Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Anonimo1997

Utente Attivo

  • "Anonimo1997" started this thread

Posts: 73

Activitypoints: 268

Date of registration: Apr 21st 2019

  • Send private message

16

Sunday, July 7th 2019, 10:38am

Ciao a tutti :)
La prova che dissi che avrei dovuto fare è andata bene, adesso lavoro per un'azienda che si occupa del trasporto di bevande. Ho voglia di raccontare quest’altra esperienza lavorativa (spero che mi si perdoni il fuori tema).
Allora, martedì ho iniziato la prova, non mi hanno fatto firmare niente e non si sono presi nessun dato, io ero andato lì per fare l’autista, ma da martedì a sabato ho fatto soltanto due consegne, la maggior parte del tempo sono stato in deposito a fare cose come preparare la merce per le consegne, mettere in ordine la merce e spicciare i clienti per la vendita a dettaglio. L’orario lavorativo è dalle 7:50 alle 21:00 circa, ho un’ora di pausa e la paga è di 40 euro al giorno. Questa azienda di autotrasporto, rispetto a quelle dove sono stato in precedenza, è la meno peggiore, credo che qui riesca a resistere il tempo per fare esperienza. L’ambiente lavorativo, almeno per ora, mi sembra accogliente, ci aiutiamo a vicenda l’un con l’altro. Il tempo che non si è in pausa in genere si è sempre a fare qualcosa, si lavora molto quindi, il capo lavora molto anche lui, è il primo a venire in deposito e l’ultimo ad andarsene. Il lavoro, almeno per me, è pesante, sia per quello che si fa sia per l’orario, però almeno la giornata passa in fretta. Si è molto tempo in piedi e si cammina molto (mi fa molto male sotto ai piedi, spero che mi passi).
Comunque se tutto va bene credo di rimanere qui il tempo per fare esperienza e poi magari cercare di andare a migliorare. Spero che tale lavoro non abbia effetti negativi irreversibili sulle funzioni cognitive, perché stare 12 ore al giorno ad eseguire lavori meccanici come un robot forse alla lunga può rincretinirmi (spero di no).
Per il momento credo di fare questo come lavoro, non ho molte alternative… anche perché come titolo di studio ho la terza media quindi non è che posso andare chissà dove…

This post has been edited 1 times, last edit by "Anonimo1997" (Jul 7th 2019, 11:03am)


fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 8,849

Activitypoints: 20,882

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

17

Sunday, July 7th 2019, 11:24am

Volevo dire una cosa sui concorsi. È verissimo che esistono tanti casi di corruzione e nepotismo (mica solo nei concorsi poi...È la nostra tanto amata cultura), ma io suggerisco comunque di tentare.
Con preparazione, ma ovvio anche con fortuna. 26 anni fa ne feci uno....vi giuro che non conoscevo nessuno.
Hasta el buonismo siempre!!!

arianna73

Amico Inseparabile

Posts: 1,657

Activitypoints: 4,985

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

18

Sunday, July 7th 2019, 12:25pm

Anonimo sono contentissima per te :) La paga non è malaccio davvero! E anche l'organizzazione e l'ambiente promettono sicuramente meglio di prima, speriamo vada di bene in meglio , bisogna mantenere la speranza :)

Sono d'accordo con Fran. Tentare, tentare sempre. Poi purtroppo il familismo amorale in Italia non si spazza via, ma abbiamo anche motivazioni storiche così consolidate che non possiamo aspettarci scompaia con un po' di belle parole e mea culpa.
A proposito di notizie, leggevo dell'ennesimo scandalo universitario in Italia... l'intercettazione del rettore "Tanto qui siamo tutti parenti...." in senso consanguineo e non, è tutta "una grande famiglia" :rolleyes:
Ne ridevo con un amico, sembra un romanzo di Montalbano.

Ma dicevo, tentar non nuoce. Qualche maglia può aprirsi. Bisogna anche comprendere che la cooptazione per i lavori e le posizioni più prestigiose è una realtà anche fuori dall'Italia, ovunque il "solo merito" fa più fatica del "merito più qualche calcio nel sedere" o del "grande calcio nel sedere/essere già nell'ambiente".

