Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

ILovePonies

Giovane Amico

  • "ILovePonies" is male
  • "ILovePonies" started this thread

Posts: 134

Activitypoints: 535

Date of registration: Nov 24th 2010

  • Send private message

1

Friday, May 6th 2011, 2:36pm

La scuola è triste e sbagliata

Introduzione

Premetto che ho 19 anni e la scuola a me non ha mai fatto ne caldo ne freddo. Non ricordo di aver quasi mai studiato e di essere passato dal "buco della serratura" sempre. Non ho mai avuto una grande motivazione a studiare le materie umanistiche. La matematica è l'unica che bene o male mi è sempre piaciuta: una volta capita come funziona sei in grado di lavorare per sempre ed inoltre è quella che a mio parere ti dà soddisfazioni immediatamente (risolvere quel problema della verifica a cui nessuno è arrivato etc...).
Quindi potrei dire tranquillamente che la scuola non è stato affatto un elemento determinante della mia vita. Certo mi ha aiutato a socializzare con altre persone, ma ad essa non devo assolutamente nulla.

Frequento un liceo scientifico e sono al 5° anno. Gli anni al liceo sono passati molto veloci, senza che nemmeno me ne sia accorto. Anche qui, come prima, sono passato quasi tutti gli anni per il buco della serratura. La quinta però è come fare 4 anni in un colpo solo. Ed è qui che, se prima vivevo un rapporto di indifferenza con essa, mi sono definitivamente scontrato con la scuola e la sua ottusità. Ogni giorno che passa, l'ansia per qualsiasi cosa cresce e se prima potevo anche sbattermene ora devo per forza impegnarmi, non solo per la verifica del giorno dopo, ma anche per crearmi quella ottusa "cultura generale" di cui tutti vanno tanto fieri. Ho cominciato a vedere la scuola da una prospettiva diversa...

Quante balle

Un giorno mia madre e mio padre mi dissero quali erano gli obiettivi a cui l'istituto mirava: Creare persone aperte mentalmente e flessibili, ma soprattutto culturalmente pronte. Quando me lo dissero io non riuscii a trattenermi dal ridere. Non riuscivo a credere a ciò che avevo sentito: "apertura mentale" e "flessibilità" era qualcosa che io vedevo (e vedo tuttora) come completamente antitetiche alla scuola. La scuola, e ve lo dice uno che ci vive tutt'ora dentro, è ciò che uccide la flessibilità, l'unicità e la mente di un individuo. Anzi, ti obbliga a conformarti alla massa e ti dissuade dal dedicarti alle tue vere passioni, tentando di inculcarti una quantità esorbitante di informazioni generali, apparentemente utili, ma in realtà troppo generali per servire a qualcosa. Io mi chiedo: chi ha deciso che il latino era una materia migliore della sociologia? che la storia è meglio della botanica? chi che la geologia è meglio della psicologia? Chi ha deciso che determinate materie "devono" (esiste un obbligo dello stato fino a, mi pare, il secondo anno di superiori) essere studiate invece che altre? Prendendo spunto da una mia professoressa: Il sistema scolastico moderno mira ad ottenere la sufficienza su tutto invece che specializzarsi in qualcosa di particolare. E' inconcepibile, per me, obbligare (anche indirettamente*) delle persone a fare qualcosa che non vogliono fare. Non è giusto. All'interno della scuola io mi sento come l'ultima ruota del carro della gerarchia scolastica. I professori, ormai, la maggior parte, vecchi e bigotti non riescono a trovare la motivazione per insegnare decentemente. Il preside, dall'alto della sua cattedra non riesce nemmeno ad avere l'umanità per far entrare a scuola uno studente che stremato dalla corsa è arrivato a scuola alle 8:01 invece che alle 8:00. Lo studio è fatto a tappe forzate, senza pause. Lo studio è un percorso che parte, per molti, già in ritardo, perché a sentire i professori: "Siamo troppo indietro, dobbiamo sempre darci una accelerata". Poi, siccome da studente devi liberare spazio nel cervello per far entrare i nuovi dati della giornata, ti liberi dei dati più vecchi, ovvero di ciò che avevi studiato la settimana prima. E' incredibile che il sistema scolastico moderno, così pieno di falle grandissime, non sia nemmeno in procinto di cambiare radicalmente.

Io sento molti miei compagni dire che non hanno intenzione di continuare perché si sono "rotti il c****o". Altri non hanno nemmeno il tempo per pensare a ciò che vogliono fare della loro vita, metà (a maggio) non sanno in che università andranno e moltissimi (troppi) abbandonano passioni sportive o altro per dedicarsi interamente all'ultimo anno di superiori. Io mi giro in torno e vedo una scuola che non fa nulla di buono, NULLA! Siamo tutti qui, così orgogliosi di aver ottenuto il "diritto alla cultura" da non vedere che è una struttura che ci porta solamente a diventare macchine. Macchine non certamente abituate a pensare? Ma quale flessibilità? Quale libertà? Non posso studiare nemmeno le materie che mi piacciono. Devo assorbirmi Latino o Astronomia che a me sinceramente non frega un cazzo. Al loro posto metterei volentieri Informatica e Psicologia. I ragazzi non sono per nulla abituati a decidere. Non scelgono nulla della loro vita scolastica; la scuola è una monarchia, una tirannia, un regime coperto dalle 2 figure inutili chiamate "rappresentanti di classe" e "rappresentanti di istituto" che si e no hanno il potere di convocare assemblee di istituto che si trasformano in un'occasione per alienarsi dalla routine scolastica. Nella scuola domina la ripetitività continua e il percorso degli studenti scorre su dei binari ben visibili ed uguali per tutti.

