Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

shesvidreep

Nuovo Utente

  • "shesvidreep" is female
  • "shesvidreep" started this thread

Posts: 8

Activitypoints: 38

Date of registration: Jan 23rd 2015

  • Send private message

1

Friday, January 23rd 2015, 12:15pm

Questa vita di stenti..

Forse è una delle prime volte che 'snocciolo' la mia storia completa.. Cercherò di essere breve e di non annoiare

Sono una ragazza di 24 (quasi 25 anni) e la costanza della mia vita è stata l'incertezza.

Sono nata da una madre anaffettiva, frustrata e cresciuta a sua volta in una famiglia veramente incasinata. Sin da bambina ho vissuto una serie di complessi di inferiorità; alle elementari andavo in una scuola privata (ci lavorava metà famiglia paterna, non per le mie doti geniali) dove i figli della crema del mio paese erano presenti, al completo.
Chiaramente l'ultima ruota ero io, e le suore della scuola non mancavano mai di farmelo presente. Avevo solo un'inclinazione innegabile: l'arte, la letteratura e la musica. Totalmente inutili per la società, come mi venne fatto notare da parenti e insegnanti.

Ciliegina sulla torta: ho una malattia congenita agli occhi che mi priva della vista all'occhio destro, ma mi fornisce un paio di pupille a forma di goccioline, invece che circolari.

Comunque, crebbi col dogma che la mia inclinazione artistica era inutile, più tutti i complessi di cui sopra.
Uscii faticosamente dalle medie e arrivai alle superiori, studiai chimica nel tentativo di assicurarmi un futuro e, nel frattempo, mi imbarcai nella mia prima relazione amorosa (16 anni circa) che durò 3 anni e mezzo. Lui fece qualsiasi cosa per opprimermi, negarmi la mia crescita personale, le mie passioni, i miei sogni e quant'altro.

Dopo le superiori, parecchi schiaffi dal mio ex di cui sopra, ossessionata dall'idea di dover essere al pari degli altri, iniziai l'università: Biologia.
Una mossa non sbagliata, di più.

Tutte le rinunce sulla mia personalità esplosero all'età di vent'anni, cominciai a non dormire, a sentirmi veramente male, depressione e pianti continui. Abbandonai l'università con le maledizioni di tutta la mia famiglia.

Adesso sto affrontando i miei fantasmi, cercando disperatamente di ricoltivare le mie vere capacità e, dopo anni, ho una persona affianco che credo mi ami (me lo dimostra, lo amo da morire e lui ama me; ma io sono talmente ossessionata dalla mia vita piena di sofferenza, che non riesco a fare piani a lungo termine..) e per due anni ho riversato anche su di lui, tutte le mie frustrazioni.


Onestamente non conto nemmeno quante volte ho pensato di uccidermi, non riesco a convincermi che troverò un lavoro, sarò indipendente e potrò vivere con dignità.


Martina

beautiaddicted

Amico Inseparabile

  • "beautiaddicted" is female

Posts: 1,078

Activitypoints: 3,542

Date of registration: Jul 7th 2014

Location: Roma

Occupation: impiegata

  • Send private message

2

Friday, January 23rd 2015, 8:10pm

Martina , il passato a volte ha un peso insostenibile ma ha una virtù: non può tornare. Mai. Non farti torturare. Hai la capacità di amare, hai trovato l' amore. Vivilo
Hanno provato a sminuire il tuo talento perché "non rende" economicamente? Coltivalo ancora di più. Prima deve venire l' indipendenza mentale, poi verrà tutto il resto

Altra-menti

Giovane Amico

  • "Altra-menti" is female

Posts: 362

Activitypoints: 950

Date of registration: Jan 23rd 2015

  • Send private message

3

Friday, January 23rd 2015, 9:53pm

Ti stimo tantissimo Martina, sei forte. Spero che tu troverai finalmente almeno un po' della serenità che ti meriti

