Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Destiny1982

Utente Attivo

  • "Destiny1982" started this thread

Posts: 109

Activitypoints: 319

Date of registration: Sep 25th 2017

  • Send private message

1

Tuesday, April 2nd 2019, 3:37pm

Quella strana sensazione di cuore in gola..

Ciao a tutti,è da un po'che non scrivo ma continuo a seguirvi in silenzio.In questo periodo di assenza ho avuto modo di dedicarmi alle mie difficoltà e ad i miei stati ansiosi e devo dirvi che le cose cominciano ad andare meglio.È però da qualche settimana che son tornati!Sì,proprio loro,quegli strani sintomi di cuore in gola e dolore all'altezza del seno sx..E questo mi manda in panne..È tutto cominciato con la paura di avere un infarto pertanto,quando ho questi sintomi,la mia testa comincia a vagare.È un periodo particolare questo x me:abbiamo in ballo un acquisto di casa,un trasloco che dovrebbe avvenire nei tempi stabiliti,un'operazione che avrei dovuto subire ma che ho rifiutato dopo aver ascoltato i pareri di vari specialisti..e poi,c'è la fine di un percorso,la psicoterapia,che mi ha letteralmente risollevata dal fondo e mi ha fatto rivedere la luce.Tutto ciò probabilmente mi sta destabillizzando,ma mi..anzi,vi domando:x quanto ancora dovrò combattere contro le mie paure?Ci sarà il giorno in cui smetterò di allarmarmi x ogni strano evento o sensazione che provo?Vi ringrazio tanto e vi abbraccio =)

Confusa16

Utente Avanzato

Posts: 550

Activitypoints: 2,030

Date of registration: Jun 9th 2017

  • Send private message

2

Wednesday, April 3rd 2019, 2:56am

Ciao! Assumi farmaci?

Destiny1982

Utente Attivo

  • "Destiny1982" started this thread

Posts: 109

Activitypoints: 319

Date of registration: Sep 25th 2017

  • Send private message

3

Thursday, April 4th 2019, 3:11pm

Ciao Confusa16,no,non assumo farmaci.Il mio primo approccio ai miei problemi è stato farmacologico ma,x varie motivazioni e dopo un periodo di stop,sono passata all'approccio psicoterapeutico.

4

Thursday, April 4th 2019, 3:21pm

Io resto del parere che quando certi sintomi superano la propria capacità di riuscire a gestirli o creino impedimenti nella vita quotidiana, sarebbe il caso di curarsi coi farmaci ma va da se che se in te la psicoterapia funziona quella che descrivi può essere solo una piccola parentesi dovuta ad un momento più difficile. Mi auguro pertanto che comunicherai questi tuoi disagi alla tua psicoterapeuta per sentire il suo parere.

Destiny1982

Utente Attivo

  • "Destiny1982" started this thread

Posts: 109

Activitypoints: 319

Date of registration: Sep 25th 2017

  • Send private message

5

Thursday, April 4th 2019, 3:34pm

Grazie Michele,ne parlerò sicuramente con lei.La mia psichi sostiene che io non sia una vera ipocondriaca,che le mie paure derivino + da eventi traumatici vissuti..Non solo,vivere in attesa di esser chiamati da un momento all'altro x subire un'operazione non è piacevole,soprattutto x le mie esperienze ospedaliere vissute.Però ora questa operazione non ci sarà +,x cui vorrei capire come affrontare questa mia paura di ammalarmi di chissà quale strana malattia =(

6

Thursday, April 4th 2019, 3:43pm

Grazie Michele,ne parlerò sicuramente con lei.La mia psichi sostiene che io non sia una vera ipocondriaca,che le mie paure derivino + da eventi traumatici vissuti..Non solo,vivere in attesa di esser chiamati da un momento all'altro x subire un'operazione non è piacevole,soprattutto x le mie esperienze ospedaliere vissute.Però ora questa operazione non ci sarà +,x cui vorrei capire come affrontare questa mia paura di ammalarmi di chissà quale strana malattia =(

Beh, almeno per quanto mi concerne ritengo che al di la delle cause che generano le nostre ansie il problema principale sia come risolvere queste ansie. Da questo punto di vista la psicoterapia è spesso molto utile per chi non se la sente di assumere farmaci (logicamente nulla vieta di seguire entrambi gli approcci terapeutici, ma da come ho compreso la tua non è una forma d'ansia debilitante, nel senso che non ti impedisce di svolgere in modo normale la tua vita), giusto?