Mi sento come l'unico sopravvissuto; intorno a me vedo corpi già morti interiormente. I ragazzi intorno a me non riescono a pensare ad altro che alla loro vita, al loro lavoro, allo studio. La maggior parte finge persino di vivere bene, quando (si vede benissimo e si sente) non hanno nemmeno 10 minuti della loro vita non organizzata; <<alle 14 sono a casa, poi devo studiare un ora, poi per le 15 e mezza devo fare questo, poi alle 16 ho allenamento e finisco per 18, poi ora che torno a casa e mi faccio la doccia sono le 19, studio un'altra mezz'oretta, mangio per le 20 e alle 21 a letto>>. Sono persone non abituate a scegliere, che non sono in grado nemmeno di decidere che cosa assolutamente non vogliono fare da grandi. Non hanno idee, non hanno spirito, non hanno ideologie originali, si rifanno a sistemi e modelli già visti e rivisti. A me sinceramente viene da vomitare al solo pensiero di viverci un'altro mese in una scuola del genere.

Conclusione
Io vedo la Maturità come il battesimo definitivo a macchina. Sinceramente (interpretatela pure erroneamente come una paura innata per essa, e per il futuro) non so nemmeno se ho voglia di passare la maturità e morire dentro. Io vedo che una volta saltato questo ostacolo diventerò come tutti gli altri, un'altro bullone nella grande macchina chiamata "stato". Io ne sto parlando con tutti, genitori e amici e non riesco a trovare una persona che non mi dia ragione almeno sul 70% di ciò che dico. <<E allora?>> fanno... <<Tanto un'altro mese e siamo all'università, li si che puoi scegliere e fidati che cambia tutto>>. E' così? Siamo davvero così egoisti da non pensare che la scuola, dopo aver distrutto parte di noi stessi, dopo averci levigato con lo stesso stampo, non faccia lo stesso con quelli che sono più giovani di noi?

Potrei andare avanti e scrivere un libro intero su tutti gli aspetti positivi (rarissimi) ma soprattutto negativi della scuola e possibili soluzioni ad essi; soluzioni che non saranno perfette nemmeno esse, ma almeno migliorerebbero moltissimo la scuola e la vita studentesca; Capisco comunque che in questa sede, un così grande excursus, porterebbe a scoraggiare molti dal leggere almeno la prima parte del messaggio, quindi, consapevole di essere troppo lungo e noioso, mi fermo qui; e spero che qualcuno sia abbastanza "aperto mentalmente" per osservare la scuola da un punto diverso; diverso anche dal mio...
Morto spiritualmente da Giugno 2011

This post has been edited 1 times, last edit by "ILovePonies" (May 6th 2011, 2:41pm)


dora

Forumista Incallito

  • "dora" is female

Posts: 4,735

Activitypoints: 15,244

Date of registration: Mar 14th 2010

Location: Zacatecas

Occupation: Dama della Nuova Spagna

  • Send private message

2

Friday, May 6th 2011, 5:54pm

La scuola è figlia anche di una cultura del passato ed è stata per molto tempo privilegio di pochi. Inoltre in Italia è il fanalino di coda nei bilanci del Paese, indipendentemente da chi sia al governo. Che dire? Il tentativo di parecchi è quello di creare, con tutti i limiti, una coscienza critica oltre che un sapere di base ma il fatto è che dobbiamo fare sempre le nozze coi funghi (o coi fichi secchi, se preferisci)....

Ippolita

Utente Attivo

  • "Ippolita" is female

Posts: 20

Activitypoints: 91

Date of registration: Jun 10th 2010

  • Send private message

3

Friday, May 6th 2011, 7:16pm

La scuola può essere valutata da miriadi di punti di vista. Io potrei dirti il contrario di quello che affermi tu, sarà che lo vivo in modo diverso: conosco alunni entusiasti di sfidare la maturità (anche se non sono grandi studiosi), conosco docenti motivati e competenti, conosco presidi che non sono sul piedistallo ma che entrano in classe e parlano con tutti.
La scuola è solo un'occasione per provare ad assumere certe responsabilità: la prima, la più ovvia, quella di studiare, per se stessi, per i prof. per i genitori. Infischiandosene degli altri se non vogliono farlo o se si accontentano di una vita vuota e inutile.
Chi sceglie quali materie studiare nel corso degli anni? beh! i nostri tecnici dei ministeri, quella è la via. A chi non piace non è obbligato ad andare avanti, a 16 anni si può lasciare la scuola e fare altro. Non ci sono fucili puntati dietro la schiena. C'è libertà.

