Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

vissik

Restauratore di anime

  • "vissik" is male

Posts: 208

Activitypoints: 662

Date of registration: Oct 4th 2011

Location: Marche

Occupation: Formatore e scrittore

  • Send private message

16

Thursday, October 6th 2011, 6:04pm

Non capisco, trovo così spesso affermazioni sull'impossibile e sono curioso di sapere da dove provengono, anche i miei amici sono inclini a questo, forse a scuola, licei scientifici? Forse gli insegnanti di filosofia insegnano i loro limiti?
Forse di insolubile c'è solo la volontà di esser liberi, non puoi sradicare quella, per quello è pieno di ansiosi qui e nel mondo. O se proprio vuoi sradicarla basta bere, impasticcarsi, ma viene meno il cervello. Vuoi un problema psicologico? Basta che oggi fai quello che ti dice di fare la società>la scuola>la famiglia che segue entrambe le sorgenti, poi passato un pò di tempo, senza che te ne accorga, quando ti guardi allo specchio, vedrai uno scheletro.
Se adesso ti chiedessi di suonarmi alla perfezione una sinfonia di Mozart, tu potresti farlo? Eppure non è impossibile, si inizia a studiare da piccoli, ci si esercita tantissimo, si entra al conservatorio ecc.ecc.

Ci sono delle cose "impossibili" non perchè nessun essere umano possa farle, ma perchè richiedono tempo (spesso non tempo presente, mi metto da oggi alla fine della mia vita e provo a farlo, ma tempo che si sarebbe dovuto spendere in passato e che non potrà tornare) o perchè richiedono particolari prerequisiti (se voglio generare

Ha detto Einstein “Tutti sanno che una cosa è impossibile, finché non arriva qualcuno che non lo sa, … e la fa!“ ma c'è una bella differenza tra il volere è potere e la realtà dei fatti, per far durare la motivazione l'obiettivo che ti poni deve essere raggiungibile, devi creare le condizioni per poterla fare, altrimenti ti fai solo del male perchè pretendi da te e dagli altri delle cose (impossibili?) che nelle condizioni attuali non sono realizzabili. Si impara prima a camminare e poi a correre, per un bambino che non sappia ancora camminare è impossibile correre. Ma può gattonare molto velocemente. Non è la stessa cosa. Oggi ci insegnano da un lato, come dici tu, quello che vuole la scuola, la società, la famiglia ecc.ecc., che porta come hai detto tu, ad annullarti, ma dall'altro, attenzione, ti insegnano anche "no limit", che puoi fare tutto, che è "meglio cambiare", che basta schioccare le dita, ed allora via di rabbia perchè se è tutto così facile perchè non lo si fa? Ma fai attenzione perchè questa è tutta propaganda, pubblicità, esattamente come l'altra.

Bisogna capire cosa si può fare e cosa no in un dato momento e con determinate risorse, e poi fare un piano per arrivare all'obiettivo per tappe. E spesso, quando hai a che fare con la psiche delle persone, non è per niente facile.
Vite a 64 bit - Caosfera edizioni

pensiero libero

Giovane Amico

Posts: 189

Activitypoints: 588

Date of registration: Jun 10th 2011

  • Send private message

17

Thursday, October 6th 2011, 7:23pm

Quoted

attenzione, ti insegnano anche "no limit", che puoi fare tutto, che è "meglio cambiare", che basta schioccare le dita, ed allora via di rabbia perchè se è tutto così facile perchè non lo si fa? Ma fai attenzione perchè questa è tutta propaganda, pubblicità, esattamente come l'altra.
Giusto, intendevo di dar na spinta, visto che in questo sito ho notato molti schierati dall'altra sponda, quella del: "non ce la faccio, non voglio rischiare, non ne vale la pena". Che spesso mettono giù ragionamenti su come non si possa uscire da una certa condizione, per poi contaminare molte altre cose.
E con questi 2 messaggi abbiamo bilanciato nel mezzo, spero. : )

vissik

Restauratore di anime

  • "vissik" is male

Posts: 208

Activitypoints: 662

Date of registration: Oct 4th 2011

Location: Marche

Occupation: Formatore e scrittore

  • Send private message

18

Thursday, October 6th 2011, 10:43pm

Purtroppo sono o i condizionamenti dell'infanzia o la depressione a far parlare le persone così, non è che a loro faccia piacere, ma semplicemente non conoscono neppure una strada per provare a "farcela". Ce n'è da parlare per un'eternità tra pensieri negativi ed area di comfort. Mi fa piacere che ci siamo chiariti, spesso le posizioni sono più simili di quanto sembrino.
Vite a 64 bit - Caosfera edizioni

dirceu

Utente Attivo

  • "dirceu" has been banned
  • "dirceu" started this thread

Posts: 99

Activitypoints: 304

Date of registration: Oct 3rd 2011

  • Send private message

19

Friday, October 7th 2011, 2:39pm

Pestare i piedi e dire che non è giusto (in generale) purtroppo non porta a nulla.


