Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

greenmoon

Utente Attivo

  • "greenmoon" started this thread

Posts: 16

Activitypoints: 62

Date of registration: Jan 25th 2016

  • Send private message

1

Sunday, January 5th 2020, 11:45am

Non vedo la luce e sono esausta

Ciao a tutti, scrivo per la prima volta in questo forum anche se vi leggo da molti anni.
Spero possiate darmi un po' di conforto perché io veramente mi sento sfinita e mi scuso se questo thread verrà un papiro.
Sono ipocondriaca da anni (ormai 10) e, alla soglia dei 30, speravo/credevo di poter riuscire a farcela senza gli psicofarmaci (ne ho cambiati 3 o 4) che mi stanno arrivando accompagnando ormai da molti anni, ma non è stato così a quanto pare. Verso metà dicembre ho sospeso il daparox (paroxetina) dopo uno scalaggio graduale di più di 2 mesi ed è stato l'inferno: agitazione, irritabilità, pianti continui, brividi ma soprattutto scosse agli occhi simili a vertigini alle quali, dopo estenuanti ricerche sono riuscita a dare un nome e penso si chiamino "brain zaps"
Ho provato frustrazione per le risposte ricevute perché pare che nessuno dei medici sapesse cosa fossero queste "scosse".
Con l'inizio delle ferie natalizie tutto è colato a picco..ho cominciato ad avere dei pensieri di morte angoscianti. Roba da mancare il fiato..mi son sentita ripiombare nel baratro come anni prima. Praticamente dopo una passeggiata con il cane mi faceva male il fianco e poi, pensandoci, mi pareva di sentire la gamba sinistra debole e mi è venuta il mente la SLA. Sono andata a leggermi decine di pagine e forum su internet e beh il resto lo immaginerete da voi. Fatto sta che ho passato giorni a piangere fino a che non ce l'ho più fatta e sono andata al pronto soccorso, dove il medico mi ha fatto un mini esame neurologico dal quale è risultato che va tutto bene (ma lui era un medico del pronto soccorso non un neurologo) e poi, siccome ero disidratata (grazie al cavolo era da 5 ore che stavo aspettando) mi ha fatto una flebo di sali minerali e un emocromo. E qui salvati cielo: sono risultati 14,17 di globuli bianchi su un massimo di 11. Nonostante lui mi avesse detto che erano perfetti è quel valore non avesse nessuna importanza perché ero disidratata e agitata ecc, io sono andata in paranoia. Praticamente sono andata al pronto soccorso con la paura della sla e sono uscita con quella della leucemia o altre malattie del sangue. I giorni dopo sono riuscita a chiedere pareri ad altre 7/8 persone (tra infermieri, guardia medica e amici che studiano medicina) i quali mi hanno confermato che non è niente e che devo stare tranquilla. Si come no...nel frattempo mi è venuto il mal di gola con raffreddore, tosse ecc. Secondo voi quel valore dei globuli bianchi era alto perché avevo già in incubazione l'influenza?
Ora comunque continuo a sentirmi strana nella parte sinistra del corpo e sono di nuovo convinta di avere la sla. Vi prego ditemi qualcosa perché io non ce la faccio più

stellapolare

Giovane Amico

  • "stellapolare" is female

Posts: 267

Activitypoints: 955

Date of registration: May 23rd 2012

Location: nel mondo!

  • Send private message

2

Sunday, January 5th 2020, 2:59pm

Sicuramente era per l'influenza.

Ma hai pensato a parte i farmaci di intraprendere un percorso di terapia? Secondo me ti aiuterebbe.
Se sono qui, c'è sicuramente qualcuno che mi ha mandato.