4

Saturday, January 24th 2015, 5:12pm

Ultimamente mi sono forse reso conto che parte dei miei problemi ha ragione di essere in una sorta di crisi d'identità. Il fatto di non esprimere veramente il nostro potenziale, di inseguire strade sbagliate, di dipendere affettivamente da qualcuno in passato, di sottostimarsi credendo di non essere in grado di fronteggiare il mondo, credendolo troppo difficile o ostile per le nostre forze.
Secondo me quello che dobbiamo fare è trovare noi stessi, far fiorire tutte le nostre capacità. Gli effetti a catena non valgono solo per le cose brutte, quando si comincia ad infilare un po' di "tiri buoni", un'azione provoca una reazione di conseguenza e la vita può cambiare.
E' fondamentale fronteggiare le proprie paure. Guarda in faccia la realtà e combatti quello che temi di più. Più si ritarda, più si fugge e più sarà difficile ricomporre i pezzi, ma forse non è mai troppo tardi per ricominciare tutto da capo :)
/* no comment */

shesvidreep

Nuovo Utente

  • "shesvidreep" is female
  • "shesvidreep" started this thread

Posts: 8

Activitypoints: 38

Date of registration: Jan 23rd 2015

  • Send private message

5

Tuesday, January 27th 2015, 6:56pm

@beautiaddicted: Il passato fa male, vero, ma ciò che tortura di più è il senso di colpa per non aver realizzato le aspettative di chi, come le famiglie, misurano le proprie vite con quelle dei figli.
Per l'amore, io cerco di viverlo e dargli tutto ciò che merita, per renderlo felice. Ma a volte, pecco di egoismo nel crogiolarmi nei miei demoni..
Per quanto riguarda le inclinazioni, adesso sto piano piano, cercando di uscire dal mio guscio!

@Altra-menti: mi hai fatto venire le lacrime agli occhi, nessuno mi ha mai detto queste parole, seppur semplici. Grazie.


@SagittariusA: sottoscrivo parola per parola, ma a volte la paura e la rassegnazione fanno un bruttissimo lavoro d'attrito.
Non capisco quale sia la grande vergogna, imposta dalla società, di lasciare che l'individuo diventi unico.
Umberto Eco diceva che la varietà dell'unità, è imprescindibile.
A me sembra che chiunque s'allontani dalla fascia media, sia un becero pazzo!


Grazie a voi che mi avete risposto, grazie di cuore!


Martina

alexisbridge

Utente Attivo

  • "alexisbridge" is female

Posts: 28

Activitypoints: 98

Date of registration: Oct 7th 2014

  • Send private message

6

Tuesday, January 27th 2015, 11:00pm

Grandissima ti stimo tantissimo! Spero davvero che tu riesca a mettere in sesto la tua vita e a donare anche a noi un po' della tua forza!

shesvidreep

Nuovo Utente

  • "shesvidreep" is female
  • "shesvidreep" started this thread

Posts: 8

Activitypoints: 38

Date of registration: Jan 23rd 2015

  • Send private message

7

Tuesday, January 27th 2015, 11:05pm

Io Credo...

che noi, noi ammalati della parte marcia della vita, siamo quelli che realmente possiamo ribaltare le carte sul tavolo.
Noi moriamo ogni giorno, ogni minuto, ogni secondo e ogni secondo, ogni minuto e ogni giorno, mettiamo insieme i pezzi e torniamo a vivere.
Non per dovere di spam, per carità, ma da quando ho aperto gli occhi sui miei demoni, ogni giorno coltivo (poco a poco e con tanto dolore e pianto) la mia vera intimità, inclinazione e personalità e sto aprendo un blog per tirare fuori le persone come me.
Solo chi soffre veramente, può aiutare.
Alex, ti abbraccio.

