Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


1

Tuesday, May 28th 2019, 1:30pm

Antipasti e aperitivi

In questo thread é possibile inserire post con ricette ed idee per preparare antipasti o sfiziosi aperitivi!

vi ricordo che è ammesso pubblicare solo ricette e non commenti a tal proposito potete leggere il mini regolamento di sezione:
Finalità e utilizzo di quest'area - da leggere prima di intervenire!

Se la ricetta è tratta da un blog, un libro di cucina o altro sito web ricordate di citarne la fonte :)

Buon Appetito a tutti!
infonienteansia@libero.it
### ### ### ###
*sara swarovsky*

2

Tuesday, May 28th 2019, 1:35pm

Tartine prosciutto e fichi

Oggi mi è tornata alla mente (o alla voglia) una ricetta non proprio di stagione. L'ho vista in tv tempo fa ed ero titubante, poi l ho assaggiata e trovata buonissima.
Può essere un'idea originale e sfiziosa per un antipasto settembrino.

Ingredienti:
Pane di segale o ai cereali
prosciutto crudo a fette
fichi freschi.

Procedimento: affettare il pane a fettine della dimensione desiderata, adagiarvi sopra una fetta di prosciutto crudo e mezzo fico precedentemente lavato e privato del picciolo.

Addentare e gustare.
:D
infonienteansia@libero.it
### ### ### ###
*sara swarovsky*

Pivaldo

Passato attraverso parecchie tempeste, navigo tuttora, perché penso di avere ancora tante destinazioni da raggiungere. Mentre il mondo appare pieno di indecisi sulle mete da raggiungere e di angosciati per aver scoperto che Babbo Natale non esiste

  • "Pivaldo" is male

Posts: 2,041

Activitypoints: 6,418

Date of registration: May 27th 2015

Location: italia centrale (quando non viaggio)

Occupation: facciodame e sono orgogliosamente indipendente

  • Send private message

3

Wednesday, May 29th 2019, 11:14am

Ciriole con prosciutto e fichi affettate

E' la versione "ruspante" delle tartine di Sara.

Tutto si basa sul contrasto dolce/salato dei fichi con il prosciutto di montagna (meno pregiato di quello dolce).

La ciriola (come è chiamata a Roma) è un formato di pane di almeno 80-90 gr. a forma di baguette piuttosto cicciotta.

E' un panino sontuoso (tagliata la ciriola a metà per lungo, messi all'interno tre fichi sbucciati e due fette di prosciutto e richiuso il tutto), che trasformi in antipasto tagliando con lama seghettata la ciriola imbottita a fette (leggermente oblique) nelle quali si infila uno stecchino di legno per tenere insieme le due metà.

Si fa sia a fine giugno-inizio luglio con i primi fichi sia, in autunno, con i fichi settembrini (i più dolci).

Si possono usare i fichi che sono diventati troppo maturi, dolcissimi, ed il prosciutto di montagna, più saporito.

A Roma si usa pure la rosetta, che essendo vuota dentro si presta magnificamente ad essere imbottina.
Ricordo amici che ne mangiavano tre a colazione (nell'età della crescita). Ma questo accadeva prima del fax, del personal computer, del cellulare e della scoperta della rughetta …. Preistoria.

P.

(----------;)------------)
Il più bello dei mari / è quello che non navigammo. / Il più bello dei nostri figli / non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni /non li abbiamo ancora vissuti. / E quello / che vorrei dirti di più bello / non te l’ho ancora detto.

Nazim Hikmet

Crobatus

Utente Fedele

Posts: 557

Activitypoints: 1,720

Date of registration: Feb 25th 2019

Location: Ducato di Milano

  • Send private message

4

Wednesday, July 3rd 2019, 12:36am

al posto del solito pane burro e acciughe:

"tartine" di limone e acciughe

limone non trattato, preferibilmente di sorrento (è più buono, meno acido), usando la parte centrale dove c'è meno parte bianca...
acciughe
pepe




Crobatus

Utente Fedele

Posts: 557

Activitypoints: 1,720

Date of registration: Feb 25th 2019

Location: Ducato di Milano

  • Send private message

5

Tuesday, March 31st 2020, 8:25pm

dal nome potrebbe sembrare un primo.
dal nome... :cursing:



Pivaldo

Passato attraverso parecchie tempeste, navigo tuttora, perché penso di avere ancora tante destinazioni da raggiungere. Mentre il mondo appare pieno di indecisi sulle mete da raggiungere e di angosciati per aver scoperto che Babbo Natale non esiste

  • "Pivaldo" is male

Posts: 2,041

Activitypoints: 6,418

Date of registration: May 27th 2015

Location: italia centrale (quando non viaggio)

Occupation: facciodame e sono orgogliosamente indipendente

  • Send private message

6

Saturday, November 7th 2020, 12:20pm

Paté di fegato alla contadina

Ingredienti
o Cipolla bianca 50-70 gr
o Aglio - 1 spicchio
o Cognac o brandy – ½ bicchierino
o Vino marsalato o rosso 1 bicchierino
o Fegato di maiale 200 g
o Limone – un pezzettino di buccia di limone spremuto
o Alloro – 4 foglie
o Salvia – un cucchiaino
o Olio di oliva – due cucchiai
o Olio di girasole (a crudo), 3 cucchiai.
o Pepe nero grattugiato- q.b.
o Sale
o Peperoncino rosso (eventuale)


Preparazione

Utilizzare fegatini di maiale (dopo averli privati della retina) o salsicce di fegato di maiale (che di solito contengono anche un po’ di milza o cuore tritato) oppure fegato di maiale.
Se si usano le salsicce, è bene farle bollire in acqua per una decina di minuti e poi buttare l’acqua con il grasso.
Tagliare il fegato o i fegatini o le salsicce di fegato (togliere la pellicina, prima) a pezzi.
Tritate l’aglio sul tagliere in pezzettini piccoli.

Mettere in una padella l’olio di oliva con la cipolla tritata (se vi piace piccante, mettere il peperoncino rosso a pezzi), poi aggiungere ½ spicchio di aglio tritato e mettere il fegato a pezzi. Mentre soffrigge, aggiungere le foglie di alloro intere (o rotte con le mani) e la salvia, versare il bicchierino di vino e, quando è evaporato l’alcool, coprire con il coperchio. Dopo 5 minuti di cottura, mescolare con attrezzo di legno ed aggiungere il cognac o brandy. Lasciare evaporare l’alcool e coprire ancora per 5-8 minuti.
Poco prima della fine cottura aggiungere sale e pepe ed il pezzettino di buccia di limone (scorza con bianco). E’ importante non esagerare perché il sapore del limone puo’ prevalere e dare un senso spiacevole di amaro. Direi di usare una fettina larga non più di 4 mm. e lunga 2 cm, per dare un’idea.
Spegnere il fuoco e lasciare riposare (e lievemente raffreddare) il composto.
Con una forchettina o un cucchiaino recuperare le foglie di alloro (se qualche pezzetto rimane, non c’è problema).

Mettere nel mixer tutto il composto, aggiungere il ½ spicchio di aglio tritato e l’olio di girasole. Volendo potete aggiungere anche qualche erbetta, come prezzemolo o ruchetta.
Fare mescolare il composto tiepido nel mixer ben bene, fino a quando non è completamente amalgamato. Assaggiare e correggere con sale e pepe.
Aggiungere olio di girasole e rimescolarlo finché non diviene una pasta abbastanza morbida, da spalmare.
Servire freddo su crostini di pane casereccio abbrustolito.

--------------------
E’ un piatto rustico, che può essere abbinato anche ad un piatto di patè de foie gras, come contrappunto, un patè nobile ed uno contadino.
Un vino dolce leggermente aromatico va bene, per esempio un Lambrusco.
Anche uno spumante dolce (es. Brachetto) va bene per accompagnarlo.
Il più bello dei mari / è quello che non navigammo. / Il più bello dei nostri figli / non è ancora cresciuto.
I più belli dei nostri giorni /non li abbiamo ancora vissuti. / E quello / che vorrei dirti di più bello / non te l’ho ancora detto.

Nazim Hikmet