Destiny1982

Utente Attivo

  • "Destiny1982" started this thread

Posts: 109

Activitypoints: 319

Date of registration: Sep 25th 2017

  • Send private message

7

Thursday, April 4th 2019, 4:22pm

Diciamo che ho passato "solo" 2 mesi ad aver paura anche di respirare (il mio "solo" è dettato dal fatto che mi rendo conto che ci sono persone che per mesi hanno dei fortissimi disagi). I farmaci mi hanno aiutato ma la terapia è durata troppo poco x poter dire che ne ho tratto realmente benefici (interrotta dopo 2 mesi x gravidanza).Sicuramente la mia ansia attuale non mi impedisce di.vivere a pieno il mio quotidiano.Mi si manifesta spesso la sera,x cui,finite le mie cose,,vado a letto e la smorzo così.X questo,ho voluto provare la psicoterapia che,a dirla tutta,mi ha aiutato veramente tanto!

8

Thursday, April 4th 2019, 4:39pm

Mi fa molto piacere leggere che con la psicoterapia sei stata molto meglio, vuol dire che sei una ottima risponditrice alla terapia e questo va a tuo vantaggio. Purtroppo viene difficile rispondere a questa tua domanda:

vi domando:x quanto ancora dovrò combattere contro le mie paure?Ci sarà il giorno in cui smetterò di allarmarmi x ogni strano evento o sensazione che provo?Vi ringrazio tanto e vi abbraccio =)

Ciò che chiedi è molto soggettivo. Io ho sofferto di ansia in passato poi divenuta attacchi di panico, successivamente senza alcuna terapia specifica tutto è scemato ed ho condotto la mia vita in modo sereno e spensierato viaggiando, lavorando etc. Quest'estate improvvisamente tutto è ritornato peggio che agli inizi e sono dovuto andare da uno psichiatra perché ci stavo malissimo.

Per cui alla fine tutto dipende dalle nostre vite e dai nostri caratteri (tutti enormemente diversi nel vissuto e in ogni singola esperienza che abbiamo fatto) e di conseguenza viene impossibile dire un "quando". Ciò nonostante io continuo ad essere ottimista e poi non ci dimentichiamo che la medicina e la psicologia continueranno ad evolversi e a raggiungere nuovi traguardi e chissà magari un domani l'ansia la si sconfiggerà ascoltando una particolare melodia o assumendo un farmaco una sola volta e basta.

La cosa fondamentale però, per adesso, è non abbassare la guardia, nel senso di non arrendersi mai e cercare di vivere comunque la propria vita perché la nostra vita vale più dell'ansia!!!

Destiny1982

Utente Attivo

  • "Destiny1982" started this thread

Posts: 109

Activitypoints: 319

Date of registration: Sep 25th 2017

  • Send private message

9

Thursday, April 4th 2019, 6:40pm

perché la nostra vita vale più dell'ansia!!!


Esattamente questo è quello che mi ha spinto a non mollare.
Sì,non mi spaventa sapere che l'ansia farà sempre parte della mia vita,ne sono consapevole.Mi spaventa non sapere se saró in grado di reagire senza l'aiuto di farmaci o della psichi..insomma,mi spaventa pensare che ciclicamente potrei aver bisogno.di ricominciare il faticoso iter del caso

