Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Gatta Nera

Utente Attivo

  • "Gatta Nera" is female
  • "Gatta Nera" started this thread

Posts: 202

Activitypoints: 282

Date of registration: May 22nd 2018

  • Send private message

1

Monday, March 4th 2019, 8:33pm

Togliere la laurea dal CV

Qualcuno lo ha fatto? Cambia qualcosa? È più probabile essere contattati per lavori che non richiedono particolari qualifiche?

2

Monday, March 4th 2019, 9:07pm

Ti dirò c'è stato un periodo in cui cercavo lavoro e l ho fatto, ma non ho trovato nulla di de-mansionato forse perché non avevo altre esperienze al di fuori del mio settore.
[email protected]
### ### ### ###
*sara swarovsky*

Gatta Nera

Utente Attivo

  • "Gatta Nera" is female
  • "Gatta Nera" started this thread

Posts: 202

Activitypoints: 282

Date of registration: May 22nd 2018

  • Send private message

3

Monday, March 4th 2019, 9:17pm

non avevo altre esperienze al di fuori del mio settore.

Più che la laurea anch'io penso che sia questo uno dei motivi principali per cui non trovo lavoro. Ho fatto solo un anno di servizio civile in una biblioteca, per il resto nessuna esperienza seria. Provo comunque a mandare qualche cv senza una laurea, così per vedere cosa succede.

Kaiserin_Sissi

Nuovo Utente

Posts: 4

Activitypoints: 26

Date of registration: Mar 4th 2019

  • Send private message

4

Tuesday, March 5th 2019, 8:17am

Dipende di che tipo di laurea si tratta, secondo me con le semplici triennali umanistiche (lettere, filosofia, lingue, ecc.) le opportunità di trovare un lavoro corrispondente al proprio livello di studi calano drasticamente rispetto ad una laurea in ambito tecnico.

Gatta Nera

Utente Attivo

  • "Gatta Nera" is female
  • "Gatta Nera" started this thread

Posts: 202

Activitypoints: 282

Date of registration: May 22nd 2018

  • Send private message

5

Tuesday, March 5th 2019, 10:41am

Dipende di che tipo di laurea si tratta, secondo me con le semplici triennali umanistiche (lettere, filosofia, lingue, ecc.) le opportunità di trovare un lavoro corrispondente al proprio livello di studi calano drasticamente rispetto ad una laurea in ambito tecnico.

È una di quelle umanistiche infatti. Mi sono pure pentita di averla conseguita, visto che dà poche opportunità di lavoro. E poi non mi sento nemmeno molto competente, nonostante abbia studiato.

6

Tuesday, March 5th 2019, 1:16pm

Ma adesso che genere di lavoro cerchi?
C è anche un altro discorso da fare, e cioè che spesso preferiscono assumere diplomati perché pensano qbbiano meno aspirazioni.
Ad esempio un posto da segretaria potrebbe svolgerlo anche un ingegnere, ma sfido chiunque a trovare un datore di lavoro che faccia ciò. Pensano sempre che la lersona laureata prima o poi vorrà svolgere il suo lavoro e si stuferà.
[email protected]
### ### ### ###
*sara swarovsky*

7

Tuesday, March 5th 2019, 9:41pm

Un mio amico non è stato assunto perchè il suo C.V.era troppo vasto.

Paradossale : si trattava di Informatica.

Un 'altro ne ha due (in materie Umanistiche ),fa l'operaio(non scherzo).

*Se non la menzionassi ti chiederebbero cosa hai fatto nel corso di quegli anni...nulla?
La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

Gatta Nera

Utente Attivo

  • "Gatta Nera" is female
  • "Gatta Nera" started this thread

Posts: 202

Activitypoints: 282

Date of registration: May 22nd 2018

  • Send private message

8

Wednesday, March 6th 2019, 11:40am

Ma adesso che genere di lavoro cerchi?
C è anche un altro discorso da fare, e cioè che spesso preferiscono assumere diplomati perché pensano qbbiano meno aspirazioni.
Ad esempio un posto da segretaria potrebbe svolgerlo anche un ingegnere, ma sfido chiunque a trovare un datore di lavoro che faccia ciò. Pensano sempre che la lersona laureata prima o poi vorrà svolgere il suo lavoro e si stuferà.

