Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

1

Saturday, October 5th 2013, 3:56pm

psicologo si ,psicologo no (vorrei il parere del dottore Collevecchio)

Salve a tutti,
da due anni soffro di ansia,anche se HO capito di soffrirne molto tempo prima facendomi un autoanalisi.Mi sn accorta che questi distrubi l'ho sempre avuti solo che prima nn davo peso a tutto ciò e lo affrontavo in maniera decisamente migliore.....
Cmq....la mia attuale paura ,essendo ipocondriaca ,è il cuore.
Un mese fa mi sn fatta portare di forza al ps perchè x un mese e più mi portavo dietro fastdio al braccio sx,oppressione ad entrabi i seni soprattutto a sx,mancanza di respiro come se qualcosa mi blocasse ecc ecc....arrivata li mi hanno chiesto le sintomatologie ...io gliele ho elencate senza dire che soffro di ansia. mi hanno fatto un ecg dicendomi "guarda io ti faccio l'elettrocardiogramma solo x farti stare tranquilla ma l'infarto nn ce l'hai..." infatti tutto ok e x misurare la pressione gliel'ho chiesto io...ce l'ho bassa io x natura..-...la dottoressa di turno mi ha consigliato espressamente di rivolgermi ad uno psicologo "sennò tu ,tutti i giorni sei qui!". Dopo gli ho detto dell'ansia.
OK,fin qui era x dirvi i motivi...beh a io ho continuato ad avere quei fastidi,sfociando in attacchi di panico e pianti......alla fine mi mettevo calma dicendo tra me e me che nn ho nulla senno ero già morta.
rivolgendomi a vari psiclogi in vari gruppi di fb a cui sono iscritta sull'ansia,tutti mi dicono che non devo soffermarmi sul sintomo ma sulla causa...ma io dico no...grazie al cavolo se lo sapessi non starei cosi,no???? poi mi fanno domande del tipo "cos'è un attaccfo di panico? cosa senti? definisci il tuo stato dopo che è finito"...ed io dovrei spendere i miei soldi x farmi fare queste domande e magari farmi imbottire di medicinali??? no grazie.....

so che qui c'è un dottore..Collevecchio mi sembra...lei che ne pensa?
"metti tra parentesi le tue paure e corri il rischio di essere felice"

Nicholas_95

Giovane Amico

Posts: 215

Activitypoints: 771

Date of registration: Oct 4th 2013

  • Send private message

2

Saturday, October 5th 2013, 5:00pm

Io e te siamo uguali lulu :(
anche io ho paura che il cuore mi scoppia, ma non ne uscirai mai se non prendi dei farmaci...
Anzi più aspetti e peggio è!
io ero come te, non volevo prendere nulla, perché dicevo tra me e me: Cazzo non voglio farmi imbottire di farmaci...
Una sera però meno di un mese fa, ho avuto un attacco di panico fortissimo che si era trasformato in depressione, stavo nel letto sotto shock praticamente... Guardavo il vuoto!
sono andato in ospedale. Eletrocardiogramma perfetto, emocromo perfetto e li mi hyanno consigliato di andare da uno psicologo.

Daniele70

Utente Attivo

Posts: 24

Activitypoints: 72

Date of registration: Mar 21st 2012

Occupation: Psicologo

  • Send private message

3

Saturday, October 5th 2013, 5:34pm

Mi permetto d risponderti, anche se non sono il Dottor Collevecchio.


Considerati i tuoi sintomi, ti consiglio di rivolgerti ad uno psicoterapeuta cognitivo comportamentale.
La terapia cognitivo-comportamentale è la più indicata per un disturbo come il tuo.
Non so quanto tu possa risolvere il tuo problema continuando a rivolgerti a psicologi sui gruppi di facebook,
di sicuro consultarne uno dal vivo potrebbe farti risparmiare un sacco di tempo , visto che sono due anni che sei in questa condizione.

Altra questione è l'uso dei medicinali: lo psicologo non ne prescrive. Lo psichiatra si.

4

Saturday, October 5th 2013, 5:46pm

ciao nicholas e ciao daniele.
non sto facendo nessuna cura.....prendo solo l'ipervaleriana.
daniele scusami che differenza c'è? puoi spiegarmelo,come può aiutarmi quello comportamentale?? tu sei come me ed è x questo che me lo consigli?
"metti tra parentesi le tue paure e corri il rischio di essere felice"

Daniele70

Utente Attivo

Posts: 24

Activitypoints: 72

Date of registration: Mar 21st 2012

Occupation: Psicologo

  • Send private message

5

Saturday, October 5th 2013, 5:57pm

Ciao Lulù
Ti rispondo perchè pratico la psicoterapia cognitivo comportamentale come professionista.
Ti do questo consiglio perchè se hai questi disturbi è inutile trascinarseli per anni, magari aspettando che peggiorino.

Non sono come te, nel senso che non ho un disturbo d'ansia, ma non temere: tutte le persone possono soffrire d'ansia,
e soffrire d'ansia non significa essere peggiore di altre persone, o valere meno.

Uno psicoterapeuta cognitivo-comportamentale ti aiuta a fronteggiare l'ansia insegnandoti a riconoscerne i sintomi,
riconoscerne le cause, esporti ad esse in modo di abituarti ad essa e non sentirne più gli effetti.
Inoltre può insegnarti delle tecniche di rilassamento che aiutano molto.