Non deve essere sufficiente per scoraggiarsi. Rafiki tu hai anche ragione, ma potersi permettere di rifiutare un lavoro è un lusso. Ho perso il conto delle opzioni "salva dignità" teorizzate dalla politica ma poi le chiacchiere stanno a zero ed è tutto molto , molto difficile. Sulla protesta sono poco ottimista. Troppa gente "figlia di nessuno" non può permettersi di rifiutare e a troppa gente fra disperazione e arroganza, che può contare sull' "aiutino" o appunto lo cerca per disperazione, cambiare non conviene. (poi ci sono i conti del nostro Paese, quelli coi quali fare un welfare efficiente davvero non è facilissimo)

19

Sunday, July 7th 2019, 1:03pm

Resta il fatto che 1200€ al mese per 12 ore di lavoro al giorno significa che ti stanno spremendo come un limone. Ti auguro di trovare di meglio.
Viene pagato 3 euro all'ora, rendetevi conto.

arianna73

Amico Inseparabile

Posts: 1,657

Activitypoints: 4,985

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

20

Sunday, July 7th 2019, 1:10pm

Certo non bisogna porre limiti alla Provvidenza, come diceva mia mamma, anche io auguro ancora di meglio :) ma intanto resta che senza soldi non si sopravvive nemmeno e delle due l'una: o hai bisogno, o non ne hai e allora puoi dire "sto a casa ad aspettare di meglio".
Nella conoscenza realistica del mondo del lavoro odierno, per ora ad Anonimo non è andata al peggio che poteva andare ed è già migliorata - speriamo stabilmente - la situazione rispetto al lavoro precedente.

21

Sunday, July 7th 2019, 1:14pm

Certo non bisogna porre limiti alla Provvidenza, come diceva mia mamma, anche io auguro ancora di meglio :) ma intanto resta che senza soldi non si sopravvive nemmeno e delle due l'una: o hai bisogno, o non ne hai e allora puoi dire "sto a casa ad aspettare di meglio".
Nella conoscenza realistica del mondo del lavoro odierno, per ora ad Anonimo non è andata al peggio che poteva andare ed è già migliorata - speriamo stabilmente - la situazione rispetto al lavoro precedente.
Il problema è che il mio "ti auguro" probabilmente resterà solo un augurio, amaro. In Italia non stiamo messi meglio del Messico e di altre realtà del terzo mondo, è la fame e miseria il mondo del lavoro qui.

arianna73

Amico Inseparabile

Posts: 1,657

Activitypoints: 4,985

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

22

Sunday, July 7th 2019, 2:16pm

Non è detto :)
Anche se realisticamente la situazione da noi è pressoché drammatica. Ma la gente è scontenta anche dove sembra si stia meglio, è un periodo storico nel quale non nascere benestanti / col sedere parato è fondamentalmente un pericolo.

Intanto però 1200 al mese oggi sono uno stipendio di tutto rispetto, è anche più di quanto guadagnino molti ricercatori universitari non meno spremuti - questo per incoraggiare Anonimo, ricordandogli che anche se titoli ed esperienze contano è difficile per tutti (quelli non nati col sederino parato, intendo :D ). 40 euro è quello che si trovano in busta paga mensile anche operatori di call center noti e di dimensiona nazionale, se per esempio sono nel teleselling e non riescono a vendere appunto abbastanza.

Onestamente ci sono molti motivi per mettersi le mani ai capelli, poi la motivazione per reggere te la da il bisogno (e si torna da capo a 12), e la differenza per riuscirci la fa la salute.

23

Sunday, July 7th 2019, 3:55pm

Non è detto :)
Anche se realisticamente la situazione da noi è pressoché drammatica. Ma la gente è scontenta anche dove sembra si stia meglio, è un periodo storico nel quale non nascere benestanti / col sedere parato è fondamentalmente un pericolo.

Intanto però 1200 al mese oggi sono uno stipendio di tutto rispetto, è anche più di quanto guadagnino molti ricercatori universitari non meno spremuti - questo per incoraggiare Anonimo, ricordandogli che anche se titoli ed esperienze contano è difficile per tutti (quelli non nati col sederino parato, intendo :D ). 40 euro è quello che si trovano in busta paga mensile anche operatori di call center noti e di dimensiona nazionale, se per esempio sono nel teleselling e non riescono a vendere appunto abbastanza.

Onestamente ci sono molti motivi per mettersi le mani ai capelli, poi la motivazione per reggere te la da il bisogno (e si torna da capo a 12), e la differenza per riuscirci la fa la salute.
Arianna, non mi sono spiegato, il punto non è lo stipendio, anche se pure nel suo caso stiamo sotto la media nazionale che si aggira attorno ai poco più di 1400€ al mese, il problema sono le ore lavorative, nel suo caso 12 ore al giorno, tolta la pausa pranzo, praticamente una giornata intera, dalla mattina alla sera, passata a lavorare per 3 euro l'ora!! Quando la giornata lavorativa dovrebbe essere di 8 ore! Ma siamo impazziti?? Se tanto mi da tanto, manco a parlarne di straordinari retribuiti, di tredicesime e quattordicesime. Siamo alla follia, questo è sfruttamento, non si può definire in altro modo!


