Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


luca63

mistico dubbioso

  • "luca63" is male

Posts: 375

Activitypoints: 1,040

Date of registration: Oct 27th 2013

Location: genova

  • Send private message

16

Monday, February 4th 2019, 12:41am

si, intendevo soprattutto l'incipit del thread in cui spiega come ha reagito al problema, cioè la proposta di una strategia, come chiedeva ted.
Taigi, ho visto i tuoi contributi, sei troppo avanti!
Io, molto più terra terra e completamente privo di modalità scientifiche, pur comprendendo molto bene la differenza tra un effetto collaterale ed una malattia indotta, dal punto di vista emotivo di chi sta molto male e si trova in un certo momento a dover decidere se tentare una strada farmacologica o no, sinceramente non trovo così tanta differenza tra un side invalidante subito evidente da sopportare per tutta la durata della terapia - che sappiamo essere anche molto lunga, vedi ad es. l'opener - e una sua ipotetica cronicizzazione.
E' vero, a me della Paroxetina ha spaventato la possibilitá che certi effetti potevano restare anche a lungo dopo la dismissione, ma se ti affidi ad un medico perché senti di non farcela da solo, perché ti senti straordinariamente vulnerabile, anche sopportare certi side paradossalmente depressogeni in vista di una "guarigione" tutt'altro che certa perché ti convincono che è per il tuo bene, beh, anche questo ha la sua bella pesantezza...

Come è stato detto e ribadito occorre essere informati... e magari - sto sognando? - vedersi proporre protocolli alternativi che prevedano yoga, musica, danza, massaggi, TCC, condivisioni in gruppo, socializzazione mirata, passeggiate nella natura, e ... sto sognando.
L'ho detto che non sono scientifico!
:-DD
l'indipendenza, che è la mia forza, implica la solitudine, che è la mia debolezza. PPP

17

Monday, February 4th 2019, 8:01pm

si, intendevo soprattutto l'incipit del thread in cui spiega come ha reagito al problema, cioè la proposta di una strategia, come chiedeva ted.
Taigi, ho visto i tuoi contributi, sei troppo avanti!
Io, molto più terra terra e completamente privo di modalità scientifiche, pur comprendendo molto bene la differenza tra un effetto collaterale ed una malattia indotta, dal punto di vista emotivo di chi sta molto male e si trova in un certo momento a dover decidere se tentare una strada farmacologica o no, sinceramente non trovo così tanta differenza tra un side invalidante subito evidente da sopportare per tutta la durata della terapia - che sappiamo essere anche molto lunga, vedi ad es. l'opener - e una sua ipotetica cronicizzazione.
E' vero, a me della Paroxetina ha spaventato la possibilitá che certi effetti potevano restare anche a lungo dopo la dismissione, ma se ti affidi ad un medico perché senti di non farcela da solo, perché ti senti straordinariamente vulnerabile, anche sopportare certi side paradossalmente depressogeni in vista di una "guarigione" tutt'altro che certa perché ti convincono che è per il tuo bene, beh, anche questo ha la sua bella pesantezza...

Come è stato detto e ribadito occorre essere informati... e magari - sto sognando? - vedersi proporre protocolli alternativi che prevedano yoga, musica, danza, massaggi, TCC, condivisioni in gruppo, socializzazione mirata, passeggiate nella natura, e ... sto sognando.
L'ho detto che non sono scientifico!
:-DD

Mi scuso.
Dunque la differenza tra questi effetti consiste nella cronicizzazione: diventano permanenti in alcuni individui.
Possono insorgere anche dopo la dismissione del farmaci o dei farmaci.
Cioè: non contestualmente.
Esistono: l'EMA ad esempio pone il problema in un interrogazione specifica, e ne pubblica il verbale.
L'ho postato perchè ha un rilevo enorme, ed è recente.
Cosa è l'EMA?
https://www.ema.europa.eu/documents/leaf…edicines_it.pdf

Per quanto mi riguarda non credo di avere la PSSD, ma questi farmaci danno sovente questi side che non sono ben chiariti dai medici, ma solo indicati(Prima si latitava anche in quello).


Altro che non va:esattamente come scrivi.
Terapie alternative.
Cose che per scelta ho provato prima:ma di mio non certo per un loro consiglio.
Mai avvenuto.

Tieni conto che avrebbero dovuto propormi da subito dei test per valutare mia condizione: ma l'autismo a quanto pare non fa parte dei loro insegnamenti .
La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

18

Monday, February 4th 2019, 8:37pm


.. non riesco nemmeno a immaginare uno sfogo esclusivamente fisico, a meno che proprio non.... scoppi, e comunque niente a che vedere con la voglia di fusione che ti scatena la persona di cui sei innamorato... finchè sei innamorato, sigh! :dash: E questo, paradossalmente, rappresenta un problema, almeno nel mondo gay, dove si parte al 99% dal sesso...


