci sono persone provincialotte e non, che si accumulano in zone e/o si distribuiscono qua e là. Ovviamente le metropoli, essendo porti di mare, o le città rese "in" da internet, offrono più possibilità per i giovani (nel senso che vanno tutti lì, e dunque la città diventa "giovane"). Anche quelle italiane, se il problema è solo "sensoriale" (di sensibilità). Il problema è quello solito: trovare persone affini a sé; ma per trovarle occorre essere a propria volta ben disposti.
Per quanto riguarda la situazione economica e l'estetica/igiene le città italiane sono senza dubbio inferiori a quelle del resto dell'Europa.

5

Monday, July 27th 2015, 10:56pm

Quoted

Voi cosa ne pensate? Quali ragioni dovrebbero spingere un giovane a rimanere qui,escludendo quelle di tipo affettivo e sentimentale,dato che non concepisco come la vita di una persona dovrebbe essere strettamente determinata da questo?


Forse per migliorare e credere ancora in questo paese? Forse per non scappare dalla nave che affonda come fece Schettino? Emigrano laureati e gente molto qualificata, ma allo stesso tempo accogliamo e importiamo disperati, extracomunitari e criminali in fuga dai loro paesi. Non va bene... è per questo motivo che non ho mai neppure pensato di emigrare (lingua a parte che non conosco). Se tutti quelli bravi ragionassero così, qua resterebbero solo stranieri, anziani e ladri. Ma questo è solo il mio pensiero...

6

Tuesday, July 28th 2015, 9:13am

Secondo me la maggior parte delle persone con il mito dell estero hanno vissuto quelle città in vacanza e ovvio che in vacanza pure il posto più degradato diventa figo.
Ti riporto una mia statistica personale :
il 90 % delle persone chr conosco ( me compresa) sono ritornate in Italia
il restante 6 % rimane perché è giá partito con una laurea in mano e ha trovato più possibilità
La percentuale che manca....rimane perché ha appoggi forti...come parenti o amici stretti..e questo non è da sottovalutare mai
Personalmente la trovo una bella esperienza ma non lho vista molto formativa
sono partiti degli elementi veramente poco raccomandabili...e sono tornati tali e quali a prima

Ipazia;

Sulla cattiva strada

  • "Ipazia;" is female
  • "Ipazia;" started this thread

Posts: 686

Activitypoints: 2,355

Date of registration: Jun 5th 2014

  • Send private message

7

Tuesday, July 28th 2015, 1:10pm

Quoted

Voi cosa ne pensate? Quali ragioni dovrebbero spingere un giovane a rimanere qui,escludendo quelle di tipo affettivo e sentimentale,dato che non concepisco come la vita di una persona dovrebbe essere strettamente determinata da questo?


Forse per migliorare e credere ancora in questo paese? Forse per non scappare dalla nave che affonda come fece Schettino? Emigrano laureati e gente molto qualificata, ma allo stesso tempo accogliamo e importiamo disperati, extracomunitari e criminali in fuga dai loro paesi. Non va bene... è per questo motivo che non ho mai neppure pensato di emigrare (lingua a parte che non conosco). Se tutti quelli bravi ragionassero così, qua resterebbero solo stranieri, anziani e ladri. Ma questo è solo il mio pensiero...


Giusto quello che dici...idealmente..ma pensi che una persona possa davvero ragionare così quando si tratta della sua vita?

Io non penso che il risollevarsi dell'italia sia quantificabile in termini di una vita umana (la mia) o due....si parla di generazioni e generazioni.E non mi riferisco solo alla crisi economica.Un cambiamento culturale,il sentimento del sentirsi parte di un tutto dalla più totale mancanza di senso civico e politico...non nasce nel giro di dieci o vent'anni.

Quindi no,non è una motivazione che spingerebbe me a restare...ma non sei il primo a menzionarmela,quindi evidentemente ci saranno molte persone che la pensano così (!)

@Memedesima
Certo,sicuramente la vita da turista non è paragonabile a quella di un cittadino perfettamente inserito che vive lì la sua quotidianità.
Infatti la mia idea di fare erasmus era proprio dovuta a questo:fare l'università in tedesco per ora è impensabile,ma per avere un assaggio di quello che può voler dire vivere a berlino,dieci mesi come studente erasmus possono farmi bene.

Poi è vero che uno sbandato rimarrà sempre uno sbandato,infatti io non sto dicendo che andare all'estero trasformi le persone o che la Germania sia il paese dei balocchi.Io parlo di persone determinate a realizzare i propri obiettivi,con voglia di studiare,di lavorare,di integrarsi.Insomma,viene da me,non dal paese in cui vado...ma il paese in cui vado può offrirmi un ambiente culturale e un orizzonte che qui credo manchi,e che sarebbe a me favorevole,ecco il mio discorso.

