Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Crobatus

Utente Fedele

  • "Crobatus" started this thread

Posts: 440

Activitypoints: 1,362

Date of registration: Feb 25th 2019

Location: Ducato di Milano

  • Send private message

1

Thursday, October 31st 2019, 8:06pm

Voto ai bambini

Anche in Inghilterra si discute di dare il diritto di voto ai "bambini"

Ora da che la maturità per millenni è sempre stata sinonimo di sapienza, e la gioventù di inesperienza, ingenuità, ecc. i ruoli si sono invertiti (secondo la forma mentis di Grillo, di decostruzione) per cui gli anziani sono "rincoglioniti" e i giovani avveduti ed equilibrati...

La Chiesa è andata oltre, proponendo il voto a tutte le creature viventi, animali, insetti (in tempi di ecologismo..)
Come per altre leggi negative, c'è una pressione simultanea, come se ci fosse una regia unica europea...


https://www.breitbart.com/europe/2019/10…election-looms/

(Più che si discute, si inizia a "far digerire"...)

Elettra

Super Moderatore

  • "Elettra" is female

Posts: 3,379

Activitypoints: 9,590

Date of registration: Oct 14th 2016

  • Send private message

2

Friday, November 1st 2019, 1:35am

Leggendo la tua discussione mi sono chiesta: qual è l'età minima per votare nel mondo?

Ho fatto un giro su dott google e ho scoperto che sono parecchi gli stati in cui il diritto al voto è concesso a partire dai 16 anni (anche se alcuni in forma passiva)

L’età minima, per il voto, mediamente è di 17 anni, mentre il record di anzianità è di 25 anni e spetta agli Emirati Arabi Uniti.

L'età per il voto più bassa al mondo, fino al 2011, era quella dell’Iran, che consentiva anche ai quindicenni di votare (oggi per recarsi alle urne è necessario avere 18 anni).

Comunque a parte le curiosità, secondo me non ha senso estendere il diritto al voto ai sedicenni se nelle scuole non si associa almeno un percorso di educazione alla cittadinanza, all'informazione sul funzionamento delle istituzioni o un confronto su come i cittadini possono singolarmente e collettivamente agire per dare il proprio contributo attivo a migliorarlo.

Probabilmente, anziché estendere il voto ai minorenni, sarebbe più corretto attuare dei percorsi che consentano a chi ha oggi sedici anni di arrivare più maturi al voto.

Leyla

Giro di valzer

  • "Leyla" is female

Posts: 1,029

Activitypoints: 3,094

Date of registration: Apr 3rd 2015

  • Send private message

3

Friday, November 1st 2019, 5:55am

Qui in Italia si vuole concedere il diritto di voto dai 16 anni di età.
Vi racconto un episodio cui ho assistito lunedì. Fermata dell'autobus ore 13.00. Studenti come se piovesse.
Alcune ragazze si lamentano con un signore perché ingombra il passaggio: "Ma che razza di problemi hai
che vai in giro con un cane con quella roba addosso?". Era un signore non vedente con un cane guida per
ciechi.
Non sto scherzando: il livello di maleducazione e ignoranza delle nuove generazioni aumenta in maniera
direttamente proporzionale alla costruzione di nuovi ipermercati nella mia zona. Siamo a livelli endemici.
Io ho paura.
“Il refuso è un contributo involontario alla pluralità delle verità e un correttivo alla monotonia dei significati.”

gloriasinegloria

Amico Inseparabile

Posts: 1,542

Activitypoints: 4,766

Date of registration: Aug 11th 2017

  • Send private message

4

Friday, November 1st 2019, 8:14am

da che la maturità per millenni è sempre stata sinonimo di sapienza, e la gioventù di inesperienza, ingenuità, ecc. i ruoli si sono invertiti (secondo la forma mentis di Grillo, di decostruzione) per cui gli anziani sono "rincoglioniti" e i giovani avveduti ed equilibrati...


:hmm: ... mi sembra palese l'intento di catturare nuove platee di consensi prettamente emotivi , e peraltro conquistabili - in questo caso - con puri e semplici slogan e fake e bot attraverso i social.
E in questo senso l'idea non può che farmi paura.