Ti evidenzio che questa affermazione non è vera.
1) Non esiste un "mondo gay", di contrappunto esiste un "Mondo eterosessuale"?
Uno bisessuale?
Uno pansessuale?

2)Le persone omosessuali partono esattamente dalle stesse identiche dinamichedei non omosessuali:le personecon orientamento omosessuale cercano cosi come i non omosessuali , esattamente le stesse cose:relazioni sentimentali e "non partono affatto dal sesso".
Il sesso è un completamento della relazione sentimentale esattamente come per le persone non omosessuali.

I mondi a parte non esistono

Le persone tutte e nessuna esclusason persone, non mondi a parte tra loro.

Nelle relazioni "gay" si parte esattamente come nelle relazioni non "gay".

Si parte dai sentimenti.

Se non si parte dai sentimenti la condizione è identicaa quella non "gay".

Il sesso e basta, appartiene a qualunque persona voglia sesso e basta ad esempio.

Nulla di male: siamo persone ,siamo umani, non "mondi differenti tra loro con situazione di base diverse" al massimo identiche!
La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

luca63

mistico dubbioso

  • "luca63" is male

Posts: 375

Activitypoints: 1,040

Date of registration: Oct 27th 2013

Location: genova

  • Send private message

19

Monday, February 4th 2019, 11:41pm

ovviamente non sono assolutamente d'accordo con te, ma non posso risponderti perché saremmo super OT (già la parentesi sulla demisessualitá era OT!).
la tua posizione mi pare un po' ideologica, la mia esperienza ormai 40ennale mi dice cose diverse... il mondo si è selezionato "etero" per il banalissimo motivo che i popoli hanno avuto per millenni la fissa della prolificazione, e quindi tutte le "tradizioni" sono per forza di cose "etero"!!!
se davvero interessasse possiamo aprire un altro thread... a patto però di essere andati oltre a categorizzazioni banali tipo "di qui sentimento/buono/umanità di là sesso/cattivo/bestialità"! :hmm:
(Ma sinceramente io qui preferisco leggere esperienze e stati d'animo piuttosto che teorie...)
l'indipendenza, che è la mia forza, implica la solitudine, che è la mia debolezza. PPP

20

Tuesday, February 5th 2019, 2:55pm

ovviamente non sono assolutamente d'accordo con te, ma non posso risponderti perché saremmo super OT (già la parentesi sulla demisessualitá era OT!).
la tua posizione mi pare un po' ideologica, la mia esperienza ormai 40ennale mi dice cose diverse... il mondo si è selezionato "etero" per il banalissimo motivo che i popoli hanno avuto per millenni la fissa della prolificazione, e quindi tutte le "tradizioni" sono per forza di cose "etero"!!!
se davvero interessasse possiamo aprire un altro thread... a patto però di essere andati oltre a categorizzazioni banali tipo "di qui sentimento/buono/umanità di là sesso/cattivo/bestialità"! :hmm:
(Ma sinceramente io qui preferisco leggere esperienze e stati d'animo piuttosto che teorie...)

Ciao Luca :)

Ci siamo scritti e ci stimiamo vicendevolmente.

Quindi è un chiarimento su OT ma non mio su un thread che descrive altro.

Il tuo OT è però interessante.

Mi permette di scrivere in risposta che non concordo: ma non concordo avendolo vissuto, non per conoscenza ipotetica ...

Perciò ti rispondevo che la tua affermazione non fosse vera fattivamente , ma una tua percezione.

Ed una percezione diffusa tra la gente.

Però scritta in buonissima fede: non cattiva cioè, non discriminatoria volutamente, ma solo percettiva di una realtà che non hai (forse) vissuto(Io si: e non scrivo mai di cose che non conosco per nonaverle vissute, o non conosco alla perfezione tecnicamente: quando non ho queste indicazioni, non scrivo affatto, oppure sottolineo la /le mie incompetenze, parziali o totali che fossero )

Non è idelogica Luca: so basa su fatti vissuti, e su esperienze vissute da altri, e su basi che riguardano gli orientamenti sessuali, non descrivo se non uguaglianze.