Belfalas

Utente Fedele

Posts: 533

Activitypoints: 1,456

Date of registration: Aug 26th 2014

  • Send private message

8

Wednesday, January 28th 2015, 2:21pm

Ciao Martina, che interessante essere umano sei! E come è interessante la tua storia. Non ti conosco ma mi comunichi un senso di grande potenzialità e talento, ed è toccante il tuo sforzo di trarre bellezza e verità dalla disarmonia e dal caos. Anche il viso che esponi ai nostri sguardi è molto intenso (sei tu quella nella foto vero?) spero di non mancare di tatto (e se lo faccio perdonami) nel dirti che il tuo viso è bello nella sua disarmonia, bello davvero.
Ciao
Daniele

(P.S. l'incertezza è la costante della vita di qualsiasi essere umano, non è di sicuro l'incertezza a renderti speciale)

This post has been edited 1 times, last edit by "Belfalas" (Jan 28th 2015, 5:18pm)


shesvidreep

Nuovo Utente

  • "shesvidreep" is female
  • "shesvidreep" started this thread

Posts: 8

Activitypoints: 38

Date of registration: Jan 23rd 2015

  • Send private message

9

Wednesday, January 28th 2015, 2:57pm

Sono solo..

...quella che sono. In tutta la mia vita non ho mai pensato di essere una storia interessante, una bella ragazza o un esplosione di talento e nessuno mi ha mai considerato in questi termini di paragoni.. ho quasi il terrore marcio di ricevere 'complimenti'.

Sì sono io nella foto! non ho paura di mostrare il mio faccione, solo i miei incubi..

Abbraccio
M

alexisbridge

Utente Attivo

  • "alexisbridge" is female

Posts: 28

Activitypoints: 98

Date of registration: Oct 7th 2014

  • Send private message

10

Wednesday, January 28th 2015, 3:25pm

Sarei davvero interessata a leggere il tuo blog! Magari postami il link in privato :)

shesvidreep

Nuovo Utente

  • "shesvidreep" is female
  • "shesvidreep" started this thread

Posts: 8

Activitypoints: 38

Date of registration: Jan 23rd 2015

  • Send private message

11

Wednesday, January 28th 2015, 3:35pm

Appena mi abilitano i messaggi privati, volentieri.
ma premessa: è un blog per aiutare gli artisti incompresi, che non spingono l'accelleratore e una cura anche per me.. Se ti interessa, sarò felice di mostrartelo

12

Sunday, March 29th 2015, 9:34pm

Adesso sto affrontando i miei fantasmi
Posso chiederti se di recente hai iniziato una qualche terapia? O quantomeno qual è il motivo che ha fatto nascere questo affronto ai fantasmi?


non riesco a convincermi che troverò un lavoro, sarò indipendente e potrò vivere con dignità.
Di questi tempi è normale avere difficoltà a convincersi di trovare un lavoro e tutto il resto.
Oserei dire che è una reazione "sana" a un ambiente insano.

Se però ora non sei indipendente significa che sei dipendente e che qualcuno da cui dipendere evidentemente c'è.

Pensa che ci sono persone in condizione simile alla tua che però non possono (o non possono più) contare su nessuno, e magari hanno qualche anno più di te e quindi il mondo del lavoro gli è praticamente precluso (fatto salvo raccomandazioni).

Informati bene e non smettere di cercare: un lavoro che ti consenta di vivere lo troverai. Prima o poi riuscirai anche a fare qualcosa che ti piace o che da sfogo alla tua arte. E' una cosa che credono di saper fare tutti, ed è per questo che c'è l'impressione che il mercato sia già saturo, ma in realtà di persone brave con l'arte ce ne sono poche e insistendo quanto basta prima o poi la capacità naturale data dall'indole ti farà passare davanti a qualche artista "costruito".

E' una condizione comune di chi nasce con la predisposizione all'arte che gli si dica: "non troverai mai lavoro", però i fatti mi dicono che siamo in fase di boom di grafica, foto editing et similia.

Solo non fare l'errore di guardare solo al negativo, perché poi altrimenti (e te lo garantisco) diventa una condizione auto-avverante.
Tutti mentono.
Ci sono molte più probabilità di venire uccisi da una persona che si ama che da un estraneo.
La realtà è quasi sempre sbagliata.

Similar threads