Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


1

Friday, September 13th 2019, 8:13am

Migranti e Immigrazione

Visto che qui sembra un "problema" molto sentito, e sull'altro thread si stava andando palesemente off-topic. Ho deciso di aprire quest'altra discussione per capire, perchè di solito persone che come ideologia politica si ritengono più vicine a posizioni nazionaliste/conservatrici lo ritengono un problema cosi grave da percepirlo quasi come un pericolo costante. Quanto è realtà, e quanto invece è un problema montato ad arte dalle varie destre per meri fini elettorali? Quindi solo una falsa percezione. Io ad esempio penso che Salvini nemmeno crede a quello che professa, e sa che non sono altro che idiozie, ma siccome questo tipo di posizioni portano un ampio consenso elettorale decide di cavalcare questi temi in maniera piuttosto becera e insensata.

Ad esempio perchè dovrei ritenere i migranti più pericolosi di questi signori qua? Che dicono espressamente che vorrebbero sovvertire l'ordine democratico, e che se lasciati fare eliminerebbero tranquillamente chiunque è di una posizione politica diversa rispetto alla loro, e chiunque non rientra nella loro classificazione di "razza pura". Io se un giorno avrò una figlia, avrei molta più apprensione e paura che in piena notte incroci individui del genere rispetto a un gruppo di Senegalesi...

No one knows a prescription drug’s side effects like the person taking it.

Make your voice heard.

This post has been edited 4 times, last edit by "Adam Weasel" (Sep 13th 2019, 9:34am)


fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,108

Activitypoints: 21,666

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

2

Friday, September 13th 2019, 9:40am

caro Adam

lo sai che questo thread sarà invaso da link di articoli del giornale e libero che quotidianamente ci raccontano di atrocità commesse da migranti? scherzi a parte il tema è serio. Viviamo in un mondo globalizzato, l'Italia è per sittuazione geografica terra di confine e il problema dei flussi migratori è qualcosa di cui dobbiamo occuparci. Sebbene torno a ripetere, per me non è l'emergenza più grave che dovremmo affrontare. Partiamo da qualche numero (tra l'altro tre giorni fa è un uscito un rapporto del ministero degli interni).
Gli arrivi non hanno un andamento costante come si pensi. Nel 2017 gli sbarchi sono stati oltre 100.000. Poco più di 20.000 nel 2018 e soltanto 5.800 nei primi 8 mesi del 2019. In questo momento non ci sono flussi particolarmente importanti, ma ovviamente questi dipendono da una molteplicità di fattori difficilmente governabili. La grande maggioranza provengono da Tunisia, Pakistan, Algeria e Costa d'Avorio.
Molti dei migranti poi in realtà non vorrebbero venire in Italia. L'Italia rappresenta l'ingresso facile in Europa. Diversi per esempio vogliono la Francia (in particolari Tunisini e algerini hanno i parenti in Francia). L'accordo di Dublino, per noi firmato dall'allora governo Berlusconi- Lega, prevede però che gli arrivi vadano a pesare sul paese di ingresso...punto.
Per quel che mi riguarda ritengo che un flusso migratorio sia in effetti un problema da gestire, ma ritengo anche che la percezione del problema sia stata politicamente ingigantita grazie anche alla situazione complessiva del nostro paese che ormai da un ventennio vede una crescita pressochè azzerata, la fine della classe media e la generale precarizzazione del lavoro. In questo humus, piuttosto che affrontare tutti i nodi, è più semplice indirizzare il malcoltento verso un nemico esterno che può essere l'Europa o, ancor più agevolmente il migrante.
Questo non vuol dire che io credo nell'accoglienza incontrollata (tanto mi ci accuseranno lo stesso...e chissene), ma non penso neanche che questo problema sia la madre di tutti i nostri guai. Guai in gran parte dei quali siamo corresponsabili noi stessi.
Elì, Elì, lemà sabactàni

3

Friday, September 13th 2019, 9:54am

Sicuramente i flussi migratori vanno gestiti e controllati, ma a volte mi sembra di leggere persone che percepiscono un reale e continuo pericolo di essere aggrediti loro o chi gli sta intorno da qualche migrante. Mi domando quanti realmente hanno subito violenze vere e proprie da parte di persone di differente etnia e cultura, quanto è invece soltanto una paura infondata dovuta appunto al clamore mediatico suscitato per come vengono gestiti certi fatti di cronoca.
No one knows a prescription drug’s side effects like the person taking it.

