Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

alina

Nuovo Utente

  • "alina" started this thread

Posts: 1

Activitypoints: 10

Date of registration: Feb 18th 2009

  • Send private message

1

Wednesday, February 18th 2009, 5:15pm

vorrei aiutare il mio ragazzo ipocondriaco

Ciao a tutti..sono nuova di qui..vorrei raccontarvi la mia storia perchè non so proprio come aiutare il mio fidanzato.
Stiamo insieme da 7 mesi e all'inizio andava tutto bene (come per tutte le coppie :D )..si laurea a luglio dopodichè comincia ad avvertire dolori al ginocchio ma non andava dal medico per controllare cosa fosse,intanto però stava sempre giù così cominciamo ad uscire sempre insieme ,mattino pomeriggio e sera e gli passa tutto anche il dolore al ginocchio.Ad ottobre però io ricomincio i corsi all'università e lui comincia a cercare lavoro ma non riusciva a trovare nulla di interessante. Comincia a stare male per questa situazione pensando al fatto che alla sua età vorrebbe sentirsi indipendente ecc ecc e cominciano a venirgli i primi attacchi di panico di fronte ai quali io non sapevo proprio cosa fare,avevo paura..A novembre gli propongono un master che lo sottopone ad un forte stress perchè doveva stare fuori tutta la giornata viaggiando molto (gli vengono altri attacchi)..inoltre comincia ad essere "assente",quando uscivamo mi sembrava di parlare con un muro,era evidente che pensava ad altro ma non lo ammetteva.Poi parte per uno stage che lo porta in un'altra regione per una 15ina di giorni,quando torna ,dopo aver saputo che il padre di un amico aveva il tumore ai polmoni, mi chiede di smettere di fumare, la richiesta comincia a diventare un ordine finchè non litighiamo litighiamo litighiamo...(so che dovrei smettere di fumare ma credo che senza la mia volontà non smetterò mai.. :blush: ).Magicamente gli passa questa fissa del fumo...
Dopo le feste natalizie aveva degli esami con il master ma non aveva studiato, e anche un colloquio per un lavoro importante..gli viene l'influenza e non fa nè gli esami nè il colloquio.Durante questa influenza comincia a leggere un sito di una persona che NON è un medico(che aveva già letto precedentemente) che parla di un metodo di risoluzione "alternativo" per la malocclusione (lui è maloccluso).Questo sito PURTROPPO non parla solo di questo metodo ma anche di POSSIBILI degenerazioni della malattia basate su ricerche fatte sempre da questo NON medico: collega la malocclusione alla sclerosi e ad altre malattie avendo visto che alcuni sportivi malocclusi sono morti con queste malattie...per fortuna dice che sono coincidenze..fatalità..
Ma il mio ragazzo non lo capisce che sono coincidenze, si sente in pericolo ,in punto di morte..senza capire che si sta cmq uccidendo dentro..e lascia anche il master.
Io non so più che fare..a volte sembra che non voglia l'aiuto di nessuno..quando gli parlo non mi ascolta..a volte sono stata troppo diretta dicendogli parole forti solo perchè volevo che si svegliasse da questa situazione... :blush: ho pensato che tutta questa storia sia una buona giustificazione per lui per non lavorare.. :blush: ..Per fortuna la settimana prossima andrà da 1 psicologo..
Non lo so..non so come approcciarmi a lui ..voi avete molta più esperienza di me aiutatemi affinchè io possa aiutarlo :sos:

patrizia

Animo inquieto

  • "patrizia" is female

Posts: 5,559

Activitypoints: 18,621

Date of registration: Mar 13th 2008

Location: sicilia

  • Send private message

2

Wednesday, February 18th 2009, 9:29pm

Ipocondriaca all'appello!
Una persona ipocondriaca di solito è depressa, ha bisogno di continue rassicurazioni sulla sua salute Ricordo che per un periodo abbastanza lungo, mi recavo in ospedale quasi ogni settimana e stavo serena, dopo mille controlli solo per 2 o 3 giorni, poi tutto ritornava come prima e ricominciava la trafila.
L'unico consiglio che posso darti e di non fare leggere al tuo ragazzo nulla che riguardi malattie e di andare da un terapeuta che ti consiglierà come e cosa fare.
I giorni e le notti suonano in questi miei nervi di arpa, vivo di questa gioia malata di universo e soffro di non saperla accendere nelle mie parole.