Però, disgraziatamente, non mi sembra di poter dire che la maturità del voto sia proporzionale alla maturità anagrafica, e di voti prettamente emotivi e assurdamente motivati a testa alta in interviste tv ne ricordo con orrore tanti, tipo quelli di signore mature all'anagrafe che votavano qualcuno "perchè è bello" o tipo quelli di rampanti eternamente falliti che votavano lo stesso politico "perchè lui è il mio modello e nessuno è capace come lui!"............................ :-DO
Inutile poi parlare dei "voti di scambio" che sono un flagello e che, se vogliamo, corrispondono ad altra forma di gravissima immaturità autolesionistica in adulti anagrafici.

Sarà che sono abituata alle votazioni in condominio, la cui disciplina, mutuata da quella societaria, prevede indifferibilmente il "doppio quorum" , e cioè si calcolano sia le "teste" e sia "il valore quota" da esse rappresentato.........ma da decenni penso che la prima fregatura sia proprio il principio facilone "uno vale uno". Che non è dei 5 Stelle, ma è quello con cui si vota per legge.
Prendo me per primo parametro negativo : ma insomma...ma il MIO voto può realisticamente valere (per competenze) quanto quello di Draghi?
E il mio voto (che vale molto meno di quello di Draghi)...senza presunzione: ma quanto vale di più di quello del mafioso che magari se ne porta dietro qualche migliaio di altri, i quali...sono a propria volta "uno vale uno" alla pari con Draghi? :wasted:

A me sembra logico e normale che ciascuno debba contribuire alle scelte della società a cui appartiene ...anche e soprattutto in funzione del ruolo che vi svolge e della propositività concreta che può apportare, e che si traduce in sua "quota attiva di appartenenza".
Ma "uno vale uno" azzera esattamente questo principio!
E lo azzera con solo vantaggio dei manipolatori di rango e con disastro (quello che viviamo) del "popolo democraticamente votante"...

Malgrado tutto ciò, di cui giuro che soffro, non mi sembra che il voto ai sedicenni sia la peggiore delle disdette.
Vero che possono essere facilmente manipolabili da slogan, se privi di formazione civica.
Ma poi anche vero che sono molto più capaci di usare gli stessi mezzi con cui si cerca di manipolarli per...sdoganarsi con gli stessi mezzi a modo loro. :thumbsup:
Prova ne sia il "bonus 18 anni" regalato (con le tasse nostre) da Renzi.

I Ragazzi sono stati perfettamente in grado di cogliere l'opportunità (ricordo vagamente che la media de ragazzi beneficiò del bonus commerciandolo con un Libraio di quartiere) e Renzi...che pensava di aver fatto campagna elettorale con acquisizione di new entries...sappiamo tutti quanti consensi abbia avuto subito dopo! :roftl:
MENTRE INVECE...e soffro nel dirlo... tra i più maturi ANAGRAFICAMENTE E SOLO LI' ...io ho amici coetanei, carissimi e adorabili, ma che...siccome beneficiano del "bonus 80 euro" sempre di Renzi...con loro possiamo continuare ad essere amici carissimi SOLO se non parliamo più di politica. Perchè...loro hanno una vera devozione :-NM per chi gli ha dato quegli 80 in più (sempre pagati dalle tasse che paghiamo tutti) .
Gli unici anagraficamente adulti che si sono incazzati sono quelli a cui è stato richiesto indietro! :roftl:

5

Friday, November 1st 2019, 11:21am

più che dell'età bisognerebbe riflettere se ci interessa ancora un sistema rappresentativo
non mi pare che sia prioritario, di questi tempi. nella pochezza umana, nell'imbarbarimento generalizzato si cerca l'uomo forte, quello a cui delegare, da idolatrare....chi ha un Putin, chi un Trump, chi Kim Jong Un, chi un Matteo o un Bolsonaro e tutti gli altri.

alla fine votare a 18 o a 21 oppure a 16 non cambia di molto, se andiamo alla ricerca dell'idolo da amare.
namasté

Settembre

Giovane Amico

  • "Settembre" is male
  • "Settembre" has been banned

Posts: 302

Activitypoints: 983

Date of registration: Jun 11th 2019

Location: Campania

  • Send private message

6

Friday, November 1st 2019, 11:40am

Crobatus la gente di oggi non sta bene con la testa, perciò fanno o comunque dicono certe cose. Secondo me anche a 21 anni potrebbe essere presto per dare il voto ma comunque i politici di oggi sono tutti finti, chi governa veramente sono i governi ombra.

Ovviamente il mio commento non era riferito a commenti altrui.

