Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

FrancescaDS

Nuovo Utente

  • "FrancescaDS" started this thread

Posts: 3

Activitypoints: 30

Date of registration: Jun 11th 2010

  • Send private message

1

Friday, June 11th 2010, 10:18am

Non so come uscire da tutto....

Sono iscritta da due anni all'università, ed ho dato un solo esame. La settimana prossima dovrei darne un altro, la prova del nove per i miei genitori per mantenermi ancora iscritta. In questi due anni sono stata male, sono successe una serie di cose brutte, sono stata depressa, ho passato giornate intere sotto le coperte a piangere.. ora non sono più quella di prima. I miei non lo capiscono. ed io non so come spiegarglielo. Non ho mai avuto problemi a studiare tanto, al liceo. Ora.. la voglia di studiare c'è, mi metto con il libro davanti ma vedo solo tante parole confuse, mi metto d'impegno, leggo sottolineo,capisco. Ma quando vado ad imparare sono solo tante lettere e concetti e non riesco a memorizzare nè venirne a capo.
Prima pensavo che solo studiando sarei uscita dall'incubo, dal buco nero in cui ero caduta. Ora mi rendo conto che devo prima guarire io e poi dedicarmi con tutta me stessa allo studio e alla laurea, perchè io voglio laurearmi. Solo il fatto che la notte x me è terribile, non riesco più a dormire... se non con un piumone e almeno 3 plaid addosso. E c'è da dire che dormo con le finestre tappate in un sottotetto, si muore dal caldo, ma riesco a prendere sonno solo con la soluzione delle coperte. Non è normale questo. Come nn è normale che io non riesca a capire i concetti. Non sono stupida, anzi mi reputo intelligente, e lo so perchè ho sempre avuto ottimi voti studiando all'ultimo e in poco tempo al liceo. Adesso invece provo a studiare, nn ci riesco, rimando e arrivo all'ultimo con l'ansia e sto male, e così invento che sono stata bocciata o ho rifiutato il voto. Così tutti mi considerano una debole, una vigliacca, una ceppona... nessuno riesce a capire quello che ho veramente.
Scrissi una lettera ai miei, per chiedergli aiuto, gli dissi tutto questo, mesi fa.. gli confessai della bulimia nervosa... ma loro hanno fatto orecchie da mercante. Mi hanno detto 2 parole d'incoraggiamento del tipo che devo impegnarmi a studiare, che devo pensare solo a quello.. e basta. E io mi ritrovo dopo mesi a non aver smesso di vomitare, a non aver studiato, ed a continuare a pensare che solo facendola finita possa risolvere tutti i problemi.
Per i miei io nn ho nessun problema, non esiste che io stia male.. non vogliono vedere la verità. è sempre più forte in me il desiderio di farla finita, è l'unica via d'uscita dal casino in cui mi trovo. Che non riguarda solo gli esami, riguarda le amicizie, l'amore.. in ogni ambito o ho fatto un casino, o c'è qualcosa che non va, che mi provoca ansia...e nonostante abbia provato ad uscirne non ci riesco. Gli unici attimi di serenità sono quando mi metto con l'ipod e vedo persone immaginarie, che nella mia vita ci sono o ci sono state, e vivo come vorrei vivere, sono come vorrei essere. Ma poi torno su, e mi rendo conto che è tutto diverso. Non riesco a mandar via queste immaginazioni, come non riesco a capire la cosa giusta da fare. So solo che nn darò un altro esame e dovrò sopportare ancora lo sguardo arrabbiato e deluso dei miei, che tra l'altro mi mantegono all uni con non pochi sacrifici economici, la delusione delle mie amiche, la sensazione di fallimento.
vorrei scappare, andare lontano, ricominciare tutto da capo. Ma non posso, non posso. Ora come ora per me davvero l'unica soluzione è farla finita. La vita così non mi piace, nn è quella che voglio e non riesco a farla diventare, così.. nonostante mi sforzi.Vorrei confessare tutta la verità a mamma, delle bugie sugli esami, del fatto che mi provoco ancora il vomito, del problema con lo studio.Ho un rapporto meraviglioso con lei,ma già so che mi riderebbe in faccia e mi direbbe che è solo ansia da esame, che è solo una scusa per giustificare l'ennesima volta in cui nn lo do.
Cosa faccio?!

