Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


_kira-

Nuovo Utente

  • "_kira-" started this thread

Posts: 1

Activitypoints: 10

Date of registration: Oct 5th 2019

  • Send private message

1

Saturday, October 5th 2019, 1:36am

La depressione universitaria

Ciao a tutti,
Sono uno studente di Fisica e ho 25 anni. Da quasi tre anni credo di soffrire di una forma di depressione dovuta a un forte dispiacere universitario. Un dispiacere mai superato che mi ha condizionato la vita negli ultimi anni. Sono stato bocciato per circa un anno intero dal professore di analisi 2 per motivi che tuttora oggi non so. Precisamente quando frequentavo il mio terzo anno di università. Avevo lasciato indietro solo questa materia, dopo due anni di esami dati in regola. Questo ha creato dentro di me un senso di vuoto e di profonda delusione perché non riuscivo a capire il perché di tanta ostilità nei miei confronti da parte di questo insegnante. Ho dovuto aspettare l’anno dopo per cercare di superare questo esame con un nuovo docente e dopo prove in itinere ci sono riuscito. Ma questo episodio ha creato dentro di me una paura enorme ad affrontare gli esami nel caso venissi bocciato una prima volta. Questo ha creato una reazione a catena infinta. Esame rimandati per mesi per paura di essere rimandato. Questo mi ha portato a essere per tre anni fuori corso. Io sono davvero stanco di questa situazione. Mi mancano solo tre materie e vorrei davvero superare questi esami a cuor leggero per la prima volta dopo anni e desiro solo di rendere i miei genitori fieri di me. Se per caso potreste darmi qualche consiglio ne sarei molto lieto. Vi ringrazio tanto per la vostra attenzione.

Pivaldo

Passato attraverso parecchie tempeste, navigo ancora. Ma ho scoperto che non sopporto i cretini, vecchi o giovani che siano.

  • "Pivaldo" is male

Posts: 1,653

Activitypoints: 5,135

Date of registration: May 27th 2015

Location: italia centrale (quando non viaggio)

Occupation: facciodame e sono orgogliosamente indipendente

  • Send private message

2

Sunday, November 24th 2019, 11:37am

L'unico consiglio che mi sento di darti è di mettere in conto che, in qualsiasi corso di studi, ci sono spesso "incidenti", come bocciature date più per motivi extra scolastici che per vera impreparazione.
Spesso gioca un ruolo l'antipatia che provochi nel professore che ti esamina ed è importante cercare di non assumere atteggiamenti conflittuali o che possano passare per strafottenti (e guarda, che puoi non accorgerti di assumerli).
Quindi, quando vai ad un esame fai la tua recita, mostrati interessato, collaborativo ed aperto a ricevere consigli e pareri, nel commento alle tue risposte alle domande.

Metti in conto che vengono commesse ingiustizie anche nel mondo della scuola e dell'educazione, e che questo succede ancor più nel mondo del lavoro. Considerali "inciampi" passeggeri, che vanno dimenticati e superati, perché non contano nel raggiungimento del risultato finale.

Non c'è nulla di cui ti devi vergognare per la bocciatura, hai trovato semplicemente il docente sbagliato. E può capitare.
La vita è una lunga partita, nella quale non si contano i singoli episodi. Conta il raggiungimento di risultati esistenziali più complessi di singoli esami o diatribe con persone incontrate nel tuo cammino.

Fatti forza, caricati e vai avanti.
Buona fortuna.

P.
(--------------;)---------------)
Hold fast to dreams / For if dreams die /Life is a broken-winged bird / That cannot fly.
Hold fast to dreams / For when dreams go / Life is a barren field / Frozen with snow
(Dreams, Langston Hughes)

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests

Used tags

Il