Ma perché,quando l'avrei fatto? ?( Era una semplice considerazione la mia,tutto qui.

Però in effetti il tuo post m'ha dato da pensare,chissà se all'estero un laureato in lettere 33 enne vale qualcosa...

aural

Nuovo Utente

Posts: 10

Activitypoints: 37

Date of registration: Oct 6th 2011

  • Send private message

20

Saturday, October 8th 2011, 4:12pm

"

Quoted

Non so nel settore "umanistico" come funziona, ma visto che la concorrenza di giovani laureati c'è....non sottovalutare troppo la questione età.
"

Conta moltissimo il voto di laurea, assolutamente. Poi lettere moderne è una facoltà malvista nella società e nel lavoro, perché ritenuta troppo facile. Lettere classiche è difficile, dà pochi sbocchi e anche se dallo scientifico molti ce l'hanno fatta io personalmente la sconsiglierei.

Almeno la triennale prendila.

dirceu

Utente Attivo

  • "dirceu" has been banned
  • "dirceu" started this thread

Posts: 99

Activitypoints: 304

Date of registration: Oct 3rd 2011

  • Send private message

21

Sunday, October 9th 2011, 10:24am



Almeno la triennale prendila.

intendi di ingegneria?Se sì dovrei rifletterci,a parte che ci metterei almeno 2-3 anni non so cosa me ne farei di una triennale presa in 13 anni...

Comunque non mi pare che lettere moderne sia così svalutata,non voglio offendere nessuno,ma non parliamo di scienze del cane e del gatto o scienze della comunicazione.Poi magari c'è chi in facoltà va a cazzeggiare...ma quelli sono ovunque.Senza contare che togliendo le lauree scientifiche (tranne alcuni casi,laurearsi in biologia o simili vuol dire rimanere disoccupati da quel che vedo)tutte le facoltà sono ormai svalutate.Però a maggior ragione che ormai una laurea "ce l'hanno tutti" se non sei laureato manco lo leggono il tuo curriculum (eccezioni a parte)

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 8,850

Activitypoints: 26,983

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

22

Sunday, October 9th 2011, 2:20pm

Che io sappia ne Gates ne Jobbs hanno mai avuto una laurea, se non ad onorem.

Ma cio' non li ha tenuti con le mani in mano.

A me sembri il tipo che gioca a:- Si...ma....-.

Si tratta di un gioco psicologico che porta avanti un copione di vita gia deciso da piccolo, composto da una posizione esistenziale:- Io non sono ok, ma neanche voi siete ok-.
Si manifesta in un bambino adattato, apparentemente succube, in realta' ribelle, che sabota le proprie capacita' per punire qualcuno di una presunta colpa.

Da adulto è la persona che non porta niente a compimento, che sembra sempre richiedere l'aiuto altrui, ma dopo aver valutato tutte le possibilità che gli vengono proposte, finisce sempre col dire:- Si...ma....-.

Questo con lo scopo di confermare le propre decisioni inconscie, con l'affermazione:- Vedi? Avevo ragione. Nessuno mi puoi aiutare. Neanche voi-, che e' la svalutazione di se stesso e degli altri.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

dora

Forumista Incallito

  • "dora" is female

Posts: 4,735

Activitypoints: 15,244

Date of registration: Mar 14th 2010

Location: Zacatecas

Occupation: Dama della Nuova Spagna

  • Send private message

23

Sunday, October 9th 2011, 4:00pm

Interessante Dottr Faust che tipi di dinamiche familiare portano a un tale tipo psicologico? Grazie

dirceu

Utente Attivo

  • "dirceu" has been banned
  • "dirceu" started this thread

Posts: 99

Activitypoints: 304

Date of registration: Oct 3rd 2011

  • Send private message

24

Sunday, October 9th 2011, 4:20pm

Che io sappia ne Gates ne Jobbs hanno mai avuto una laurea, se non ad onorem.

Ma cio' non li ha tenuti con le mani in mano.

A me sembri il tipo che gioca a:- Si...ma....-.