greenmoon

Utente Attivo

  • "greenmoon" started this thread

Posts: 16

Activitypoints: 62

Date of registration: Jan 25th 2016

  • Send private message

3

Sunday, January 5th 2020, 4:36pm

Stellapolare grazie di aver risposto (avevo paura non lo facesse nessuno) comunque sono già seguita da una psicologa da anni. Mi ha aiutata molto, ma ora sono ripiombata nel baratro e mi pare che non ci sia più nulla da fare..non si può vivere così..
Da quando ho scoperto cosa sono le fascicolazioni le sento continuamente nella gamba che mi pare debole..e i dottori ovviamente mi liquidano con la solita storia dell'ansia. Ho paura che sottovalutino il tutto (una specie di visita neurologica fatta al pronto soccorso da un medico ma non neurologo, può bastare?)
Vi prego ditemi qualcosa perché sto malissimo, lo so che esagero ma se questa volta non fosse così???

repcar

Moderatore

  • "repcar" is male

Posts: 2,079

Activitypoints: 5,994

Date of registration: Dec 10th 2016

Location: reggio calabria

Occupation: forze di polizia

  • Send private message

4

Sunday, January 5th 2020, 6:32pm

Le mie sono semplici considerazioni da "veterano" non essendo medico. L'ipocondria è una delle decine di fobie provocate dall'ansia. Solitamente, quando i sintomi vengono definiti "invalidanti", cioè non fanno vivere la normale quotidianità, lo specialista, in questo caso lo psichiatra ha decine di farmaci da utilizzare per questo tipo di fobia. Certamente azzeccare il farmaco alla prima visita è questione di cu......(scusa francesismo) e bravura del medico. Ammettendo che si azzecchi il farmaco, la cosa più importante è un suo rialzo graduale fino a portare il principio attivo in "steady-by", cioè costante nel sangue. Molte volte, purtroppo, gli insuccessi sono dovuti perchè minime dosi di farmaco vengono utilizzati per lunghi periodi di tempo e durante il percorso, poichè il paziente riferisce di non migliorare, viene cambiato il farmaco e così via. Non conosco il tempo di assunzione del farmaco, perchè è proprio il periodo di assunzione che determina da parte dello specialista un lento e graduale scalaggio. Intanto sfatiamo la leggenda che l'antidepressivo "da dipendenza", gli effetti collaterali sono dovuti ad una rimodulazione chimica degli ormoni del cervello (serotonina, noradrenalina etc.), in pratica è come una macchina che ha bisogno del periodo di rodaggio. Esistono diversi studi medici che definiscono il periodo di sospensione chiamandolo "protocollo tartaruga" e credimi parecchi medici non lo conoscono.
Al di là delle mie considerazioni personali, uno degli effetti della sospensione del farmaco sono le classiche scosse, che possono presentarsi "agli occhi", ma anche in diversi organo del nostro corpo. La maggior parte della serotonina viene prodotta nel nostro intestino (sembrerà strano). Che nessuno dei medici sapesse cosa fossero queste "scosse", onestamente mi sa dell'incredibile.......ma comunque succede anche questo. Oltre questo effetto da sospensione ce ne sono molti altri, che variano anche da persona a persona, che non sto ad elencarti sennò li somatizzi tutti........
Quindi, partiamo con il dire:
mai e poi mai andare su internet e chiedere consulti al dott. Google, parti con lieve effetto collaterale e finisci con la tumulazione della salma;
se non sei un medico ed in particolar modo "specialista nel settore" non hai la competenza nè la conoscenza di cosa possa significare sintomo=diagnosi (il dott. Google ne elenca decine da farti cag.......sotto (scusa nuovamente francesismo) e la tua mente si ferma sul più deleterio possibile ;
in 5 ore che sei stata ad attendere al P.O. non credo proprio che si sia trattato di "disidratazione". Forse il tuo fisico era già carente di acqua ed ecco il motivo della somministrazione salina endovena.
i globuli bianchi sono saliti proprio perchè hai avuto i sintomi di influenza/raffreddori ed è normale un rialzo, quindi niente paura. Ricordati che il tempo medio per rientrare nella norma può essere anche di un mese e se prendi antibiotici ancora di più, in quanto l'influenza è un virus (l'antibiotico si utilizza solo in casi effettivamente necessari);
più pareri medici cerchi più saranno le risposte che ti creeranno ansia, ricordati che la domanda più difficile esige la risposta più semplice.
SLA, infarto, tumori, e metticene altri tre o quattro hanno fatto parte del mio corredo genetico da "ipocondriaco", ecco perchè mi definisco "veterano", il tutto certamente creato dalla mia ansia patologica, e solo nella mia mente (meno male)......... :dash:
Tranquillizzati è il tuo cervello ed il tuo stato ansioso a farti pensare a tutto questo, ogni sintomo del tuo corpo viene ingigantito dalla mente, poi il resto lo fà il dott. Google........vero??????? :dash: .
Parla con lo specialista per una "rivisitazione" del periodo di scalaggio del farmaco, che ritengo sia una cosa molto ma molto importante.
Sempre a disposizione....... :thumbup:

greenmoon

Utente Attivo

  • "greenmoon" started this thread

Posts: 16

Activitypoints: 62

Date of registration: Jan 25th 2016

  • Send private message

5

Sunday, January 5th 2020, 9:18pm

Grazie repcar per la tua risposta, me la sono letta un paio di volte per cercare di non farmi sfuggire nulla.
Innanzitutto inizio col dirti che effettivamente la ricerca delle malattie e sintomi su Google peggiorano di brutto il mio stato d'animo e molto spesso arrivo ad avvertire i vari sintomi dopo averli letti (es fascicolazioni), il problema è che ancora dopo tanti anni fatico a credere che la mente da sola possa creare tutto ciò! Inoltre è come una sorta di strumento di tortura che uso quasi per farmi del male apposta (devo cercare sempre qualcosa che non va perché non posso credere e meritare che vada tutto bene)
Quest'estate dopo varie visite e consulti con psicologi, psichiatri e medico di base ho espressamente richiesto se non fosse il caso di provare ad interrompere daparox (che prendevo dal 2016) visto che c'era stato un netto miglioramento ed ero stabile da un bel po'. Questo perché, in vista di una futura ed eventuale gravidanza volevo essere "pulita". Purtroppo è andato tutto male a partire da varie ansie dovute non necessariamente alle malattie, che però io da brava ipocondriaca ho sfogato come tali. Passando poi a questo fenomeno delle "scosse" che ti giuro erano parecchio invalidanti (facevo fatica anche solo a guardare lo schermo del PC) e che nessuno prendeva in considerazione, dal pronto soccorso allo psichiatra...tutti sembravano liquidare la cosa ed etichettarmi come "pazza". Ed è qui che ho ricominciato le ricerche su Google e ho notato che si è parlato anche in questo forum di questi cosiddetti "brain zaps"
Ho spiegato tutto al mio medico di base, il quale si è informato e ha confermato questo effetto collaterale. Poi sembrava che tutto stesse migliorando ma sono arrivate le ferie natalizie e tac un disastro! una crisi dietro l'altra, disperazione, pianti e bruttissimi pensieri di farmi del male. Ipocondria alle stelle. Soluzione? Riprendi gli antidepressivi! questa per me è nuovamente una sconfitta perché davvero senza quei maledetti farmaci sono così?? La mia psicologa sostiene che io non sono in grado di godermi nulla perché penso di non meritarmelo a causa di eventi dell'infanzia ecc ecc.
Si probabilmente è così, ho dei momenti in cui mi sembra di esagerare però poi, facendo qualsiasi cosa sto sempre ad "ascoltarmi", e tornano tutti i sintomi. Al momento credo veramente di avere la sla perché mi sento strana la gamba sinistra anche se al pronto soccorso mi hanno scritto "eon nella norma"...io non so che fare, se fermarmi o se continuare a cercare soluzioni..

