Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

  • "ValeHikari" is female
  • "ValeHikari" started this thread

Posts: 132

Activitypoints: 466

Date of registration: Sep 25th 2012

Location: Milano

Occupation: Studentessa PoliMi • Meccanica

  • Send private message

1

Wednesday, October 3rd 2012, 1:19pm

Ingegneria meccanica: problemi, problemi, problemi.

Ciao a tutti :)
Vi renderete subito conto del problema che espone questo post, perché è classico e immagino che molti ci si ritrovino prima o poi... Questo topic parla di crisi universitaria.
Io studio ingegneria meccanica, orientamento Veicoli, al politecnico di Milano; ho 22 anni. Dovrei essere oramai alla fine del terzo anno, ma inutile dire che la situazione è del tutto differente... è una facoltà dura, e l'ambiente in cui mi sono trovata è particolare. Per prima cosa, il 98% della gente è maschio e io sono una ragazza. So che questo non dovrebbe influire sulla mia vita, ma l'ha fatto negli anni credo. Non ho trovato mai degli amici veri e sinceri, e alla fine sono sempre stata sola.

Dopo la fine del primo anno che ho completato senza problemi e in tempo, ho cominciato il secondo anno e ho preso la malsana abitudine di rimandare. All'inizio andavo a lezione sempre, poi piano piano ho smesso quando ho cominciato a capire sempre meno, e alla fine ho rimandato gli esami, e li ho rimandati ancora... Le poche persone che ho conosciuto si sono dileguate quando hanno passato gli esami che io ho lasciato indietro perché i loro corsi erano differenti, hanno smesso di farsi sentire e sono rimasta sola. Mi sono attaccata molto a diversi ragazzi, (NON in senso amoroso eh, ma di amicizia), ma lentamente credo di aver capito che per loro non conto nulla. Non mi chiamano, si fanno sentire solo se lo faccio io per prima, non parlano con me e quando lo fanno hanno solo parole di compassione ("Ce la farai", "Dai su", "la prossima volta è quella buona", "non sei stupida" etc.)...

Io ho dei problemi in famiglia per cui ho cominciato anche a lavorare un po', e questo è stato la mia rovina. Ho smesso completamente di dare esami, e sono quasi due anni che non ne do nemmeno uno. Tento di studiare sola e vado alle sessioni, ma mi rendo conto di non essere preparata, e le poche volte che arrivo all'orale panico, balbetto o peggio, mi viene da ridere se non so niente e vengo presa per una mezza scema e ovviamente bocciata.

Vorrei ritrovare la motivazione a studiare e a volermi bene, perché quando mi accade di ritirarmi o di non presentarmi per il terrore e per l'impreparazione mi sento sempre più stupida, menomata, privata di un pezzetto di me e cosa peggiore, vedo gli altri riuscire dove io fallisco in continuazione, e generazioni di conoscenze andare via. Forse sono sciocca ad affezionarmi così tanto a certe persone, ma voglio loro un bene infinito che mi fa male quando comincio a perderli, e questo mi butta ancora più giù in una spirale infinita... Ho perso così tante persone che se ci penso mi vien proprio male.

A questo si unisce ormai l'incapacità di creare rapporti con gli altri: temo l'affezione e siccome so di non essere una persona facile, temo che mi giudichino antipatica o spocchiosa o che si allontanino da me come è successo a tutti, oramai. Mi sento sola e perduta, è come se la mia strada non avesse più nessun senso. Sono partita con un sogno ma non lo vedo più e più mi sento indietro... Più VADO indietro. Mi sento male, non vado a lezione, comincio a mentire a tutti quelli che mi stanno intorno per giustificarmi e questo produce reazioni a catena sempre più disastrose, sempre più devastanti, ritardanti, esplosive, bugie che portano ad altre bugie che mi portano ad avere paura perfino della mia ombra. A volte mento perfino ai miei "amici" e non solo ai miei genitori per cercare di provocare in loro una qualche reazione qualsiasi, e mi rendo benissimo conto che è sbagliato ma mi sento così sola... Provo ad essere forte e vorrei esserlo ma mi rendo conto che ho bisogno di qualcuno, anche non come compagno di studio ma come confidente, che mi capisca, che mi aiuti...

E invece non trovo nessuno, e la situazione mi sta diventando insopportabile e insostenibile. C'è qualcuno di voi che abbia consigli sensati per me, o che si sia trovato nella stessa situazione? Come ne siete usciti?

PS=So che 22 anni sono ancora pochi e potreste dire "Sei giovane"... tuttavia non posso fare sempre ZERO esami... Questo è comunque inconcepibile, se voglio andare avanti e laurearmi =)


• Non è cane, non è lupo. Sa soltanto quello che non è •

summertime

Pilastro del Forum

  • "summertime" is male

Posts: 2,504

Activitypoints: 7,771

Date of registration: Mar 10th 2010

  • Send private message

2

Thursday, October 4th 2012, 12:59pm

Hai mai pensato che forse l'università non è la tua vocazione? E che forse è meglio evitare di insistere caparbiamente su un progetto traballante, e accettare con serenità l'idea di trovarsi un lavoro a tempo pieno?
“Se qualcuno ti dice che non ci sono verità, o che la verità è solo relativa, ti sta chiedendo di non credergli. E allora non credergli.”

Mad_the_mith

Colonna del Forum

  • "Mad_the_mith" is female

Posts: 2,051

Activitypoints: 6,198

Date of registration: Aug 23rd 2011

  • Send private message

3

Thursday, October 4th 2012, 2:42pm

A ingegneria si va per studiare, poi se ci escono degli amici e delle uscite bene, ma lo scopo non è quello.
A te piace ingegneria?
A tutta manetta in vespa e in lambretta!

Arianna_

Amico Inseparabile

  • "Arianna_" has been banned

Posts: 1,462

Activitypoints: 4,496

Date of registration: May 15th 2011

  • Send private message

4

Thursday, October 4th 2012, 4:07pm



PS=So che 22 anni sono ancora pochi e potreste dire "Sei giovane"... tuttavia non posso fare sempre ZERO esami... Questo è comunque inconcepibile, se voglio andare avanti e laurearmi =)


La maggiorparte degli ingegneri va avanti nonostante sia di un'ignoranza paurosa. Ingegneria non è fatta per studiare perché le discipline sono tante e ampie e se fatte per bene richiederebbero anni di studio. Vengono si e no accennate e la maggiorparte degli studenti neanche capisce ciò che ha studiato, né capisce che la disciplina è molto più ampia di quanto pensi e che ne sa poco e niente e passa l'esame a culo dopo essere stata bocciata decine di volte, perché magari ha la fortuna che il prof faccia la stessa domanda che aveva fatto in passato, per cui ne conosce la risposta, senza averla neanche capita fino in fondo.

