Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Tanja

Giovane Amico

  • "Tanja" started this thread

Posts: 254

Activitypoints: 608

Date of registration: Jul 20th 2016

  • Send private message

1

Saturday, October 26th 2019, 5:41pm

colleghi stakanovisti

Ne avete avuti ? Quale esperienza? Io alcuni e posso affermare con certezza che nonostante il loro impegno non sono migliori degli altri ..anzi ....il troppo stroppia e quantita non sempre fa rima con qualità. ...quello che non capisco in queste persone è perché contrarsi così tanto sul lavoro. ...anche se non si ha famiglia ci sono tante altre cose da fare nel tempo libero...

Settembre

Giovane Amico

  • "Settembre" is male
  • "Settembre" has been banned

Posts: 302

Activitypoints: 983

Date of registration: Jun 11th 2019

Location: Campania

  • Send private message

2

Saturday, October 26th 2019, 6:06pm

Io sono per le giuste misure e fare troppo è negativo. Concordo che a volte, per fare troppo, i servizi stessi vengono male. Concordo anche sul discorso della qualità e quantità.

Elisa89

Ogni lasciata è persa

  • "Elisa89" is female

Posts: 529

Activitypoints: 1,657

Date of registration: Jun 1st 2019

  • Send private message

3

Sunday, October 27th 2019, 6:49am

Io in linea generale dalle superiori mi sono sempre considerata una mezza stakanovista, poi ho scoperto che c'è gente anche molto peggio!
A me piace impegnarmi a fondo nel lavoro e cercare sempre di imparare e crescere, ma il troppo stroppia come avete già detto!
Avevo due colleghi veramente stakanovisti che non avendo famiglia passavano veramente 10 ore al giorno in ufficio o anche di più sempre e pure il sabato e spesso alle feste. Uno produceva il doppio dell'altra, infatti poi saltavano sempre fuori gli errori. L'altra invece mirava fin troppo alla perfezione da perdersi ore dietro a 5 euro.
Relazionarsi con loro è come relazionarsi con chiunque....sono persone! C'è il timido, l'esuberante, il simpatico, l'acido... Questi due miei colleghi erano molto alla mano e disponibili.

Uno poi fa i conti con sé stesso:io sono una perfezionista ma mi stava portando allo stakanovismo e cominciavo a soffrirne perchè non avevo tempo per la mia casa e la mia famiglia.

4

Monday, October 28th 2019, 8:52am

È impossibile dare una risposta univoca perché esistono tanti tipi diversi.

C'è chi passa 10 ore a lavoro ma produce come se lavorasse 4.
C'è chi passa 10 ore a lavoro ma non produce o pochissimo.
C'è chi passa 10 ore a lavoro e produce per 12.

Io lavoro quasi sempre, a volte anche da casa, nel weekend e sinceramente non mi pesa. Alla fine c'è chi per hobby piace giocare a calcetto mentre a me piace trovare il modo di ottimizzare in maniera estrema e recuperare un altro 1% a conto economico. Quindi più che la variabile tempo direi che quello che fa la differenza è l'efficienza.

Poi c'è anche un aspetto di immagine: se sei in un ambiente competitivo restare a lungo a lavoro da un messaggio chiaro al capo per fargli capire che te rispetto a X sei disponibile a qualsiasi orario e la cosa credimi ha un valore non indifferente.

zibibbo

Utente Fedele

Posts: 389

Activitypoints: 1,267

Date of registration: Dec 15th 2014

  • Send private message

5

Saturday, November 23rd 2019, 9:52pm

Salvo eventualità, per rispetto dei colleghi, alle 18 dovrebbe cascare la penna a tutti.

Quindi spesso vorrei (perchè magari voglio imaprare una cosa nuova) fermarmi di più.. oppure sono costretto.. ma poi penso ai miei colleghi e per rispetto loro... per evitare che diventi una subdola prassi accettata e condivisa il fermarsi gratis dopo le 18 in ufficio, stacco la spina al pc e me ne vado a casa dicendomi "sti caxxi".

Un paio di volte mi è successo di fermarmi a causa di pressioni esterne perchè non riuscivo a terminare il lavoro in tempo e i colleghi più esperienziati di me mi hanno detto di fregarmene e andare a casa.
Ho apprezzato molto, e condivido, questo concetto.

Elisa89

Ogni lasciata è persa

  • "Elisa89" is female

Posts: 529

Activitypoints: 1,657

Date of registration: Jun 1st 2019

  • Send private message

6

Sunday, November 24th 2019, 12:56am

Io non sono d'accordo del tutto... Io non riesco alle 18 a buttare la penna e andarmene, se ho un lavoro in corso importante da finire.
Lavoro con passione e interesse e a me non preoccupa assolutamente fermarmi una mezz'ora ogni tanto per completare una mansione e non lasciarla a metà. Soprattutto se sono sotto scadenza. Faccio l'impiegata in uno studio commercialista ed è dura rispettare perfettamente l'orario d'ufficio e allo stesso tempo svolgere tutti gli adempimenti fiscali.