Er19

Utente Attivo

Posts: 51

Activitypoints: 181

Date of registration: Jul 21st 2019

  • Send private message

6

Monday, January 6th 2020, 4:27pm

Concordo con Repcar, anche io da "veterano" posso dirti che i sintomi possono essere dovuti ad effetti respinse.
Per l' ipocondria ed i pensieri,utilissima è la meditazione.
In particolare la mindfulness.
Ascolta i miei consigli e rivolgiti a qualcuno che la pratica, sia esso un maestro di meditazione, un professionista.
Con la pratica questi pensieri si scioglieranno come neve al sole.

repcar

Moderatore

  • "repcar" is male

Posts: 2,079

Activitypoints: 5,994

Date of registration: Dec 10th 2016

Location: reggio calabria

Occupation: forze di polizia

  • Send private message

7

Monday, January 6th 2020, 8:31pm

alla tua domanda se l'ansia può creare tutto ciò, ti rispondo con un semplice SI. L'ansia crea questo ed altro, credimi, il nostro cervello è un organo come il cuore, polmone etc. ma è estremamente molto più complesso. Di esso conosciamo ben poco e quel poco che conosciamo, oltre naturalmente ad evidenti malattie, sono dovute a considerazioni e tentativi, anche disastrosi, fatti in tanti anni. In ambito psichiatrico, quando si parla di ansia, depressione, siamo difronte ad una malattia che non ha mezzi per poterne confermare l'effettività. Non esiste un esame clinico nè radiologico che possa confermare tale ipotesi.
Dici che dal 2016 hai iniziato a prendere un antidepressivo e sospeso dopo quasi tre anni di assunzione, nell'arco di due mesi.
Mi ripeto, da ignorante, penso proprio che lo scalaggio sia stato fatto troppo velocemente ed ecco il motivo di come ti senti adesso. Non mi voglio sostituire allo specialista, non ne ho le capacità, ma onestamente dalla centinaia di letture su testi specifici in ambito psicofarmacologico, anche in altre lingue, credo che la sospensione doveva durare più a lungo.
Il problema è che nessun psichiatra ammetterà che un antidepressivo possa provocare un c.d. effetto rebound, con ricomparsa della sintomatologia, che essi definiscono la ricomparsa dell'ansia/depressione, nessuno ammetterà che essi provocano la c.d. sindrome PSSD, anzi quando lo fai notare ti dicono che tutto ciò non esiste. Meno male che negli ultimi tempi qualcosa sta cambiando, ma resta il solito dilemma.......benedetti o maledetti psicofarmaci.
Non mi dilungo su tale aspetto, troppo lungo e soggetto a considerazioni personali in base alla gravità della malattia.
In definitiva, quando si smette uno psicofarmaco è bene tenere conto che la sintomatologia, tipo raffreddore continuo, mal di testa, ansia, vomito, fascicolazioni etc. sono dovute proprio al ripristino del re-reuptake degli ormoni che ti dicevo nel mio precedente post.
Tali effetti possono persistere dalla due settimane ai quattro mesi dopo la sospensione.
Alcuni psichiatri somministrano per brevi periodi alcune particolari benzodiazepine con effetto teso proprio a limitare tali effetti da sospensione, in quanto questa classe di farmaci agisce sul sistema GABA.
Se il motivo della decisione è una tua futura gravidanza, tieni duro perchè gli psicofarmaci si possono sospendere, ma certamente non è facile è un percorso dove il pensiero di riprendere la cura è così alta perchè i sintomi sono così alti da insinuarsi nel cervello come unica soluzione.
Stendo un velo pietoso sulla frase che ti avrebbe detto la psicologa, ripeto è anche fondamentale una psicoterapia nella cura dei disagi psichici, ma come sempre è sempre una questione soggettiva.
Sempre a disposizione, non esitare a fare domande.....per quel poco che posso sono quà..... :thumbup:

8

Monday, January 6th 2020, 9:57pm

Oddio, la paura della sla... L'ho avuta precisamente quest'estate e come te sentivo la gamba sx debole e cedevole + svariate fascicolazioni e crampi... Cos'era? Niente. La sla dà deficit motori gravi, evidenti ma non banali sensazioni. I globuli bianchi leggermente alti c'entrano con la sla come il raffreddore con le mestruazioni, cioè nulla. Davvero, sta tranquilla!

greenmoon

Utente Attivo

  • "greenmoon" started this thread

Posts: 16

Activitypoints: 62

Date of registration: Jan 25th 2016

  • Send private message

9

Tuesday, January 7th 2020, 5:44pm

Concordo con Repcar, anche io da "veterano" posso dirti che i sintomi possono essere dovuti ad effetti respinse.
Per l' ipocondria ed i pensieri,utilissima è la meditazione.
In particolare la mindfulness.
Ascolta i miei consigli e rivolgiti a qualcuno che la pratica, sia esso un maestro di meditazione, un professionista.
Con la pratica questi pensieri si scioglieranno come neve al sole.