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 8,846

Activitypoints: 26,971

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

4

Saturday, May 7th 2011, 1:07pm

mi fermo qui; e spero che qualcuno sia abbastanza "aperto mentalmente" per osservare la scuola da un punto diverso; diverso anche dal mio...



Mi pare un ottimo escursus su problemi concreti e ideali, espressi bene e costruttivamente.

SE questo e' veramente una aspetto che colpisce la tua fantasia e ti stimola all'azione, non devi fare altro che prepararti, attraverso l'univestita e tutte le iniziative che riterrai opportune, a cambiare l'esistemte, ponendotelo come fine a cui dedicare i tuoi sforzi.

Lo stato non e' statico, ma un luogo dove tutto scorre e presto sarai in quella fase della vita in cui potrai cocorrere, secondo le carte che hai, al cambiamento.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

ILovePonies

Giovane Amico

  • "ILovePonies" is male
  • "ILovePonies" started this thread

Posts: 134

Activitypoints: 535

Date of registration: Nov 24th 2010

  • Send private message

5

Saturday, May 7th 2011, 4:06pm

@Ippolita, Certo, ci sono alunni che sono fieri di quello che fanno e ricevono soddisfazioni. Il mio era più che altro un iperbole per rafforzare la mia idea (anche se effettivamente con la mia descrizione penso di aver preso più della maggioranza dei miei coetanei). Sta di fatto che il problema maggiore della scuola, secondo la mia opnione, è che c'è poca libertà di controllare i tuoi stessi studi. Fondamentale, sempre secondo me, è avere la possibilità di studiare il numero e le materie che ti piacciono o che pensi siano più utili per te; questo partendo dal fatto che tutte le materie sono utili e che non ce ne sono di inutili o meno utili di altre in termini assoluti. Così potrei decidere di studiare biologia, astronomia, psicologia, informatica, filosofia e matematica invece che altre 5 materie di cui non può fregarmene di meno. Dobbiamo ammettere che la scuola con cultura preimpacchettata è ormai fuori moda, basta guardare l'inghilterra e l'america. Di recente sto leggendo Tolstoj per conto mio, e più in particolare la pedagogia e i suoi esperimenti; Lui, pur essendo molto più radicale di me, ha fatto degli esperimenti (poi anche controllati da esperti e da presidi di altre scuole) fondando circa 50 scuole che si basavano sulla pedagogia antiautoritaria e i risultati furono sorprendenti. Sono convinto che dando la libertà anche ai bambini (Bambini che a mio parere sono certamente privi di esperienza ma hanno la facoltà di poter scegliere e devono averla altrimenti non impareranno mai a farlo) di età intorno ai 5 anni di scegliere cosa fare sia una cosa fondamentale. Parliamo tanto di libertà etc, ma io, che vivo dentro una scuola, mi sento come in prigione.

Basterebbero pochi accorgimenti per vedere che il sistema scolastico è sbagliato. Un'altro spunto? Secondo voi è giusto che la persona che vi insegna una materia sia la stessa che vi interroga o vi corregge i test? Secondo me è assolutamente sbagliato: 1) La professoressa vivendo con gli studenti, giorno dopo giorno, è portata per natura, anche se tenta di nasconderla, a conoscere gli alunni e creare giudizi. Capisco quindi perché tale persona prende un voto maggiore rispetto ad un altra solo perché è simpatica (cosa che purtroppo avviene molto frequentemente e lo dico anche nei confronti di alunni o interrogazioni che a me non cambierebbe nulla accusare di ingiustizia). 2) La professoressa è portata a definire i voti in base ai precedenti 3) La professoressa potrebbe insegnare la materia in un modo troppo diverso da un'altro e a chiederlo in base alle sue preferenze invece che dare un effettivo insegnamento oggettivo della materia. Basterebbe dire che ogni interrogazione e compito è chiesto da un'altra persona. Ed ecco che da studente sei valutato sicuramente più oggettivamente e la materia stessa sarà davvero preparata. E' un pò come il discorso della divisione dei poteri.

Ci sono tante dettagli come questo che mi sembra impossibile nessuno ci abbia mai pensato. In questo momento (ok, forse qui esagero e sembrerò ben poco modesto ma cerco di rendere l'idea) mi sembra di essere come Galileo che vede che un'idea è sbagliata, lo può provare, ma nessuno lo ascolta. Potrei (ed è quello che nel tempo libero cerco di fare) scrivere punto per punto i pro ed i contro della scuola attuale e della mia idea di scuola o quella di Tolstoj e si noterebbe che la scuola moderna è 10 volte più fondata sulla disuguaglianza, autorità (inutile), ottusità, chiusura mentale e discriminazione di qualsiasi altra. E' una cosa mi fà rabbrividire, pensare che effettivamente pure io sto perdendo sempre più creatività e felicità e voglia di vivere frequentando tale scuola.