Sugli inutili viaggi all'estero (i cosiddetti viaggi-studio di nove mesi negli stati uniti a cazzeg*iare ) si potrebbe parlare per ore..conosco molte persone che hanno fatto il loro quarto anno di scuola superiore in america,per "farsi un'esperienza all'estero",che si traduceva in:rimanere indietro con le discipline dei programmi (ben più duri) dei loro licei italiani,idealizzare il posto in cui andavano,trovare la fidanzata,farsi una vacanzona...il tutto al modico prezzo di 30/40 000 euro.

Ovviamente loro potevano...ma...bello spreco.
There is a crack in everything
That’s how the light gets in.

Ipazia;

Sulla cattiva strada

  • "Ipazia;" is female
  • "Ipazia;" started this thread

Posts: 686

Activitypoints: 2,355

Date of registration: Jun 5th 2014

  • Send private message

8

Tuesday, July 28th 2015, 1:22pm

Comunque in ogni Paese ci sono persone provincialotte e non, che si accumulano in zone e/o si distribuiscono qua e là. Ovviamente le metropoli, essendo porti di mare, o le città rese "in" da internet, offrono più possibilità per i giovani (nel senso che vanno tutti lì, e dunque la città diventa "giovane"). Anche quelle italiane, se il problema è solo "sensoriale" (di sensibilità). Il problema è quello solito: trovare persone affini a sé; ma per trovarle occorre essere a propria volta ben disposti.
Per quanto riguarda la situazione economica e l'estetica/igiene le città italiane sono senza dubbio inferiori a quelle del resto dell'Europa.


Quoto.

Non conosco abbastanza la vita delle metropoli italiane,infatti....vengo da una città provinciale,in cui le persone si sentono al top per motivi del tutto futili,e tutta la propria vita sociale passa attraverso i social,o comunque la possibilità che qualcuno possa vedere quello che tu fai,sentirsi magari inferiore,invidiarti e vederti come una persona figa.

Io non voglio nulla di tutto ciò.
There is a crack in everything
That’s how the light gets in.

9

Tuesday, July 28th 2015, 1:22pm

Gli italiani all'estero sono molto ricercati, soprattutto in ambito tecnico-scientifico. Ma sono italiani che si sono formati in Italia. Nonostante le enormi carenze che ha l'Università italiana la formazione e la programmazione didattica di alcuni Atenei è molto buona e di alto livello. E se la mancanza di fondi da un lato può essere limitante, dall'altro ti aiuta a sviluppare lo spirito del "mi arrangio come posso", a risolvere problemi, ad ingegnarsi. Se tu, azienda, prendi un italiano e lo metti in una struttura iper attrezzata ti fa miracoli. E questo fuori dall'Italia lo sanno.
L'Erasmus lo lascerei perdere, non serve a nulla. Punterei piuttosto su un tirocinio all'estero, dove ti fai davvero il mazzo e impari qualcosa. Oppure su un dottorato, che prevede un periodo di diversi mesi all'estero.
Il est, paraît-il, des terres brûlées donnant plus de blé qu'un meilleur Avril

Katryn

Giovane Amico

  • "Katryn" is female
  • "Katryn" has been banned

Posts: 162

Activitypoints: 521

Date of registration: Nov 24th 2014

  • Send private message

10

Tuesday, July 28th 2015, 2:42pm

Mio compagno di classe alle elementari:
già a 8 anni ragionava da "scienziato", gli piaceva la materia.
Il padre, anche lui grande studioso, se non ricordo male è ingegnere. Appassionato di materie scientifiche.
Il buon giorno si vede dal mattino insomma.

Cosa ha fatto?
1) scuole medie nella miglior struttura della cittadina (70mila abitanti).
2) Liceo classico sempre nella stessa cittadina.
3) Università ad indirizzo "Medicina generale" in Italia, Univeristà pubblica e rinomata.

Da qui in poi, la sua scelta.

4) Specializzazione in neurologia in Austria.
5) Due anni di pratica/tirocinio in Francia.
6) Ora, alla "veneranda" età di 38 anni è relatore e responsabile del settore neurologia in un grosso ospedale di Seattle.

Inutile dirti che li gli ospedali sono quasi degli alberghi.

Sicuramente è stato aiutato dalla famiglia, avrà ricevuto degli aiuti ma oggi ha un curriculum valido (Negli States conta il saper fare prima di tutto) che non finisce più.

Ha lavorato e molto. Determinato, ha scelto di dedicare buona parte della sua vita alla passione per quella materia.

Uno dei rarissimi esempi in cui semini bene e raccogli anche meglio.

Ha sacrificato (e molto) la vita privata ma era prevedibile, per arrivare a quei livelli, impensabili per uno di 38 anni, qui in Italia.

MB

Uno qualunque.

  • "MB" is male

Posts: 640

Activitypoints: 2,000

Date of registration: Aug 29th 2010

  • Send private message

11

Tuesday, July 28th 2015, 7:36pm

Non conosco abbastanza la vita delle metropoli italiane,infatti....vengo da una città provinciale,in cui le persone si sentono al top per motivi del tutto futili,e tutta la propria vita sociale passa attraverso i social,o comunque la possibilità che qualcuno possa vedere quello che tu fai,sentirsi magari inferiore,invidiarti e vederti come una persona figa.

