Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

Non risulti loggato.


Gentile visitatore,
Benvenuto sul Forum di Psicologia di Nienteansia.it. Se questa è la tua prima visita, ti chiediamo di leggere la sezione Aiuto. Questa guida ti spiegherà il funzionamento del forum. Prima di poter utilizzare tutte le funzioni di questo software dovrai registrarti. Usa il form di registrazione per registrarti adesso, oppure visualizza maggiori informazioni sul processo di registrazione. Se sei già un utente registrato, allora dovrai solamente procedere con il login da qui.

Lostman

Utente Attivo

  • "Lostman" ha iniziato questa discussione

Posts: 39

Activity points: 187

Data di registrazione: venerdì, 28 luglio 2017

  • Invia messaggio privato

1

domenica, 30 luglio 2017, 08:47

Panico e brutti pensieri

Nuovamente quella maledetta sensazione di disagio di fiato corto che ti fa pensare eccolo arriva il maledetto attacco di panico....o mille brutti pensieri e quella sensazione di fastidio al petto!!!anche a voi inizia così un attacco?come la gestite?chissa se passeranno mai ????????????

repcar

Moderatore

  • "repcar" è un uomo

Posts: 2.009

Activity points: 5.777

Data di registrazione: sabato, 10 dicembre 2016

Località: reggio calabria

Lavoro: forze di polizia

  • Invia messaggio privato

2

domenica, 30 luglio 2017, 11:18

L'attacco di panico e la derealizzazione, per il sottoscritto, sono tra i più sconvolgenti episodi che una persona possa vivere nella vita. Ti sembra di impazzire, pensi di morire, di uscire pazzo, sono pochi minuti ma provocano nel corpo e nella mente devastanti pensieri, che poi andando avanti hai sempre paura che si ripetano. Nel mentre sei oggetto di attacco di panico, il tuo corpo mette in moto una serie di accorgimenti per cercare di sopperire alle sensazioni, quindi scariche di adrenalina, noradrenalina. Inoltre vi è una iperventilazione e contratture muscolari, proprio perchè vi è il pericolo imminente. E' coma quando una si trova in una situazione terribile (incidente stradale, perdita persona cara), ma la differenza è che quando tutto finisce il corpo rientra nella normalità, mentre nelle persone che vivono l'attacco di panico questo non succede. Chimica dicono gli psichiatri, situazioni di adattamento ed inconscio del vissuto dicono gli psicoterapeuti. Dove sta la verità nessuno lo sa. Non so che tipo di cura stai facendo, ma passerà, poco per volta passerà, credimi.......in bocca al lupo

3

domenica, 30 luglio 2017, 12:10

Quoto Repcar in ogni parola. Aggiungo: fatti seguire da qualcuno per impostare una terapia. All'occorrenza ti avrà certamente prescritto un ansiolitico ma se ti va prova anche un percorso di psicoterapia (su alcuni funziona mene), inoltre impara a rilassarti, impara gli esercizi di respirazione e creati degli schemi di distrazione dall'ansia (musica, lettura, attività all'aperto etc.).

Infine (cosa a mio avviso importantissima), occorre cercare laddove è avvenuto l'attacco di panico, delle cose piacevoli di quel luogo o di ciò che stavi facendo in modo che l'ansia non renda quella zona/cosa off limits dando luogo a una mania evitativa.

Lostman

Utente Attivo

  • "Lostman" ha iniziato questa discussione

Posts: 39

Activity points: 187

Data di registrazione: venerdì, 28 luglio 2017

  • Invia messaggio privato

4

domenica, 30 luglio 2017, 19:18

L'attacco di panico e la derealizzazione, per il sottoscritto, sono tra i più sconvolgenti episodi che una persona possa vivere nella vita. Ti sembra di impazzire, pensi di morire, di uscire pazzo, sono pochi minuti ma provocano nel corpo e nella mente devastanti pensieri, che poi andando avanti hai sempre paura che si ripetano. Nel mentre sei oggetto di attacco di panico, il tuo corpo mette in moto una serie di accorgimenti per cercare di sopperire alle sensazioni, quindi scariche di adrenalina, noradrenalina. Inoltre vi è una iperventilazione e contratture muscolari, proprio perchè vi è il pericolo imminente. E' coma quando una si trova in una situazione terribile (incidente stradale, perdita persona cara), ma la differenza è che quando tutto finisce il corpo rientra nella normalità, mentre nelle persone che vivono l'attacco di panico questo non succede. Chimica dicono gli psichiatri, situazioni di adattamento ed inconscio del vissuto dicono gli psicoterapeuti. Dove sta la verità nessuno lo sa. Non so che tipo di cura stai facendo, ma passerà, poco per volta passerà, credimi.......in bocca al lupo

Grazie mille e spero che passerà subito Xke è insopportabile vivere cosi

repcar

Moderatore

  • "repcar" è un uomo

Posts: 2.009

Activity points: 5.777

Data di registrazione: sabato, 10 dicembre 2016

Località: reggio calabria

Lavoro: forze di polizia

  • Invia messaggio privato

5

domenica, 30 luglio 2017, 20:26

è difficile ma ci riuscirai. Un saluto a Michele, i tuoi interventi li trovo molto interessanti

6

domenica, 30 luglio 2017, 21:00

è difficile ma ci riuscirai. Un saluto a Michele, i tuoi interventi li trovo molto interessanti

Ti ringrazio, anch'io trovo illuminanti i tuoi e credo che le nostre esperienze siano un insegnamento molto importante al di la dei percorsi di studio in ambito terapeutico. Nb: spero che il termine "Bastarda" (riferito all'ansia), non sia protetto da Copyright :D

Alex_Rox

Giovane Amico

Posts: 203

Activity points: 637

Data di registrazione: giovedì, 09 marzo 2017

  • Invia messaggio privato

7

domenica, 30 luglio 2017, 21:09

Ma soprattutto come stai curando questi problemi? Magari se stai facendo delle cure non sono quelle giuste dato che non hanno risolto il tuo problema…

Lostman

Utente Attivo

  • "Lostman" ha iniziato questa discussione

Posts: 39

Activity points: 187

Data di registrazione: venerdì, 28 luglio 2017

  • Invia messaggio privato

8

lunedì, 31 luglio 2017, 04:25

Ho assunto zoloft per due anni e nella fase di panico rivotril...ma sono 5 mesi che ho interrotto per fine percorso insomma!

Alex_Rox

Giovane Amico

Posts: 203

Activity points: 637

Data di registrazione: giovedì, 09 marzo 2017

  • Invia messaggio privato

9

lunedì, 31 luglio 2017, 11:25

Beh se hai ancora questi problemi tanto a fine percorso non ci sei arrivato...prima di tutto dovresti fare delle sedute di terapia per capire le cause di questi attacchi e poi gestirle, poi leggiti dell'inositolo che è uno zucchero naturale che hanno dimostrato essere efficace quanto i farmaci per ansia e attacchi di panico.

Lostman

Utente Attivo

  • "Lostman" ha iniziato questa discussione

Posts: 39

Activity points: 187

Data di registrazione: venerdì, 28 luglio 2017

  • Invia messaggio privato

10

martedì, 01 agosto 2017, 05:15

Infatti non so se davvero sono arrivato alla fine di questo percorso in splendida forma...darò un occhiata meglio dei farmaci sicuramente!

1 utente a parte te sta visitando questo thread:

1 ospite