Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

marte82

Nuovo Utente

  • "marte82" started this thread

Posts: 24

Activitypoints: 38

Date of registration: Feb 16th 2018

  • Send private message

1

Monday, July 23rd 2018, 12:54pm

Ricaduta Durante Psicoterapia

Salve a tutti,
Faccio psicoterapia da dicembre 2017 per attacchi di panico e ansia anticipatoria dovuta ad essi. Durante i primi mesi dell’anno avevo avuto diversi miglioramenti nel senso che gli attacchi di panico erano spariti e l’ansia che avevo soprattutto al mattino era sparita. Le uniche cose che sono sempre rimaste sono l’attesa che possa ritornare un attacco ma con assenza di sintomi (cioè il pensiero ci stava sempre ma non riusciva a scatenare l’attacco) ed un senso di pseudovertigine quando mi trovo in luoghi pubblici (sicuramente una sorta di agorafobia).

Da diversi giorni purtroppo appena mi sveglio avverto delle scosse improvvise di paura (come quando si assiste ad un incidente stradale per capirci) che mi attraversano il corpo con sensazione di braccia leggere e gambe che tremano in corrispondenza delle ginocchia. Il respiro è quello della paura così come il battito accelerato! Gli episodi si verificano a distanza di qualche minuto. La mia mente non riesce ad elaborare con razionalità l’accaduto ed esaspera questi sintomi. Sono delle ondate che mi assalgono per poi passare, il tutto dura qualche ora e si verificano al mattino fino ad ora di pranzo oppure in occasione di uscite a cena o per locali. La cosa buffa è che queste sensazioni le avevo abbandonate da tempo, soprattutto quelle specie di scosse che avverto nel letto appena prima di alzarmi! Sono molto preoccupato e scoraggiato. Non vedo la luce!

La psicoterapia ha smesso di fare effetto? Sono possibili delle esacerbazioni dei sintomi nel suo corso? Qualcuno ha mai sperimentato queste specie di scosse di paura ancor prima di alzarsi?

Grazie a tutti!

paco67

Giovane Amico

Posts: 287

Activitypoints: 633

Date of registration: Jul 5th 2017

  • Send private message

2

Monday, July 23rd 2018, 3:08pm

ciao marte82 , non ho mai sperimentato le "scosse" ma peggioramenti nel corso di una terapia sono abbastanza comuni . ne hai gia' parlato con il medico ?

marte82

Nuovo Utente

  • "marte82" started this thread

Posts: 24

Activitypoints: 38

Date of registration: Feb 16th 2018

  • Send private message

3

Monday, July 23rd 2018, 3:40pm

No ancora no attualmente lo psicologo è in vacanza perciò lo vedrò i primi di Agosto! Sono andato dal medico di famiglia che mi ha detto di prendere il Tavor appena inizio a sentire che sta arrivando ansia ma io vorrei farne a meno perché voglio superare le crisi da solo anche se non è sempre facile! La “scossa” di cui parlo è quello che succede quando ad esempio ti spunta una persona davanti in mezzo al buio...il famoso “mi hai fatto prendere un colpo!” per intenderci

windrew

La vita è attaccata ad un filo sottile che va tenuto stretto.

  • "windrew" is male

Posts: 1,528

Activitypoints: 3,989

Date of registration: Jun 26th 2016

Location: emilia-romagna

Occupation: una volta

  • Send private message

4

Monday, July 23rd 2018, 4:40pm

La psicoterapia necessita di un tempo variabile dai disturbi e dalla sensibilità del paziente, siamo tutti differenti anche con lo stesso disturbo. Durante la terapia ci possono essere ''alti e bassi'' e variazioni nell'intensità e nella modalità del disturbo. Premesso che non sono medico. Nel tuo caso è certo, in quanto il medico di base ti ha solo prescritto il tavor, che si tratti di una diversa espressione dell'ansia.
se vi è un problema, in quanto tale, ha una soluzione, altrimenti è un dato di fatto con cui convivere

marte82

Nuovo Utente

  • "marte82" started this thread

Posts: 24

Activitypoints: 38

Date of registration: Feb 16th 2018

  • Send private message

5

Monday, July 23rd 2018, 6:48pm

Ma secondo voi l’utilizzo dell’ansiolitico rovina il lavoro fatto con la psicoterapia?

windrew

La vita è attaccata ad un filo sottile che va tenuto stretto.

  • "windrew" is male

Posts: 1,528

Activitypoints: 3,989

Date of registration: Jun 26th 2016

Location: emilia-romagna

Occupation: una volta

  • Send private message

6

Monday, July 23rd 2018, 10:28pm

NO, forse è di supporto in un momento ritenuto difficile dal medico curante. A me il tavor dava sonnolenza e lo prendevo per aiutare il sonno. Esistono farmaci che sono leggermente ansiolitici e agiscono riducendo gli ''spasmi'' involontari, miorilassanti, ma questa è neuropsichiatria. E quindi non temere, passerà tutto.
se vi è un problema, in quanto tale, ha una soluzione, altrimenti è un dato di fatto con cui convivere

repcar

Amico Inseparabile

  • "repcar" is male

Posts: 1,600

Activitypoints: 4,536

Date of registration: Dec 10th 2016

Location: reggio calabria

Occupation: forze di polizia

  • Send private message

7

Wednesday, July 25th 2018, 11:26am

ciao....un mio personale consiglio, non da medico, è il fatto che meglio sentire lo psicoterapeuta per un consiglio sui sintomi ed eventualmente abbinare una benzodiazepina per i momenti i cui avveri tali sintomi. Ricorda comunque che essa risolve il sintomo e non il problema, quindi hai appena iniziato la psicoterapia, quindi è normale un altalenante periodo che stai attraversando.......

paco67

Giovane Amico

Posts: 287

Activitypoints: 633

Date of registration: Jul 5th 2017

  • Send private message

8

Thursday, July 26th 2018, 9:54am

si , di solito iniziando una terapia , farmacologica o psicologica che sia , si tende a somministrare una benzo in caso di bisogno .
poi con il proseguo della terapia dovrebbero essere sempre meno le situazioni in cui c'e' bisogno di un calmante .