Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Lightspeed80

01110101 01101110 01100101 01101101 01110000 01101100 01101111 01111001 01100101 01100100 00100000 01110111 01101001 01110100 01101000 00100000 01100001 00100000 01110000 01101000 01100100

  • "Lightspeed80" started this thread
  • Send private message

1

Wednesday, April 29th 2020, 8:51am

Ricordare all'improvviso sogni di molti anni prima

Soffro di insonnia, tendo a dormire poco e nella maggior parte dei casi mi sveglio con la sensazione di non aver sognato.

Qualche volta però mi sono trovato in una condizione particolare. Appena alzato, per un breve tempo (alcuni minuti) sono stato in grado di visualizzare in modo nitido un sogno della notte precedente. E fin qui niente di insolito; diversi studi hanno dimostrato che è più probabile ricordarsi i sogni se ci si sveglia durante una fase REM.

https://it.businessinsider.com/ce-una-ra…tichiamo-altri/
https://lamenteemeravigliosa.it/ricordare-i-sogni-riusciamo/

Ma sono rimasto sorpreso quando all’improvviso sono “apparsi” dal nulla dettagli vividi e addirittura intere scene di sogni risalenti a molti anni prima. In base al contenuto, ed in particolare alla presenza di alcune tematiche, ambientazioni e persone sono riuscito persino a datare con un soddisfacente grado di approssimazione i sogni più “antichi” (ad esempio all’epoca in cui frequentavo le scuole elementari o le scuole medie).

Questi episodi mi hanno fatto riflettere.

Ero convinto che i nostri sogni venissero archiviati soltanto nella memoria a breve termine e che svanissero presto, entro pochi minuti. Durante il sonno il cervello umano seleziona le informazioni in base alla priorità: immagazzina a lungo termine quelle ritenute più importanti e fa ordine e pulizia rimuovendo quelle superflue, tra cui il ricordo dei sogni.

Ma forse non tutti vengono cancellati e completamente dimenticati. Ovviamente è solo una ipotesi, ma sto iniziando a pensare che almeno una parte di essi sia conservata in qualche “area” delle memoria a lungo termine a cui quando siamo svegli e coscienti non abbiamo accesso.

Facendo un paragone con l’informatica: alcuni sogni potrebbero trovarsi in uno stato simile a quello dei files che in apparenza sono invisibili (perché sono stati nascosti) ma in realtà sono ancora presenti sull’hard disk di un computer.

È possibile che quando si è appena alzati, specialmente se ci si è svegliati durante una fase REM, alcune delle "connessionI" con questi "files" si riattivino, almeno per un po' di tempo? Altrimenti non riuscirei a spiegare il motivo della repentina apparizione di "antichi" frammenti di memoria sognata.

Cosa ne pensate?

Avete vissuto qualche esperienza simile?

This post has been edited 5 times, last edit by "Lightspeed80" (Apr 29th 2020, 9:01am)


2

Wednesday, April 29th 2020, 9:33am

ho memoria di molti sogni del passato. talvolta capita di sognare determinate situazioni più volte e ricordarsi solo la seconda volta di averlo già sognato.
mi è capitato anche di analizzare sogni nel corso della psicoterapia e ho imparato che la chiave di lettura sono le emozioni, non i fatti che si sognano (o vivono nel sogno). in questo modo sono riuscita ad "accumunare" diversi sogni all'apparenza completamente differenti che però toccavano la medesima piega profonda del mio essere. andare a toccare quelle zone (con il sogno che si palesa come memoria oppure attraverso l'analisi) è un po' come aprire una porta al ricordo (sognato o vissuto).
namasté

3

Wednesday, April 29th 2020, 3:22pm

Non so se ho capito bene, ma alludi al fatto di rendersi conto di "sognare" qualcosa che si è già sognato anche molti anni prima ?

A me capita, ed è una sensazione simile al Déjà Vu.

Mi succede quando sto sognando ma la coscienza forse inizia ad attivarsi. Avete presente quando sognate ma una parte di voi inizia a capire che si tratta di un sogno ? Ecco una cosa simile, pero' come dicevo, inizio ad avere coscienza che il sogno non è del tutto nuovo e inedito.

Sinceramente sulla mia esperienza non so quanto sia reale o no. Nel senso che si tratta davvero di frammenti di sogni del passato oppure una semplice dissonanza nelle varie funzioni del cervello durante il sonno ...

Per il resto i sogni che ricordo meglio sono quelli che dopo ho analizzato e di cui ho costruito una mappa nella memoria mentre sono vigile.

Lightspeed80

01110101 01101110 01100101 01101101 01110000 01101100 01101111 01111001 01100101 01100100 00100000 01110111 01101001 01110100 01101000 00100000 01100001 00100000 01110000 01101000 01100100

  • "Lightspeed80" started this thread
  • Send private message

4

Wednesday, April 29th 2020, 4:10pm

Grazie per le risposte La Huesera e Juniz.