Si tratta di un gioco psicologico che porta avanti un copione di vita gia deciso da piccolo, composto da una posizione esistenziale:- Io non sono ok, ma neanche voi siete ok-.
Si manifesta in un bambino adattato, apparentemente succube, in realta' ribelle, che sabota le proprie capacita' per punire qualcuno di una presunta colpa.

Da adulto è la persona che non porta niente a compimento, che sembra sempre richiedere l'aiuto altrui, ma dopo aver valutato tutte le possibilità che gli vengono proposte, finisce sempre col dire:- Si...ma....-.

Questo con lo scopo di confermare le propre decisioni inconscie, con l'affermazione:- Vedi? Avevo ragione. Nessuno mi puoi aiutare. Neanche voi-, che e' la svalutazione di se stesso e degli altri.
Scusa eh,ma che esempio è?Gates e Jobs erano 2 geni della programmazione,avevano già un'idea e l'hanno portata avanti.L'università li annoiava perché non aggiungeva molto a quello che già sapevano.E per di più vivevano in un altro contesto ed in un altro paese.Inoltre io non sto con le mani in mano come pensi tu,ma che posso fare se dopo centinaia di curriculm spediti e siti visitati non trovo nessun lavoro?Del resto a cosa può mirare un 28enne diplomato che non sa fare quasi nulla?Quei pochi lavori che trovo hanno una retribuzione così misera che non mi permetterebbe di prendere casa in affitto,altrimenti li avrei accettati.Dalle mie parti c'è il deserto,ormai è difficile pure andare a raccogliere i pomodori

Detto questo,io non sto svalutando nessuno,né me né voi,io non mi sento "non ok" ma mi sento avvilito dallo studio impostomi,che non mi è mai piaciuto e che m'ha portato a questa situazione di stallo.A ciò si aggiunge la mia sensazione che senza una laurea purtroppo un datore di lavoro manco lo leggerebbe il tuo curriculum (a meno che non si ha già una professionalità,cosa che a me manca),a maggior ragione in questo periodo di magra.Il topic chiedeva opinioni sul se realizzare o meno il mio passo di cambiar vita mettendomi a studiare altro,non ho chiesto aiuto di nessun genere né ho dato le colpe ai miei genitori o al Paese in cui vivo,ho fatto semplici considerazioni che fanno in tanti

Il "si ma" che vedi tu non lo vedo da nessuna parte,semplicemente perché non mi pare ci siano state tanti altre alternative:chi mi ha consigliato di mollare tutto e chi di pensarci sù 2 volte,stop.Solo tu m'hai consigliato di seguire dei corsi professionali,ma ti ho già risposto che quelli gratuiti organizzati dalla mia regione (Campania) necessitano di laurea magistrale,altrimenti si paga (e parliamo di 5-6000€),basta dare un'occhiata al sito di altaformazione in rete

Poi boh,se tu sei così arguto da fare le diagnosi su internet leggendo 2-3 post anonimi non posso che farti i miei complimenti

This post has been edited 6 times, last edit by "dirceu" (Oct 9th 2011, 4:44pm)


doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 8,850

Activitypoints: 26,983

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

25

Sunday, October 9th 2011, 8:58pm

che tipi di dinamiche familiare portano a un tale tipo psicologico?


Si puo' argomentare generalizzando, quindi senza riferirsi a casi presenti.

Quando un bambino crecse in conflitto fra ciò che desidera e quello che invece desiderano i genitori, puo' fare scelte diverse, a secondo della sua indole.

Una di queste possibilita e' quella di non scontentare i genitori, perche' ciò porterebbe il conflitto allo scoperto, ma nello stesso tempo la sua contrarietà si potra' evidenziare nel poco entusismo e nella poca applicazione riversata all'obiettivo posto.

Quindi la persona in oggetto si sente inadeguato e frustrato [io sono No] mentre i genitori sono accusati piu' o meno palesemte di non capire, non comprendere le sue necessita'[tu-voi siete No]

Il risultato e' una finta disponibilita' alla soluzione del problema, mentre in realta' la condizione mentale è di chiusura verso le soluzioni, e si manifesta con alcuni giochi psicologici. Il piu usato e' appunto il : -Si...ma...-, che mantiete questa apparente disponibilita', mentre in realtà non si ha nessuna intenzione di uscire dall'impasse.

Uscire vorrebbe dire accusare implicitamente i genitori di avere fallito, mentre portare a termine il compito, costringerebbe poi a dover proseguire su quella strada invisa.

La condizione percio' e' quella di rimanere in questo limbo di indecisione, che consente di non prendere impegni, svalutando se stesso, e di non prendere in considerazione altre ipotesi, giudicate sempre inadeguate, e percio' svalutando l'altro o il mondo.