Cioè: si è uguali Luca in questo: conta l'affettività : il sesso ne è una componente.
Cosi identicamente come nelle relazioni "non gay", in "eterosessuali".
Diresti che un eterosessuale abbia al 99% delle sue relazioni il sesso , o ricerchi l'affettività, l'amore?
L'elemento che spinge le persone ad un rapporto è affettivo.
Poi in tutti gli orientamenti, nessuno escluso ci si può basare solo sull'espressione sessuale degli individui,iil che va benissimo.
La dirimente è che sia uguale questa condizione per qualsiasi orientamento.
Demisessuale: lo sono anche io.
Baso la mia condotta di vita su quello.
Come esattamente Luca.
Cosi per tante persone.
Non concordo che sia etero per forza di cose e quindi vero.
La scienza dimostra semmai che l'essere umano sia tendenzialmente non etero, ne gay (Un 10% lo è ),ma bisessuale .Non importa se non concordassi Luca : questo è.
Però rispetto i tuoi credo personalissimi, so che sei una persona buona, e sei convinto di quel che affermi.
Quindi non la prendo sul personale: solo ti scrivo"non è come credi".
Tu ci credi, lo so, ma non è cosi.
Ne tu ne io abbiamo scritto di banalità
Ne tu ne io, siamo in malafede.
Ne tiu ne io siamo in OT: tu esprimi una tua soggettiva considerazione in un post OT, che esula su altro.Io rispondo a quella: non sono OT; ne in cattiva fede, ne scrivo cose di cui non conosco pienamente.

Guarda Luca ti ringrazio perchè esprimendo un tuo personale credo, porti un contributo importante, e ne sei convinto, in te non ravvedo malafede.
Ti rispondo in perfetta calma e armonia mentale.
Se volessi potremmo anche chiarirci in privato sulla tematica.Molto volentieri Luca :)
Le tradizioni ...antropologicamente potrei scriverti diversamente.Certo fa comodo all'esistenza umana che si generino figli.
Infatti anche i "gay" li generano : le modalità son plurime e non univoche.
Qui Luca leggi esperienze , stati d'animo , e se proprio non te la senti non descriverò dati di fatto (scientificamente validati da studi oggettivi, vedi ha a che fare conI DSM pubblicati fino alla cancellazione di castronerie ritenute tali da chi quei DSM li aggiornava (Da Watzlawick ad altri: ed erano tutti concordi, seppu lo fossero già nei primi anni 70, si protrasse induttivamente per decenni successivi, anche venne mutata la nosografia)).

§

Come sai non è una critica, anzi.Grazie del tuo OT utilissimo.

Alcuni OT lo sono.

§Se poi vuoi discutere di altro inerente al thread ,gran parte di quelo che hai scritto sappi che ha senso.

Prima si valuta tutto il possibile solo poi altro.

Il solo poi è diventato preponderante rispetto al valutare altro
.

Poi dipende dai casi personali.

Se allo psichiatra "X" arriva un paziente che è incontrollabile che fa?

Gli propone che?
Un antisociale /paranoide, che dovrebbe fare?
Li nell'immediato...

Il punto è l'errore di accomunare il poco al tutto.


(Poco caso estremo)

(Tutto:qui si il 99% dei casi (forse) :)

Ciao Luca
La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

21

Tuesday, February 5th 2019, 10:39pm

Forse ho interpretato non coerentemente il post di Luca63: mi scuso con lui.

(Non modifico per non stravolgere il senso della risposta e la consecutività, il regolamento non lo consente)
La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,001

Activitypoints: 21,338

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

22

Tuesday, February 5th 2019, 11:09pm

Ringrazio Taigi per averci informato sull'interrogazione EMA.
Finalmente qualcosa di grosso si sta muovendo. Lo dico senza enfasi....Ho avuto un brivido di commozione. Solo chi ha passato questi problemi, di solito vissuti in solitudine, può capire.
Grazie
Elì, Elì, lemà sabactàni

AndreaC

In cibum est medicina

Posts: 1,342

Activitypoints: 4,268

Date of registration: May 5th 2014

  • Send private message

23

Wednesday, February 6th 2019, 1:02pm

Io devo ringraziare il forum (e in particolare Andrea C.) se nel momento critico, con la Paroxetina già in mano, ho deciso di cambiare psichiatra. Ho preso prozac, ma mi dava insonnia o incubi (e totale anorgasmia: l'erezione c'era, ma non sentivo niente nè durante nè alla fine!!!). Così dopo 5 mesi, sono rimasto da solo a tu per tu con la mia angoscia.