Non so se ho capito bene, ma alludi al fatto di rendersi conto di "sognare" qualcosa che si è già sognato anche molti anni prima ?


Non mi riferisco tanto a sogni ripetuti o ricorrenti, ma alla possibilità che si conservi una memoria a lungo termine dei sogni.

Qualche volta, appena alzato, oltre a ricordare un sogno della notte precedente, ho dei "flash" in cui affiorano parti di sogni risalenti a molto tempo prima e in apparenza del tutto dimenticati. Di solito riesco ad attribuirli con una certa precisione ad un epoca più o meno lontana.

Questa capacità di recuperare (almeno in parte) sogni che sembravano cancellati per sempre e di "datarli" mi sorprende sempre; trovo logico e naturale che la nostra mente sia in grado di collocare correttamente nel tempo una memoria della vita reale (ad esempio il primo giorno di scuola o la festa del diciottesimo compleanno) ma mi risulta più difficile comprendere il meccanismo che associa una scena di fantasia, soltanto sognata, ad un periodo della mia vita.

Come è possibile che, durante quei pochi minuti (10-15) successivi al risveglio, io sia consapevole di aver sognato qualcosa, ad esempio un viaggio in treno in una città immaginaria, e di averlo fatto circa venti anni fa? Eppure non ho visitato (davvero) quel luogo inesistente.

Finito quel breve intervallo di tempo quasi tutto torna nell'oscurità, a meno che non prenda appunti scritti.

This post has been edited 3 times, last edit by "Lightspeed80" (Apr 29th 2020, 4:19pm)


gloriasinegloria

Colonna del Forum

Posts: 2,349

Activitypoints: 7,278

Date of registration: Aug 11th 2017

  • Send private message

5

Wednesday, April 29th 2020, 5:55pm

Non mi riferisco tanto a sogni ripetuti o ricorrenti, ma alla possibilità che si conservi una memoria a lungo termine dei sogni.

Qualche volta, appena alzato, oltre a ricordare un sogno della notte precedente, ho dei "flash" in cui affiorano parti di sogni risalenti a molto tempo prima e in apparenza del tutto dimenticati. Di solito riesco ad attribuirli con una certa precisione ad un epoca più o meno lontana.



Tempo fa avevo postato in questo forum qualcosa circa una mia esperienza che mi sembra simile.

All'improvviso, da sveglia, mi tornano sogni mai ricordati e seriali che addirittura riconosco come condizionanti il mio umore...

Per farla semplice : è come se all'improvviso avessi la certezza di una "serie" di sogni (come le serie TV) che sono condizionanti e che un attimo prima non avrei mai detto di aver sognato. Come vedere all'improvviso la serie intera in tutte le puntate...

Ma...come Juniz mi chiedo: sarà realtà l'averli sognati in precedenza o sarà solo un gioco momentaneo della mente ?

Bilbo

Utente Attivo

Posts: 79

Activitypoints: 237

Date of registration: Jul 7th 2011

  • Send private message

6

Wednesday, April 29th 2020, 6:36pm

Ciao Light,
molto particolare questo fenomeno, io, un po' come tutti ricordo frammenti spesso anche estesi e vividi dei miei sogni nei primi minuti dal risveglio, non emergono mai alla coscienza da soli ma quasi sempre agganciandosi in maniera associativa a pensieri che sto facendo in quel momento o a cose che vedo.
Posto che quello che descrivi è un fenomeno molto particolare, ti chiedo, potrebbe essere che esista un rapporto di associazione o di somiglianza tra i frammenti onirici recenti e quelli più antichi? Te lo chiedo perché da come descrivi il fenomeno sembra che i ricordi dei sogni più datati siano successivi a quelli dei sogno recenti, e mi viene da pensare che potrebbero emergere a causa di una loro somiglianza o collegamento (associazione) con i primi.

Lightspeed80

01110101 01101110 01100101 01101101 01110000 01101100 01101111 01111001 01100101 01100100 00100000 01110111 01101001 01110100 01101000 00100000 01100001 00100000 01110000 01101000 01100100

  • "Lightspeed80" started this thread
  • Send private message

7

Thursday, April 30th 2020, 7:03am

Grazie Gloria!

Ciao Light,
potrebbe essere che esista un rapporto di associazione o di somiglianza tra i frammenti onirici recenti e quelli più antichi? Te lo chiedo perché da come descrivi il fenomeno sembra che i ricordi dei sogni più datati siano successivi a quelli dei sogno recenti, e mi viene da pensare che potrebbero emergere a causa di una loro somiglianza o collegamento (associazione) con i primi.


Acuta osservazione, Bilbo.