Io non voglio nulla di tutto ciò.

Ti capisco.
Il guaio è che queste persone sono ovunque, non sono solo italiane.
Non è la nazionalità che fa la persona. (secondo me, eh!)

Ma ribadisco: se senti che a Berlino starai meglio, e manterrai un approccio positivo e vitale, a Berlino starai meglio.

Ipazia;

Sulla cattiva strada

  • "Ipazia;" is female
  • "Ipazia;" started this thread

Posts: 686

Activitypoints: 2,355

Date of registration: Jun 5th 2014

  • Send private message

12

Wednesday, July 29th 2015, 9:10pm

Ringrazio tutti per le risposte...

L'idea di vivere a Berlino un giorno mi riempie di eccitazione,come nient'altro in questo momento...mi comporto un po' da bambina :blush:

Ora non mi "resta" che iniziare l'università e passare questo test...

Per quanto riguarda l'erasmus,ho sempre pensato che ti desse di più in termini umani che di studio,infatti ci devo pensare.Vorrei fare un percorso serio,ma sento anche di dovermi godere un po' la mia giovinezza,visto che ho passato gli ultimi anni a lamentarmi del mio ambiente....un bel cambio d'aria sarebbe come ossigeno.Ma non so.

@katryn

La storia del tuo conoscente è proprio impressionante...in effetti qui in Italia essere a quei livelli a quell'età pare proprio fantascientifico..
There is a crack in everything
That’s how the light gets in.

Katryn

Giovane Amico

  • "Katryn" is female
  • "Katryn" has been banned

Posts: 162

Activitypoints: 521

Date of registration: Nov 24th 2014

  • Send private message

13

Thursday, July 30th 2015, 1:37pm

Credo che nulla accada per caso. Entrano in gioco tanti fattori.
Il mio amico, ad esempio, di base e' già un appassionato della materia. Poi la pensava un pò come te cioè "lasciare" l'Italia prima di tutto per motivi professionali, aveva capito che le sue attitudini sarebbero state "mortificate", troppo, dal sistema vigente qui.
Solo in seconda istanza ha deciso di andar via perchè trovava l'Italia provinciale. Diciamo che il motivo principale è stato che lui aveva le idee molto ma molto chiare fin da quando aveva 15 anni.

Ti potrei portare l'esempio di un'altra persona che conosco:
figlia di commercianti, è stata mandata a Milano. Ti lascio immaginare i costi sostenuti tra vitto, alloggio etc...
si è laureata con 110 e lode ma quando parlo con lei, ho sempre l'impressione d'interagire con un bel libro stampato. Ha una grande memoria ma capacità di ragionamento... non so... proprio non so.
E' stata diversi mesi in nord Europa per l'Erasmus ma fondamentalmente non la vedo per niente cambiata.
Alla fine è tornata al paese d'origine, forse erediterà l'attività commerciale...
Ed era necessario fare tutto questo giro? Mi chiedo. Forse era meglio mettersi dietro al bancone dopo il diploma e via.
Ma questo è il mio parere. Nei suoi panni avrei valutato anche questa opportunità.
Con tutto quello speso per arrivare a quella laurea, ti saresti comprata mezza casa! O comunque tenuto da parte una notevole liquidità.
Per come si è "rivelata", secondo me, sono stati solo soldi non dico sprecati ma di certo, un pò di delusione c'è.

Valuta quindi attentamente la tua determinazione, la tua passione, cosa davvero ti senti di fare perchè una volta messa in moto la "macchina", vedi che ci vorranno anche diversi soldi.
Se hai una famiglia "normale - media", valuta attentamente scelte cosi radicali. Vedi anche l'aspetto reale e pratico.

14

Monday, August 17th 2015, 2:57pm

Se vuoi a tutti i costi cambiare aria ti conviene andare all'estero adesso e fare tutto il percorso universitario là, scegliendo tu stessa città e ateneo.
L'Erasmus, oltre ad aggiungere zero al curriculum, non conviene. Se la tua facoltà è seria ti farà rifare tutti gli esami dati durante il periodo all'estero e non sarai tu a scegliere la destinazione.

Quando si è ragazzini c'è il mito del voler vivere all'estero, credo che ci siamo passati un po' tutti.
Ma anche fuori dai nostri confini la vita può essere difficile e le opportunità lavorative prossime allo zero, per uno "straniero".
Il est, paraît-il, des terres brûlées donnant plus de blé qu'un meilleur Avril

15

Monday, August 17th 2015, 3:45pm

al tuo posto partirei subito, senza pensarci troppo, non è necessario avere nobili motivi per fare un'esperienza di questo tipo...comunque vada sarà un'esperienza!

Ho tantissimi conoscenti ed amici che sono rimasti nel paese in cui hanno studiato, forse anche perché viviamo "a confine" per cui è normale andare (e anche tornare), facilitati anche dalla conoscenza della lingua.

Berlino poi è bellissima, i berlinesi diversi da come te li immagini.
namasté