Er 19 grazie per la tua risposta, cosa intendi per effetti respinse?
avevo provato la meditazione "fai da te" nel 2016 proprio per la ricaduta che ho avuto e non lo so, la sento un po' distante (così come lo yoga con cui non vado proprio d'accordo) però forse è appunto il fai da te che era sbagliato come strada.


Dici che dal 2016 hai iniziato a prendere un antidepressivo e sospeso dopo quasi tre anni di assunzione, nell'arco di due mesi.
Mi ripeto, da ignorante, penso proprio che lo scalaggio sia stato fatto troppo velocemente ed ecco il motivo di come ti senti adesso. Non mi voglio sostituire allo specialista, non ne ho le capacità, ma onestamente dalla centinaia di letture su testi specifici in ambito psicofarmacologico, anche in altre lingue, credo che la sospensione doveva durare più a lungo.
Il problema è che nessun psichiatra ammetterà che un antidepressivo possa provocare un c.d. effetto rebound, con ricomparsa della sintomatologia, che essi definiscono la ricomparsa dell'ansia/depressione, nessuno ammetterà che essi provocano la c.d. sindrome PSSD, anzi quando lo fai notare ti dicono che tutto ciò non esiste. Meno male che negli ultimi tempi qualcosa sta cambiando, ma resta il solito dilemma.......benedetti o maledetti psicofarmaci.
Non mi dilungo su tale aspetto, troppo lungo e soggetto a considerazioni personali in base alla gravità della malattia.
In definitiva, quando si smette uno psicofarmaco è bene tenere conto che la sintomatologia, tipo raffreddore continuo, mal di testa, ansia, vomito, fascicolazioni etc. sono dovute proprio al ripristino del re-reuptake degli ormoni che ti dicevo nel mio precedente post.
Tali effetti possono persistere dalla due settimane ai quattro mesi dopo la sospensione.
Alcuni psichiatri somministrano per brevi periodi alcune particolari benzodiazepine con effetto teso proprio a limitare tali effetti da sospensione, in quanto questa classe di farmaci agisce sul sistema GABA.
Se il motivo della decisione è una tua futura gravidanza, tieni duro perchè gli psicofarmaci si possono sospendere, ma certamente non è facile è un percorso dove il pensiero di riprendere la cura è così alta perchè i sintomi sono così alti da insinuarsi nel cervello come unica soluzione.
Stendo un velo pietoso sulla frase che ti avrebbe detto la psicologa, ripeto è anche fondamentale una psicoterapia nella cura dei disagi psichici, ma come sempre è sempre una questione soggettiva.
Sempre a disposizione, non esitare a fare domande.....per quel poco che posso sono quà.....


ecco si anche secondo me lo scalaggio di due mesi forse era troppo poco, il problema è che ho seguito quello che mi ha detto la psichiatra, che come tutti gli altri sottovalutava i disturbi di sospensione e alle mie perplessità rispondeva che l'importante era non smettere di botto e due mesi erano più che sufficienti..io gli effetti però li ho sentiti sul serio! non capisco, se non mi posso fidare di loro allora mi dico che faccio bene a documentarmi sa sola su Google! e da questo posso di pari passo farlo con le malattie...