Questo è ingegneria: secchiare capendo poco e niente, provare e riprovare finché non va bene. Una forma mentis più che apprendere qualcosa.
Sei ancora in tempo per apprenderla. Questo significa che puoi fare tutti gli esami e rimanere di una ignoranza paurosa, però:

1) devi andare a lezione, tutti i giorni
2) devi andare a tentare l'esame anche se hai studiato metà del programma e male: se ti bocciano potrai dire che il prof è pazzo, se hai fortuna e passi l'esame potrai inventarti la balla che eri preparatissima ma il prof era pazzo e ti ha messo un brutto voto. Tanto fanno tutti così ed è per questo che i prof hanno la fama di essere pazzi.
3) devi strutturare la tua vita in modo funzionale a tutto ciò.
4) devi studiare il tuo professore, non la materia. Ingegneria non è sapere un qualcosa, ma intuire quello che piace al prof, quali siano le sue domande tipo e come si vuol sentire dire ciò che chiede. Questa è la differenza tra il prendere essere bocciati e un 30.

In altre parole non devi avere una vita sociale, non devi pensare ai rapporti amicali, ma essere un automa che non salta una lezione, facendo finta di capire ciò che gli viene spiegato e facendosi bocciare decine di volte all'esame finché non lo passa (tradotto in italiano stomaco peloso tipo foresta amazzonica). Non ti abbattere se non capisci. In pochi capiscono e più capiscono, più si rendono conto di essere profondamente ignoranti. il resto fa finta e si dà un tono. Più se la tirano, più non hanno capito niente. Non hanno capito neanche di non aver capito. Non sei la sola, non ti scoraggiare.

Questo è ingegneria. Pelo sullo stomaco e tirarsela. Gli altri non sono colleghi di corso, amici, ma qualcuno che ti può essere utile perché ti presta gli appunti o ti tiene il posto, oppure una zavorra di cui liberarsi perché vuole sfruttarti.

Sta a te valutare se ti interessa continuare o meno. Se vuoi farlo, depenna dal tuo cervello ogni pensiero distraente, devi diventare una calcolatrice umana che se vede una doccia non pensa a lavarsi ma a come è stato dimensionato l'impianto.
Ma cos'è l'oceano, se non una moltitudine di gocce?

This post has been edited 1 times, last edit by "Arianna_" (Oct 4th 2012, 4:14pm)


Mad_the_mith

Colonna del Forum

  • "Mad_the_mith" is female

Posts: 2,051

Activitypoints: 6,198

Date of registration: Aug 23rd 2011

  • Send private message

5

Thursday, October 4th 2012, 4:15pm

Sei ingegnere mia cara che ne parli con tanta sicumera? O forse non ce l'hai fatta?

(Provare e riprovare, farsi bocciare, termini a me pressoché sconosciuti...un mazzo tanto e serietà come per ogni cosa che si vuole ottenere nella vita e in cui si crede)
A tutta manetta in vespa e in lambretta!

Arianna_

Amico Inseparabile

  • "Arianna_" has been banned

Posts: 1,462

Activitypoints: 4,496

Date of registration: May 15th 2011

  • Send private message

6

Thursday, October 4th 2012, 4:35pm

Sei ingegnere mia cara che ne parli con tanta sicumera? O forse non ce l'hai fatta?

Avevo la media del 29 (altissima), vecchio ordinamento, laurea quinquennale, lasciata a 4 esami dalla tesi. Professori stratosferici, non mezze calzette come in molte università, che mi stimavano e in paio di casi mi hanno ventilato la possibilità di continuare a collaborare oltre. Persone a cui passavo i compiti stanno al CNR.

Perché ho mollato? Per lo stesso motivo per cui sono qui, la mia vita non è stata facile e il fatto che non ne parli non significa che lo sia.


E tu che tu ergi sul podio sventolando titoli che possiedi per pensare di tacitarmi, di cosa parli?

Vecchio ordinamento, nuovo? Quinquennale, triennale, magistrale?

Sei un ingegnere senior o junior? A quale sezione dell'albo sei iscritta?

Quoted


(Provare e riprovare, farsi bocciare, termini a me pressoché sconosciuti...un mazzo tanto e serietà come per ogni cosa che si vuole ottenere nella vita e in cui si crede)

Urge ripassino di termodinamica, regolette basi. Te lo consiglio e per il tuo bene mi limito a questo. Hai scritto una stupidaggine tale in uno di questi 3d che, ti assicuro, ho visto professori bocciare lanciando libretti dalla finestra per molto molto meno, paonazzi in volto per come urlavano. Altri tempi, oggi non si fa più, l'università deve essere produttiva e il livello qualitativo è sceso. Ho avuto la fortuna di avere ottimi maestri.

Non mi sfidare, non voglio la guerra, ma certi toni non te li consento. Ingegnerechehadifferenzamiac'hailbollinobludellalaurea.

Io ho raccontato ciò che ho visto coi miei occhi per anni e potrei fare una lunga lista di esempi per spiegare ciò che ho visto. Cose che ho sempre pensato, tra l'altro e confermate da tutti i colleghi di corso, perché erano palesi.

Ti sei sentita tirare in ballo? Problema tuo, a me non risulta stessi parlando di te. Coda di paglia?
Ma cos'è l'oceano, se non una moltitudine di gocce?

Arianna_

Amico Inseparabile

  • "Arianna_" has been banned

Posts: 1,462

Activitypoints: 4,496

Date of registration: May 15th 2011

  • Send private message

7

Thursday, October 4th 2012, 5:12pm

Tra parentesi, ci sarebbe da chiedersi qual è l'utilità di questa risposta

A ingegneria si va per studiare, poi se ci escono degli amici e delle uscite bene, ma lo scopo non è quello.
A te piace ingegneria?


nel 3d di una ragazza iscritta ad ingegneria e scoraggiata dal bilancio sulla sua vita universitaria.

Come se a psicologia o a lettere o a giurisprudenza si andasse per lavorare all'uncinetto o fare bisboccia, tra l'altro. Si studia solo ad ingegneria, eh. :rolleyes:
Ma cos'è l'oceano, se non una moltitudine di gocce?

  • "ValeHikari" is female
  • "ValeHikari" started this thread

Posts: 132

Activitypoints: 466

Date of registration: Sep 25th 2012

Location: Milano

Occupation: Studentessa PoliMi • Meccanica

  • Send private message

8

Thursday, October 4th 2012, 9:25pm

Non volevo scatenare polemiche... Cerco di rispondere a tutti quelli che hanno scritto, grazie comunque a tutte le risposte! :D




Quoted

Hai mai pensato che forse l'università non è la tua vocazione? E
che forse è meglio evitare di insistere caparbiamente su un progetto
traballante, e accettare con serenità l'idea di trovarsi un lavoro a
tempo pieno?


