Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


elen

Giovane Amico

  • "elen" is female

Posts: 171

Activitypoints: 607

Date of registration: May 7th 2013

Location: Lazio

  • Send private message

16

Friday, June 14th 2013, 8:32pm

Il problema non è vivere con poco penso che ho vissuto anche con meno (quando non avevo il figlio) ma riuscire a pagare tutte le spese per chi ha un'impresa, io ho un lavoro autonomo e stò facendo molta fatica, vorrei trovare qualcosa che mi tamponi un pò ma non saprei neanche a chi rivolgermi, quindi la difficoltà di chi ha un'impresa stà nel coprire le spese, per chi invece ha la fortuna di avere un lavoro dipendente deve solo sopportare il titolare e magari anche i colleghi, ma ha la sicurezza che a fine mese sa quello che prenderà.
SE NON SEI TU A DARE UNA DIREZIONE ALLA TUA VITA, QUALCUN ALTRO LO FARA' AL POSTO TUO,
ALLORA TI TOCCHERA' FARTI PIACERE PER FORZA QUELLO CHE OTTIENI,
INVECE DI MIRARE CON FORZA AD OTTENERE CIO' CHE TI PIACE

squawpellediluna

ψυχοναύτης

Posts: 2,234

Activitypoints: 6,858

Date of registration: Nov 8th 2012

Location: Rossoeviola

Occupation: Potnia Phyton (erborista)

  • Send private message

17

Friday, June 14th 2013, 8:51pm

io avrei voluto fare l'imprenditrice...
nel 2008 un mio amico ha chiuso perche dalla cina arrivava il sussurro di una crisi infinita..
ha chiuso i battenti e si è messo a fare trade mark in nepal.....in quel periodo stavo per imbarcarmi anche io nell'autonomia...
sono andata cauta e ho rinunciato a favore di un lavoro in ssociazione in partecipazione..ora ho un CCNL come dipendente....
appena fiorisce l'economia avrò maturato esperienza per camminare sola.....autonomamente
Amatevi l'un l'altro, ma non fatene una prigione d'amore.
Gibran


Jonny

Utente Attivo

  • "Jonny" started this thread

Posts: 11

Activitypoints: 47

Date of registration: Jun 13th 2013

  • Send private message

18

Monday, June 17th 2013, 10:26am

Grazie a tutti quanti, mi avete tirato un po' su il morale... e sopratutto non mi avete attaccato con il soltio discorso di essere privilegiato ad avere un lavoro e quidni stingi i denti e vai avanti. i denti li ho stretti da 7 anni e lo posso fare per altri 7 o più se serve ma non è vita

Durante questo weekend abbiamo preso una decisione, starò a casa io con mio figlio per un periodo di "maternità" di almento 5/6 mesi.... lì avrò il tempo di chiarimi le idee e vedere se questo progetto "parallelo" possa funzionare veramente.

nella mia vita ho sempre e sottolineo SEMPRE, seguito questa massima che mi ha aiutato in un sacco di situazioni e spero che vi possa tornare utile.

NON ASPETTARE IL MOMENTO GIUSTO, CREALO!

Scusate per lo sfogo e per il momento di sconforto ma sono anche convinto che sia necessario avere dei momenti down per capire ed apprezzare meglio quello che abbiamo. un'altra massima che mi accompagna da una vita è che non si può vincere se non hai paura di perdere. Quindi proviamo a vincere

mattede

Utente Attivo

Posts: 21

Activitypoints: 60

Date of registration: Jan 30th 2009

  • Send private message

19

Sunday, June 23rd 2013, 9:26pm

Non ho mai conosciuto nessuno dico MAI nessuno che da dipendente sia passato ad autonomo, una volta che sei a stipendio, non ce la fai a partire da zero dico zero, per fare l'autonomo. Tutti hanno fatto l'inverso, hanno provato in autonomia poi se ce la fanno vanno se no cercano se riescono ad andare dipendenti.