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,171

Activitypoints: 21,855

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

7

Friday, November 1st 2019, 2:21pm

più che dell'età bisognerebbe riflettere se ci interessa ancora un sistema rappresentativo
non mi pare che sia prioritario, di questi tempi. nella pochezza umana, nell'imbarbarimento generalizzato si cerca l'uomo forte, quello a cui delegare, da idolatrare....chi ha un Putin, chi un Trump, chi Kim Jong Un, chi un Matteo o un Bolsonaro e tutti gli altri.

alla fine votare a 18 o a 21 oppure a 16 non cambia di molto, se andiamo alla ricerca dell'idolo da amare.


non ho altro da aggiungere...vogliamo votare per non pensarci più :hail:
Allontana da me questo calice.....

8

Friday, November 1st 2019, 7:57pm

Buona parte delle persone non ha la minima idea di come funzioni lo stato, volutamente in piccolo.
Puoi far votare anche a 10 anni; il problema è proprio dovito al fatto che vi è una grave ignoranza trasversale ad età, ceto sociale e genere.

Se scremassimo il tutto da considerazioni etico morali e balle varie...che differenza c'è tra il bimbo Nord Coreano ed il bimbo Italiano(Americano, Svedese, Australiano e bla bla)...che vengono indottrinati verso qualcosa che non possono nemmeno capire?
Apatico,da smuovere con le granate.

Non ci sono femministe in una nave che sta affondando.
"Togliete dalla chiesa i miracoli, il soprannaturale, l’incomprensibile,
l’irragionevole, l’impossibile, l’inconoscibile, l’assurdo e non rimane
niente altro che il vuoto." Robert G. Ingersoll

Crobatus

Utente Fedele

  • "Crobatus" started this thread

Posts: 440

Activitypoints: 1,362

Date of registration: Feb 25th 2019

Location: Ducato di Milano

  • Send private message

9

Saturday, November 2nd 2019, 3:16am

@Elettra
nei paesi musulmani però non sono discotecari / fumati / viva la fica (ho sintetizzato, pensando a me 16enne)
La maggior parte dei "nostri" è succube di idee preconfezionate assorbite dall’esterno (insegnanti, amici, cinema, musica, ecc.) e vive nell'età più delicata dello sviluppo...
Una specie di gregge a disposizione di una certa elìte (si è detto favorevole Enrico Letta, già questo....)

Ma più che il calcolo elettorale di grillo, di "capitalizzare" sui minorenni, la questione è il disprezzo verso i vecchi e gli anziani...
Il che non vuol dire che un anziano per definizione è giusto, obiettivo, ecc.
(se no essendo un paese di vecchi avremmo la classe dirigente migliore del mondo) ma è l'ulteriore profanazione dei valori normali di civiltà - rispetto per l'autorità, i genitori, la patria, ecc. -
mancavano solo gli anziani da sputtanare...

Vero è che 16 o 18 anni, com'è adesso, non cambia molto.
Ma una volta esteso ai 16enni proporranno i 14enni....

Pensandoci bene 16 anni è l'età di Greta...

Elisa89

Ogni lasciata è persa

  • "Elisa89" is female

Posts: 479

Activitypoints: 1,500

Date of registration: Jun 1st 2019

  • Send private message

10

Saturday, November 2nd 2019, 7:44am

C'è ignoranza e maleducazione, ma c'è anche poco interesse e sfiducia verso il sistema politico in generale, almeno parlo per me e la mia generazione.
Anche il mio voto sarebbe un po' inutile o comunque "poco pensato".
Questo per dire che non è questione di età.

11

Monday, November 4th 2019, 12:03pm

Ma tutta questa ignoranza e maleducazione che vedete oggi nei ragazzi da cosa pensate sia dovuta?
Perche' se oggi i ragazzi sono cosi' penso che il problema sia dovuto ai genitori che li hanno educati cosi', e se i genitori li hanno educati cosi' di chi e' la colpa?
Se oggi abbiamo un Putin un Trump, un Matteo o altro credo perche' semplicemente la gente vuole questo, come 40 anni fa la gente voleva la democrazia cristiana e il partito socialista italiano, solo che al tempo non ci si domandava se la gente votava di pancia o emotivamente, eppure se oggi l'italia e' ridotta cosi' molto e' dovuto ai governi di 40 anni fa.
Far votare a 15 16 17 e' cosi' pericoloso? potrebbe come non potrebbe questo nessuno lo sa, quello che si sa e' quello che e' successo fino ad ora e cioe' che ne i 15 16 e 17enni hanno mai votato.
Il mondo e' pieno di pazzi

Settembre

Giovane Amico

  • "Settembre" is male
  • "Settembre" has been banned

Posts: 302

Activitypoints: 983

Date of registration: Jun 11th 2019

Location: Campania

  • Send private message

12

Monday, November 4th 2019, 12:18pm

In effetti, rispondendo ad Elisa, è proprio da persone che casomai sono loro ad essere maleducate e ignoranti a pensare che sia normale dare il voto a chi non ha la capacità di capire bene quello che fa a discapito del vecchio che, avendo appunto una certa età, se vuole ha la possibilità di esprimere un giusto giudizio.