No, non ci ho mai pensato. Ho un diploma di Liceo Classico e senza modestia dico che sono uin gamba, intelligente. Sono forse traballante ADESSO, forse cambiare facoltà magari, ma l'idea di lavorare senza laurea non vorrei considerarla. Non per ora, visto che comunque un centinaio di crediti li ho dati.

Quoted

A ingegneria si va per studiare, poi se ci escono degli amici e delle uscite bene, ma lo scopo non è quello.

A te piace ingegneria?
Mi piace molto, proprio per questo mi sento dentro un tritacarne. Le volte che provo a studiare e passo gli scritti, nonostante tutto mi bocciano, mi fanno domande che sembrano insormontabili e mi sembra di non capirci più nulla. Questo peggiora le cose. Comunque il fatto degli amici e delle uscite lo dico fondamentalmente perché l'ambiente in cui sono non aiuta. Studiare sempre sola, senza confronti, non avere un momento magari per farsi una risata, per spezzare, passare le pause da sola, sono tutte cose che mi fanno pesare andare all'università. Inoltre so molto bene che a ingegneria si va per studiare... Ma dopo aver cominciato a lavorare le cose sono andate sempre peggio proprio perché ero stanca, non riuscivo a trovare motivazione e mi sentivo scoraggiata dal fatto che non capivo niente; ho chiesto consiglio proprio perché mi sento smarrita e non riesco a ritrovare la voglia e la giusta motivazione per studiare, e questo mi getta nello sconforto; sono preoccupata anche quando non ce n'è motivo, sono ansiosa, piango sempre quando sono sola, non riesco ad esternare ciò che sento, mento, mi sento un robot (Per tornare ad Arianna :DD), dormo male e molto altro...

Quoted

Si studia solo ad ingegneria, eh.
Aahahaha guarda che questa non è una frase rara da sentire in giro qua in facoltà XDD cmq ovviamente volevo sottolineare che io non lo penso, anzi. XD
Comunque volevo dire che qua il problema è un po' troppo radicato, insomma, troppe sessioni senza esami... Non posso puntare sulla botta di culo per sempre... E soprattutto credo che il problema esista nella mia testa. Voglio essere ingegnere, ma non voglio essere una macchinetta... Certo che l'ingegneria è una forma mentis e dai racconti di quello che studi serve davvero poco, ma voglio cmq essere una persona... So che sembra sbagliato ma le vedo come persone le persone intorno a me. Né come zavorra, né come utilità...

Quoted

Sta a te valutare se ti interessa continuare o meno. Se vuoi farlo,
depenna dal tuo cervello ogni pensiero distraente, devi diventare una
calcolatrice umana che se vede una doccia non pensa a lavarsi ma a come è
stato dimensionato l'impianto.
Non voglio diventare questo tipo d'ingegnere anche se, paradossalmente, questo pensiero mi tira su XD Se ce la fanno i cretini e gli ignoranti, forse io che ci penso tanto prima o poi mi sbloccherò...
Cmq non vorrei che chiunque pensasse che sono diventata una macchina anche io, che ce l'ho fatta. La freddezza è una cosa, imparare a macchina è un'altra... Non è quello che voglio essere, ecco. Vorrei capirci qualcosa, anche perché se no poi nel mondo del lavoro come si fa? Si consultano manualoni e si chiede consiglio ai tecnici? XD


• Non è cane, non è lupo. Sa soltanto quello che non è •

Chicisaràdopodime

Osservatore al crepuscolo

  • "Chicisaràdopodime" is male

Posts: 246

Activitypoints: 849

Date of registration: Jul 23rd 2009

Location: Sud Italia

  • Send private message

9

Thursday, October 4th 2012, 9:37pm


E invece non trovo nessuno, e la situazione mi sta diventando insopportabile e insostenibile. C'è qualcuno di voi che abbia consigli sensati per me, o che si sia trovato nella stessa situazione? Come ne siete usciti?

PS=So che 22 anni sono ancora pochi e potreste dire "Sei giovane"... tuttavia non posso fare sempre ZERO esami... Questo è comunque inconcepibile, se voglio andare avanti e laurearmi =)


Io mi sono trovato nella tua stessa situazione a 19 anni, dopo una maturità scientifica conseguita con il massimo dei voti. Dopo aver superato gli esami teorici (Analisi I e II, Fisica I e II) mi sono bloccato sulle materie più pratiche (Elettrotecnica, Informatica) e non ne sono uscito come vorresti uscirne tu, nel senso che ho gettato la spugna e mi sono iscritto ad un'altra facoltà mooooolto più morbida e meno impegnativa. Considera che per sopravvivere ad Ingegneria bisogna fare come ha scritto Arianna; se viene a mancare la serenità e la lucidità mentali innanzitutto, difficilmente si riesce a combinare qualcosa di buono.

Mad_the_mith

Colonna del Forum

  • "Mad_the_mith" is female

Posts: 2,051

Activitypoints: 6,198

Date of registration: Aug 23rd 2011

  • Send private message

10

Thursday, October 4th 2012, 10:16pm

Mia cara Arianna,

Dunque non ce l'hai fatta e spandi parole biliose sulla tua ex facoltà e su chi, al contrario di te, c'è riuscito. Bene.

Peccato poi con quella media, lasciare. Mi spiace per te...che hai perso il filo.

Veniamo brevemente a me.

110/110 lode, Università degli studi di Genova, laurea in ingegneria chimica 22/7/99, vecchio ordinamento, quinquennale.
Prove sperimentali della tesi presso l'università tecnica di Vienna, “Studio sperimentale e progettuale di un impianto di clean-up per un gas proveniente da gassificazione di biomasse e finalizzato all’utilizzo in celle a combustibile”.

Nessun albo, ho lavorato dal 2000 a tempo indeterminato come dipendente di due primarie aziende del settore energia, in una come capo manutenzione e ora in un'altra come buyer dedicato al service. Ho passato l'esame di stato e se un giorno avrò bisogno di iscrivermi all'albo, mi iscriverò.

Quanto alle difficoltà incontrate nel corso degli studi mi è solo mancato il papà nel 97, pensionato ex ferroviere, e mi è rimasta la mamma, pensionata e invalida al 90%.

Ci siamo fatte forza e ho continuato a studiare a testa bassa, l'unica cosa sensata da fare, anche per non buttare alle ortiche i loro e i miei sacrifici, in modo da trovare lavoro il prima possibile.

Sensata per me, ovvio. E' andata bene, vista da dove sono ora.

Mi sono appassionata subito al mio corso di studi, scelto volontariamente, e questo è stato il motore primario per andare avanti, nonostante tutto.

