Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


safale

Giovane Amico

  • "safale" is female
  • "safale" started this thread

Posts: 305

Activitypoints: 989

Date of registration: Jul 30th 2014

  • Send private message

1

Wednesday, December 5th 2018, 7:39pm

Torno dopo tanti mesi

Ciao a tutti
Forse qualcuno si ricorderà ancora di me. Mi sono allontanata dal forum per diversi mesi, ho avuto periodi difficili...quando pensavo di stare meglio e vedere la luce fuori dal tunnel sono iniziati di nuovo gli attacchi di panico. Mi sono bloccata, come fossi finita dentro un buco profondo dal quale non si vede uscita. É tornata anche l’ipocondria, devastante.
Al lavoro le responsabilità sono aumentate di botto e questo ha peggiorato la mia insicurezza così mi ritrovo, se non come anni fa perché sono convinta che ogni faccenda sia a sé stante e che noi mutiamo ogni istante, di nuovo a combattere contro un mostro più grande di me. Il lavoro, seguire il figlio e la famiglia e io che faccio? Mi blocco tanto da non riuscire nemmeno a scendere di casa per prendere mio figlio al pulmino. Non lo auguro a nessuno, e sono certa che qui in molti sanno cosa significa.
Sono tornata dalla psicologa, qualche seduta...ipnosi ecc. ecc. ma non serve più. Mi sento stanca sia psicologicamente che fisicamente, e sento che soprattutto il fisico né risente. Tant’é che mi hanno diagnosticato ben due malattie psicosomatiche che ora dovrò tenermi a tempo indefinito.
Così, nonostante fino a ieri mi sono sempre rifiutata, ho chiamato un bravo psichiatra. Spero di trovarmi bene perché ne ho provate di ogni...e sono stanca. Venerdì ho la visita....se qualcuno vuole non so...solo starmi vicino sebbene da lontano sarà davvero apprezzato.

ginofastidio

Utente Attivo

  • "ginofastidio" is female

Posts: 25

Activitypoints: 75

Date of registration: May 6th 2019

  • Send private message

2

Wednesday, December 5th 2018, 9:24pm

Ciao Safale siamo in tanti in situazioni simili. Anche io dopo tanti anni di serenità ho riavuto un crollo l'anno scorso anche se grazie alle cure e alle strategie acquisite in passato sono riuscito ad ammortizzare di molto il colpo. Avevo comunque deciso di intraprendere un cura leggera per cercare di levarmi di mezzo velocemente dalla sofferenza ma andò male ora tiro avanti con le mie forze. Anche io come dici tu mi sento stanco sia psicologicamente che fisicamente e soffro di varie somatizzazioni tra le quali una cevricalgia muscolo tensiva e un problema urogenitale. Ma tante sono ancora quà che loto per me e per la mia famiglia sopratutto per mio figlio che ha 5 anni. Sto rimandando sempre una visita da uno psichiatra in gamba, precedentemente ero in cura da un neurologo a che non mi dava più fiducia. Dovrò decidermi anche io perchè ho alti e bassi ma i bassi sono devastanti. L'unica cosa che in cuor mio ti posso dire e che devi fare il possibile per riprenderti in mano la vita ti auguro un in bocca al lupo.

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" is female
  • "mademoiselle_moi" has been banned

Posts: 1,822

Activitypoints: 4,840

Date of registration: Jul 7th 2017

  • Send private message

3

Wednesday, December 5th 2018, 9:36pm

Mi ricordo che quando stavo male io, eri tu a dare coraggio a me. Io ho fatto esattamente il tuo percorso, proprio un anno fa facevo la visita dalla psichiatra e iniziavo la cura farmacologica.....ed oggi sono praticamente rinata.
Hai scritto una cosa in cui mi ritrovo in pieno...la stanchezza, la mancanza di voglia e di forza per fare psicoterapia.
Ti auguro che tu possa rinascere così come è successo a me. Di ansia forse un po' ne avrai, ma non sarà mai più così devastante.