Oddio, la paura della sla... L'ho avuta precisamente quest'estate e come te sentivo la gamba sx debole e cedevole + svariate fascicolazioni e crampi... Cos'era? Niente. La sla dà deficit motori gravi, evidenti ma non banali sensazioni. I globuli bianchi leggermente alti c'entrano con la sla come il raffreddore con le mestruazioni, cioè nulla. Davvero, sta tranquilla!


come hai fatto a "risolvere" il circolo vizioso? il fatto delle fascicolazioni mi sembra mi siano comparse dopo essermi informata su cosa sono effettivamente le fascicolazioni, (perchè si lo ammetto questa mi era scappata e pensavo che le fascicolazioni fossero i formicolii) ora le sento sempre e ovviamente alla gamba sx e ogni tanto da qualche altra parte del corpo. in più mi sono misurata le gambe e la circonferenza è diversa di 3 cm da una all'altra (fatalità la sx che sia atrofia muscolare?) però c'è da dire che sono bella in carne e ricordo da sempre che la parte dx del mio corpo è sempre stata più grossa, tuttavia mi sembra di sbagliare..cioè mi crollano tutte le certezze

inoltre, purtroppo ieri sono andata nuovamente al pronto soccorso (e me ne vergogno) perchè stavo dando di matto nuovamente e ho trovato un medico che mi conosce personalmente. gli ho spiegato il tutto nuovamente (del fatto di aver paura della sla per via della gamba, della leucemia x i globuli bianchi ecc) e, visto che non l'avevo mai fatta in vita mia, mi ha rifatto la visita neurologica (però non è uno specialista neurologo) + una tac al cervello + dei raggi alla schiena + ripetizione delle analisi "perchè così ti metti tranquilla una volta per tutte vedendo che non hai nulla".
beh non sto a descrivervi che brutte due ore che ho passato, pensavo di morire in attesa dei risultati che sono stati tutti negativi e perfino i globuli bianchi sono rientrati.
sapete quale è il bello? so che la sla non si esclude con la tac ma con l'esame neurologico + elettromiografia...secondo voi posso stare tranquilla? (la mini visita neurologica me l'hanno fatta due medici diversi del ps, con esercizi diversi e non hanno riscontrato nessun deficit di forza però non erano neurologi...è attendibile?) scusate per l'insistenza però ho bisogno delle vostre parole

10

Tuesday, January 7th 2020, 6:55pm

Greenmoon, le fascicolazioni senza deficit motori evidenti e invalidanti non vogliono dire nulla. Te lo dico perché ci sono passata. Dal circolo vizioso ne sono uscita non appena ho capito la natura psicologica.
Ti dò un consiglio ma solo per la tua salute mentale : fai un semplice prelievo della CPK, qualora risultasse nel range o solo leggermente alta togliti la SLA dalla testa, perché non ce l'hai.
Anche io vedevo atrofie ovunque, era la mente a farmele vedere.

greenmoon

Utente Attivo

  • "greenmoon" started this thread

Posts: 16

Activitypoints: 62

Date of registration: Jan 25th 2016

  • Send private message

11

Thursday, January 9th 2020, 8:57am

Allora ieri sera sera sono andata dal medico, che si è inalberato per il mio secondo accesso in pronto soccorso. Dice che correre alla ricerca di risposte in pronto soccorso non è la soluzione perchè non ho nulla di quello penso, perchè la mia malattia è tutta nella testa.
tra l'altro ho scoperto che la tac al cervello che mi hanno fatto fare in ps non serve ad escludere nemmeno la sclerosi multipla o l'adenoma ipofisario (altre malattie che "ho passato") quindi sono incazzata perchè penso di aver ricevuto radiazioni per niente e che mi potrei ammalare in futuro per questo. Mi sento tremendamente schifata da me stessa, sbagliata e difettosa..adesso con la ripresa dei farmaci mi sento una fallita perchè l'obiettivo era eliminarli, ma a quanto pare non sono in grado e adesso sono costretta a riprenderli imbottendomi anche di benzodiazepine (xanax) fino a che il cipralex non farà effetto. Mi chiedo che cavolo di vita mi aspetta, cioè 10 di lavoro su me stessa buttati nel cesso e non sono serviti a niente...

Pulmino73

Bischero virtuale

  • "Pulmino73" is male

Posts: 386

Activitypoints: 1,272

Date of registration: Jul 31st 2009

Location: Spazio

Occupation: Imprenditore

  • Send private message

12

Monday, January 20th 2020, 1:58am

Greenmoon quando io ho smesso di prendere il Cipralex lo scorso dicembre mi e' comparsa una forte nausea e gonfiore addominale.