Venendo alla nostra amica e collegandomi alla mia esperienza non posso non ripeterle la domanda in merito al fatto se le piaccia o meno studiare a ingegneria. E' la chiave di tutto, se non piace, non ha senso andare avanti, tanto più in un corso così pesante come ingegneria meccanica.

Buona parte del suo post è incentrato sul fatto di non fare amicizie e dunque non dare esami, ma improntare i propri successi scolastici sulle compagnie non porta a molto.

Ciò non toglie che ripassare e chiarirsi i dubbi con gli altri sia positivo e stimolante, così come è bello uscire insieme con i compagni di corso (io avevo fatto un bel gruppo festaiolo con i piemontesi fuori sede), ma non è certo lo scopo di essere iscritti ad una facoltà.

Questa la mia opinione e la nostra amica ha risposto, argomentando pacatamente.

Mi farebbe comunque piacere se mi spiegassi la castroneria termodinamica, non per far polemica, ma per capire.

Certo che, caro il mio quasiingegneremenoquattro, potevi farmela notare subito, invece te ne esci solo ora dopo mesi...mah...

:music:
A tutta manetta in vespa e in lambretta!

This post has been edited 2 times, last edit by "Mad_the_mith" (Oct 4th 2012, 10:29pm)


Arianna_

Amico Inseparabile

  • "Arianna_" has been banned

Posts: 1,462

Activitypoints: 4,496

Date of registration: May 15th 2011

  • Send private message

11

Thursday, October 4th 2012, 11:41pm

Mia cara Arianna,

Dunque non ce l'hai fatta e spandi parole biliose sulla tua ex facoltà e su chi, al contrario di te, c'è riuscito. Bene.

Parole biliose? Ghghghghg
Ok, raccontiamoci la favoletta che ingegneria è come Highlander e ne sopravviverà soltanto uno, quello dotato di intelletto superiore come te.
Però ti consiglierei di evitare questa argomentazione, altrimenti si capisce cosa stai facendo. Magari qualcuno si chiede perché sei scattata in questo modo per un mio post che parlava della mia vita, cosa ti abbia smosso dentro.

Quoted


Peccato poi con quella media, lasciare. Mi spiace per te...che hai perso il filo.

ghghghg ha fatto la battuta, il filo di arianna, applausi a scena aperta. Peccato che tale senso dell'ironia le faccia difetto quando si tratta di sé, e basta vedere come è scattata in questo 3d


Veniamo brevemente a me.


110/110 lode, Università degli studi di Genova, laurea in ingegneria chimica 22/7/99, vecchio ordinamento, quinquennale.
Prove sperimentali della tesi presso l'università tecnica di Vienna, “Studio sperimentale e progettuale di un impianto di clean-up per un gas proveniente da gassificazione di biomasse e finalizzato all’utilizzo in celle a combustibile”.

Nessun albo, ho lavorato dal 2000 a tempo indeterminato come dipendente di due primarie aziende del settore energia, in una come capo manutenzione e ora in un'altra come buyer dedicato al service. Ho passato l'esame di stato e se un giorno avrò bisogno di iscrivermi all'albo, mi iscriverò.


Quanto alle difficoltà incontrate nel corso degli studi mi è solo mancato il papà nel 97, pensionato ex ferroviere, e mi è rimasta la mamma, pensionata e invalida al 90%.


Ora che hai finito con la tua solita autopromozione, ti invito a ricordare che questo non è il forum degli ingegneri, dove saresti una tra tanti, ma di persone che hanno problemi e questo è il 3d di una ragazza che ha problemi con lo studio. Che ha dei problemi che non sta a me o a te quantificare, non li ha superati ed è in piena crisi. Mi spiace per il babbo, ma prima di digitare i ditini sulla tastierina dovresti chiederti se magari non hai a che fare con persone che - come te - hanno avuto problemi nella vita. Almeno in un forum così, diciamo che sarebbe il caso di reputarlo plausibile e automoderarsi preventivamente, per chi si pone il problema almeno.

La tua laurea non ti ha impedito la castroneria di cui sopra, indi ti invito a non usarla (la laurea) per umiliare le persone o sminuirne le opinioni altrui senza entrare nel merito delle stesse, ma ridicolizzando a livello personale. Non è un modo di fare accetto dalla netiquette, se non altro, e una laurea non è un lasciapassare per certe derive. Né sei la sola ad esserti laureata a livello italiano o a lavorare, sei una tra migliaia e migliaia di persone, giusto qui dentro puoi usare un'argomentazione del genere per zittire qualcuno come hai provato a fare con me. Il che non è un titolo di merito, mi spiace tu non te ne renda conto. Poi se vuoi confrontiamo anche i voti delle superiori, delle medie e delle elementari, facciamo una media pesata e stabiliamo chi ha diritto a scrivere nel forum, mi sembra congruo col tuo modo di ragionare, no? :rolleyes:

Se non te l'ho fatta notare, la castroneria, è perché non è mia abitudine ridicolizzare gli altri come hai cercato di fare tu in questo 3d con me e come è tua abitudine consolidata, tirando in ballo cose tipo i congiuntivi. Dall'alto di quel nick, poi, ci vuole un coraggio (ndArianna). :dash:
Tra parentesi, non ho mai scritto che sono passati mesi dalla tua castroneria. Evidentemente devi averne scritte due e una deve essermi sfuggita, che dirti.

Ti ho mai rotto le scatole in questo forum, ingegnere? Non mi risulta. Potevi fare altrettanto, sarebbe stato corretto, diciamo.

Perché vedi, come lo fai tu possono gli altri, se evitano non è certo perché non ci arrivano. E' che non è il caso, specie qui. E' come sparare sulla croce rossa.

Se mi dai dell'ignorante che non ce l'ha fatta e che a differenza tua non sa cosa sia la serietà e l'impegno, ti rido dietro. Dieci volte, non una. Non solo per quello che ho visto in facoltà per anni, ma per quello che scrivi: il tuo curriculum non mi impressiona più di tanto, ne ho visti di migliori e da parte di chi castronerie come la tua non le ha mai neanche pensate. Né è la tua stima ad interessarmi a questo punto, mi interessa ricordare di averla avuta da chi a differenza tua ha molti altri titoli nella manica, decine e decine in più di te e a differenza tua, prima di giudicarmi ha esaminato la mia preparazione, e se mi ha stimato è a ragion veduta, voglio sperare. Non per partito preso come te: mica sei un mio prof, sai? Non hai titoli per giudicarmi come hai fatto in questo 3d. Non li hai per preparazione, né per motivi fattuali: non mi conosci, non sai niente di me, stai giudicando un avatar in un forum e parli di serietà e impegno. C'è un che di sottilmente comico in tutto questo.