Grazie per le tue parole Luca, che mi confermano non solo che stai meglio e che ora forse hai più energia e fiducia nella vita, ma anche che i miei interventi in quella vecchia discussione sono stati di aiuto per qualcuno. :friends:

24

Thursday, February 7th 2019, 1:40pm

Quoted

Ringrazio Taigi per averci informato sull'interrogazione EMA.
Finalmente qualcosa di grosso si sta muovendo. Lo dico senza enfasi....Ho avuto un brivido di commozione. Solo chi ha passato questi problemi, di solito vissuti in solitudine, può capire.
Grazie


Sono stato assente dal forum, ma il Dr Healy ci ha fatto compilare dei questionari dell'EMA, a saperlo te li avrei mandati.
No one knows a prescription drug’s side effects like the person taking it.

Make your voice heard.

25

Friday, February 8th 2019, 10:46am

Ringrazio Taigi per averci informato sull'interrogazione EMA.
Finalmente qualcosa di grosso si sta muovendo. Lo dico senza enfasi....Ho avuto un brivido di commozione. Solo chi ha passato questi problemi, di solito vissuti in solitudine, può capire.
Grazie

Grazie a te fran.
Scusa: mi era sfuggito tuo post.

§
OT : letto tuo thread, ed ho evitato di dar giudizi.Anche perchè in me deficita comprensione alcune dinamiche ,alcune non le conosco(tue).
Altri si invece.
Non credo che nessuno che non ci sia trovato possa capire(Lo viva realmente).
Mi spiace per voi.
Sai, a parole abbiamo tutti chiara la soluzione per gli altri...poi...non le viviamo noi quelle dinamiche
In bocca al lupo
La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

26

Friday, February 8th 2019, 10:59am

Quoted

Ringrazio Taigi per averci informato sull'interrogazione EMA.
Finalmente qualcosa di grosso si sta muovendo. Lo dico senza enfasi....Ho avuto un brivido di commozione. Solo chi ha passato questi problemi, di solito vissuti in solitudine, può capire.
Grazie


Sono stato assente dal forum, ma il Dr Healy ci ha fatto compilare dei questionari dell'EMA, a saperlo te li avrei mandati.

Importante si faccia finalmente chiarezza in tal senso, e non si "Nasconda la polvere sotto il tappeto" come finora si è fatto.

*Una risposta che ti aveva dato un medico ha senso: pochi studi.

Ma pochi studi perchè? A chi conviene che non ci sia chiarezza e si rivelino realtà scomode che non coinvolgono pochi individui.
Guarda Adam: anni fa circa 9 pensavo coinvolgesse una minoranza di individui (risicatissima: mi accorgo leggendo e informandomi che cosi non sia.
Ognuno di noi da per scontato side.
Ma qui si a oltre ben oltre(PSSD).

Poi ,il rischio una persona informata può accettarlo o meno, ma DEVE essere informata, e alcuni studi interni sicuramente ci son stati, si parla di geni della medicina /Scienziati) e non medici "Normali".
La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

27

Friday, February 8th 2019, 11:21am

Io devo ringraziare il forum (e in particolare Andrea C.) se nel momento critico, con la Paroxetina già in mano, ho deciso di cambiare psichiatra. Ho preso prozac, ma mi dava insonnia o incubi (e totale anorgasmia: l'erezione c'era, ma non sentivo niente nè durante nè alla fine!!!). Così dopo 5 mesi, sono rimasto da solo a tu per tu con la mia angoscia.


Grazie per le tue parole Luca, che mi confermano non solo che stai meglio e che ora forse hai più energia e fiducia nella vita, ma anche che i miei interventi in quella vecchia discussione sono stati di aiuto per qualcuno. :friends:

Guarda Andrea: secondo me confondi nel pensare che i tuoi interventi valgano solo se i feedback interni al forum siano di riscontro positivo.
Nel caso di Luca anche nel thread.
Tieni conto che il forum viene letto anche da non iscritti che son la maggioranza invisibile.
Anche per quello ti scrivevo mesi fa di stare più calmo possibile, di scrivere quel che pensi, e di non entrare in conflitto con persone che tentano di sfogarsi con chi trovano appassionato a un argomento, giusto per "Dargli contro e basta".
Quindi, ricordatelo quando scrivi.
I tuoi post si basano sulle tue convinzioni,ma son convinzioni che son ben più diffuse di quanto immagini, e alcune son condivisibilissime:poichè è vero che non si tentano PRIMA via alternative al farmaco.
Nemmeno nella Psicologia /psicoterapia lo si fa.
SI da per scontato che siamo come "un format umano" del "tutto uguale".
Cosi non è.
Una fantastica TCC (perchè lo è basta leggere la sua storia e le sue evoluzioni continue), andrà bene se ben esperita per tot percentuale di soggetti.
Un 54%(Percentuale spesso maggiore che per il farmaco citato da Luca che nelle parametrazioni farmaco farmaco è quello che vale di meno di altri, anche in uno studio vale meno di un effetto placebo ad esempio, ci sarebbe da chiedersi dell'immissione in commercio solo per terzo pur essendo allorail farmaco di punta nelle pubblicità,la cosiddetta "Pillola della felicità",questa felicità ipotetica e solo su carta(ebetica)