Da notare che a me piace moltissimo studiare..... le cose che mi piacciono.... nei tempi che mi sento di farlo. Non per nulla nel poco tempo libero a disposizione, da autodidatta, mi sono studiato ben 5 linguaggi di programmazione che tutt'ora utilizzo e che ora sto trasformando in piccoli lavoretti anche per aziende statali. La filosofia? Mi sono studiato Nietsche anche se dobbiamo ancora farlo. Il decadentismo? Mi ero informato ben prima di cominciarlo? Leopardi? Mi leggevo la sua prosa da solo perché rispecchia molto la mia filosofia di vita. Insomma non sarebbe bello studiare quello che si piace? Almeno questo...

Sono convinto che nel futuro guarderemo ad oggi e diremo "Non riesco a concepire come potessero pretendere di non dare la libertà agli studenti di studiare quello che preferiscono", come oggi diciamo "Non riesco a concepire la violenza dei professori a scuola". Sarò anche arrogante, ma queste questioni mi spingono da dentro in modo troppo impetuoso...
Morto spiritualmente da Giugno 2011

This post has been edited 1 times, last edit by "ILovePonies" (May 7th 2011, 4:12pm)


Emanuele

Utente Passivo

  • "Emanuele" is male

Posts: 870

Activitypoints: 2,638

Date of registration: Nov 11th 2010

Location: Frittole

Occupation: Artista senza giacca e senza cappello (ho tante di quelle giacche e cappelli, però sono un artista e non ne uso)

  • Send private message

6

Monday, May 9th 2011, 9:16pm

Quoted

Io vedo la Maturità come il battesimo definitivo a macchina. Sinceramente (interpretatela pure erroneamente come una paura innata per essa, e per il futuro) non so nemmeno se ho voglia di passare la maturità e morire dentro.


Proprio per questo sono orgoglioso di aver frequentato le scuole dell'obbligo (soltanto perché era obbligatorio per legge, appunto) e poi di esser fuggito subito a gambe levate.
Fin da quando ho avuto coscienza della scuola (quanti anni avevo? Tre? Quattro?), ho sempre detto "la frequenterò solo finché avrò l'obbligo di farlo", e da quando vi ho messo piede per la prima volta ho iniziato il conto alla rovescia per quanto mancasse all'arrivo dell'ultimo giorno della terza media.

Se non fosse stato obbligatorio, non avrei frequentato neanche le elementari e le medie, così come da bambino ho deciso di "ritirarmi" dall'asilo.

Ho imparato a leggere e a scrivere da solo, intorno ai quattro anni, esclusivamente grazie alla mia curiosità e all'aiuto dei miei genitori.

E, se la scuola mi ha insegnato qualcosa, ciò è avvenuto soltanto in prima elementare (ricordo ancora alcune di quelle lezioni). Poi da lì ho continuato ad approfondire per i fatti miei. Dalla seconda elementare in poi, la scuola è stata soltanto una palla al piede e non mi è servita a niente, tuttavia ero sempre il primo della classe; proprio perché da quei libri e da quegli insegnanti non avevo appreso nulla, le mie fonti erano tutte esterne. Fingevo di ascoltarli, di seguire le lezioni e loro mi credevano un bravo alunno studioso ed educato.

La scuola è solo uno dei tanti strumenti di controllo della mente, nient'altro.

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 8,846

Activitypoints: 26,971

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

7

Monday, May 9th 2011, 9:50pm

La scuola è solo uno dei tanti strumenti di controllo della mente, nient'altro.


La funzione essenziale della scuola e' quella di fornirti di strumenti utili alla tua crescita personale. Non ti deve piacere o meno e non ha la funzione di controllare il cervello di nessuno, a meno che non lo voglia.

Ha la funzione di darti le scarpe per camminare da solo.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

Emanuele

Utente Passivo

  • "Emanuele" is male

Posts: 870

Activitypoints: 2,638

Date of registration: Nov 11th 2010

Location: Frittole

Occupation: Artista senza giacca e senza cappello (ho tante di quelle giacche e cappelli, però sono un artista e non ne uso)

  • Send private message

8

Monday, May 9th 2011, 10:12pm

Quoted

Ha la funzione di darti le scarpe per camminare da solo.


Si vede che avevano esaurito le scarpe della mia misura :D

Diverso

Aiuto moderatore chat

  • "Diverso" is male

Posts: 1,886

Activitypoints: 5,807

Date of registration: Jul 12th 2009

  • Send private message

9

Tuesday, May 10th 2011, 7:22pm

Beh, hai ragione, ovviamente. Queste cose sono ovvie per chi "ha gli occhi per vedere". Gli altri sono solo automi che sono stati programmati per non vedere.