Se non eri d'accordo con la mia opinione ed esperienza di vita riportata in questo 3d, potevi entrare nel merito della stessa riportando la tua, invece - e stai continuando a farlo tra le righe - sei entrata nel merito della mia persona cercando di trasformare una testimonianza più che legittima (anche perché non abbiamo frequentato la stessa facoltà) in una stupidaggine che sarebbe tale solo perché tu c'hai la laurea e io no, quindi le mie sono valutazioni biliose per principio, perché tu sei tanto brava e "io non ce l'ho fatta". E' un modo di fare di una meschinità oscena, specie in un forum come questo, e mi spiace tanto tu non te ne renda conto.

Mi verrebbe da chiederti: se tu sei tanto brava, qui che ci fai? Ma non te lo chiedo, perché la risposta mi sembra evidente.

La mia non laurea non rende stupidaggini ciò che ho scritto. Anche perché io la media del 29 l'ho presa non rifiutando MAI un esame, MAI sono stata bocciata: le mie non sono valutazioni basate su incapacità personali e il mio libretto lo attesta. Libretto firmato da gente che a differenza tua ha la competenza e il titolo per esaminare e soprattutto ha avuto con me dei contatti molto più intensi di quanto possibile qui, intensi e mirati a valutare la mia preparazione. Ma evidentemente quel mio post deve averti smosso qualcosa dentro se neanche un minuto dopo ti sei affrettata a giudicarlo sicumera di una che non ce l'ha fatta, che non sa cosa sia impegno e serietà senza neanche interessarti di capire cosa intendessi. Sono cose che ho sempre pensato, anche quando frequentavo e la mia vita era in regola, e se le penso è perché potrei spiegarle con decine e decine di esempi. Ma ovviamente c'è qualcosa che ti urta in tutto ciò e quindi devo essere messa in ridicolo perché non tolleri un'esperienza sul campo diversa dalla tua. Ora: la mia vita è andata a meretrici e per me non è argomento da battutine, anche se a te evidentemente diverte molto e trovi simpatico farci su un po' di ironia gratuita. Anche perché hai dimostrato in questo 3d una certa mancanza di spirito autoironico, se qualcosa ti tocca, sei molto seria quando si tratta di te. Non prendo lezioni di serietà e impegno da te, non da una che apre bocca e dà fiato, forummisticamente parlando, perché nelle tue risposte non ci metti né serietà, né impegno a cercare di capire. Tu hai la tua vita, tu hai avuto i problemi, e gli altri scrivono stupidaggini perché l'uva è acerba, che ci vuoi fare. Non so cosa ti faccia pensare di poterti permettere questo atteggiamento, non di certo il titolone che hai appena sfoggiato: ti ripeto, non mi impressiona, ne ho visti tanti di ingegneri con titoloni meglio dei tuoi e so come hanno passato ogni singolo esame perché me lo ricordo. E oggi - mi spiace ammetterlo - hanno fatto carriera migliore della tua. Giusto qui puoi vantarli, altrove sono normali e io ho frequentato un ambiente dove sono normali, non mi impressiona.

Pure la data della laurea c'hai messo, come se interessasse a qualcuno sapere se ti sei laureata in sessione estiva o invernale.

Devo dire che ti avevo sopravvalutato, almeno a livello umano, e non è una considerazione che mi piace fare.

Quoted



Venendo alla nostra amica e collegandomi alla mia esperienza non posso non ripeterle la domanda in merito al fatto se le piaccia o meno studiare a ingegneria. E' la chiave di tutto, se non piace, non ha senso andare avanti, tanto più in un corso così pesante come ingegneria meccanica.

Buona parte del suo post è incentrato sul fatto di non fare amicizie e dunque non dare esami, ma improntare i propri successi scolastici sulle compagnie non porta a molto.

Ciò non toglie che ripassare e chiarirsi i dubbi con gli altri sia positivo e stimolante, così come è bello uscire insieme con i compagni di corso (io avevo fatto un bel gruppo festaiolo con i piemontesi fuori sede), ma non è certo lo scopo di essere iscritti ad una facoltà.

Questa la mia opinione.


Ed infatti è proprio ciò che hai scritto. Cito testualmente:

"A ingegneria si va per studiare, poi se ci escono degli amici e delle uscite bene, ma lo scopo non è quello.
A te piace ingegneria?"


Devo dire che hai un concetto della sintesi un po' personale, ma sono contenta che - molto spontaneamente - hai avuto modo di esplicitare ciò che intendessi, eri troppo impegnata a farmi passare come la volpe che svilisce l'uva distante.

Ritornando al 3d, e sperando di poter parlare in santa pace dell'argomento del 3d senza ulteriori sarcasmi e attacchi personali di chi non tollera lontanamente la possibilità che il proprio pezzo di carta e la propria posizione sociale possano essere messe in discussione, neanche in modo indiretto e non a lei riferito, e quindi scatta e cerca di ridicolizzare un altro utente, senza il minimo tentativo di capire di cosa si parli...

ripeto, vediamo se si può tornare in 3d:

direi alla ragazza di cui sopra di non scoraggiarsi se vuole diventare un ingegnere, è il requisito fondamentale. A lezione non capire è assolutamente normale, perché i prof ti bombardano di informazioni e hai a malapena il tempo di copiare ciò che scrivono alla lavagna (e neanche sempre). Capisci dopo, quando studi, e a volte è necessario rileggere più volte e aver integrato con altro per mettere il puzzle assieme. Ovvio che se salti delle lezioni poi diventa difficile: si va per stratificazione di informazioni, se ti perdi le basi non vai oltre. Se poi, come succedeva a me, non hai libri di testo, diventa impossibile.

Quindi prima regola: darsi una regolata. Andare a lezione, andare a fare gli esami, non rimandare. Tanto male che vada ti bocciano, ma se non ci provi ti bocci da sola. Non hai molto da perdere.

Perché quanto ho scritto significa che ce la puoi fare, anche partendo da zero in questo momento, se dai un taglio completamente diverso al tuo approccio: meno pippe, più pelo sullo stomaco. Non sei stupida, è normale avvertire il desiderio di rapporti sociali e soffrirne se non ne hai, non c'è niente di sbagliato in te. Devi solo tirare la carretta e non scoraggiarti. Puoi fare figuracce ad un esame, può capitare: non sarai la prima e la sola, anzi è pratica comune, anche di chi a posteriori se la tira. Anzi, la mia esperienza personale è che se la tirano proprio quelli che hanno un conto in sospeso con le figuracce. Rimozione, così si chiama.

Non è un caso che ingegneria sia considerata selettiva, e se lo è è proprio perché gente viene continuamente bocciata, anche quelli che si laureano.

