Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Sie sind nicht angemeldet.


Lieber Besucher, herzlich willkommen bei: Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Falls dies Ihr erster Besuch auf dieser Seite ist, lesen Sie sich bitte die Hilfe durch. Dort wird Ihnen die Bedienung dieser Seite näher erläutert. Darüber hinaus sollten Sie sich registrieren, um alle Funktionen dieser Seite nutzen zu können. Benutzen Sie das Registrierungsformular, um sich zu registrieren oder informieren Sie sich ausführlich über den Registrierungsvorgang. Falls Sie sich bereits zu einem früheren Zeitpunkt registriert haben, können Sie sich hier anmelden.

AndreaC

In cibum est medicina

  • »AndreaC« ist der Autor dieses Themas

Beiträge: 1 300

Aktivitätspunkte: 4 100

Registrierungsdatum: Montag, 05 Mai 2014

  • Nachricht senden

1

Donnerstag, 15 Februar 2018, 20:40

Extracomunitario in Bici senza luci sulle strisce, per poco lo stiravo...

Per fortuna che andavo piano e che ho i riflessi pronti, e si stava pure incazzando, ho aperto la portiera per dargli l'info che le strisce sono PE DO NA LI e che non ce l'aveva la precedenza e quando ho sentito che nemmeno parlava italiano (si è messo a insultarmi suppongo in arabo) ho capito che non c'era nulla da fare e ho proseguito.

Sotto shock

Ma il problema è che se lo stiravo ci andavo comunque nei casini e non è bello stirare qualcuno, nemmeno se hai ragione

Elettra7

Super Moderatore

  • »Elettra7« ist weiblich

Beiträge: 3 222

Aktivitätspunkte: 9 105

Registrierungsdatum: Freitag, 14 Oktober 2016

  • Nachricht senden

2

Donnerstag, 15 Februar 2018, 20:54

Stirare ?(


Per fortuna ti è andata bene. Perché sei sotto shock?

3

Donnerstag, 15 Februar 2018, 21:15

Ciao Andrea cerca di tranquillizzarti adesso visto che non è successo nulla.
Ricordati che in prossimità delle strisce pedonali bisogna sempre rallentare, potrebbero sbucare pedoni all'improvviso.
[email protected]
### ### ### ###
*sara swarovsky*

AndreaC

In cibum est medicina

  • »AndreaC« ist der Autor dieses Themas

Beiträge: 1 300

Aktivitätspunkte: 4 100

Registrierungsdatum: Montag, 05 Mai 2014

  • Nachricht senden

4

Donnerstag, 15 Februar 2018, 22:34

Se c'è qualcosa che ho studiato bene è il codice della strada, stavo quasi per fermarmi perchè subito dopo c'era una rotatoria ma avevo ancora un po' di spinta e alla mia dx mi aspettavo semmai un pedone mentre questo pazzo è sfrecciato da dx con la bici senza luci velocissimo, con la bici senza luci, velocissimo sulle strisce pedonali, ti rendi conto ?

Manco parlava italiano se no l'info gli sarebbe tornata utile perchè la disfunzione di prenderceli tutti senza dar loro modo di integrarsi per fare caporalato e mafie varie con le cooperative che vincono appalti (sempre le stesse, che strano) per sfruttarli produce proprio questi problemi.

Solo che un conto è sapere che una classe politica fallimentare si prende vitalizi criminali senza fare nulla di sensato tranne stipendi fino a 100mila euro al mese per se stessi (per quello sì che sono zelanti) e un conto è rischiare di trovarti il risultato delle loro politiche dissennate sotto alle ruote.

Noi siamo un paese del terzo mondo che obbliga anziane 82enni a ravanare nei cassettoni dell'immondizia del mercato o andare a raccogliere i carciofi per arrotondare pensioni da 300 euro.

A raccogliere i carciofi anziane di 82 anni, ti rendi conto ?

Nei paesi seri come in nord europa danno agli extra comunitari un sussidio economico e un'abitazione a patto che studino la lingua e che si integrino, a patto che vadano ai corsi per imparare prima di tutto la lingua che è (come dice Aldo Busi) il collante di una nazione.