Per questo ho pensato di toglierla. Tendono a pensare così, anche se personalmente non ho particolari aspirazioni e un posto da segretaria mi andrebbe bene.
Sto cercando un po' a caso, non ho un'idea precisa di cosa fare. Vorrei lavorare nella biblioteche, visto che è l'unico settore in cui ho un po' di esperienza, ma per ora non sono stata contattata. Per il resto cerco soprattutto lavori di ufficio o nei negozi. Non mi attira molto l'idea di lavorare in un negozio, ma molti stage sono per commessi e quindi mando cv per quelli.


Un 'altro ne ha due (in materie Umanistiche ),fa l'operaio(non scherzo).

Come ha fatto?


*Se non la menzionassi ti chiederebbero cosa hai fatto nel corso di quegli anni...nulla?

A questo ci ho pensato e in effetti non saprei cosa rispondere, se non che ho fatto volantinaggio, ripetizioni e cose simili. Non so però se sarei credibile.

This post has been edited 1 times, last edit by "Gatta Nera" (Mar 6th 2019, 4:43pm)


9

Wednesday, March 6th 2019, 4:40pm

Non serve assolutamente a niente.

Quella del "sei troppo qualificato" è semplicemente un metodo cortese per dirti che non sei ciò che serve. Nella realtà non è mica vero che non ti assumo perché laureato.

Le regole principali son ben altre:

1) Presentate curriculum decenti per piacere... non quelle schifezze che vengono fatte su modelli trovati online che solo per leggerli ci vuole una laurea. Esiste una specie di modello che imperversa da anni che si chiama tipo "euro" o modello europeo che è forse il più brutto e illeggibile che esista. Un curriculum deve darmi i dati che realmente mi servono per valutare in maniera leggibile e semplice. Per i più bravi enfatizzare i vostri punti di forza.

2) Sentite sarà sessista, sarà sbagliato, sarà quello che volete ma andate decentemente ai colloqui e in linea con il posto a cui ambite. Se puntate a fare il direttore di banca ci sta che vi presentate in giacca e cravatta (personalmente vi scarterei ma diciamo che passare me è mediamente particolarmente difficile); se dovete andare a fare l'operaio invece evitiamo di andare in giacca... fate ridere i polli al tempo stesso nemmeno troppo sportivi tipo con i risvoltini o cose del genere. Per le donne poi c'è un mondo di eleganza a disposizione a seconda dei ruoli. Che ne so... un leggero tacco, un vestito elegante ma anche in pantaloni se non siete da gonna ma non i jeans strappati o cose del genere e nemmeno in tuta manco se è un posto da spazzino.

3) Imparate a parlare e controllare cosa dite. Se ti domando di descrivermi la tua precedente esperienza lavorativa o la tua giornata tipo quando lavoravi li e mi fai un racconto deprimente e ogni 3 parole ti blocchi peggio ancora facendo versi tipo "eheeeee..." o "cioè hai capito" o altre cose del genere non sto nemmeno a perdere tempo. Il lavoro precedente è entusiasmante, è stato una crescita, è finito perché purtroppo il progetto si è concluso positivamente e adesso volete crescere ulteriormente facendo altro. Siete entusiasti e vogliosi di imparare.

4) Evitate cavolate come esporvi con opinioni strampalate. Se per X motivi il colloquio verte su discorsi di poco conto perché a volte ci può stare che si faccia conversazione per valutare le capacità di chi deve stare al pubblico mai impuntarsi. Siete tifosissimi della Roma? Se chi vi fa il colloquio è della Lazio magicamente la Lazio è la vostra squadra del cuore. Quello magari non è realmente manco tifoso ma vuol vedere come reagite a un cliente che inizia a parlare di calcio e quanto ci mettete ad adattarvi mantenendo un dialogo positivo. Così come specialmente per una donna ci può essere la battuta sulla "fisicità" fatta perché i clienti possono essere degli emeriti ******* ma voi dovete avere il sangue freddo e controllare positivamente la situazione.

In generale CV e colloquio devono sempre esprimere in modo conciso e facilmente comprensibile il meglio di voi. Togliere la laurea serve solo a togliervi qualche possibilità ma non aggiunge niente. Piuttosto toglierei chilometriche esperienze del piffero. Avete fatto il cameriere? Bene metti il miglior locale in cui hai lavorato ed evita di elencarli tutti. Tanto per fare un esempio comune.