Però quando poi l'esame te lo sei preso, non conta neanche come (se a fortuna o meno), alla fine ti ritrovi col pezzo di carta e tanti pezzi di carta sono stati costruiti proprio così. Se ti metti in discussione in modo deleterio, se vai in crisi, se perdi il ritmo, se cominci a sentirti ignorante o stupida non vai da nessuna parte. Le capacità contano fino ad un certo punto, la cosa più importante è tenere botta e ridimensionare le tue aspettative sulla vita sociale e ciò che pretendi da te. Non devi essere intelligente o meglio, semplicemente non devi scoraggiarti a priori. Non pretendere una conoscenza puntuale degli argomenti, perché la materia è così complessa che se ne sfiora solo la superficie. La maggiorparte degli studenti di ingegneria non ha la minima idea di come muoversi non appena si esce dagli esempi ben modellati, di interesse tecnologico, o si rimuovono alcune condizioni semplificative, ed è normale che sia così. La differenza è che alcuni neanche si rendono conto che c'è tanto altro rispetto a quanto da loro studiato, pensano di sapere. Ingegneria non è una facoltà che premia lo studio, perché se vuoi capire, se vuoi approfondire e farti domande, per laurearti ci metti 30 anni.

Il discorso è: te la senti? Se è quello che vuoi, formatta il cervello e riparti da zero, senza riflettere più sugli anni passati perché è un pensiero deleterio, che non aiuta, anzi ti danneggia. Una zavorra mentale che ti allontana dalla meta. Cancella tutto e riparti da zero in modo diverso. Se non te la senti, lascia perdere e prova a cambiare facoltà o a dedicarti a cercare lavoro. Questo è il mio consiglio spassionato, fanne quello che reputi.
Ma cos'è l'oceano, se non una moltitudine di gocce?

This post has been edited 2 times, last edit by "Arianna_" (Oct 5th 2012, 12:53am)


Mad_the_mith

Colonna del Forum

  • "Mad_the_mith" is female

Posts: 2,051

Activitypoints: 6,198

Date of registration: Aug 23rd 2011

  • Send private message

12

Friday, October 5th 2012, 8:07am

Tu hai dei problemi seri.

Oltre al fatto di non essere riuscita a traguardare i tuoi obiettivi, intendo.

Auguro invece a ValeHikari di superare la crisi e arrivare velocemente al titolo, se è ciò che desidera per se'.

Buona giornata, Arianna, ti lascio alla tua solita esacerbante emorragia di parole.
A tutta manetta in vespa e in lambretta!

This post has been edited 2 times, last edit by "Mad_the_mith" (Oct 5th 2012, 9:10am)


Arianna_

Amico Inseparabile

  • "Arianna_" has been banned

Posts: 1,462

Activitypoints: 4,496

Date of registration: May 15th 2011

  • Send private message

13

Friday, October 5th 2012, 10:27am

Tu hai dei problemi seri.

Oltre al fatto di non essere riuscita a traguardare i tuoi obiettivi, intendo.

Complimenti.

Devi essere esperta di problemi, ma proprio pratica, per riconoscerli al volo e fare diagnosi in base ad un post su internet. Non ti chiederò da dove tiri fuori questa sicumera, perché è evidente.

L'ingegnera del forum, la dietologa del forum, la podista del forum, la psichiatra del forum.

Di questo passo hai tutte le carte in regola per diventare la PIppa Bauda del forum. :thumbup:

Ora che hai capito, finalmente, che ho problemi e hai diffuso il tuo bollettino ufficiale sul mio stato di salute mentale, ritornano le due domande di cui sopra:

Tu in questo forum che ci fai? E in questo 3d che hai fatto?

Volevo dirti che il tuo curriculum è in parte lacunoso. Mancano particolari fondanti, tipo l'ora in cui hai discusso la tesi e il colore della sua rilegatura. Non vorrai lasciare il forum con questi inquietanti interrogativi, a qualcuno potrebbe venire una crisi d'ansia all'idea di non avere risposta.

Quoted


Auguro invece a ValeHikari di superare la crisi e arrivare velocemente al titolo, se è ciò che desidera per se'.

Eh, perché altre parole per questo 3d non è che ne hai avute. A parte dare per scontato che ingegneria non le piaccia e che non stia lì per studiare, ovviamente. Cosa mai non si fosse capito su cosa hai concentrato la tua attenzione e su cosa stai continuando a focalizzarla.

Quoted



Buona giornata, Arianna, ti lascio alla tua solita esacerbante emorragia di parole.


Stai rilanciando in realtà. ;)
La mia solita esarcerbante emorragia di parole da te provocata. Io avevo semplicemente espresso la mia opinione basata sulla mia esperienza di vita ma a quanto pare in questo 3d possono rispondere solo gli ingegnericolbollinoblu e solo cose che esaltino la figura degli ingegnericolbollinoblu. Peccato che a loro non interessi partecipare in altro modo.

Ah, ti comunico che dopo questo scambio dal mio libretto son spariti 3 esami e la media è scesa al 25. Se continui così riuscirai a trasformarmi in una che parla senza sapere di cosa. Se vuoi ti lascio un paio di congiuntivi sbagliati a casaccio su cui appigliarti per fare bella figura e continuare l'opera di demolizione che stai attuando. Le iconcine che fanno la ola sai dove trovarle. Ogni tanto mettine un paio, commenti come il precedente sono meno vincenti, fidati.
Ma cos'è l'oceano, se non una moltitudine di gocce?

This post has been edited 1 times, last edit by "Arianna_" (Oct 5th 2012, 11:00am)


Kimitake

alla ricerca della speranza perduta

  • "Kimitake" is male

Posts: 687

Activitypoints: 2,235

Date of registration: May 16th 2008

Location: Foresta

  • Send private message

14

Friday, October 5th 2012, 11:32am

Ciao a tutti :)
Vi renderete subito conto del problema che espone questo post, perché è classico e immagino che molti ci si ritrovino prima o poi... Questo topic parla di crisi universitaria.
Io studio ingegneria meccanica, orientamento Veicoli, al politecnico di Milano; ho 22 anni. Dovrei essere oramai alla fine del terzo anno, ma inutile dire che la situazione è del tutto differente... è una facoltà dura, e l'ambiente in cui mi sono trovata è particolare. Per prima cosa, il 98% della gente è maschio e io sono una ragazza. So che questo non dovrebbe influire sulla mia vita, ma l'ha fatto negli anni credo. Non ho trovato mai degli amici veri e sinceri, e alla fine sono sempre stata sola.

Ciao Vale
penso che questo paragrafo sia molto importante per spiegare le tue difficoltà: molte persone come te hanno la necessità di percorrere la strada insieme ad altre persone... è molto più normale sentire la necessità di avere amici all'università che rinchiudersi da soli in camera per anni a studiare e fregarsene della vita sociale!
E' necessario trovare un equilibrio in cui tu possa frequentare persone del tuo corso, che siano almeno sufficientemente simpatiche (dai infondo frequenti ing. meccanica... mica ing civile!), con le quali ti senta a tuo agio a studiare insieme... Non aspettarti necessariamente che diventino tuoi amici, ma vivi serenamente in loro compagnia, e magari con il passare del tempo riuscirete a formare tra di voi un legame speciale, oltre la solidarietà tra studenti...

