Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Sie sind nicht angemeldet.


Lieber Besucher, herzlich willkommen bei: Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Falls dies Ihr erster Besuch auf dieser Seite ist, lesen Sie sich bitte die Hilfe durch. Dort wird Ihnen die Bedienung dieser Seite näher erläutert. Darüber hinaus sollten Sie sich registrieren, um alle Funktionen dieser Seite nutzen zu können. Benutzen Sie das Registrierungsformular, um sich zu registrieren oder informieren Sie sich ausführlich über den Registrierungsvorgang. Falls Sie sich bereits zu einem früheren Zeitpunkt registriert haben, können Sie sich hier anmelden.

AlmaKarma

Nuovo Utente

  • »AlmaKarma« ist der Autor dieses Themas

Beiträge: 2

Aktivitätspunkte: 20

Registrierungsdatum: Freitag, 24 Februar 2017

  • Nachricht senden

1

Freitag, 24 Februar 2017, 23:28

Sto malissimo, non riesco a studiare

Ciao a tutti, sto vivendo una situazione di profonda crisi. Premetto che ho iniziato l'università con un anno di ritardo e attualmente mi trovo al terzo anno in corso. Sono settimane che piango disperata sui libri. Mi mancano 8 esami alla laurea di cui 4 molto difficili (i prof bocciano molto). Stavo preparando un esame difficile per il 25 (ieri). Nell'ultimo periodo piangevo continuamente perché mi rendevo conto che non sarei riuscita a finire il programma. E infatti non l'ho fatto. Pianti su pianti per niente. Allora mi sono detta: ok questo lo faccio in estate e ira me ne faccio altre due. Ilproblema ? Non riesco più a studiare. Apro i libri e piango. Penso di non riuscire a preparare due esami insieme e non riuscirli a passare (e badate che sono esami non molto complessi,anzi). E penso a tutti quelli che ancora mi mancano da dare, che sto indietro, che sono difficili e che le mie amiche si stanno laureando. Sto pensando anche di lasciare l'università. Scusate per eventuali errori, non ho la forza cognitiva per correggere.

AriaStark

Utente Attivo

  • »AriaStark« ist weiblich

Beiträge: 58

Aktivitätspunkte: 237

Registrierungsdatum: Mittwoch, 03 August 2016

  • Nachricht senden

2

Dienstag, 28 Februar 2017, 12:48

Ciao! Posso capire perfettamente quello che scrivi. Un anno fa mi sono ritrovata nella tua identica situazione. Se spulci in questa sezione potrai trovare i miei vecchi post in cui (disperata) scrivo praticamente le stesse cose! Ho avuto un blocco nello studio a partire dal 3 anno, un anno inconcludente e totalmente da cancellare. Avevo crisi di pianto ogni volta che mi avvicinavo ai libri, gli esami mancanti mi sembravano una montagna insormontabile da superare. Se non mi fossi abbattuta sarei riuscita a laurearmi in tempo. Invece ho avuto lunghi mesi di depressione. Mi sentivo un fallimento. Dopo la conclusione della sessione invernale totalmente fallimentare mi ritrovavo con 7 esami che proprio disprezzavo. Magari iniziavo a studiare uno, lo lasciavo, iniziavo a fare un altro, lo lasciavo... Non avevo volontà, nè stavo bene a livello psicologico. Ho lasciato gli studi quindi per tutta la primavera e l'estate. A settembre mi sono detta che non potevo lasciare tutto per 7 esami che gente più ignorante di me era riuscita a dare. Ora sono al primo anno fuori corso, ma piano piano mi sto liberando di un peso alla volta. Se ti posso dare un consiglio, pensa ad un esame alla volta! Decidi quale dare al prossimo appello e non lo abbandonare finchè non te ne sarai liberata. Pensare alla mole complessiva del lavoro da fare è solo deleterio e ti fa abbattere ancora di più. Purtroppo l'università non è una passeggiata. Ci sono esami impegnativi che richiedono anche 3 mesi di testa sui libri. Neanche io riesco a preparare due esami alla volta, cioè non siamo robot. Non guardare indietro, anche se è difficile a farsi, ma guarda avanti. Non devi avere paura di andare fuori corso. Ognuno ha i propri tempi per studiare e i propri problemi. Non mollare!! Se vuoi un sostegno scrivimi in privato.

Zurzeit ist neben Ihnen 1 Benutzer in diesem Thema unterwegs:

1 Besucher

Verwendete Tags

Bloccodellostudente, università