L'ansia cambia da persona a persona, spesso possono essere i tuoi pensieri o idee irrazionali a causarla.
E' un disturbo che si può vincere.

Armati di positività, perchè il tuo problema aspetta solo una soluzione.

Nicholas_95

Giovane Amico

Posts: 215

Activitypoints: 771

Date of registration: Oct 4th 2013

  • Send private message

6

Saturday, October 5th 2013, 6:02pm

Lulù tanto la terapia con i farmaci non è lunghissima per l'attacco di panico... nel giro di tre/4 mesi passa tutto, ti consiglio solo di non arrenderti appena senti gli effetti collaterali, stai peggio di prima all'inizio ma devi avere fiducia nei medici.

7

Saturday, October 5th 2013, 6:05pm

quando scrivi "riconoscere i sintomi"...tu intedi dell'ansia o di una eventuale malattia???

allora ti spiego,a marzo il cugino di mio padre è morto di infarto.Questa cosa mi ha scosso e da allora penso all'infarto....sta cosa me la sono trasinata in tutti sti mesi fino ad arrivare ad agosto a farmi portare in ospedale perchè i sintomi erano più grandi o diciamo pure la mia paura e dubbi si sn fatti piuù grandi. nn mi hanno disagnosticato nulla meno male,ma ansia.
cmq poi mia nonna dicendole il mio problema mi ha detto che si pensava fosse morto di infarto ma di ictus in realtà.....è stato pure lui a volerselo,nn si curava ne prendeva q i medicnali x evitare ciò.
nn riesce a tranquilliozzarmi nulla....ne il fatto delle visite,colesterolo nella norma,pressione bassa,nessun caspo in famiglia,sono giovane...insomma nn mi do pace....... se intanto vuoi darmi un consiglio a parte quello di provare una seduta cn un tuo collega :-)
"metti tra parentesi le tue paure e corri il rischio di essere felice"

Nicholas_95

Giovane Amico

Posts: 215

Activitypoints: 771

Date of registration: Oct 4th 2013

  • Send private message

8

Saturday, October 5th 2013, 6:08pm

Io ho detto la mia spero che riuscirai a trovare un equilibrio e spero anche che con ti succede come è successo a me... :)

Daniele70

Utente Attivo

Posts: 24

Activitypoints: 72

Date of registration: Mar 21st 2012

Occupation: Psicologo

  • Send private message

9

Saturday, October 5th 2013, 6:15pm

Ti dico che nel tuo caso la morte del tuo parente, è un evento precipitate del tuo disturbo. Inoltre ti chiederei, perchè pensi all'infarto? vi sono delle possibilità che possa accadere anche a te? E se non sei una persona a rischio, perchè ci pensi? Spesso abbiamo delle idee irrazionali che ci fanno pensare di essere vulnerabili ad un disturbo quando in realtà non lo siamo affatto. Come tu stessa scrivi, i dubbi sono diventati più grandi: l'ansia è un circolo vizioso.
Considerato che i test clinici non individuano la presenza di nessuna sindrome clinica, il mio consiglio è ancora lo stesso. Vinci la tua paura e affronta il tuo problema con la persona giusta. A volte anche solo poche sedute di psicoeducazione fanno miracoli. Il mio consiglio è quello di non perdere tempo. Come tu stessa scrivi, corri il rischio di essere felice ;)

10

Saturday, October 5th 2013, 6:19pm

l'infarto : se ti viene sei morto e basta.
forse mi spaventano le cose improvvise...nn so
"metti tra parentesi le tue paure e corri il rischio di essere felice"

11

Saturday, October 5th 2013, 6:20pm

nicolas ,grazie mille.... ti farò sapere!!!!! hai fatto bene a fare subito qualcosa sei troppo giovane!!!
"metti tra parentesi le tue paure e corri il rischio di essere felice"

Nicholas_95

Giovane Amico

Posts: 215

Activitypoints: 771

Date of registration: Oct 4th 2013

  • Send private message

12

Saturday, October 5th 2013, 6:22pm

Anche io ho la tua stessa paura purtroppo, tipo ora sto avvertendo un dolore tra il braccio sinistro e lil petto e ho paura :( in più sono debole per le medicine sto uno schifo :(

Nicholas_95

Giovane Amico

Posts: 215

Activitypoints: 771

Date of registration: Oct 4th 2013

  • Send private message

13

Saturday, October 5th 2013, 6:23pm

Ma guarda te se a 18 anni devo aver paura di morire :(

14

Sunday, October 6th 2013, 12:49am

lo so nicholas....... che brutto.....:.-(
"metti tra parentesi le tue paure e corri il rischio di essere felice"

Nicholas_95

Giovane Amico

Posts: 215

Activitypoints: 771

Date of registration: Oct 4th 2013

  • Send private message

15

Sunday, October 6th 2013, 3:43am

Sono appena tornato da mio zio lulù uno schifo sono stato per quasi tutto il tempo, poi hi assunto le miei cinque goccie di rivotril e mi sono ripreso. Mi sono misurato la pressione ed era perfetta in più anche i battiti erano regolari. Mi sono tranquillizzato del tutto e ora sto alla grande, un po' drogato per l'ansiolitico ma sto alla grande xD