Quoted



Dopo la fine del primo anno che ho completato senza problemi e in tempo, ho cominciato il secondo anno e ho preso la malsana abitudine di rimandare. All'inizio andavo a lezione sempre, poi piano piano ho smesso quando ho cominciato a capire sempre meno, e alla fine ho rimandato gli esami, e li ho rimandati ancora... Le poche persone che ho conosciuto si sono dileguate quando hanno passato gli esami che io ho lasciato indietro perché i loro corsi erano differenti, hanno smesso di farsi sentire e sono rimasta sola. Mi sono attaccata molto a diversi ragazzi, (NON in senso amoroso eh, ma di amicizia), ma lentamente credo di aver capito che per loro non conto nulla. Non mi chiamano, si fanno sentire solo se lo faccio io per prima, non parlano con me e quando lo fanno hanno solo parole di compassione ("Ce la farai", "Dai su", "la prossima volta è quella buona", "non sei stupida" etc.)...

Rimandare è molto pericoloso, specialmente quando si comincia a giustificarsi con frasi tipo: "voglio capire meglio", "non mi va di essere come i miei compagni di corso che imparano a memoria e non capiscono un c..o di quello che studiano", "alla fine il tempo che impiegherò a capire perfettamente la materia sarà un ottimo investimento"... per questo mi sento piuttosto d'accordo con i consigli un po' "brutali" :punish: di Arianna ;-)

io non ho studiato ingegneria, ma chimica... ed io sono stato per anni vittima di questo circolo vizioso... figurati che per preparare un esamucolo opzionale da 4 crediti ho studiato su due libri di 400 pagine, perché pensavo che poi avrei fatto il figo col prof... risultato mi trovavo a sempre a due settimane dall'esame che avevo studiato superapprofondiamente un terzo del programma, e del resto non sapevo una cippa!!!!!... ma io continuavo imperterrito, volevo creare la situazione in cui avrei dimostrato le mie capacità che venivano sempre denigrate dall'università...
Un mio piccolo consiglio: non devi dimostrare niente a nessuno. Non devi giustificarti per le tue difficoltà con gli esami davanti ai tuoi compagni, vai per la tua strada, rialzati dopo ogni caduta, e fai un passo dopo l'altro.... Ecco adesso con questi miei consigli mi daranno il nobel in fuffologia :pinch: .... però è vero!!! Più o meno la verità sta in queste piccole cose... :thinking:

Quoted



Io ho dei problemi in famiglia per cui ho cominciato anche a lavorare un po', e questo è stato la mia rovina. Ho smesso completamente di dare esami, e sono quasi due anni che non ne do nemmeno uno. Tento di studiare sola e vado alle sessioni, ma mi rendo conto di non essere preparata, e le poche volte che arrivo all'orale panico, balbetto o peggio, mi viene da ridere se non so niente e vengo presa per una mezza scema e ovviamente bocciata.

anche per quanto riguarda il lavoro, pensa bene se in effetti è qualcosa che ti impedisce di studiare o se è soltanto una giustificazione che cerchi dentro di te... io sono un maestro nel trovare scuse per i miei insuccessi, e ho un buon fiuto per questo genere di argomenti... ;-) Anch'io ho lavorato durante l'università, e quando ho smesso per seguire i consigli dei miei e concentrarmi solo sull'università mi sono trovato molto peggio... all'impegno del lavoro si era sostituita la pressione psicologica terribile di vivere sulle spalle della mia famiglia... letteralmente non riuscivo a fare niente, molto peggio di quando lavoravo... la soluzione potrebbe essere un lavoro nei fine settimana, idealmente in qualcosa che ha a che fare con i tuoi studi, ma non necessariamente...

Quoted



Vorrei ritrovare la motivazione a studiare e a volermi bene, perché quando mi accade di ritirarmi o di non presentarmi per il terrore e per l'impreparazione mi sento sempre più stupida, menomata, privata di un pezzetto di me e cosa peggiore, vedo gli altri riuscire dove io fallisco in continuazione, e generazioni di conoscenze andare via. Forse sono sciocca ad affezionarmi così tanto a certe persone, ma voglio loro un bene infinito che mi fa male quando comincio a perderli, e questo mi butta ancora più giù in una spirale infinita... Ho perso così tante persone che se ci penso mi vien proprio male.

A questo si unisce ormai l'incapacità di creare rapporti con gli altri: temo l'affezione e siccome so di non essere una persona facile, temo che mi giudichino antipatica o spocchiosa o che si allontanino da me come è successo a tutti, oramai. Mi sento sola e perduta, è come se la mia strada non avesse più nessun senso. Sono partita con un sogno ma non lo vedo più e più mi sento indietro... Più VADO indietro. Mi sento male, non vado a lezione, comincio a mentire a tutti quelli che mi stanno intorno per giustificarmi e questo produce reazioni a catena sempre più disastrose, sempre più devastanti, ritardanti, esplosive, bugie che portano ad altre bugie che mi portano ad avere paura perfino della mia ombra. A volte mento perfino ai miei "amici" e non solo ai miei genitori per cercare di provocare in loro una qualche reazione qualsiasi, e mi rendo benissimo conto che è sbagliato ma mi sento così sola... Provo ad essere forte e vorrei esserlo ma mi rendo conto che ho bisogno di qualcuno, anche non come compagno di studio ma come confidente, che mi capisca, che mi aiuti...

E invece non trovo nessuno, e la situazione mi sta diventando insopportabile e insostenibile. C'è qualcuno di voi che abbia consigli sensati per me, o che si sia trovato nella stessa situazione? Come ne siete usciti?

PS=So che 22 anni sono ancora pochi e potreste dire "Sei giovane"... tuttavia non posso fare sempre ZERO esami... Questo è comunque inconcepibile, se voglio andare avanti e laurearmi =)


A quanto ho scritto sopra aggiungo che difficilmente ci può essere motivazione in una persona che non riesce a volersi bene e ad accettarsi per come è, con i suoi limiti e le sue debolezze e le sue capacità e potenzialità...

Se ti può interessare posso consigliarti alcuni libri che mi hanno aiutato ad accettarmi un po' e a finire l'università...