Ah mi viene in mente un'altra cosa. Se allegate una foto per l'amor del cielo siccome non state facendo una foto per andare in galera metteteci qualcosa di decente, possibilmente sorridenti e pettinati. Un CV in cui già la foto fa venire la depressione viene scartato prima ancora di leggerlo. Se non siete fotogenici o in foto fate schifo non è scritto da nessuna parte che la foto deve stare nella prima pagina. Vendete le vostre conoscenze prima di vendere l'immagine.

Una regola non scritta vorrebbe che nella prima metà della prima pagina dovrebbe esserci il meglio del meglio di voi.

Gatta Nera

Utente Attivo

  • "Gatta Nera" is female
  • "Gatta Nera" started this thread

Posts: 202

Activitypoints: 282

Date of registration: May 22nd 2018

  • Send private message

10

Wednesday, March 6th 2019, 5:07pm

Piuttosto toglierei chilometriche esperienze del piffero. Avete fatto il cameriere? Bene metti il miglior locale in cui hai lavorato ed evita di elencarli tutti. Tanto per fare un esempio comune.

Su questo sono d'accordo. Bisogna mettere le esperienze più importanti ed essere sintetici.

2) Sentite sarà sessista, sarà sbagliato, sarà quello che volete ma andate decentemente ai colloqui e in linea con il posto a cui ambite. Se puntate a fare il direttore di banca ci sta che vi presentate in giacca e cravatta (personalmente vi scarterei ma diciamo che passare me è mediamente particolarmente difficile); se dovete andare a fare l'operaio invece evitiamo di andare in giacca... fate ridere i polli al tempo stesso nemmeno troppo sportivi tipo con i risvoltini o cose del genere. Per le donne poi c'è un mondo di eleganza a disposizione a seconda dei ruoli. Che ne so... un leggero tacco, un vestito elegante ma anche in pantaloni se non siete da gonna ma non i jeans strappati o cose del genere e nemmeno in tuta manco se è un posto da spazzino.

3) Imparate a parlare e controllare cosa dite. Se ti domando di descrivermi la tua precedente esperienza lavorativa o la tua giornata tipo quando lavoravi li e mi fai un racconto deprimente e ogni 3 parole ti blocchi peggio ancora facendo versi tipo "eheeeee..." o "cioè hai capito" o altre cose del genere non sto nemmeno a perdere tempo. Il lavoro precedente è entusiasmante, è stato una crescita, è finito perché purtroppo il progetto si è concluso positivamente e adesso volete crescere ulteriormente facendo altro. Siete entusiasti e vogliosi di imparare.

4) Evitate cavolate come esporvi con opinioni strampalate. Se per X motivi il colloquio verte su discorsi di poco conto perché a volte ci può stare che si faccia conversazione per valutare le capacità di chi deve stare al pubblico mai impuntarsi. Siete tifosissimi della Roma? Se chi vi fa il colloquio è della Lazio magicamente la Lazio è la vostra squadra del cuore. Quello magari non è realmente manco tifoso ma vuol vedere come reagite a un cliente che inizia a parlare di calcio e quanto ci mettete ad adattarvi mantenendo un dialogo positivo. Così come specialmente per una donna ci può essere la battuta sulla "fisicità" fatta perché i clienti possono essere degli emeriti ******* ma voi dovete avere il sangue freddo e controllare positivamente la situazione.

Grazie per i consigli, anche se per me arrivare a sostenere un colloquio sarebbe già tanto. Mi è capitato ma pochissime volte. Ho quasi sempre mandato cv senza ottenere risposta. Il mio punto debole sul cv penso sia la mancanza di esperienza, in molti annunci di lavoro la richiedono.
Poi avrei un po' di difficoltà a sostenere un colloquio per un lavoro per cui non provo particolare interesse, non saprei cosa dire. Essere timida e impacciata non mi aiuta, visto che spesso sono richieste buone se non ottime capacità relazionali. Almeno cerco di parlare in modo corretto ed educato.

Così come specialmente per una donna ci può essere la battuta sulla "fisicità" fatta perché i clienti possono essere degli emeriti ******* ma voi dovete avere il sangue freddo e controllare positivamente la situazione.

Ecco, frasi di questo tipo mi metterebbero molto in imbarazzo, penso che starei zitta o farfuglierei qualcosa di incomprensibile.

Nathanim

Amico Inseparabile

  • "Nathanim" is male

Posts: 1,634

Activitypoints: 4,394

Date of registration: Mar 1st 2017

  • Send private message

11

Wednesday, March 6th 2019, 7:07pm

Macché togliere la laurea .. :D Tanto non ci chiamano lo stesso, quindi semmai aggiungiamone una seconda e una terza ...tanto ...