aconito

Giovane Amico

  • "aconito" is male

Posts: 304

Activitypoints: 947

Date of registration: Aug 25th 2019

Location: nord italia

  • Send private message

7

Sunday, November 24th 2019, 2:13pm

io di colleghi stakanovisti ne ho: il capo chiede loro di lavorare 8 ore e ne fanno 9, ne chiede 9 e ne fanno 10. fin qui nulla da ridire. poi quando arriva la busta paga sono i primi a piangere per la quantità esorbitante di trattenute che si ritrovano. e a questo punto io penso che siano semplicemente ridicoli.

penso che molti di loro siano persone che stanno meglio al lavoro che non a casa: il lavoro diventa una fuga dai problemi domestici e quindi si trattengono il più a lungo possibile.
"mai discutere con un idiota. ti trascina al suo livello e ti batte con l' esperienza". Oscar Wilde

aconito

Giovane Amico

  • "aconito" is male

Posts: 304

Activitypoints: 947

Date of registration: Aug 25th 2019

Location: nord italia

  • Send private message

8

Sunday, November 24th 2019, 2:16pm

È impossibile dare una risposta univoca perché esistono tanti tipi diversi.

C'è chi passa 10 ore a lavoro ma produce come se lavorasse 4.
C'è chi passa 10 ore a lavoro ma non produce o pochissimo.
C'è chi passa 10 ore a lavoro e produce per 12.

Io lavoro quasi sempre, a volte anche da casa, nel weekend e sinceramente non mi pesa. Alla fine c'è chi per hobby piace giocare a calcetto mentre a me piace trovare il modo di ottimizzare in maniera estrema e recuperare un altro 1% a conto economico. Quindi più che la variabile tempo direi che quello che fa la differenza è l'efficienza.

Poi c'è anche un aspetto di immagine: se sei in un ambiente competitivo restare a lungo a lavoro da un messaggio chiaro al capo per fargli capire che te rispetto a X sei disponibile a qualsiasi orario e la cosa credimi ha un valore non indifferente.
c' è anche chi per 8 ore lavora al rallentatore pur di accumulare lavoro da sbrigare poi con ore extra. tu te ne vai alla fine della giornata mentre loro hanno il pretesto per fermarsi un altro paio d' ore.
"mai discutere con un idiota. ti trascina al suo livello e ti batte con l' esperienza". Oscar Wilde

Elisa89

Ogni lasciata è persa

  • "Elisa89" is female

Posts: 529

Activitypoints: 1,657

Date of registration: Jun 1st 2019

  • Send private message

9

Sunday, November 24th 2019, 8:27pm

Tristi giochetti... Forse stanno davvero meglio al lavoro che a casa!

10

Wednesday, November 27th 2019, 9:52am

Quoted

c' è anche chi per 8 ore lavora al rallentatore pur di accumulare lavoro da sbrigare poi con ore extra. tu te ne vai alla fine della giornata mentre loro hanno il pretesto per fermarsi un altro paio d' ore.


Sarebbe assurdo dato che da me non è previsto lo straordinario quindi se fai un minuto in più o mille ore prendi lo stesso identico stipendio. L'unico modo di guadagnare di più è fare carriera e salire di livello ma quello non è che lo ottieni semplicemente andando lento ma portando risultati.

ipposam

Amico Inseparabile

Posts: 1,099

Activitypoints: 3,478

Date of registration: Mar 25th 2015

  • Send private message

11

Monday, December 9th 2019, 2:39pm

La mia risposta è "dipende".
Io apprezzo i colleghi che si danno da fare, che lavorano con entusiasmo, che mi rispondono anche se sono già usciti o di Domenica o durante le ferie.
Tuttavia non apprezzo quelli che si trattengono in ufficio oltre orario senza motivo, quelli che fanno la spia venendomi a riferire le mancanze degli altri, quelli che sgomitano per sembrare migliori anche se non lo sono.
Un conto essere proattivi sul lavoro, un altro conto presidiare l'ufficio per il gusto di farlo.

morettaroma

Nuovo Utente

Posts: 7

Activitypoints: 35

Date of registration: Jun 11th 2019

  • Send private message

12

Thursday, January 2nd 2020, 12:57am

Secondo me ognuno dovrebbe seguire le proprie inclinazioni e non dare troppo peso a quel che fanno gli altri

È vero che chi resta in ufficio oltre le 18 potrebbe mettere in imbarazzo gli altri ma sta anche agli altri riuscire a non sentirsi in imbarazzo e a fare il proprio lavoro serenamente e a farlo bene senza farsi tirare la giacca dagli altri :hmm:

This post by "siglec88" (Sunday, January 5th 2020, 9:47am) has been deleted by user "Elettra" (Sunday, January 5th 2020, 6:32pm) with the following reason: Crossposting

cuphead

Utente Attivo

Posts: 61

Activitypoints: 182

Date of registration: Apr 20th 2018

  • Send private message

14

Thursday, January 16th 2020, 3:48pm

C'è chi lavora per vivere, e chi vive per lavorare.

Nel mezzo, quelli che fingono di lavorare tanto per farsi ben volere dai superiori. Brutte persone.