Make your voice heard.

4

Friday, September 13th 2019, 11:07am

Ringrazio Adam per aver creato il thread, spero non diventi luogo di offese, ci tengo a ricordarvi che si può discutere in modo civile (cosa che peraltro stavate facendo) e che le offese inerenti il credo religioso o politico non sono accettate dal regolamento di nienteansia.
Buon proseguimento
Sara84 per lo staff
[email protected]
### ### ### ###
*sara swarovsky*

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,108

Activitypoints: 21,666

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

5

Friday, September 13th 2019, 11:20am

a scanso delle solite accuse di essere "radical chic" (cosa che mi fa molto sorridere ad essere sincero) io vivo da circa 20 anni in un agglomerato nella periferia sud est di Roma di circa 130.000 abitanti. Ci vive un'alta concentrazione di cosiddetti migranti (in particolare Rumeni, egiziani e pakistani). Mi fa sorridere anche il tema della "islamizzazione" quando ho visto crescere delle ragazze pakistane ed egiziane che col passare del tempo hanno cominciato a truccarsi e mettere la minigonna. A parte lo spaccio fatto di giorno e gestito da italiani con un pò di manodopera nordafricana (con elevato turnover) si può girare tranquillamente anche alle 3 di notte. Gli unici episodi di violenza sono stati di natura "domestica" ossia dentro le mura di casa. Il degrado esiste ed è visibile, ma riguarda la cura delle strade, degli edifici scolastici e il clima di impoverimento derivante dalla precarietà del lavoro.
Elì, Elì, lemà sabactàni

Nathanim

Amico Inseparabile

  • "Nathanim" is male

Posts: 1,638

Activitypoints: 4,406

Date of registration: Mar 1st 2017

  • Send private message

6

Friday, September 13th 2019, 11:52am

Ciao ...

Io non ripeterò qui quello che ho già scritto sull'altro thread, mi limito a fare una semplice constatazione:

tu Adam dici che le destre "pubblicizzano" certi episodi di cronaca a fini elettorali. Ora, se anche fosse vero, questo fatto non toglierebbe nulla alla veridicità di quegli episodi. Il pugno sotto la metro dell'altro giorno resta un pugno, non una finzione, perfino se non ne avesse parlato nessuno.

Per alzare il livello di allarme, quanti pugni dovete ricevere? E non è soltanto un discorso di aggressioni, ma di stile di vita che può disturbare chi è nato in questo paese. Perché io Italiano dovrei sopportare le puzze e i rumori di chi è abituato a vivere nel suo appartamento secondo uno stile (chiamiamolo così) differente?

Perché dovrei sopportare l'abitudine di chi pone il sacco della spazzatura fuori dalla porta di casa per poi condurlo al cassonetto magari dopo due giorni?

Lo fanno anche certi Italiani? Di sicuro, pensate che io sia più tenero perché sono "la mia gente" ma non è così, semplicemente sbagliano anche loro, ma loro non sono stati fatti entrare quando lo si poteva evitare, oppure gestire in altro modo.

Se io ho un familiare che è la pecora nera della mia famiglia, non faccio entrare in casa le pecore nere delle famiglie altrui, soprattutto quando non hanno motivo di entrare in casa mia, non scappano da guerre, e se anche fosse non posso certo occuparmene io.

"Il mondo" non può trasferirisi in Italia, perché l'Italia già arranca per conto suo.