E se non vai ai corsi per imparare la lingua ti tolgono il sussidio, ti tolgono la casa, e te ne vai fuori dai coglioni.

Una disunzione del genere nei paesi seri non potrebbe Mai capitare

Non lasciano scorrazzare dei disperati che non impareranno mai un cazzo poveretti perchè se parli arabo e non sai che quando le strisce sono orizzontali (non quelle quadrate) devi scendere e portare la tua bici senza luci a mano e non sfrecciare "O la va o la spacca" nel tentativo di farti spalmare sull'asfalto dalle automobili e, se almeno parli l'italiano, l'info te la posso comunicare.
Mentre questo è ancora in giro in questo momento e pensava pure di avere ragione. Me lo insegna lui a me il codice della strada, capito ?

Siamo un paese sottosviluppato di mafiosi teste di cazzo e a parte dei politici criminali a farne le spese di una collettività gestita col culo siamo tutti noi. Disperati extracomunitari mai integrati compresi.

Dieser Beitrag wurde bereits 3 mal editiert, zuletzt von »AndreaC« (15/02/2018, 22:48)


5

Freitag, 16 Februar 2018, 09:14

Mi limito a parlare delle biciclette e lascio il dibattito politico ad altra occasione tanto ne ho le scatole piene.
Extracomunitari, comunitari, donne anziane, ragazzi ... indipendentemente da chi inforca una bicicletta, nessun ciclista rispetta minimamente il codice della strada.
Io, abitando e lavorando in centro città, mi sposto 365 giorni all'anno in scooter e quotidianamente vedo ciclisti che:
- passano con il rosso;
- transitano contromano (questo in pratica sempre, non fossi attento ne "stirerei" un paio al giorno;
- attraversano le strisce pedonali senza scendere dalla sella come previsto;
- pedalano sui marciapiedi nonostante le piste ciclabili;
- pedalano con il cellulare in mano;
- percorrono le corsie riservate ai mezzi pubblici;
- occupano in gruppo la carreggiata;
In pratica chi si sposta in bici (a parte poche eccezioni) è convinto di essere immune a qualsiasi regola ed anche la polizia municipale spesso finge di non vedere.

ps: ho anch'io una mtb ma cerco di razzolare bene.
Consultando abbastanza esperti puoi trovare conferma a qualsiasi opinione.

6

Freitag, 16 Februar 2018, 10:57

ciclista presente all'appello....e purtroppo devo confermare quello che dice acronimo :dash: (anche per il risvolto politico)
i ciclisti, soprattutto quelli che girano in città sono la categoria in assoluto più indisciplinata: vanno contromano, senza luci, le precedenze sono inesistenti, non segnalano le svolte, con quelle elettriche poi non frenano praticamente mai....insomma un disastro alquanto pericoloso.

abitando in una città dove la bici si usa veramente molto ho però visto che negli anni la situazione è migliorata.
da un lato perché hanno investito parecchio per rendere le ciclabili esclusive senza usi promiscui, poi ci sono diverse iniziative gratuite e pubbliche come il controllo di freni & luci un paio di volte all'anno, educazione stradale nelle scuole con pratica nelle piazze e dall'altro lato perché abbiamo un esercito di vigili che ci multano senza sosta e senza perdono: in autunno ci fanno gli agguati dietro le siepi per verificare le luci, ti inseguono se usi il cellulare e altre "attenzioni" di questo tipo.

ci vuole del tempo ma ci si abitua alla convivenza
namasté

svmmvs

Utente Fedele

Beiträge: 484

Aktivitätspunkte: 1 395

Registrierungsdatum: Donnerstag, 20 Juli 2017

  • Nachricht senden

7

Freitag, 16 Februar 2018, 11:00

Pensa che da noi hanno messo un centro di accoglienza sulla statale e ogni volta che ci passo per andare in facoltà trovo sempre qualcuno che va contromano, sia di giorno che di notte.
Una volta è capitato che uno di loro si sia spinto fino ad una stradina buia che si percorre prima di entrare in paese: se non ci fosse stato un amico che me lo segnalava, lo avrei preso in pieno.