La scuola non e' fatta per educare, imparare, crescere.
Lo scopo della scuola e' quello di prepararti per il mondo del lavoro, in cui tu dovrai essere pronto a rispettare le leggi del mercato e della societa'. Non si insegna l'inglese perche' e' una lingua bella, ma lo si insegna perche' e' ormai ritenuta fondamentale nei rapporti commerciali. Non si impara ad usare il computer perche' usare il computer e' bello, ma perche' il computer dovra' servire in ufficio, nella contabilita' e nella progettazione.

Tutto ad un tratto ci si ritrova adulti, a fare cose senza neanche sapere il perche' le si stia facendo.
Sono un troll. Tutto quello che dico è vero, ma anche falso, ma anche no, ma anche sì.

This post has been edited 1 times, last edit by "Diverso" (May 10th 2011, 7:29pm)


ILovePonies

Giovane Amico

  • "ILovePonies" is male
  • "ILovePonies" started this thread

Posts: 134

Activitypoints: 535

Date of registration: Nov 24th 2010

  • Send private message

10

Wednesday, May 11th 2011, 3:20pm

La scuola è solo uno dei tanti strumenti di controllo della mente, nient'altro.


La funzione essenziale della scuola e' quella di fornirti di strumenti utili alla tua crescita personale. Non ti deve piacere o meno e non ha la funzione di controllare il cervello di nessuno, a meno che non lo voglia.

Ha la funzione di darti le scarpe per camminare da solo.


Piano. Questa potrà anche essere una bella frase, carica di significato e pure vera. Ma la realtà è che la scuola non è nata perché allo stato non piaceva gente ignorante, e nemmeno perché il popolo ha lottato per avere questo diritto. E' nata nel periodo della rivoluzione industriale e il suo unico scopo era insegnare ai bambini il mondo della fabbrica, degli operai, delle cose noiose e ripetitive. Non per nulla la scuola tutt'ora ha le sembianze di una fabbrica: orari di apertura e chiusura, campanelle che definiscono il tempo; i bambini sono persino organizzati ad anno di "produzione". Ma chi lo dice che la cosa più importante che abbiano in comune è l'anno di nascita? (cit.) La scuola insegna ad obbedire (non per nulla è basata su una gerarchia chiara ed evidente) ed a rimanere concentrati, ad essere conforme agli altri, a capire che c'è una sola risposta, a non porre domande e a rispondere quelle che ti fanno. Sono pochissime le cose che "impari" (perché alla fine le impari davvero solo se ti piacciono, altrimenti te le dimenticate un mese dopo, pur essendo utili) che poi ti aiuteranno effettivamente nella vita. Io chiedo semplicemente che la scuola si metta in discussione. E' davvero la soluzione migliore questa? Vi prego, possiamo pensarci un pò? Sapete secondo me perché non è ancora cambiata? Perché ti rendi conto che fà schifo solo quando sei verso la fine di essa, un momento in cui la scuola è l'ultimo dei tuoi pensieri, proiettato verso il futuro: università o lavoro che sia. A cosa me ne importa a me della scuola quando ormai sono fuori da essa? Alla fine, anche io fra 5 anni penserò "La scuola è stata pessima, ma mi è servita a qualcosa", perché alla fine, dei ricordi, cerchiamo di trarne le cose migliori. Ma quello che dico ora, e penso ora, da lucido, da studente vicino più di chiunque altro alla scuola è che ci sta uccidendo, sta uccidendo anche le capacità da bambino che noi tutti possediamo che sono preziosissime per il lavoro, per la vita e per la stessa evoluzione della specie:

Vi lascio con uno spunto:
In america hanno fatto uno studio sul "Divergent thinking" che non saprei come tradurre. Il test effettuato a fasce d'eta (5-7, 8-10, 12 anni) comprendeva domande del tipo "Quante cose potresti pensare di poter fare con una graffetta?". Se proponevi 200 valide soluzioni eri considerato un genio del "Divergent thinking" (capacità di vedere un problema da diversi punti di vista e trovare numerose risposte). Dei 1500 individui tra i 5 e 7 anni, il 98% arrivava almeno al livello "Genio". Dei 1500 individui tra gli 8 ed i 10 anni, solo il 30% arrivava a quel livello e a 12 anni nemmeno il 10%. Stiamo andando veramente nella direzione giusta?
Morto spiritualmente da Giugno 2011

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 8,846

Activitypoints: 26,971

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

11

Wednesday, May 11th 2011, 6:23pm

La scuola è solo uno dei tanti strumenti di controllo della mente, nient'altro.


La funzione essenziale della scuola e' quella di fornirti di strumenti utili alla tua crescita personale. Non ti deve piacere o meno e non ha la funzione di controllare il cervello di nessuno, a meno che non lo voglia.

Ha la funzione di darti le scarpe per camminare da solo.