Un'altra cosa: dovreste distinguere una tranquilla e normale persona di destra da un qualunque personaggio con la voglia di menare le mani, e di attualizzare certe decisioni che erano inserite in altro contesto storico. Non ci sono persone superiori e persone inferiori, ma persone (e nazioni) più acculturate e meno acculturate, e con differenze in termini di fenotipo genetico. Se parlare di superiorità non ha un fondamento, parlare di diversità invece ce l'ha e non esiste una sorta di morale superiore che obblighi qualcuno ad accettare quella diversità, in mancanza di ciò considerando "cattiva" quella persona.

Se tu avessi una figlia, Adam, io le suggerirei di stare attenta sia ad un gruppo di immigrati notturni che al tizio che riporti tu, e ti faccio notare che non ho guardato la videoclip, non serve.


:)

solitario92

Amico Inseparabile

  • "solitario92" is male

Posts: 1,209

Activitypoints: 3,472

Date of registration: Oct 24th 2015

  • Send private message

7

Friday, September 13th 2019, 1:13pm

Un potenziale flusso di milioni di persone è pericoloso? Si, lo è, e la storia sta a testimoniarlo (vedi impero romano e flussi barbarici, migrazione dei mongoli, conquista turca dell'Asia Minore, colonizzazione delle Americhe per i nativi) La bomba demografica africana poi pone enormi pericoli per i flussi giganteschi che essa potrebbe generare. E abbiamo già visto come la politica delle porte aperte a tutti sia disastrosa, con centinaia di migliaia di arrivi all'anno, e un enorme quantità di morti e profitti per le organizzazioni criminali.
Uno Stato non è tale se non è in grado di decidere chi sta o no sul suo territorio. Nel momento in cui uno Stato perde il controllo sui suoi confini, non è più uno Stato. Non è questione di fascismo, comunismo, democrazia, Lega o Pd. Se esistono leggi sull'immigrazione, esse hanno fatte rispettare, come qualsiasi altra legge.
Ovviamente non sono contro l'immigrazione. Milioni di immigrati lavorano e vivono tranquillamente in Italia, contribuendo alla crescita economica. Se l'ingresso avviene in modo regolare (con i dovuti controlli, come quelli che ho GIUSTAMENTE dovuto fare io per studiare negli USA) e porta elementi positivi per il paese ( ad esempio lavoratori scolarizzati e studenti per le università, e non masse di analfabeti senza né arte né parte) essa ha un valore. Se invece l'immigrazione è quella delle ONG, degli scafisti, delle coop e delle autorità che si piegano senza nemmeno cercare di reagire a questa aggressione alla propria sovranità (perché di aggressione si tratta, quantunque subdola) direi proprio che non va.

This post has been edited 1 times, last edit by "solitario92" (Sep 13th 2019, 1:31pm)


fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,108

Activitypoints: 21,666

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

8

Friday, September 13th 2019, 1:40pm

Se tu avessi una figlia, Adam, io le suggerirei di stare attenta sia ad un gruppo di immigrati notturni che al tizio che riporti tu, e ti faccio notare che non ho guardato la videoclip, non serve.


io ho due figlie..purtroppo ho dovuto insegnare a loro a essere sempre guardinge. Anche nei confronti degli apparenti "bravi ragazzi". Di stupri e violenze compiuti da questi ultimi ne abbiamo di esempi anche storici (circeo...qualcuno lo ricorda?)

a proposito c'era chi manifestava contro le violenze perpetrate dai migranti
(parliamo solo di accuse...si intende)

https://roma.repubblica.it/cronaca/2019/…nzia-225161910/
Elì, Elì, lemà sabactàni

arianna73

Colonna del Forum

Posts: 1,983

Activitypoints: 5,963

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

9

Friday, September 13th 2019, 1:58pm

Io se un giorno avrò una figlia, avrei molta più apprensione e paura che in piena notte incroci individui del genere rispetto a un gruppo di Senegalesi...



La possibilità che i senegalesi siano gente tranquilla è statisticamente superiore a quella che gente del genere rispetti una donna e tanto più se la becca sola di notte, ovviamente una "zoc...a" che se la sta cercando. Mesi fa è uscito fuori un caso di stupro di gruppo minacce e sevizie di questi signori. D'altra parte è dal massacro del Circeo che sappiamo di che pasta è fatta certa gentaglia, che probabilmente non è tale per l'ideologia che dice di professare ma professa un certo tipo di str....te perché confacenti alla loro meschinità d'animo.

edit: ecco Fran, appunto...