finally

Nuovo Utente

Posts: 0

Activitypoints: 0

Date of registration: May 6th 2019

  • Send private message

4

Wednesday, December 5th 2018, 11:42pm

Ciao a tutti
Forse qualcuno si ricorderà ancora di me. Mi sono allontanata dal forum per diversi mesi, ho avuto periodi difficili...quando pensavo di stare meglio e vedere la luce fuori dal tunnel sono iniziati di nuovo gli attacchi di panico. Mi sono bloccata, come fossi finita dentro un buco profondo dal quale non si vede uscita. É tornata anche l’ipocondria, devastante.
Al lavoro le responsabilità sono aumentate di botto e questo ha peggiorato la mia insicurezza così mi ritrovo, se non come anni fa perché sono convinta che ogni faccenda sia a sé stante e che noi mutiamo ogni istante, di nuovo a combattere contro un mostro più grande di me. Il lavoro, seguire il figlio e la famiglia e io che faccio? Mi blocco tanto da non riuscire nemmeno a scendere di casa per prendere mio figlio al pulmino. Non lo auguro a nessuno, e sono certa che qui in molti sanno cosa significa.
Sono tornata dalla psicologa, qualche seduta...ipnosi ecc. ecc. ma non serve più. Mi sento stanca sia psicologicamente che fisicamente, e sento che soprattutto il fisico né risente. Tant’é che mi hanno diagnosticato ben due malattie psicosomatiche che ora dovrò tenermi a tempo indefinito.
Così, nonostante fino a ieri mi sono sempre rifiutata, ho chiamato un bravo psichiatra. Spero di trovarmi bene perché ne ho provate di ogni...e sono stanca. Venerdì ho la visita....se qualcuno vuole non so...solo starmi vicino sebbene da lontano sarà davvero apprezzato.


Ti capisco e comprendo perfettamente le tue preoccupazioni riguardo la famiglia e il lavoro.
Spero che tu possa presto ritrovare la serenità, sono sicura che uscita dallo studio dello psichiatra ti sentirai rincuorata.
Coraggio!

safale

Giovane Amico

  • "safale" is female
  • "safale" started this thread

Posts: 305

Activitypoints: 989

Date of registration: Jul 30th 2014

  • Send private message

5

Thursday, December 6th 2018, 12:08pm

Grazie per le parole di sostegno, davvero di cuore.
Mademoiselle mi ricordo cara...sono felice che tu stia meglio grazie alle cure. Posso chiederti come ti sei trovata e che impressione ti ha fatto?
:love:

6

Thursday, December 6th 2018, 2:37pm

Così, nonostante fino a ieri mi sono sempre rifiutata, ho chiamato un bravo psichiatra. Spero di trovarmi bene perché ne ho provate di ogni...e sono stanca. Venerdì ho la visita....se qualcuno vuole non so...solo starmi vicino sebbene da lontano sarà davvero apprezzato

Ciao e bentornata. Preferisco risponderti in modo più completo in questo 3d che nell'altra discussione (gli antidepressivi guariscono l'ansia?), che sicuramente potrà interessarti per raccontare anche te la tua esperienza tra farmaci e cura degli attacchi di panico.

Dunque, posso dirti che abbiamo vissuto una situazione simile. Anch'io mi ero allontanato dal forum e stavo meglio, poi però questa estate si sono verificate delle situazioni familiari (mia madre è stata male, abbiamo avuto poi delle cartelle esattoriali), io un po prima avevo anche perso il lavoro, morale: sono iniziati attacchi di panico devastanti al punto che nemmeno col solito ansiolitico riuscivo a recarmi in banca o al supermercato.

Come te ho preso la decisione convinta (e ne sono felice), di recarmi da un noto psichiatra-neurologo della mia città grazie al quale il 7 novembre di quest'anno ho iniziato una terapia strutturata in base al mio problema e già a distanza di 34 giorni mi sento quasi rinato perché sto riprendendo la mia vita e non ho più avuto attacchi di panico.

Sii quindi fiduciosa nella cura che ti viene prescritta, iniziala con assoluto ottimismo ma ricorda che devi sempre fare te la tua parte perché sei parte della cura il che significa sforzati di riprenderti la tua vita, i tuoi ritmi, i tuoi affetti, tutto ciò che rientra nella tua normalità e nelle tue esigenze di persona e di donna.

Vedrai che tutto si aggiusta e che il sole tornerà a splendere nella tua vita (e spero pure nella mia!!!).

Un forte abbraccio e scrivi pure anche nella discussione su antidepressivi ed ansia specie se inizierai anche te una cura con questi farmaci:
Gli antidepressivi guariscono l'ansia?