Piano. Questa potrà anche essere una bella frase, carica di significato e pure vera. Ma la realtà è che la scuola non è nata perché allo stato non piaceva gente ignorante, e nemmeno perché il popolo ha lottato per avere questo diritto. E' nata nel periodo della rivoluzione industriale e il suo unico scopo era insegnare ai bambini il mondo della fabbrica, degli operai, delle cose noiose e ripetitive. Non per nulla la scuola tutt'ora ha le sembianze di una fabbrica: orari di apertura e chiusura, campanelle che definiscono il tempo; i bambini sono persino organizzati ad anno di "produzione". Ma chi lo dice che la cosa più importante che abbiano in comune è l'anno di nascita? (cit.) La scuola insegna ad obbedire (non per nulla è basata su una gerarchia chiara ed evidente) ed a rimanere concentrati, ad essere conforme agli altri, a capire che c'è una sola risposta, a non porre domande e a rispondere quelle che ti fanno.


Non sono d'accordo.
La scuola esiste da che esiste un padre e un figlio, e una madre e una figlia.
Il padre insegnava a cacciare, tendere trappole, e sfuggire ai nemici. La madre a raccogliere le radici e le erbe giuste, a organizzare la tana e occuparsi al meglio della prole.

Poi ogni civilta a seguito quello che sembrava meglio al momento.

Se tu riferisci alla scuola italiana dell'ottocento...direi che e' stata una conquista non da poco, visto che prima era il nobile latifondista che decideva chi doveva imparare a scrivere e far di conto, mentre per tutti gli altri c'era il lavoro nei campi.

Se poi ti riferisci all rivoluzione industriale italiana, che e' arrivata si e no un secolo fa, la scuola ha permessoal ploretariato e al sottoploretariato urbano di leggere qualche libro e allargare i propri orizzonti. Cosa che fino al giorno prima era riservata ai figli dei borghesi benestanti, a cui erano riservate tutte le cariche politiche, civili e sociali.

Se al governo e all'amministrazione delle citta, delle regioni e dello stato ci possono andare anche i figli di operai, lo si deve proprio alla scolarita', che ha permesso a tutti di avere una istruzione.

Dopo il 68, anche i ceti meno abbienti e il sottoploretariato ha potuto aspirate ad andare all'universita'. Cosa che prima era riservato solo ai liceali, che, naturalmente, erano figli del medico, del farmacista e del commenda del paese.

Evidentemente, anche se ti ha insegnato a leggere e scivere in modo prolisso, hai delle lacune notevoli nella storia nazionale.

Quoted

Sono pochissime le cose che "impari" (perché alla fine le impari davvero solo se ti piacciono, altrimenti te le dimenticate un mese dopo, pur essendo utili) che poi ti aiuteranno effettivamente nella vita. Io chiedo semplicemente che la scuola si metta in discussione. E' davvero la soluzione migliore questa? Vi prego, possiamo pensarci un pò? Sapete secondo me perché non è ancora cambiata? Perché ti rendi conto che fà schifo solo quando sei verso la fine di essa, un momento in cui la scuola è l'ultimo dei tuoi pensieri, proiettato verso il futuro: università o lavoro che sia. A cosa me ne importa a me della scuola quando ormai sono fuori da essa?


Dopende da te.
Che la scuola sia sempre la stessa e' una sciocchezza di una persona troppo giovane o senza memoria.

Quando ho cominciato io avevamo tutti il grembiulino nero con i gradi sulla manica, scrivevamo in bella calligrafia con la penna a pennino e l'inchiostro nel calamaio, e ci alzavamo tutti in piedi quando entrava la maestra. E quando parlava nessuno fiatava, mentre ogni sgarro era punito anche con pene corporali.

Non ti parlo del medioevo. Ti parlo degli anni '60.
Gia' qualche anno dopo era tutto cambiato, compresa la possibilita di proporre, fare domande e essere libero di esprimere opinioni e commenti, attraverso i canali previsti.

Ma siccome la scuola l'ho frequentata fino a qualche anno fa, ti posso dire tranquillamente che e' irriconoscibile rispetto a quella che ho conosciuto io.

Per non parlare dell'universita', dove dire che forse si e' esagerato un po', e' un eufemismo.

Non ultimo...se ora vuoi che cambi, ma secondo una logica pretattamente strumentale e utilitaristica, non devi fare altro che sostenere questo governo. Chissa'...magari poi ti piacerà di piu'.

Quoted

Alla fine, anche io fra 5 anni penserò "La scuola è stata pessima, ma mi è servita a qualcosa", perché alla fine, dei ricordi, cerchiamo di trarne le cose migliori. Ma quello che dico ora, e penso ora, da lucido, da studente vicino più di chiunque altro alla scuola è che ci sta uccidendo, sta uccidendo anche le capacità da bambino che noi tutti possediamo che sono preziosissime per il lavoro, per la vita e per la stessa evoluzione della specie:


Non credo sia la scuola ad uccidere la specie. E' la fame insaziabile di tutto quello che vediamo e immaginiamo.
Credo che ad uccidere la specie saranno piu' i videogiochi che la scuola.

Quoted

Vi lascio con uno spunto:


E dove vai? Nel Burkhina Faso? Loro vogliono venire in Italia, perche' ci stanno benissimo. Prova a fare uno scambio: casa tua in cambio della loro capanna. Magari ti trovi bene.