13

Monday, November 4th 2019, 12:27pm

Ma tutta questa ignoranza e maleducazione che vedete oggi nei ragazzi da cosa pensate sia dovuta?
Perche' se oggi i ragazzi sono cosi' penso che il problema sia dovuto ai genitori che li hanno educati cosi', e se i genitori li hanno educati cosi' di chi e' la colpa?
Se oggi abbiamo un Putin un Trump, un Matteo o altro credo perche' semplicemente la gente vuole questo, come 40 anni fa la gente voleva la democrazia cristiana e il partito socialista italiano, solo che al tempo non ci si domandava se la gente votava di pancia o emotivamente, eppure se oggi l'italia e' ridotta cosi' molto e' dovuto ai governi di 40 anni fa.
Far votare a 15 16 17 e' cosi' pericoloso? potrebbe come non potrebbe questo nessuno lo sa, quello che si sa e' quello che e' successo fino ad ora e cioe' che ne i 15 16 e 17enni hanno mai votato.


infatti, hai ragione.
ci sono studiosi che sostengono che solo una guerra ci "salverà".
visto che non siamo meglio...facciamoci la guerra, ammazziamoci a vicenda e poi ricominciamo
però sempre pensando di essere meglio e che la colpa....è dell'ALTRO.
namasté

arianna73

Colonna del Forum

Posts: 2,054

Activitypoints: 6,176

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

14

Monday, November 4th 2019, 12:29pm

Grillo è imbarazzante, come prova del degrado cognitivo oltre una certa età è credibile.... però alla fine della fiera la questione "voto ed età" l'hanno risolta Gino Strada (che l'ha liquidata come "cazzata") e la giovane atleta figlia di fiona may e gianni Iapichino, 16enne che ha detto con semplice buonsenso "E' meglio continuare a votare dopo i 18 anni, a questa età siamo ancora molto disinformati e disinteressati alla politica".
Ci può stare e ci sta.

In aggiunta al fatto, come dice saggiamente Elisa, che l'età in sé decide poco, e come rileva Pazzo, tutto questo da qualcosa verrà. E non è che in passato si sia votato sempre con tutta questa lucidità eh. Ma d'altra parte, per me il caro vecchio suffragio universale puzzone per quanto sembri ad alcuni, è sempre la cosa meno peggio che ci siamo inventati :D

chi vuole abbassare l'età del voto comunque quantomeno dovrebbe rivoluzionare qualcosa in campo di educazione civica e preparazione a scuola. :hmm:

15

Monday, November 4th 2019, 12:48pm

Ma tutta questa ignoranza e maleducazione che vedete oggi nei ragazzi da cosa pensate sia dovuta?
Perche' se oggi i ragazzi sono cosi' penso che il problema sia dovuto ai genitori che li hanno educati cosi', e se i genitori li hanno educati cosi' di chi e' la colpa?
Se oggi abbiamo un Putin un Trump, un Matteo o altro credo perche' semplicemente la gente vuole questo, come 40 anni fa la gente voleva la democrazia cristiana e il partito socialista italiano, solo che al tempo non ci si domandava se la gente votava di pancia o emotivamente, eppure se oggi l'italia e' ridotta cosi' molto e' dovuto ai governi di 40 anni fa.
Far votare a 15 16 17 e' cosi' pericoloso? potrebbe come non potrebbe questo nessuno lo sa, quello che si sa e' quello che e' successo fino ad ora e cioe' che ne i 15 16 e 17enni hanno mai votato.


infatti, hai ragione.
ci sono studiosi che sostengono che solo una guerra ci "salverà".
visto che non siamo meglio...facciamoci la guerra, ammazziamoci a vicenda e poi ricominciamo
però sempre pensando di essere meglio e che la colpa....è dell'ALTRO.


Ma se questo famoso ALTRO non ha mai nessuna colpa, allora vuol dire che e' sempre colpa nostra, e se e' sempre colpa nostra allora e' giusto che vada a finire cosi'.
Il mondo e' pieno di pazzi