Ciao e in bocca al lupo!
Fanciulla, dimmi di nuovo
cosa può crescere senza pioggia?
cosa può ardere per molti anni?
cosa può bramare e piangere senza lacrime?
_______________
amare... i propri nemici

Arianna_

Amico Inseparabile

  • "Arianna_" has been banned

Posts: 1,462

Activitypoints: 4,496

Date of registration: May 15th 2011

  • Send private message

15

Friday, October 5th 2012, 12:12pm

per questo mi sento piuttosto d'accordo con i consigli un po' "brutali" di Arianna ;-)


Hai ragione, in realtà volevo essere caustica e smitizzare la famosa figura dell'ingegnere in gamba che tanto fa sentire fallito chi non regge il botto, perché è tutto un grosso bluff. Solo che i toni in rete non sempre sono facili da rendere e quindi porgo l'altra guancia volentieri e cerco di spiegarmi meglio.

Ingegneria è una facoltà in cui ti insegnano ad essere competitivo più che collaborativo, ad essere "quadrato", sviluppare la mentalità da mulo che non si ferma davanti a niente e ad essere anche un po' "snob" verso chi resta indietro. Sarà la frustrazione di vivere qualche anno della tua vita in modo meno spensierato, con meno svaghi, o la perenne sensazione - che TUTTI vivono e che è normalissima - di non riuscire a reggere botta, si diventa un po' - come dire - insensibili verso chi resta un po' indietro, così come si tende a legarsi agli altri in modo orientato alla preparazione. Questo per dirti che ad ingegneria è possibile fare amicizia, ma il filtro base non è tanto la simpatia o piacevolezza reciproca, quando parametri tipo: è bravo o meno, quindi studiarci assieme può essere costruttivo o una perdita di tempo; è intelligente o meno, quindi parlare con lui può servire a chiarirmi le idee oppure mi ritroverò sempre io a spiegare le cose a lui...etc etc etc... non è che non si possa fare amicizia, ma almeno ai primi anni quando si è in tanti a seguire un corso, si sviluppano meccanismi da gruppetto che tendono ad escludere altri in vista del voto dell'esame. Chi viene facilmente escluso? Le persone non "affidabili". Quelli che non vanno a lezione, che non seguono, che non ci sono, con cui non puoi studiare assieme perché non reggono il ritmo etc etc. In pratica, Vale, ritirandoti dalla vita universitaria ti sei ritirata anche dalla vita amicale universitaria, molto orientata alla preparazione.

In più hai il problema che ben conosco di essere donna in un gruppo di maschietti. Per cui spesso ti puoi ritrovare - specie se sola - in situazioni sgradevoli in cui magari i tuoi colleghi pensano che siccome ci studi assieme ci stai e ci provano, ma è anche comprensibile, dato che la loro vita sociale è ugualmente limitata. Però è un parametro che può creare problemi di relazione all'interno dell'università.


Darsi un tono ad Ingegneria è fondamentale, darsi una regolata, presenziare, andare a lezione anche se dormi in piedi o non capisci niente. Non è un problema del singolo, è così per la maggiorparte degli studenti e tutti si danno un tono per non far vedere che non hanno capito etc etc... proprio perché hanno paura di essere esclusi o svalutati. A me è capitato raramente di parlare con qualche collega di corso che ammettesse candidamente di avere problemi a comprendere quanto spiegato dal prof (casi in cui ti si chiedeva aiuto a parte) e ovviamente la cosa faceva sentire scemi se tu avevi difficoltà. Solo che poi ci parlavi con tutti questi intelligentoni e capivi che non c'avevano capito niente lo stesso, solo che non lo ammetterebbero neanche sotto tortura.
Stesso discorso per gli esami: sai quanta gente ho visto quasi pietire un 18 o fare penose scene mute ed essere bocciati e ribocciati e ribocciati... poi, fatti i primi esami, riempiendo il libretto e dandosi un tono, tutti con l'amnesia dei problemi passati. O in quanti venivano bocciati ad esami di indirizzo perché con seri problemi a risolvere cose che avevano collegamenti con insegnamenti precedenti, che avevano studiato male e quindi si portavano dietro come lacuna. Eppure sono quelli che si laureano. Perché se pensi di dedicare un tempo non dico sufficiente, ma non esageratamente scarno alla preparazione dell'esame, andando oltre l'imparaticcio, resti indietro. E ti deprimi, perché vedi gli altri andare avanti e tu sei fermo; gli altri ti allontanano perché non reggi botta; cominci a farti tante pippe e sentirti fallito...

Ingegneria è una facoltà dura in cui è normalissimo sentirsi sempre perennemente indietro e incapaci di padroneggiare la materia, ed è ovvio che sia così, perché la materia la sfiori solo, non puoi condensarla in uno o più corsi. Ti resterà sempre, per ogni esame, la sensazione di aver capito giusto quello che ha spiegato il prof e avere enormi interrogativi non appena esci dal seminato (o almeno quelli intelligenti lo capiscono, perché se va bene è così), ed è normale che sia così. Solo che ti ritrovi in un ambiente in cui sembra che sei il solo a non aver capito, perché tutti reggono botta, e vai nel pallone.

Il liceo classico è un'ottima scuola di base per ingegneria perché ti porti come base la "precisione", il metodo di studio, non dai per scontato tutto come fa chi ha fatto lo scientifico o periti industriali vari, solo che ovviamente - e giustamente - all'inizio parti con difficoltà enormi, perché per te è tutto nuovo. Ma è normalissimo, non c'è niente di strano o anomale, funziona così. Certe cose devi prenderle come un passaggio obbligato, qualcosa che non puoi evitare e ti tocca.

Non ti deprimere, è tosta per tutti, anche quelli che fanno finta di essere bravi e se la tirano. Poi li senti parlare, specie negli anni successivi, e capisci che è tutto un bluff. Ma specie se hai fatto il liceo classico e sei ancora all'inizio non puoi avere questa consapevolezza, perché non puoi confrontarti alla pari coi tuoi colleghi. Capisci dopo, quando entrambi avete fatti gli stessi esami e vi ritrovate in condizione di parità, è allora che puoi valutare le differenze di preparazione oltre la facciata.

Però è fondamentale andare avanti tipo mulo, senza farsi problemi, senza tentennamenti, senza perfezionismi che ti fanno perdere tempo (inutili perché tanto, anche se ci metti un mese in più a studiare, non è che diventerai onnisciente su una materia) e quindi deprimerti per risultati scarni. Ci vuole solo pelo sullo stomaco e preventivare una serie di figuracce/difficoltà da prendere come un passaggio obbligato. Non puoi evitarle, è così per tutti. E se riesci ad evitarle, tanto meglio, ma forse preventivarle e avere una visione realistica di ciò che ti aspetta è meglio: è difficile per tutti, ripeto. Anche per quelli che fanno i fighi. Se fanno i fighi c'è un motivo. ;)
Ma cos'è l'oceano, se non una moltitudine di gocce?

This post has been edited 1 times, last edit by "Arianna_" (Oct 5th 2012, 12:19pm)