Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

mammetta

Utente Attivo

  • "mammetta" started this thread

Posts: 37

Activitypoints: 174

Date of registration: Sep 15th 2011

  • Send private message

1

Wednesday, September 28th 2011, 7:31pm

Farmaco generico

Salve dottore,
oggi mi è stato detto che c'è differenza tra farmaco generico e farmaco "specifico". Mi spiego meglio: nel mio caso io assumo proprio il farmaco che si chiama citalopram, mentre altre persone assumono elopram o seropram. E' vero che ci sono differenze? A parte il costo che ovviamente è di un terzo rispetto al farmaco specifico. Come mai i medici prescrivono il farmaco generico?

Dr. Vassilis Martiadis

Utente Avanzato

Posts: 656

Activitypoints: 1,968

Date of registration: Jun 29th 2010

Occupation: Specialista in Psichiatria - Psicoterapeuta Cognitivo-Comportamentale

  • Send private message

2

Wednesday, September 28th 2011, 9:41pm

Gentile utente,
il prodotto generico è commercializzato con il nome del principio attivo (es. citalopram, paroxetina, sertralina, etc.) seguito dal nome della ditta che lo produce (es. citalopram tizio, sertralina sempronio etc.). Il farmaco generico può essere prodotto da chiunque ne chieda l'autorizzazione dopo che sia scaduto il brevetto del prodotto farmaceutico brand (es. elopram o seropram). La maggior parte dei brand, una volta scaduto il brevetto, adegua il prezzo di vendita a quello del generico, che è in genere più basso (anche di molto). Alcuni brand, forti di un ampio radicamento nell'uso più che decennale, mantengono il prezzo più elevato, nonostante la concorrenza dei generici.
Il medico può prescrivere il generico, anzi dovrebbe incoraggiarne l'uso quando ritiene che le ditte produttrici siano affidabili, che le formulazioni siano identiche così come gli eccipienti e le durate di scadenza. La legge definisce come bioequivalenza: equivalenza media di due farmaci aventi profilo di biodisponibilità accettabilmente simile (compreso circa nel 20% in più o meno dell'area sotto la curva); quindi brand e generico non sono perfettamente uguali, ma accettabilmente e terapeuticamente molto simili, tanto da essere definiti non uguali, ma equivalenti, ossia con lo stesso potere terapeutico.
E' importante seguire l'esperienza nel medico che può consigliare il prodotto che ritiene migliore. Se ci si affida ad un generico bisognerebbe scegliere con l'ausilio del medico, e non del farmacista, che a volte, può tendere anche a cambiare più volte generico a seonda delle disponibilità.
Cordiali saluti
Dott. Vassilis Martiadis

Specialista in Psichiatria


www.psichiatranapoli.it