Michele

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" is female
  • "mademoiselle_moi" has been banned

Posts: 1,822

Activitypoints: 4,840

Date of registration: Jul 7th 2017

  • Send private message

7

Thursday, December 6th 2018, 5:38pm

Grazie per le parole di sostegno, davvero di cuore.
Mademoiselle mi ricordo cara...sono felice che tu stia meglio grazie alle cure. Posso chiederti come ti sei trovata e che impressione ti ha fatto?
:love:

per me non era la prima volta che assumevo antidepressivi.
La prima volta ho preso citalopram per un anno e mezzo, dopo aver provato a fare ben 4 anni di analisi senza alcun beneficio. Quel farmaco non mi aveva dato nessun effetto collaterale, sono stata bene subito e quando l'ho smesso sono andata avanti a stare bene per tanti anni (avevo meno di 25 anni).
Poi in un altro periodo difficile della mia vita ho ricontattato la stessa psichiatra che mi ha dato quella volta l'escitalopram, ovvero il cipralex. Qualche effetto collaterale in più ma anche questa volta sono stata bene. Dopo un po' di anni ho ridotto la dose a metà, quindi al di sotto della dose che di solito fa affetto ma non riuscivo a toglierla....stavo bene per 2-3 mesi, e poi dovevo ricominciare.
Ho così deciso di provare a fare terapia cognitivo-comportamentale, con la speranza di togliere i farmaci per sempre. Li ho tolti, ma anche qui dopo un annetto ho ripreso a stare male, e per cocciutaggine non volevo riprenderli, così mi sono ridotta come mi avete vista qui sul forum fino all'anno scorso.
Arrivo al dunque, dicembre dell'anno scorso lascio la tcc, che secondo me mi ha rovinato, cambio psichiatra perchè la precedente era sempre introvabile, mi prescrive ancora escitalopram. E' stato più difficile, ma ero anche ridotta peggio. I primidue mesi son stati parecchio tosti, ma poi gli effetti positivi sono arrivati.
In un anno, posso contare sulla mano 2 crisi d'ansia, anche se mai devastanti come le precedenti, e sempre per motivi ben validi (non per andare al supermercato, per intenderci)
Su certe cose ho ancora difficoltà, ma come ti diceva Michele sono quelle cose in cui devo metterci del mio. So che il farmaco mi protegge, ma certe cose ho ancora paura a farle.....e le mie crisi arrivano proprio in queste circostanze di solito.

safale

Giovane Amico

  • "safale" is female
  • "safale" started this thread

Posts: 305

Activitypoints: 989

Date of registration: Jul 30th 2014

  • Send private message

8

Thursday, December 6th 2018, 6:51pm

Grazie sia a Michele che a Mademoiselle per avermi raccontato le vostre esperienze in corso.
Sono concorde sul fatto che bisogna sempre metterci del nostro anche se il farmaco ci tiene a riparo dalla tempesta, anzi soprattutto per questo.
Vedete ragazzi, io ho fatto 5 anni di psicoterapia e sono migliorata in molte cose. Soprattutto sento di avere una mente molto più aperta rispetto a quando ho iniziato a stare male, ma nonostante tutto questo progresso é come se mi mancasse un pezzetto...sul quale sento di non avere nessun controllo. Posso mettere in atto tutte le strategie imparate dalla meditazione o dal training autogeno ma quando passo periodi neri...purtroppo non serve a niente.
Quindi é possibile che ci sia qualcosa che si é inceppato e sul quale interviene la scienza con le sue molecole. Io ho sempre sofferto d’ansia sin da bambina, il primo attacco di panico l’ho avuto a otto anni! Ora ne ho 39 e come si può pretendere di resettare una vita intera, un modo di essere totalmente solo con la psicoterapia? Io ho compreso le origini dei miei disturbi ma questo non li ha fatti sparire. Come non li ha fatti sparire modificare il mio modo di agire. Io al momento esco anche quando mi sento cadere in terra, quindi penso di essere abbastanza tenace...ma la domanda é: perché debbo vivere tutti i giorni questo inferno? É vero che in un modo o nell’altro (xanax in tasca) la giornata la sfango...ma a che pro?
Quindi devo accettare che non posso fare tutto da sola e ho deciso di smettere di pensare che il farmaco sia una disfatta.
Solo io so quanto ho lavorato su me stessa in questi anni e se ora sono stanca é una scelta insindacabile come lo é stata anche la vostra. Avete fatto bene, dobbiamo poter vivere bene...é diritto anche nostro. Poi il futuro si vedrà. Certo ho paura di avere effetti collaterali, ma forse solo perché sono influenzata da tante cose che ho letto, perciò voglio fare come ha detto Michele, domani entrerò in quello studio con fiducia e inizierò questa nuova strada.
Grazie di nuovo, vi farò sapere quale terapia mi darà e come andrà nei giorni a seguire