Quoted

In america hanno fatto uno studio sul "Divergent thinking" che non saprei come tradurre. Il test effettuato a fasce d'eta (5-7, 8-10, 12 anni) comprendeva domande del tipo "Quante cose potresti pensare di poter fare con una graffetta?". Se proponevi 200 valide soluzioni eri considerato un genio del "Divergent thinking" (capacità di vedere un problema da diversi punti di vista e trovare numerose risposte). Dei 1500 individui tra i 5 e 7 anni, il 98% arrivava almeno al livello "Genio". Dei 1500 individui tra gli 8 ed i 10 anni, solo il 30% arrivava a quel livello e a 12 anni nemmeno il 10%. Stiamo andando veramente nella direzione giusta?


A me sembra che tu abbia l'animo del disfattista.
Se non ti piace, impegnati per cambiarla. Te l'ho gia detto. Ma incomincia tu. Non aspettare che incomincino gli altri.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

ILovePonies

Giovane Amico

  • "ILovePonies" is male
  • "ILovePonies" started this thread

Posts: 134

Activitypoints: 535

Date of registration: Nov 24th 2010

  • Send private message

12

Wednesday, May 11th 2011, 6:54pm

Quoted


Non sono d'accordo.
La scuola esiste da che esiste un padre e un figlio, e una madre e una figlia.
Il padre insegnava a cacciare, tendere trappole, e sfuggire ai nemici. La madre a raccogliere le radici e le erbe giuste, a organizzare la tana e occuparsi al meglio della prole.

Poi ogni civilta a seguito quello che sembrava meglio al momento.

Se tu riferisci alla scuola italiana dell'ottocento...direi che e' stata una conquista non da poco, visto che prima era il nobile latifondista che decideva chi doveva imparare a scrivere e far di conto, mentre per tutti gli altri c'era il lavoro nei campi.

Se poi ti riferisci all rivoluzione industriale italiana, che e' arrivata si e no un secolo fa, la scuola ha permessoal ploretariato e al sottoploretariato urbano di leggere qualche libro e allargare i propri orizzonti. Cosa che fino al giorno prima era riservata ai figli dei borghesi benestanti, a cui erano riservate tutte le cariche politiche, civili e sociali.

Se al governo e all'amministrazione delle citta, delle regioni e dello stato ci possono andare anche i figli di operai, lo si deve proprio alla scolarita', che ha permesso a tutti di avere una istruzione.

Dopo il 68, anche i ceti meno abbienti e il sottoploretariato ha potuto aspirate ad andare all'universita'. Cosa che prima era riservato solo ai liceali, che, naturalmente, erano figli del medico, del farmacista e del commenda del paese.

Evidentemente, anche se ti ha insegnato a leggere e scivere in modo prolisso, hai delle lacune notevoli nella storia nazionale.

Dopende da te.
Che la scuola sia sempre la stessa e' una sciocchezza di una persona troppo giovane o senza memoria.

Quando ho cominciato io avevamo tutti il grembiulino nero con i gradi sulla manica, scrivevamo in bella calligrafia con la penna a pennino e l'inchiostro nel calamaio, e ci alzavamo tutti in piedi quando entrava la maestra. E quando parlava nessuno fiatava, mentre ogni sgarro era punito anche con pene corporali.

Non ti parlo del medioevo. Ti parlo degli anni '60.
Gia' qualche anno dopo era tutto cambiato, compresa la possibilita di proporre, fare domande e essere libero di esprimere opinioni e commenti, attraverso i canali previsti.

Ma siccome la scuola l'ho frequentata fino a qualche anno fa, ti posso dire tranquillamente che e' irriconoscibile rispetto a quella che ho conosciuto io.


La scuola a cui mi riferivo io era palesemente quelle istituita nell'Ottocento.
Non posso negare che la scuola ha fatto pochi progressi. Ma cosa? L'abolizione delle pene corporali teorizzata da Quintiliano nel 50 d.C? Poi cosa? I grembiulini? Che conquista! Siamo per fino riusciti ad ottenere la possibilità di fare domande... nel 21 esimo secolo tutto questo non basta.

Quoted


Non credo sia la scuola ad uccidere la specie. E' la fame insaziabile di tutto quello che vediamo e immaginiamo.


Sono troppo stupido per colpa dei videogiochi, me lo rispiegheresti?

Quoted


Quoted

Vi lascio con uno spunto:


E dove vai? Nel Burkhina Faso? Loro vogliono venire in Italia, perche' ci stanno benissimo. Prova a fare uno scambio: casa tua in cambio della loro capanna. Magari ti trovi bene.


Seriamente? Hai riso a questa battuta?

Quoted


A me sembra che tu abbia l'animo del disfattista.
Se non ti piace, impegnati per cambiarla. Te l'ho gia detto. Ma incomincia tu. Non aspettare che incomincino gli altri.


