Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

maracaibostar

Nuovo Utente

  • "maracaibostar" ha iniziato questa discussione

Posts: 7

Activity points: 35

Data di registrazione: giovedì, 12 settembre 2013

  • Invia messaggio privato

1

giovedì, 12 settembre 2013, 19:01

Ansia, paura e fallimenti sulla linea del traguardo...maledetta università

Buonasera a tutti.

Mi presento: sono uno studente di giurisprudenza di 25 anni (al primo anno fuori corso) alle prese con gli ultimi 2 esami (le procedure) e la tesi.

Da una parte sono piuttosto soddisfatto del mio cammino (non ho dei votoni, sia chiaro, ma ritengo di aver fatto qualcosa di buono), dall'altra però vi è un sentimento contrapposto decisamente più forte: mi ritengo un fallito e l'ansia e il timore di non finire l'università a breve mi sconvolgono a tratti le giornate con conseguenze piuttosto negative nei rapporti interpersonali (vedi fidanzata e amici).
Il problema forse è che vedo parecchi ragazzi della mia età già "sistemati" con una laurea nel taschino e con quantomeno la possibilità di contare qualcosa nel mondo del lavoro. Qualcuno poi addirittura ha già un contratto a tempo indeterminato all'estero. Io sono qui a rodermi l'anima e a masticare ansia per gli ultimi esami e per una tesi che definire "complessa" è dir poco.

Mi sento secondo a persone che forse sono andate avanti più per "culo" che per altro e questo mi fa davvero malissimo.

Il rapporto con i miei genitori poi è la cosa che mi lascia più dubbi e pensieri: sono sempre piuttosto disponibili nei miei confronti ma talvolta pare quasi che io faccia poco o niente in università e questo mi fa stare davvero male. Non sono uno che sta 8 ore sui libri ma in ogni caso, tranne nei weekend, studio mattina e pomeriggio.

Cosa potrei fare per ridurre questo senso di inadeguatezza nei confronti degli altri che meglio hanno fatto di me? Come fare a contrastare questa ansia e questo nervosismo che mi cagionano emicranie e una intrattabilità piuttosto marcata?

Grazie a chi vorrà rispondermi...

TheJoker

Giovane Amico

Posts: 102

Activity points: 411

Data di registrazione: venerdì, 21 gennaio 2011

  • Invia messaggio privato

2

domenica, 15 settembre 2013, 20:27

Ti capisco..... e sai cosa devi fare?
Devi pensare che non esiste solo lo studio. Certo, è una parte fondamentale della tua vita, ma non per questo ti devi sentire un fallito se sei un anno fuoricorso o se a 25 anni ti devi laureare. Magari in questo tempo hai trovato l'amore (c'è chi ha una carriera da sogno ma non riesce a trovare qualcuno da amare, per esempio), magari ti sei divertito molto più di un chi passa tutte le giornate sui libri e si annoia da morire....
C'è chi ha fatto meglio di te, e tu hai fatto meglio di altri. Nello studio, o in qualcos'altro....

Stai quasi per finire e magari questo ti spaventa,perchè terminato il tuo percorso universitario si aprirà un mondo nuovo davanti a te (ed i cambiamenti ci fanno sempre paura...), ma non lasciarti intimidire e non farti prendere dall'ansia. Ti manca poco, non abbatterti!

1 utente a parte te sta visitando questo thread:

1 ospite

Tags usati

ansia, esami, università