AndreaC

In cibum est medicina

  • »AndreaC« ist der Autor dieses Themas

Beiträge: 1 300

Aktivitätspunkte: 4 100

Registrierungsdatum: Montag, 05 Mai 2014

  • Nachricht senden

8

Freitag, 16 Februar 2018, 14:28

Tutto vero, mio fratello stava per andare fuori strada perchè un ciclista senza luci contromano alle 5 del mattino stava circolando quasi sulla mezzeria. Extracomunitario o meno non importerebbe e non li colpevolizzo di certo, anzi.

Il discrimine ci sta però per una questione di causa e di possibile soluzione. A quel ciclista extracomunitario che stavo per stirare ieri non ho potuto nemmeno dire quanto e perchè sia stato tanto vicino ad essere letteralmente investito perchè se sei in bicicletta non vieni catapultato dall'impatto, con lo scooter sì, col 50ino sì, col 125 sì, se sei in bicicletta finisci fisicamente sotto alle ruote quasi sicuramente. Bicicletta elettrica compresa che è insidiosissima anche per i pedoni perchè vanno veloci come motorini e sembrano biciclette e non le senti arrivare.
Un giorno stavano per imballare me a piedi perchè non l'avevo assolutamente sentita arrivare. Viaggiava quasi alla velocità di un motorino.

La soluzione c'è ed è quella di far prendere la patente anche per la bicicletta, come hanno fatto con lo scooter. A 15 anni ricordo che, nei lontani anni 90, telefonai alla polizia municipale per contestare una multa per non aver rispettato una precedenza perchè non conoscevo il segnale stradale.
Dopo unimpatto con un'auto che mi ha distrutto lo scooter da 3milioni e mezzo di lire e dopo essere stato sbalzato e rotolato per diversi metri fino ad andare a fermarmi con la schiena contro un cassettone dell'immondizia .

E questo per la legge andava benissimo perchè bastavano i 14 anni per guidare il cinquantino, non dovevi superare un quiz con non più di 4 errori per 30 domande o un esame di pratica.

Poi loro ovviamente ti dicono che la legge non prevede l'ignoranza. Appunto, e invece l''ignoranza c'è, anche da parte degli italiani, e te la trovi sotto alle ruote.

Quindi negli anni 90 oltre ad essermi quasi ammazzato, oltre ad aver messo in pericolo altre vite oltre alla mia, oltre ad aver distrutto uno scooter nuovo, mi sono pure preso la multa.
Telefonai alla polizia municipale per contestare questa multa proprio perchè trovavo folle dover pagare per non aver saputo qualcosa che non mi si chiedeva di conoscere ma che dovevo sapere lo stesso.

Per la bicicletta è uguale, adesso sono motorini veri e propri ancora più pericolosi perchè non li senti e sfrecciano ai 60 all'ora con delle vecchie sopra che se ti arrivano da lontano non lo capisci che sono biciclette elettriche, poi magari ti giri un attimo per guardare anche a dx prima di attraversare come avevo fatto io, poi attraversi perchè non pensi che la vecchia con la bici motorino sparata ai 60 all'ora nel frattempo ti è già arrivata addosso.

Se non sai un cazzo di niente, proprio come l'extracomunitario, va benissimo, ma te ne vai a piedi, se ieri l'extracomunitario avesse avuto la targa io gliel'avrei presa e l'avrei denunciato.

Ricordo nel maggio del 99, avevo 17 anni, una ragazzina che finì sotto a un camion mentre attraversava le strisce sulla bicicletta, non la stava portando a mano. Mi raccontarono che si vedeva la gamba che usciva con la scarpetta da ginnastica da sotto al camion. Aveva 15 anni, se avesse portato la bicicletta a mano forse l'esito sarebbe stato diverso (il camion era partito improvvisamente e andava piano, non stava transitando a forte velocità).