Spero di essere stato più chiaro.

Anonimo1997

Utente Attivo

  • "Anonimo1997" started this thread

Posts: 73

Activitypoints: 268

Date of registration: Apr 21st 2019

  • Send private message

24

Sunday, July 7th 2019, 3:59pm

Anonimo sono contentissima per te :)

Mi fa molto piacere sapere questo. I tuoi messaggi li leggo sempre con piacere e interesse.
Sono in tutto e per tutto d’accordo con te.

Credo che sia meglio lavorare anche 12 ore al giorno e mettere da parte un po’ di soldi e magari investirli in futuro in un qualche progetto che stare a casa senza far niente. Poi ovviamente dipende anche dagli obiettivi che uno ha nella vita.
Spero di avere la forza di continuare, di non arrendermi e di andare sempre a migliorare, cercando anche di fare in modo che il lavoro non abbia effetti troppo negativi sulla mia salute psicofisica.

25

Sunday, July 7th 2019, 4:31pm





Citato da "arianna73"



Anonimo sono contentissima per te

Mi fa molto piacere sapere questo. I tuoi messaggi li leggo sempre con piacere e interesse.
Sono in tutto e per tutto d’accordo con te.

Credo che sia meglio lavorare anche 12 ore al giorno e mettere da parte un po’ di soldi e magari investirli in futuro in un qualche progetto che stare a casa senza far niente. Poi ovviamente dipende anche dagli obiettivi che uno ha nella vita.
Spero di avere la forza di continuare, di non arrendermi e di andare sempre a migliorare, cercando anche di fare in modo che il lavoro non abbia effetti troppo negativi sulla mia salute psicofisica.
Ne conosco tanti che ragionano come te, fattole dire, siete la rovina di sto Paese, il motivo per cui i salari si svalutano di anno in anno e gli approfittatori godono sempre di più. Disposti a tutto pur di avere il "pocket money" in tasca e andarsi a bere qualche cocktail il sabato sera in discoteca.
Che miseria sto Paese, non c'è speranza.

Anonimo1997

Utente Attivo

  • "Anonimo1997" started this thread

Posts: 73

Activitypoints: 268

Date of registration: Apr 21st 2019

  • Send private message

26

Sunday, July 7th 2019, 5:11pm

Ne conosco tanti che ragionano come te, fattole dire, siete la rovina di sto Paese, il motivo per cui i salari si svalutano di anno in anno e gli approfittatori godono sempre di più. Disposti a tutto pur di avere il "pocket money" in tasca e andarsi a bere qualche cocktail il sabato sera in discoteca.
Che miseria sto Paese, non c'è speranza.

Come fare allora per non far svalutare gli stipendi di anno in anno e per non far godere gli approfittatori sempre di più? Siccome qui siamo fuori tema magari se ne potrebbe parlare in qualche altra discussione. Capire come fare uscire da questo sistema…

Comunque io non andavo in discoteca quando stavo fresco figurati adesso dopo una giornata di lavoro. Il sabato sera e la domenica è riposo totale.

arianna73

Amico Inseparabile

Posts: 1,657

Activitypoints: 4,985

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

27

Sunday, July 7th 2019, 5:13pm

Scusa Rafiki, ma le persone che hanno bisogno di lavorare perché non possono §o non vogliono) gravare su nessuno non sono la rovina di nessun Paese.
Anzi. Sono la sua più grande risorsa ovviamente più o meno sprecata, e qui nessuno ha detto "uau, è il lavoro perfetto!" oppure ha finto di ignorare che siamo in condizioni decisamente scoraggianti.

Si è fatta solo una valutazione realistica di quello che offre davvero il mercato del lavoro, non ci piove che come dici tu la situazione è lo sfruttamento. Ma la soluzione qual è? Restare a casa aspettando che vengano a portarti la spesa gli assistenti sociali? Non funziona così.