Lascio perdere l'ospedale. Se vai a cercare rassicurazioni, auguri.
A me per accertamenti proprio su nausea ansiosa, lo scorso hanno fatto una cazzata mega-mostruosa "diagnosticandomi" una Epatite B cronica che non ho. Immagina i casini in famiglia. No comment.
Poi con una mail "ci scusiamo per l'inconveniente non era la sua provetta". Vaffanculo. Poi riflettendoci, comprata una icona di San Nicola e messa in ufficio.


Quello che non sbagli certamente e' a considerare gli effetti da sospensione o riduzione del medicinale. I tuoi paiono rientrare nella casistica piu' comune. Coraggio riprendi il medicinale e non sentirti sconfitta. Con i medicinali ho 3 figli, mi sono realizzato sul lavoro, comprato casa e tante soddisfazioni...

Usa la stampella del medicinale e non farti seghe mentali. Quel che sara', sara'.

greenmoon

Utente Attivo

  • "greenmoon" started this thread

Posts: 16

Activitypoints: 62

Date of registration: Jan 25th 2016

  • Send private message

13

Monday, January 20th 2020, 4:23pm

Pulmino73 grazie infinite per la risposta.. purtroppo sono ancora qui con tutte le paranoie.
Ho ancora in mente la sla per via delle fascicolazioni che avverto al polpaccio sinistro. Poi però mi sembra di sentirle ovunque, poi mi prendo le goccette e mi calmo..fatto sta che mercoledì ho un'elettromiografia perchè la mia dottoressa vuole dimostrarmi che non ho niente, ma non sto nemmeno a dirvi quanto io sia in ansia.
Non lo so, veramente non so più cosa dire o fare perchè mi sento completamente in trappola.
Scusate per la sintassi ma non riesco nemmeno ad impegnarmi a scrivere frasi di senso compiuto. Sono terrorizzata.

repcar

Moderatore

  • "repcar" is male

Posts: 2,079

Activitypoints: 5,994

Date of registration: Dec 10th 2016

Location: reggio calabria

Occupation: forze di polizia

  • Send private message

14

Tuesday, January 21st 2020, 5:50pm

il circolo vizioso dell'ansia è come un cane che cerca di mordersi la coda, quindi, come ben saprai più ti fissi e più ansia avrai.
Tutte le percezioni a livelli muscolare sono dovute all'adrenalina che nell'ansia viene prodotta in eccesso. Quando ti rechi in un pronto soccorso non fai altro che innalzare i tuoi livelli di ansia, capisco che in quel momento ti senti di morire, ma non risolvi alcuna cosa, come avrai ben notato nessun esame, in ambito di p.s., potrà dirti "hai la.........." (non la voglio neanche citate). Non devi sentirti per niente fallita, assolutamente no. Purtroppo l'ansia può ripresentarsi più volte nell'arco della vita, io la definisco come un visus, si attenua ma è pronta a riaffiorare in caso di stress emotivi di qualsivoglia genere.
Se hai voglia leggi i miei numerosi post, ne troverai interessanti (spero), come ti ho scritto precedentemente io mi sono diagnosticato di tutto e di più, l'unico esame che mi rimane, ma ora non posso farlo è......l'autopsia..... :roftl:
Dai fatti una bella risata sei giovane e ne uscirai.......... :thumbup:
Come sempre a disposizione........

Rabber98

Shameless

  • "Rabber98" is male

Posts: 470

Activitypoints: 1,718

Date of registration: Jan 4th 2017

  • Send private message

15

Tuesday, January 21st 2020, 8:29pm

Forzaaa, io non sono ipocondriaco ma non riesco nemmeno a stare tranquillo facendo la spesa, sono piu giovane di poco , ma per quanto io vedo tutto nero , ci credo ancora un po che qualcosa cambierà, nessuno che non sa cosa sia l'ansia può capire, non possiamo ritenerci falliti, anzi continuare a vivere come meglio possiamo è segno di grande forza, ti mando un abbraccio e dai che ce la faremo a battere questa bruttissima bestia :)
Alice Andiamo via, sono tutti normali