Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Bettyboop

Amico Inseparabile

  • "Bettyboop" is female

Posts: 1,480

Activitypoints: 4,617

Date of registration: Jul 30th 2009

Occupation: Studentessa di Psicologia Clinica

  • Send private message

16

Thursday, February 23rd 2012, 8:16pm

Ciao Chiara :)
L'ansia è un problema organico in quanto "nasce" da un organo che è il cervello. Le cause dell'ansia, quindi, sono sempre organiche.
"Problema psicologico" non vuol dire molto, nel senso che la psiche è il cervello e viceversa il cervello è la psiche.
L'approccio bionergetico come scuola di psicoterapia parla delle correlazioni tra ansia e respirazione, ti cito un passaggio della teoria:
La persona si sente nervosa, a disagio, in preda all’angoscia: questo stato scompare non appena riesce a scaricarsi efficacemente nel pianto o nella collera. Di fronte all’impossibilità di scaricarsi in uno di questi modi, il soggetto deve limitare la respirazione.
Un insieme analogo di tensioni muscolari si può localizzare nel diaframma e tutt’intorno alla vita e può ostacolare notevolmente la respirazione, limitando il movimento del diaframma. Questo infatti è il principale muscolo respiratorio e la sua azione è notevolmente soggetta agli stress emotivi. Esso reagisce a situazioni di paura contraendosi. Se la contrazione diventa cronica si crea una predisposizione all’ansia.

Qui si parla di predisposizione all'ansia, non dice che è la respirazione bloccata che causa l'ansia. Non si può stabilire una correlazione diretta.
Inoltre vorrei dirti che gli orientamenti psicoterapeutici sono, appunto, "orientamenti", non verità scientifiche.
Io credo nella psicoterapia -ovviamente- e sto studiando proprio x diventare psicoterapeuta, ma credo nella psicoterapia in quanto relazione funzionale tra due persone con lo scopo di produrre cambiamenti significativi sulla base di una buona relazione umana.
L'orientamento secondo me è importante (es. la psicoterapia cognitivo comportamentale è provato che sia d'elezione x i disturbi d'ansia) ma non è l'unica cosa importante: spesso una buona alleanza terapeutica è molto + importante dell'approccio utilizzato da una o dall'altra scuola.

Un abbraccio.
"La Paura bussò alla porta...la Speranza andò ad aprire e .. non c'era nessuno" [M.L. King]

17

Thursday, February 23rd 2012, 9:31pm

Ti rispondo subito Betty, premetto che mi stanno simpatici gli studenti di psicologia, almeno quelli che non studiano in modo dogmatico, ma soprattutto quelli che cercano di applicare a sè stessi quello che studiano decidendo volta per volta quale teoria ritenere valida e quale no. Quello che dice la bioenergetica non è nulla di nuovo, purtroppo, quando dici che non è possibile stabilire una causalità diretta tra la funzionalità diaframmatica e lo stato emotivo, è per un semplice motivo, ossia perchè la medicina ancora non sa interagire con essa. In uno stato di ipercifosi e iperlordosi è normale che il diaframma sia contratto ed è normale che ci siano problemi d' ansia è fisiologico ed io te lo posso dimostrare, io me lo sono dimostrato al contrario, cioè bilanciandomi mi si è sbloccato il diaframma ed è sparita l' ansia. Inutile dire che con gli sfoghi di pianto i massaggi osteopatici o i contorsionismi chiropratici si possono mettere solo toppe, quando il corpo si accartoccia su sè stesso, i muscoli sono in spasmo e i nervi non sono tesi, di più, sono compressi, e l' ansia è tra i primi sintomi neurovegetativi che si avvertono seguita in breve tempo a cascata dalle vertigini rotatorie benigne, e dai DAP, in situazione stressoria. A me quando avevo le vertigini non hanno mai provato a dirmi che fosse una questione psicologica, perchè ero in un periodo di forte equilibrio psichico e non soffrivo delle crisi di ansia ancora, ma se le avessi avute quando ho iniziato a soffrire d' ansia immotivata bhè di certo mi avrebbero mandato in terapia e probabilmente avrei cominciato ad essere ipocondriaco, ecc... . Questi eventi sono costanti, c'è una casistica da far impallidire i migliori centri universitari su questo argomento... Io non sono per quello o quell' altro metodo, o contro quella o quell' altra scuola di psicologia, per me va bene tutto, l' umanità nasce ignorante ed è giusto che la scienza progredisca a tentoni, ma un medico (di base, o psichiatra o chicchessia) prima di dare la colpa alla psiche di fronte ad un soggetto ansioso e vittima di vertigini e DAP, con il diaframma contratto e i trapezi allo spasmo, ha l' obbligo professionale, morale e civile, di assicurarsi che quel corpo funzioni bene, ossia abbia un corretto bilanciamento muscolo-scheletrico, che evidentemente, se il soggetto è in quelle condizioni, non ha... Altrimenti tutto quello che segue sono diagnosi, ricerche e studi campati per aria, perchè un parametro di base non è stato considerato... Oggi di fronte a questo reato che si consuma quotidianamente in molti studi medici, la classe medica si è pronunciata mediante alcuni suoi esponenti in un processo al riguardo, in cui per non essere incriminati i soggetti hanno dovuto ammettere di non essere in grado di riconoscere e trattare la DCCM. http://www.occlusionegravita.it/OGelaDCC…12/Default.aspx

Con affetto ! :-)

Julie17

Utente Attivo

  • "Julie17" is female

Posts: 66

Activitypoints: 226

Date of registration: Jan 26th 2012

Location: Roma

  • Send private message

18

Thursday, February 23rd 2012, 10:03pm


L' extrasistole è una conseguenza di un problema organico, non è il problema organico. L' attività cardiaca è governata dal sistema nervoso parasimpatico, in particolare dal nervo vago. Sai dove passa il nervo vago? Sai cosa succede se il nervo vago subisce una minima compressione? Certo che anche se risolvi l' extrasistole farmacologicamente, senza andare a capirne la causa rimane il panico e l' ansia. Quando la causa è neurovegetativa, ogni cosa che va a "combattere" i sintomi è una lotta contro i mulini a vento.
:D ma sei un medico???cmq l'extrasistole è un problema organico (nel senso che è un SEGNO chiaramente rilevabile clinicamente), che come tutti i problemi organici ha una causa, che può essere anch'essa organica ma talvolta anche psichica...nel mio caso anche la causa era organica (un reflusso gastroesofageo da beanza cardiale), e ti assicuro risolvibile del tutto con i farmaci!!! non dare informazioni errate se non conosci alla perfezione quello di cui stai parlando, dunque se non sei un medico...non voglio sembrarti scortese, non è mia intenzione, solo che sai, capisco molto bene certe cose (la regolazione nervosa dell'attività elettrica del cuore è tra queste :D ) e non mi piace tanto quello che non è scienza riconosciuta... ho letto i tuoi precedenti post,mi hanno incuriosito cmq, vedrò di informarmi ;)
...nasconderò con miele colante il vuoto che avanza....