:D

Gatta Nera

Utente Attivo

  • "Gatta Nera" is female
  • "Gatta Nera" started this thread

Posts: 202

Activitypoints: 282

Date of registration: May 22nd 2018

  • Send private message

12

Wednesday, March 6th 2019, 7:22pm

Macché togliere la laurea .. Tanto non ci chiamano lo stesso, quindi semmai aggiungiamone una seconda e una terza ...tanto ...

Mi hai fatto ridere :P Metto una laurea in ingegneria o informatica, vediamo se così mi chiamano :P

13

Friday, March 8th 2019, 12:54am

@Gatta Nera: non so come abbia fatto.

Credo abbia inciso la mansione specifica che lui sapeva svolgere:lo è ma specializzato.

Altra collocazione non ne trovava,ha ripiegato su quella.

CV :si grazie Ryoma.

Deve essere ben stilato, infatti li cestinano ancor prima di leggerli, laddove li leggano.

Quello che ho descritto è accaduto realmente.

Il suo CV era ben strutturato,ma amplissimo, per quel ruolo che richiedeva dieci volte meno competenze

era scritto molto bene (Ben strutturato)

*Credo abbia inciso il fatto del demansionamento in caso di assunzione.

Oppure altro di cui non so,poichè lui è bravissimo nel farsi assumere per poi "mollare" anche posti di lavoro con ottime retribuzioni.

In Italia conta molto l'apparenza (Troppo)

In Spagna o altri Stati valutano sulla base delle capacità effettive.

§

Non lo leverei dal CV Gatta Nera.

Però evidenzierei come consigliato altre tue capacità.

Capacità pratiche,dare la sensazione di essere "problem solving",affidabili...

il surreale per me è stato l'aver "passato"ben 2 selezioni (con esaminatore) come venditore.

Non ho alcuna qualifica per questo.

Ma anche altre,tra surreale e paradossale in quei periodi non potevo accettarle.

Ora non credo mi farei tanti problemi.

Tornando al tema del thread:

più che la laurea, fai in modo sia ben scritto, di impatto,e come consigliato non troppo esteso(molti pensano che più scrivi meglio sia:un esaminatore vede prima di leggere,ed il troppo lo rende poco "invitante")

recapiti e foto incidono, quindi molta attenzione a come e dove le posiziona, mettere in risalto punti di forza, e in secondo piano quelli deficitari.

*In un colloquio meglio replicare anche le gestualità di chi ci stia valutando,CV a parte, che però avrà li innanzi e porrà domande specifiche.

Non esprimere opinioni politiche, o similari.

Al prossimo lavoro, spiegherò mie sensazioni(su come sia stato scelto):almeno spero di non dover pagare tutta la fortuna delle scelte precedenti,anche se quella conta solo inizialmente poi devi dimostrare di valerla quella scelta
La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

14

Saturday, March 9th 2019, 11:06am

Per questo ho pensato di toglierla. Tendono a pensare così, anche se personalmente non ho particolari aspirazioni e un posto da segretaria mi andrebbe bene.
Sto cercando un po' a caso, non ho un'idea precisa di cosa fare. Vorrei lavorare nella biblioteche, visto che è l'unico settore in cui ho un po' di esperienza, ma per ora non sono stata contattata. Per il resto cerco soprattutto lavori di ufficio o nei negozi. Non mi attira molto l'idea di lavorare in un negozio, ma molti stage sono per commessi e quindi mando cv per quelli.

gli stage hanno un limite di età, se riesci a rientrarci molto bene, sarebbe una prima esperienza da aggiungere al cv. Anche solo 3 mesi.
Nelle biblioteche non so come funzioni, hai provato negli archivi?
Nelle grandi città ci sono gli archivi storici che hanno spesso bisogno di stagisti.

Macché togliere la laurea .. Tanto non ci chiamano lo stesso, quindi semmai aggiungiamone una seconda e una terza ...tanto ...

spero sia ironico, perchè sarebbe una falsificazione e si è perseguibili...
[email protected]
### ### ### ###
*sara swarovsky*

zibibbo

Utente Fedele

Posts: 382

Activitypoints: 1,239

Date of registration: Dec 15th 2014

  • Send private message

15

Saturday, March 9th 2019, 9:21pm

perseguibili dove?
nel pubblico..

Similar threads