Jonny

Utente Attivo

  • "Jonny" started this thread

Posts: 11

Activitypoints: 47

Date of registration: Jun 13th 2013

  • Send private message

20

Wednesday, June 26th 2013, 2:19pm

Su questo posso benissimo ribattere, ho consociuto molte persone che hanno fatto il salto inverso cioè da dipendente ad autonomo, certo, non è facile ma si può fare...

forse il momento non è quello giusto ma d'altra parte quando sarà mai il momento giusto? se vogliamo troviamo sempre delle motivazioni per non andare avanti

eclipse

Utente Attivo

  • "eclipse" has been banned

Posts: 48

Activitypoints: 175

Date of registration: Jun 10th 2013

Location: San Antonio (texas)

  • Send private message

21

Thursday, June 27th 2013, 11:52am

Su questo posso benissimo ribattere, ho consociuto molte persone che hanno fatto il salto inverso cioè da dipendente ad autonomo, certo, non è facile ma si può fare...

Se sei pronto , anzi se il tuo stomaco è pronto , se non hai problemi d'insonnia , se l'iva aumentera' tra 2 mesi , le aliquote schizzeranno ancora piu' su , l'ombra della gerit ti seguira' ovunque andrai , se nel ns paese chiudono a raffica aziende , se chi aveva una partita iva individuale si sta suicidando..puoi farlo....
in bocca al lupo.

mattede

Utente Attivo

Posts: 21

Activitypoints: 60

Date of registration: Jan 30th 2009

  • Send private message

22

Thursday, June 27th 2013, 1:22pm

Bene, allora che aspetti, buttati. Sai quanti ne ho sentiti, lamentarsi ma poi tenersi stretto lo stipendio. Ti racconto questa: un amico laureato come me in giurisprudenza voleva fare l'avvocato, ma quando ha capito l'aria che tirava e' andato a fare il vigile urbano (classico posto pubblico) Ora si lamenta che non si trova bene, ma alla fine sono solo chiacchiere che nemmeno ascolto, buttati nella libera professione gli dico dai molla il posto pubblico e buttati!!! Fa ancora in vigile urbano...
Attendo commenti.

Jonny

Utente Attivo

  • "Jonny" started this thread

Posts: 11

Activitypoints: 47

Date of registration: Jun 13th 2013

  • Send private message

23

Friday, June 28th 2013, 2:23pm

Vedo che siete ottimisti! :o)

Nessuno ha detto che la cosa sara facile e sicuramente non è un salto da fare dall'oggi al domani. per ora ho iniziato un percorso che se tutto va bene tra qualche tempo mi porterà a lasciare il posto da dipendente. A differenza del vigile urbano di cui hai parlato almeno al momento qualcosa sto facendo....

sono ben consncio dei problemi e delle difficoltà, sono altrettanto conscio del contesto economico ma se ci penso ci sarà sempre un buon motivo per non andare avanti e che cerca di frenarmi, forse è meglio pensare al riultato e cercare di venirne fuori.

se non ci dovessi riuscire almeno ci avrò provato.

Vincenzo74

Nuovo Utente

Posts: 1

Activitypoints: 3

Date of registration: Mar 24th 2014

  • Send private message

24

Monday, March 24th 2014, 2:07pm

Ciao,
Anche io sto vivendo una situazione simile e non so più cosa fare.

Black Celebration

Utente Fedele

  • "Black Celebration" is male

Posts: 473

Activitypoints: 1,725

Date of registration: Dec 1st 2013

  • Send private message

25

Monday, March 24th 2014, 4:10pm

Ma non è giusto per il resto del mondo, ho tutto quello che gli altri vogliono e lo voglio buttare via.

Gli altri chi? Personalmente la cosa non mi riguarda quindi non generalizziamo.

Similar threads

Used tags

lavoro, Odio, suicidio