repcar

Amico Inseparabile

  • "repcar" is male

Posts: 1,600

Activitypoints: 4,536

Date of registration: Dec 10th 2016

Location: reggio calabria

Occupation: forze di polizia

  • Send private message

10

Friday, April 5th 2019, 3:07pm

ciao......quando l'ansia ed una eventuale sua comorbidità non riescono a farti vivere il tuo quotidiano allora una cura farmacologica è necessaria. Da quello che posti la tua non può essere definita "invalidante" e meglio così (non sono un medico): L'ansia che ricordiamo è essenziale e fisiologica entro certi limiti rappresenta anche un'arma a doppio taglio, nel senso che oltre certi limiti diventa malattia. Va da se che l'ansia attecchisce in terreni fertili, cioè in persone particolarmente sensibili, razionali etc.. Altra cosa fondamentale è che la sintomatologia accresce nei periodi di stress (periodi negativi) che distress (periodi positivi), per cui, da quel che hai postato stai vivendo un momento di stress, dove la tua unica valvola di sfogo sono i classici sintomi ansiogeni. Oltre i classici farmaci di origine chimica , puoi anche vedere, sempre su consiglio del medico, di approntare una cura fitoterapica che ti ricordo va prolungata per molti mesi. Se con la psicoterapia è andata bene allora hai già razionalizzato le tue paure e la metodologia per come affrontarle. Non è facile capisco molto bene, ma da qualche parte devi iniziare.......dimenticavo, uno sport, anche semplici passeggiate ora che il tempo lo permette sono un'ottima toccasana per lievi stati ansiosi......In bocca al lupo...... :thumbup:

11

Friday, April 5th 2019, 3:21pm

Esattamente questo è quello che mi ha spinto a non mollare.
Sì,non mi spaventa sapere che l'ansia farà sempre parte della mia vita,ne sono consapevole.Mi spaventa non sapere se saró in grado di reagire senza l'aiuto di farmaci o della psichi..insomma,mi spaventa pensare che ciclicamente potrei aver bisogno.di ricominciare il faticoso iter del caso

Purtroppo una vita perfetta non esiste per nessuno, nemmeno quelli che all'apparenza sembrano avere tutto. Tu penseresti di vivere una vita senza nessuna preoccupazione? Pensiamo solo al lavoro (per chi ne ha ancora uno stabile), o alla volatilità di una storia d'amore che comunque può finire o incrinarsi negli anni. L'ansia è solo un lato della nostra vita ma non è nemmeno detto che nel tempo non ne usciremo o che la riusciremo a gestire in modo meno invadente per cui mai dire mai nella vita e di conseguenza lasciarsi sempre aperta la strada della speranza.

Infine non ragionare sul "non saprò" perché tu hai una validissima alleata che sei tu stessa con le tue capacità.

Destiny1982

Utente Attivo

  • "Destiny1982" started this thread

Posts: 109

Activitypoints: 319

Date of registration: Sep 25th 2017

  • Send private message

12

Saturday, April 6th 2019, 5:19pm

Va da se che l'ansia attecchisce in terreni fertili, cioè in persone particolarmente sensibili, razionali etc.. Altra cosa fondamentale è che la sintomatologia accresce nei periodi di stress (periodi negativi) che distress (periodi positivi), per cui, da quel che hai postato stai vivendo un momento di stress, dove la tua unica valvola di sfogo sono i classici sintomi ansiogeni. Oltre i classici farmaci di origine chimica , puoi anche vedere, sempre su consiglio del medico, di approntare una cura fitoterapica che ti ricordo va prolungata per molti mesi. Se con la psicoterapia è andata bene allora hai già razionalizzato le tue paure e la metodologia per come affrontarle. Non è facile capisco molto bene, ma da qualche parte devi iniziare.......dimenticavo, uno sport, anche semplici passeggiate ora che il tempo lo permette sono un'ottima toccasana per lievi stati ansiosi......In bocca al lupo......

Hai colto nel segno..Il problema è che io riconosco i suoi sintomi e,anche se mi dico "questa volta non ci casco",puntualmente mi colpisce e mi destabilizza.Poi,come dici tu,mi succede nei periodi di stress maggiore.ne la sera,il momento della giornata in cui sono più stanca e l'ansia ne approfitta.Proverò a seguire i tuoi consigli,lo sport mi manca,l'ho sempre praticato,ma con 3 figli,la casa e il lavoro non saprei proprio come incastrarlo..Spesso trovo conforto nella musica,mi aiuta a rilassarmi e mi apre la mente =)

Destiny1982

Utente Attivo

  • "Destiny1982" started this thread

Posts: 109

Activitypoints: 319

Date of registration: Sep 25th 2017

  • Send private message

13

Saturday, April 6th 2019, 5:22pm

Infine non ragionare sul "non saprò" perché tu hai una validissima alleata che sei tu stessa con le tue capacità.

Beh Michele,che dirti,le tue parole arrivano sempre dritte al segno..Grazie! =)