Anche a me è venuto questo sospetto, ovvero che tra il sogno più "fresco" della notte precedente e quelli avuti in un passato più lontano ci sia qualche analogia, anche se a prima vista non troppo evidente.

Potrebbe dipendere da una parziale somiglianza del contenuto
: in generale tendo a ricordare soprattutto paesaggi rurali e urbani ed in particolare edifici; i miei sogni sono popolati da architetture elaborate (amo la storia dell'arte, i beni culturali e l'archeologia), costruzioni imponenti, monumenti di varie epoche. Un paio di giorni fa ho sognato di guardare dall'alto una grande città sul mare nella quale ho contato ben tre anfiteatri romani. La settimana scorsa mi "trovavo" in una moderna metropoli asiatica, in mezzo ai grattacieli (in questo caso la spiegazione è abbastanza semplice e non c'è bisogno di scomodare Freud: prima di dormire avevo letto su internet alcuni articoli su Wuhan).

Quindi è possibile che qualche particolare del sogno più recente (ad esempio un viale alberato, un loggiato o una piazza circondata da palazzi) "riattivi" un collegamento con un sogno molto più antico che conteneva dettagli vagamente simili. In effetti all'interno di questi "flash" sono abbastanza frequenti le visioni di città, che mescolano caratteristiche di più luoghi reali (anche 3 o 4) e scenari di pura fantasia.

Dovendo fare un paragone con opere d'arte esistenti, accosterei questi sogni a quadri di De Chirico (spesso le strade non sono affollate), ma con qualche influenza delle città ideali del Cinquecento e dei cosiddetti "capricci architettonici" del Seicento e Settecento pieni di archi, colonne, gallerie in stili diversi.

Quanto alla "datazione" ipotizzo che, una volta riattivato il ricordo, le tematiche mi aiutino in qualche modo a identificare il periodo in cui ho avuto quel sogno.
Per esempio: la presenza di un parco dove andavo a giocare da bambino e di un timore tipicamente infantile (perdere un giocattolo oppure arrivare in ritardo a scuola) suggeriscono che lo abbia avuto all'epoca delle scuole elementari o medie. Adesso comunque sto "razionalizzando" a posteriori perchè durante quei "flash" la sensazione di riconoscere il periodo in cui ho fatto uno specifico sogno è più spontantea, quasi automatica.

Grazie a tutti per gli interessanti spunti di riflessione.

avantitutta

Giovane Amico

  • "avantitutta" is female

Posts: 144

Activitypoints: 446

Date of registration: Apr 3rd 2012

Location: Lombardia

  • Send private message

8

Tuesday, May 5th 2020, 1:59am

Ciao,
quello che tu riporti é interessantissimo e personalmente non avevo mai sentito parlare prima di un fenomeno del genere.
Io sogno moltissimo, da sempre, ricordo ogni notte quasi ogni cosa, ma esperienze come la tua né le ho mai avute né le ritenevo possibili.
Monitorando i miei sogni da anni, posso dirti con certezza che alcune immagini sono "nostre" più di altre, nel senso che il cervello si fissa e le usa per dare forma ai propri contenuti. Se crediamo alla psicologa del profondo, essa insegna che questi contenuti evolvono lentamente (avendo a che fare con nodi inconsci complessi), quindi le immagini tornano e ritornano anche dopo anni (nel tuo caso architetture e monumenti), con variazioni sul tema. Io da circa 8 anni sogno giostre, per esempio.
Riporto da un libro di self-help (G.Damico):
[...] L'ipotesi che la vera sede dei ricordi -e della coscienza- non sia dentro il cervello, ma da qualche parte in tale sostrato cosmico che tutto informa; il cervello cioè non sarebbe altro che una sorta di memoria locale di un gigantesco hard disk che ha memoria di tutto quanto accade. Tale fantasiosa ipotesi é stata originata dall'osservazione che esperienze complesse di coscienza ricordate si danno anche in presenza di strutture cerebrali così vastamente danneggiate e scarsamente irrorate da non poter essere giustificate sul piano delle possibilità puramente fisiologiche.
C'è una differenza tra me e te: io dormo moltissimo, come un ghiro. Non saprei dirti perché, ma ho come la sensazione che se non fosse così, se soffrissi di insonnia o risvegli precoci, potrebbe capitare anche a me qualcosa di simile a ciò che riporti.

Lightspeed80

01110101 01101110 01100101 01101101 01110000 01101100 01101111 01111001 01100101 01100100 00100000 01110111 01101001 01110100 01101000 00100000 01100001 00100000 01110000 01101000 01100100

  • "Lightspeed80" started this thread
  • Send private message

9

Wednesday, May 20th 2020, 10:34am

Grazie per il tuo stimolante commento, Avantitutta!
Sì, concordo... ognuno di noi molto probabilmente ha dei temi "preferiti" o ricorrenti.

Similar threads