Secondo me i giudizi dovresti tenerteli per te, come i miei per te. Ti hanno insegnato il rispetto per gli altri. Usa queste conoscenze altrimenti non potrai mai parlare con qualcuno che la pensa diversamente da te. Tutte queste piccole freccette puoi tranquillamente evitarle... Grazie.
Morto spiritualmente da Giugno 2011

doctor Faust

Azzeccagarbugli

  • "doctor Faust" is male

Posts: 8,846

Activitypoints: 26,971

Date of registration: Mar 28th 2009

Location: Italia

Occupation: Ex dirigente infermieristico, laureato in filosofia, counselor sociosanitario.

  • Send private message

13

Wednesday, May 11th 2011, 8:51pm

Non posso negare che la scuola ha fatto pochi progressi. Ma cosa? L'abolizione delle pene corporali teorizzata da Quintiliano nel 50 d.C? Poi cosa? I grembiulini? Che conquista! Siamo per fino riusciti ad ottenere la possibilità di fare domande... nel 21 esimo secolo tutto questo non basta.


allora spiega che cosa vorresti da una scuola.
Finora non l'ho capito.
Le scuole che ho fatto io non mi hanno permesso di comprendere tutto. Solo i ragionamenti chiari e distinti.
Per leggere questa storia clicca sul titolo.

:hmm: Il lungo viaggio di Anomimus alla ricerca dell'amore perduto... :thumbsup:

Emanuele

Utente Passivo

  • "Emanuele" is male

Posts: 870

Activitypoints: 2,638

Date of registration: Nov 11th 2010

Location: Frittole

Occupation: Artista senza giacca e senza cappello (ho tante di quelle giacche e cappelli, però sono un artista e non ne uso)

  • Send private message

14

Wednesday, May 11th 2011, 9:49pm


Quoted

Vi lascio con uno spunto:

Quoted


E dove vai? Nel Burkhina Faso? Loro vogliono venire in Italia, perche' ci stanno benissimo. Prova a fare uno scambio: casa tua in cambio della loro capanna. Magari ti trovi bene.


Seriamente? Hai riso a questa battuta?



Io stavo per farmela sotto dalle risate... :blush:


Secondo me i giudizi dovresti tenerteli per te, come i miei per te. Ti hanno insegnato il rispetto per gli altri. Usa queste conoscenze altrimenti non potrai mai parlare con qualcuno che la pensa diversamente da te. Tutte queste piccole freccette puoi tranquillamente evitarle...Secondo me i giudizi dovresti tenerteli per te, come i miei per te. Ti hanno insegnato il rispetto per gli altri. Usa queste conoscenze altrimenti non potrai mai parlare con qualcuno che la pensa diversamente da te. Tutte queste piccole freccette puoi tranquillamente evitarle...


È quello che penso anch'io, ho notato questo atteggiamento in molti post di doctor Faust. Quindi d'ora in avanti eviterò di rispondere ai suoi commenti, è la cosa migliore.

ILovePonies

Giovane Amico

  • "ILovePonies" is male
  • "ILovePonies" started this thread

Posts: 134

Activitypoints: 535

Date of registration: Nov 24th 2010

  • Send private message

15

Wednesday, May 11th 2011, 11:04pm

Non posso negare che la scuola ha fatto pochi progressi. Ma cosa? L'abolizione delle pene corporali teorizzata da Quintiliano nel 50 d.C? Poi cosa? I grembiulini? Che conquista! Siamo per fino riusciti ad ottenere la possibilità di fare domande... nel 21 esimo secolo tutto questo non basta.


allora spiega che cosa vorresti da una scuola.
Finora non l'ho capito.
Le scuole che ho fatto io non mi hanno permesso di comprendere tutto. Solo i ragionamenti chiari e distinti.


Seriamente, io ti considero una persona intelligente e ritengo tu sia davvero qualcuno che, proprio perché ha una idea molto diversa dalla mia, possa essere fonte di ispirazione e di critiche serie verso le mie idee che sono lacunose. E' davvero necessario continuare questa discussione, che è cominciata bene, con tutta una serie di stupide freccette da parte mia e tua fino a sfociare in qualcosa di veramente poco costruttivo? Capisco che tu ti possa essere sentito attaccato dai miei post, ma ti giuro non l'ho fatto con questo intento e mi dispiace e soprattutto mi scuso di questo.

Ora la mia idea di scuola me la sto facendo informandomi a tal proposito. Ma secondo me la cosa assolutamente fondamentale è dare la libertà di scelta agli studenti di studiare ciò che sentono di piacere fin dalle elementari. Magari la grammatica italiana e la matematica di base per 3 o 5 anni fino ai 10 anni, ma poi per il resto lasciarli liberi.
Tu potrai pensare: si va bé, ma da bambini quello che vogliono è giocare e basta. Per questo la pedagogia è sempre complicata: la logica dei bambini è irrazionale e spesso complicata pur sembrando semplice. C'è pure qualcuno che ha teorizzato l'infanzia dominata dal gioco per ogni bambino (penso sia Tolstoj).
Morto spiritualmente da Giugno 2011