La soluzione per come la vedo è quindi la patente anche per le biciclette. E nelle scuole si potrebbe insegnare il codice della strada e sottoporre ad un quiz anche i bambini.
Questo risolverebbe il problema della lingua a monte anche per gli extracomunitari, ti integri, impari la lingua e ti sottoponi ad un esame orale o ad un quiz in italiano.
Se no vai a piedi e siamo tutti felici.

Riguardo la bicicletta elettrica è molto pericoloso, è silenziosa, è velocissima, non la senti nemmeno arrivare, e sembra una bicicletta. Aggiungerei delle strisce catarifrangenti o dei pezzi di carena, qualcosa che sia riconoscibile per i pedoni che rischiano se no davvero di essere travolti. Ma anche per gli automobilisti perchè non te lo aspetti che siano motorini elettrici, e lo sono. Non devono sembrare biciclette.

La patente per la bicicletta sarebbe la cosa più sensate, necessiterebbe di una targa e se qualcuno facesse cazzate automaticamente si decurterebbero i punti anche della patente B.
E sarebbe la possibilità per gli extracomunitari di imparare la lingua e integrarsi. Se no a piedi, qual è il problema ?

Dieser Beitrag wurde bereits 1 mal editiert, zuletzt von »AndreaC« (16/02/2018, 14:36)


9

Freitag, 16 Februar 2018, 19:08

vi confesso una cosa....
io non so andare in bicicletta.
Ho paura.
[email protected]
### ### ### ###
*sara swarovsky*

wavesequence

Colonna del Forum

  • »wavesequence« ist männlich

Beiträge: 1 679

Aktivitätspunkte: 5 294

Registrierungsdatum: Mittwoch, 29 Oktober 2008

Wohnort: Mestre

Beruf: architetto, non so ancora per quanto...

  • Nachricht senden

10

Donnerstag, 22 Februar 2018, 19:48

Da automobilista e ciclista vedo che da entrambi gli emisferi ci sarebbe da dare una sistemata. Quando sono ciclista viaggio sempre con giubbino ad alta visibilità e caschetto giallo fluo... e nonostante tutto, pur percorrendo le piste ciclabili (dove possibile) molti automobilisti ritengono di avere ancora la precedenza. Spesso rischio di essere investito, fanno delle frenate all'ultimo momento, io non mi sposto, e se hanno qualcosa da ridire replico di studiare il codice della strada.
Quando sono automobilista, cerco di stare quanto più attento ai clclisti che, tuttavia, con i loro comportamenti scorretti ce la mettono tutta per farti girare le palle.
Quando sono pedone, incrocio spesso ciclisti e cicliste di varia età che transitano tranquillamente e prepoetentemente sui marciapiedi. E potrei andare avanti ancora per molto.

Il problema alla base è principalmente l'educazione (stradale) di chi le percorre e la carenza cronica di forze dell'ordine preposte a far rispettare le leggi.
Ohne Musik wäre das Leben ein Irrtum.
"Senza la musica, la vita sarebbe un errore"
-- F. Nietzsche


AndreaC

In cibum est medicina

  • »AndreaC« ist der Autor dieses Themas

Beiträge: 1 300

Aktivitätspunkte: 4 100

Registrierungsdatum: Montag, 05 Mai 2014

  • Nachricht senden

11

Donnerstag, 22 Februar 2018, 21:42

D'accordo con te, dal mio canto ti posso dire che da automobilista conosco il codice abbastanza bene da riconoscere le strisce pedonali da quelle per ciclisti. Se sfrecci come un pazzo sulle pedonali e ti incazzi pure sei un pericolo, e il problema è già tra italiani ma almeno un italiano lo puoi redarguire, un extracomunitario che parla arabo e basta no.

criceto

ognuno di noi ha un' angelo che ci guida e protegge anche nei momenti difficili

  • »criceto« ist weiblich

Beiträge: 246

Aktivitätspunkte: 790

Registrierungsdatum: Montag, 26 Dezember 2016

  • Nachricht senden

12

Freitag, 23 Februar 2018, 10:02

Io dico che bisogna avere mille occhi...pedoni,ciclisti,automobilisti...tutti insomma :wacko:

Zurzeit sind neben Ihnen 2 Benutzer in diesem Thema unterwegs:

2 Besucher