Altri giochi usati da questi soggetti sono:
- Ma non e' colpa mia! non vedi? Io ce la metto tutta!-,
oppure il gioco di Gambadilegno
-Ma non vedete come sono ridotto? Non dipende da me se non ce la faccio!-

In tutti questi giochi il soggetto mantiene la sua posizione esistenziale: -io sono No-, non ritenedosi all'altezza di ribaltare la situazione, ma incolpando anche gli altri per la sua inadeguatezza. Il lavoro che manca, la situazione economica, gli scarsi stipendi, la precarieta degli impieghi, la difficolta di spostamenti, e chi più ne ha più ne metta.

La condizione di stallo puo' potrarsi all'infinito, portando il soggetto all'inabilità, alla depressione, al parassitismo e alla dipendenza sine die.

Poi ogni storia ha il suo corso.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

ramy1989

Giovane Amico

  • "ramy1989" has been banned

Posts: 140

Activitypoints: 476

Date of registration: Sep 13th 2011

  • Send private message

26

Sunday, October 9th 2011, 9:27pm

C'è da dire che è una scelta veramente infelice quella di accontentare i genitori.

dirceu

Utente Attivo

  • "dirceu" has been banned
  • "dirceu" started this thread

Posts: 99

Activitypoints: 304

Date of registration: Oct 3rd 2011

  • Send private message

27

Sunday, October 9th 2011, 10:11pm



Il risultato e' una finta disponibilita' alla soluzione del problema, mentre in realta' la condizione mentale è di chiusura verso le soluzioni, e si manifesta con alcuni giochi psicologici. Il piu usato e' appunto il : -Si...ma...-, che mantiete questa apparente disponibilita', mentre in realtà non si ha nessuna intenzione di uscire dall'impasse.

La condizione percio' e' quella di rimanere in questo limbo di indecisione, che consente di non prendere impegni, svalutando se stesso, e di non prendere in considerazione altre ipotesi, giudicate sempre inadeguate, e percio' svalutando l'altro o il mondo.

In tutti questi giochi il soggetto mantiene la sua posizione esistenziale: -io sono No-, non ritenedosi all'altezza di ribaltare la situazione, ma incolpando anche gli altri per la sua inadeguatezza. Il lavoro che manca, la situazione economica, gli scarsi stipendi, la precarieta degli impieghi, la difficolta di spostamenti, e chi più ne ha più ne metta.




ecco,in queste frasi mi ci rivedo io...ma al contrario.Il "limbo" di indecisione se mai c'è stato voglio terminarlo,come testimonia questo topic.Non voglio perdere altro tempo,l'ho già ribadito poiché questa situazione mi consuma dentro e so bene che non può portare a nulla di buono se non alla perdita di altro tempo in una sorta di ciclo.Le alternative me le sono date io e credo che da persona vicina ai 30 anni sia buona norma riflettere sulle proprie scelte,valutandone pro e contro,dubito che il riflettere sia considerabile un problema psicologico.Dei miei genitori me ne importa relativamente...da figlio mi dispiace deluderli,ma la vita è la mia,non posso subire passivamente e continuare a rovinarmi la vita,la MIA vita.Ciò che mi frena è l'età,se avessi avuto anche 5 anni in meno mi sarei fatto meno problemi.

Sull'ultima ti do ragione in parte:prova ad accettare tu offerte di lavoro ad 800€ a milano e vediamo.Non si può generalizzare in questo modo così netto.Con i soldi e quindi con la matematica non si scherza.

Poi oh se non ti ho convinto me ne farò una ragione,il senso della discussione non era questo.Se tu poi ritieni opportuno dare giudizi netti sugli altri fai pure,ignorerò i tuoi interventi :)

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 8,850

Activitypoints: 26,983

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

28

Monday, October 10th 2011, 3:23pm

se non ti ho convinto me ne farò una ragione,il senso della discussione non era questo.


A me sembra che il tuo intento sia quello di far tesoro di queste tue riflessioni, a cui, presumo e spero per te, seguiranno i fatti.
Prospettare una situazione vuol dire proprio mettere a disposizione il quadro per poterlo modificare.
Quindi ben vengano le tue iniziative costruttive.

Cio' che ti faccio notare e' come tu ti senta in dovere di convincere me dei tuoi buoni propositi, che, se si vuole, non sarei nemmeno da considerare.

Cio' che mette in luce questo bisogno e' il tuo atteggiamento che cerca di compiacere quella che tu vedi come una figura autoritaria, che e' il meccanismo che scatta probabilmente quando i tuoi genitori ti fanno una osservazione. Tuo padre sopratutto.