Luca : stessi effetti son stati comuni anche a me, lo sono anche peggio e non sto assumendo SSRIs, quindi vi è di ben peggio.
Matutto vienen concesso con estrema facilità perchè conviene avvenga cosi.
Si parla di miliardie miliardi di dollari.
E sinceramente trovo poco logico medicalizzare chiunque con i farmaci.
Che andrebbero prescritto come ultima ratio, e in casi limitatissimi a patologie estremamente problematiche(invece nei vari DSM si evolvono nosograficamente le problematicità estendendole esattamente a chiunque abbia modo di rivolgersi a psichiatri, questo fa pensare magari la Sanità in G,BRetagna sulle benzodiazepine,ma non la nostra o quella made in USA).

Il mio parere è decisamente cambiato in questi anni (ultimi), anche leggendo i vostri thread, e valutando in maniera più circostanziata.
Quindi, quando rispondi, tieneine conto e non farti coinvolgere in flames a te solo nocivi.
Solo che ben sapendo che ci tieni moltissimo ,trovano in te modo di attuarli.
Ma a tuo discapito.
(Vedi BAN, perchè poi non possono far altrimenti in fase valutativa)

p.s.: scusate errori ortografici ma dovrei correggere ogni post 6 volte di continuo, modifiche varie, me ne accorgo ma dopo o molto dopo averli scritti.
La libertà è la possibilità di dubitare, la possibilità di sbagliare, la possibilità di cercare, di esperimentare, di dire no a una qualsiasi autorità, letteraria artistica filosofica religiosa sociale, e anche politica.
(Ignazio Silone)

Nikolas1

Nuovo Utente

Posts: 1

Activitypoints: 3

Date of registration: Mar 12th 2019

  • Send private message

28

Tuesday, March 12th 2019, 7:00pm

Ciao ragazzi
sono nuovo sul forum, volevo chiedervi effettivamente quanti casi ci sono con la PSSD qui sul forum.. Io soffro di un altra Sindrome da farmaco (la Sindrome Post Finasteride) ma Conosco bene la condizione in quanto i sintomi sono pressochè gli stessi: secondo alcuni ricercatori, le due sindrome potrebbero avere la stessa eziologia.. percui l'obbiettivo sarebbe comune..




https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/29675596



Noi abbiamo istituito un Associazione dedicata a tutti coloro sono in questa condizione.. Ora, stavo pensando, se ci sono i numeri, si potrebbe fare lo stesso per questa condizione.. L'obbiettivo sarebbe poi preparare un percorso legale e ottenere risarcimenti dalle case farmaceutiche.. e finanziare la ricerca.


Fatemi sapere.

niki

Giovane Amico

  • "niki" is male

Posts: 215

Activitypoints: 770

Date of registration: Mar 14th 2016

Location: Venezia

Occupation: NCC

  • Send private message

29

Friday, April 5th 2019, 11:34am

Quoted


Eh caro... purtroppo è il prezzo da pagare!
Io per tutti i mesi (circa 7-8) in cui prendevo 20mg di paroxetina/die, facevo una fatica mostruosa a raggiungere l'orgasmo durante un rapporto, e ci arrivavo SOLO tramite AUTO-masturbazione.... all'inizio è frustrante ma poi ti ci abitui, e comunque è sempre molto meglio che subire attacchi di panico e vivere nell'ansia perenne....
Scalando a 15mg stessa solfa... ma già passando a 10mg mi accorsi subito che le cose stavano cambiando IN MEGLIO, dal punto di vista sessuale.
A 5 mg ero praticamente tornato quello di una volta.
Oggi che ho smesso l'antidepressivo da circa 20 mesi, è tornato tutto come prima!


Ciao, mi dici per cortesia in quanto tempo hai smesso la paroxetina?... perchè c'è chi parla di anni addirittura, chi di settimane... io adesso sono a 7/8 mg/die perchè sto spezzettando la pastiglia, ma ho assunto parox per 20 anni praticamente a 20mg

Sto prendento al mattino anche bupropione 225mg sia perchè dovrebbe aiutarmi a non fumare, sia perchè essendo un dopaminergico, argina gli effetti SSRi sulla sessualità... non so se si possa sostituirlo alla parox... non dovrebbe essere così perchè agisconop su recettori diversi, ma boh... vedo che succede...

Grazie