safale

Giovane Amico

  • "safale" is female
  • "safale" started this thread

Posts: 305

Activitypoints: 989

Date of registration: Jul 30th 2014

  • Send private message

9

Thursday, December 6th 2018, 7:23pm

Volevo aggiungere anche che una grossa fetta di motivazione per cui ho deciso di rivolgermi allo psichiatra deriva dalle malattie psicosomatiche. Voi ne avete? Io ho sempre avuto cefalea e colon irritabile che ormai considero quasi normali avendoli da decenni, ma in quest’anno la mia ansia mi ha regalato infiammazione del trigemino (pare che serro la mandibola) e lichen del cavo orale. Ovviamente ho fatto indagine mediche tutte negative e gli specialisti mi hanno consigliato di pensare a curare seriamente l’ansia. Credo che anche questi pareri specialistici e professionali vadano presi seriamente.

10

Thursday, December 6th 2018, 9:07pm

Quindi é possibile che ci sia qualcosa che si é inceppato e sul quale interviene la scienza con le sue molecole.

Ora ne ho 39 e come si può pretendere di resettare una vita intera, un modo di essere totalmente solo con la psicoterapia?

Quoto questi due passaggi per dirti la mia opinione. A mio parere se la situazione non è ingestibile bisognerebbe iniziare con la psicoterapia, se questa non risolve passare (o abbinare) una terapia farmacologica, ma c'è anche chi fa il contrario. Certamente ci sono delle terapie come la "breve strategica" che dicono essere molto valide nei confronti degli attacchi di panico ma io non ne ho mai fatta una e siccome ero in una situazione difficile ho preferito direttamente l'approccio farmacologico.

Logicamente come in tutte le cose devi essere te a scegliere in base al tuo disagio e alle tue sensazioni. Per me l'ansia era diventata troppo invalidante ed ho preferito qualcosa di più immediato ed infatti sono iniziato a star bene sin da subito dopo aver iniziato la cura. Poi logicamente dipende anche dalla terapia e da come rispondi ai farmaci (vedi altra discussione su antidepressivi e ansia).

mademoiselle_moi

Amico Inseparabile

  • "mademoiselle_moi" is female
  • "mademoiselle_moi" has been banned

Posts: 1,822

Activitypoints: 4,840

Date of registration: Jul 7th 2017

  • Send private message

11

Thursday, December 6th 2018, 9:52pm

É vero che in un modo o nell’altro (xanax in tasca) la giornata la sfango...ma a che pro?

vedi Ale, la cosa assurda secondo me è trovarci a fare un pensiero del tipo "la giornata la sfango", che è la stessa cosa che dire "anche oggi ne sono uscita viva".
Ma è vita questa? trascorrere una giornata a fare cose con una fatica immensa pregando che non ci venga un attacco di panico? o addirittura pregando che non succeda questo o quell'imprevisto che potrebbe metterci a rischio di non sfangarla, la giornata?

anche a me non è mai successo niente di tanto drammatico a voler vedere, me ogni mattina uscivo di casa come se dovesse succedermi, e non è normale pensarlo. Soprattutto non è normale che dobbiamo farci carico di uno stress simile, come se andare al lavoro, o a fare la spesa, o a bere una birra con amici sia per noi come attraversare la savana in mezzo a un branco di iene.

Io col farmaco un po' di paure le ho ancora, ma almeno provo ad affrontarle.
La psicoterapia mi ha insegnato tanto, mi rendo conto a volte che psicanalizzo gli altri, quasi come se avessi fatto un corso di laurea in psicologia....ma su di me , zero. Mi conosco, so perchè mi viene l'ansia....ma mi viene lo stesso.
Le tecniche di rilassamento a me sono sempre sembrate dei giochini assurdi.....ma non riesco a farle nemmeno adesso che sono tranquilla.

Con questo non voglio dire che la psicoterapia sia una cavolata, sono fermamente convinta che funzioni e se uno mi dice che è guarito con la terapia, gli credo. Non credo nemmeno di essere stata talmente sfortunata da aver beccato per due volte due terapiste incapaci. Credo invece che ci siano persone più o meno recettive.
la psicologa mi diceva tante belle frasi ad effetto, tanti "giochetti" da fare in caso di ansia, io ci ho provato, ci ho messo tutta la mia volontà, ma niente.

Non so darmi una spiegazione del perchè alcune persone risolvano con la psicoterapia e altre no.Io so solo che entrambe le volte, sono entrata nello studio che avevo X problemi, e ne sono uscita dopo anni (e milioni di euro) che ne avevo X+Y.