Nathanim

Amico Inseparabile

  • "Nathanim" is male

Posts: 1,638

Activitypoints: 4,406

Date of registration: Mar 1st 2017

  • Send private message

10

Friday, September 13th 2019, 2:15pm

Fran ...

Ma secondo te io perdonerei gli stupratori Italiani perché sono Italiani?

Se tu hai capito questo, forse non mi sono spiegato bene.

Fai bene ad insegnare alle figliole a stare attente. Ci mancherebbe.


Il bravo ragazzo lo è nei fatti, non nell'aspetto.

:)

Leyla

Santa Impazienza

  • "Leyla" is female

Posts: 1,012

Activitypoints: 3,043

Date of registration: Apr 3rd 2015

  • Send private message

11

Friday, September 13th 2019, 3:09pm

Brava gente, cattiva gente ce n'è per tutti i gusti e colori, più di una gelateria.
Però attenzione: il problema è che se io vado in un paese di religione musulmana o induista o quello che volete voi (anche nello
Utah tra i mormoni) mi devo adeguare alle usanze locali o rischio grosso (magari tra i mormoni no). Loro vengono qui e fanno
quel cavolo che vogliono e non manifestano nessuna volontà, nessun desiderio di integrarsi, nemmeno un poco. Parlo soprattutto
delle ultime generazioni. Gli albanesi che sono arrivati in Italia con i primi flussi migratori si sono italianizzati più di noi.
Voglio farvi un esempio. Mio marito ha un lavoro che lo porta ad avere a che fare con molte persone, di tutte le etnie. Mi raccontava
che le stesse donne islamiche che fino a qualche tempo fa vestivano "all'occidentale" ora hanno messo il velo e le vesti lunghe.
Per non parlare del fatto che i loro mariti appena possono scappano nel loro paese di origine, sperperano i soldi che loro hanno
guadagnato facendo le cameriere o le donne delle pulizie, e si fanno una seconda famiglia là. E loro restano qui con i figli. E sempre
col velo però.
Ditemi voi che cosa posso aspettarmi io da situazioni del genere.
La quiete di coloro che ci hanno preceduto non può alleviare l'inquietudine di coloro che seguono.

12

Friday, September 13th 2019, 5:07pm

Sinceramente non riesco a capire che problema può causare una donna che indossa il velo.
No one knows a prescription drug’s side effects like the person taking it.

Make your voice heard.

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,108

Activitypoints: 21,666

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

13

Friday, September 13th 2019, 5:22pm

Sinceramente non riesco a capire che problema può causare una donna che indossa il velo.


tipo le suore?
Elì, Elì, lemà sabactàni

Leyla

Santa Impazienza

  • "Leyla" is female

Posts: 1,012

Activitypoints: 3,043

Date of registration: Apr 3rd 2015

  • Send private message

14

Friday, September 13th 2019, 5:40pm

Adam, carissimo, non è il velo, ma la mentalità dietro il velo.
Per me chi si comporta male va punito, non me ne frega una beata se milanese, africano, oriundo o apolide.
Io sto affermando che non c'è volontà di integrazione e, anzi, stanno tornando a determinati comportamenti
che avevano perduto.
Mamma mia se qui si devono ripetere 10 mila volte i concetti per farsi capire...
La quiete di coloro che ci hanno preceduto non può alleviare l'inquietudine di coloro che seguono.

Leyla

Santa Impazienza

  • "Leyla" is female

Posts: 1,012

Activitypoints: 3,043

Date of registration: Apr 3rd 2015

  • Send private message

15

Friday, September 13th 2019, 5:41pm

"tipo le suore? " ma che cosa c'entrano le suore adesso?
La quiete di coloro che ci hanno preceduto non può alleviare l'inquietudine di coloro che seguono.