Essere compiacente non e' un male. Anzi, in certe occasioni puo' riversi anche un bene. Ma un atteggiamento Sempre compiacente e' mortificante, castrante delle tue vere intenzioni e necessita'.

Quindi il suggerimento e': Datti il permesso di valurare se essere compiacente, oppure dire:- Non e' questo quello che voglio io-.

Non sempre. Qualche volta. Quando lo ritieni indispensabile per mantenere la tua autostima.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

dirceu

Utente Attivo

  • "dirceu" has been banned
  • "dirceu" started this thread

Posts: 99

Activitypoints: 304

Date of registration: Oct 3rd 2011

  • Send private message

29

Monday, October 10th 2011, 4:01pm



Cio' che mette in luce questo bisogno e' il tuo atteggiamento che cerca di compiacere quella che tu vedi come una figura autoritaria, che e' il meccanismo che scatta probabilmente quando i tuoi genitori ti fanno una osservazione. Tuo padre sopratutto.


a parte la parte quotata (chiedo scusa per il gioco di parole) il tuo è un buon consiglio,grazie.I miei genitori sono separati da 25 anni,mio padre lo vedo poco e quelle poche volte parliamo d'altro,della mia situazione universitaria sembra fregagliene ben poco e di conseguenza io non gliene parlo molto.L'unica che m'ha fatto osservazioni sulla mia situazione è sempre stata mia mamma,osservazioni ormai terminate un paio d'anni fa quando m'ha visto sempre stanco e di cattivo umore.Le voglio molto bene,so di deluderla e mi dispiace,tutto qui.Ma come detto anche lei si è convinta che la sua è stata un'imposizione infelice e m'ha dato carta bianca,ora sembra importarle solo che io sia felice.Il problema è che non è facile fare una tale scelta

huckleberry

Utente Attivo

Posts: 25

Activitypoints: 82

Date of registration: Oct 10th 2011

  • Send private message

30

Monday, October 10th 2011, 11:50pm

Scusa eh,ma che esempio è?Gates e Jobs erano 2 geni della programmazione,avevano già un'idea e l'hanno portata avanti.L'università li annoiava perché non aggiungeva molto a quello che già sapevano.E per di più vivevano in un altro contesto ed in un altro paese.Inoltre io non sto con le mani in mano come pensi tu,ma che posso fare se dopo centinaia di curriculm spediti e siti visitati non trovo nessun lavoro?Del resto a cosa può mirare un 28enne diplomato che non sa fare quasi nulla?Quei pochi lavori che trovo hanno una retribuzione così misera che non mi permetterebbe di prendere casa in affitto,altrimenti li avrei accettati.Dalle mie parti c'è il deserto,ormai è difficile pure andare a raccogliere i pomodori
Ciao dirceu; Dirceu tu sei uno dei tanti! Parlo in generale:<<A me fate ormai ridere!>> tu dirceu almeno sei sincero, qui lo scrivi e l'ho sottolineato. Tutti quelli che vanno alluniversità, scuola superiore, pfff!! Fate pena, la verità è che non avete mai avuto le palle di mollare le masse. Non sapete far niente di niente, se vi dò in mano una vite la battete col martello, se vi dò in mano un chiodo lo battete con la testa, dura come v'è diventata. Se vi dò da fare qualche calcolo matematico sfornate le vostre formule imparate a memoria, che non sapete nemmeno da dove provengono. Per non parlare di dialoghi sapete sfornare le solite 4 cavolate retoriche per mettere tutto in dubbio, mentre non sapete far niente di niente, e non avete neanche il coraggio dell'iniziativa individuale!
Gates e jobs dei geni?? Uahah! Semplicemente Gates e jobs non erano dei pirla.
Vuoi un consiglio, anzi volete un consiglio (perchè qui siete in tanti messi come dirceu (almeno lui è sincero) anche se molti fanno finta di niente), tornate a riprendervi tutto il tempo che v'hanno fatto perdere quando studiavate, tornate a giocare. Voi altri non sapete neanche che diavolo di roba è la vita!
Ringraziate la mamma e la maestra per questo!
<<Tutto questo commento lo dedico soprattutto a quelle vigliacche delle donne (si non scherzo), che a scuola piangono per un voto basso, loro sì che sono il massimo della vergogna! Puah! Infatti aspettatevi un iniziativa individuale da parte delle donne, uahah !! ma pulitemi i pavimenti !>>

This post has been edited 1 times, last edit by "huckleberry" (Oct 10th 2011, 11:56pm)