Io lavoro anche per 2 euro l'ora se capita, e non per il pocket money ma per pagare le bollette. Con tutto il rispetto, ma tu non puoi sapere per cosa la gente si smuove, e ti posso garantire che più fatica fa in genere più è per necessità di base che non puoi sindacare. A meno che non inviti tutti a pranzo e cena dai tuoi :D

28

Sunday, July 7th 2019, 5:26pm

Scusa Rafiki, ma le persone che hanno bisogno di lavorare perché non possono §o non vogliono) gravare su nessuno non sono la rovina di nessun Paese.
Anzi. Sono la sua più grande risorsa ovviamente più o meno sprecata, e qui nessuno ha detto "uau, è il lavoro perfetto!" oppure ha finto di ignorare che siamo in condizioni decisamente scoraggianti.

Si è fatta solo una valutazione realistica di quello che offre davvero il mercato del lavoro, non ci piove che come dici tu la situazione è lo sfruttamento. Ma la soluzione qual è? Restare a casa aspettando che vengano a portarti la spesa gli assistenti sociali? Non funziona così.

Io lavoro anche per 2 euro l'ora se capita, e non per il pocket money ma per pagare le bollette. Con tutto il rispetto, ma tu non puoi sapere per cosa la gente si smuove, e ti posso garantire che più fatica fa in genere più è per necessità di base che non puoi sindacare. A meno che non inviti tutti a pranzo e cena dai tuoi :D
Non mi meraviglio, questa è la mentalità predominante di sto Paese fottuto. Non ci rendiamo conto della terzonmondità in cui siamo precipitati e ormai tutto ci sembra normale, lecito e consentito. Amen.

Almeno mi resta il diritto di dissentire da tutto ciò.

arianna73

Amico Inseparabile

Posts: 1,657

Activitypoints: 4,985

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

29

Sunday, July 7th 2019, 5:51pm

Secondo me, hai fatto abbastanza confusione su ciò di cui parliamo, non letto e non capito quello che hanno scritto tutti.

Accettare lavori non ottimali per la necessità di mantenersi non equivale ad approvare o ad avere questa "mentalità". Anzi.
Significa solo avere bisogno di lavorare perché possiamo dipendere solo dalle nostre forze.


Cosa c'è di incomprensibile?
Io ti auguro di poter continuare a dissentire, finché troverai il lavoro dei tuoi sogni e/o qualcuno potrà provvedere alle tue necessità proteggendoti dallo scontro con la realtà del mercato lavorativo.

Non solo in Italia dei lavoratori ci si preoccupa sempre meno o per niente. Ti do una brutta notizia, per usare una metafora di Fran il ritorno alle condizioni dickensiane è in corso un po' in tutto il mondo. Di protestare si protesta (concludendo non molto, anche la montagna dei gilet gialli alla fine partorisce topolini), di dissentire si dissente, ma le persone che non possono contare su nessuno vanno solo ammirate fintanto che mantengono la loro dignità e non cercano manco scorciatoie di raccomandazioni, spinte e trucchetti più o meno disonesti.

30

Sunday, July 7th 2019, 6:20pm

Secondo me, hai fatto abbastanza confusione su ciò di cui parliamo, non letto e non capito quello che hanno scritto tutti.

Accettare lavori non ottimali per la necessità di mantenersi non equivale ad approvare o ad avere questa "mentalità". Anzi.
Significa solo avere bisogno di lavorare perché possiamo dipendere solo dalle nostre forze.


Cosa c'è di incomprensibile?
Io ti auguro di poter continuare a dissentire, finché troverai il lavoro dei tuoi sogni e/o qualcuno potrà provvedere alle tue necessità proteggendoti dallo scontro con la realtà del mercato lavorativo.

Non solo in Italia dei lavoratori ci si preoccupa sempre meno o per niente. Ti do una brutta notizia, per usare una metafora di Fran il ritorno alle condizioni dickensiane è in corso un po' in tutto il mondo. Di protestare si protesta (concludendo non molto, anche la montagna dei gilet gialli alla fine partorisce topolini), di dissentire si dissente, ma le persone che non possono contare su nessuno vanno solo ammirate fintanto che mantengono la loro dignità e non cercano manco scorciatoie di raccomandazioni, spinte e trucchetti più o meno disonesti.
Cara Arianna, di ragione e intelletto ci sono dotato. Non hai bisogno che mi spieghi niente.
Il discorso sulla necessità di accettare certi lavori a certe condizioni ce l'hai appizzato tu ora, se sto ragazzo avesse avuto necessità urgente di lavorare e pagarsi affitto e bollette, avrebbe accettato anche il primo lavoro senza lamentarsi, figurati.
Comunque, io non voglio convincere nessuno. Sai che mi importa di che fine faremo di sto passo? Ho capito ben presto che non vale la pena di sprecare parole con chi ha l'anello al naso. Ognuno se la cavi come vuole nella vita.