Pulmino73

Bischero virtuale

  • "Pulmino73" is male

Posts: 373

Activitypoints: 1,219

Date of registration: Jul 31st 2009

Location: Spazio

Occupation: Imprenditore

  • Send private message

2

Friday, June 11th 2010, 11:32am

L´infinita pazienza di cercare se' stessi

Cara Francesca,



credo che hai gia' fatto un BUON PASSO AVANTI. Sei venuta da noi, hai aperto il libro dei pensieri, e ti sei confidata con te stessa e con degli amici che hanno MILLE E PIU' ragioni per comprenderti.



Comprenderti perche' le tue sensazione sono state comune a tutti noi e devo dire che quanto mi riguarda mi accompagnano sovente. Si chiamano sensi di colpa, li abbiamo, ci tormentano, ci rendono ansiosi ed dunque infelici.


Tu li hai per lo studio, io li ho avuto per una vita che mi sembrava all´improvviso vuota e senza motivazioni. Senza tante disquisizioni in merito, ti dico che:



1. Da questa situazione si puo' uscire. Adesso diciamo che sei in un momento di maggiore difficolta'. Ci vuole pazienza, costanza e meticolosita'.

Non credo penserai che la vita e' solo successi, risultati, conferme etc Non lo e' GRAZIE AL CIELO! Siamo di carne ossa e sentimento! Lo sei, Francesca. Lo sei. ^^ ^^

2. Dunque pretendere, sentirsi obbligati, sfianca alla lunga (te lo dice uno che ha avuto lo stesso problema, con il quale adesso ci convive- fra alti e bassi- come un grande fratello :)

:blush:

3. Dedica tempo per te stessa. Il sonno, la testa vuota, etc sono segnali che il tuo corpo vuole benessere. Sono solo segnali. Ascoltali, assecondali e semplicemente considerali per quello che sono. Sono segnali FISICI, che persino i piu' razionali come me hanno faticato e faticano a riconoscerli come tali. Prenditi la tua tranquillita'. Prenditi il tuo tempo. Annuncia a tutti che della TUA VITA, della tua cultura, della tua persona, devi prendirti cura prima di tutto il resto. La vita e' tua ed hai tutto il diritto di goderti i tuoi risultati con i tuoi tempi, non con quelli degli altri.

:punish:

4. Da questo sfogo dimostri che sei una persona intelligente e sensibile. Soprattutto una persona generosa perche' paradossalmente pensi a quello che altri si aspettano da te. Lasciali perdere.

:minigun:

5. Abbi la forza di prenderti il tuo tempo.

:clap:



Se vuoi ti posso raccontare che ho 36 anni, sono reduce da un divorzio, un figlio che non riesco a vedere, una seconda compagna ed una seconda figlia. Nonostante tutti i miei casini, la vita e' andata avanti. Nel frattempo gestistico una azienda di importazione e con l´economia come va adesso, torno a casa sfracellato fra preoccupazioni e sensi di responsabilita'.

Prima di andare a casa pero' cerco di fare quello che mi rilassa e mi piace. Una bella passeggiatina rilassante ad osservare, tutto quello che si muove attorno. A casa, cerco di tornare dunque sereno, pronto a godermi un attimo di felicita' nell´abbracciare la mia compagna e vedere la mia piccola.

Sai quante volte mi sento un padre inadeguato perche' sono molto indaffarato con il lavoro. Una scusa? Forse, ma se non vado a lavoro, alla lunga crolla tutto. Compreso la famiglia. Dunque con le responsabilita', sia lo studio o il lavoro, occorre conviverci. Nel miglior modo possibile.

Un abbraccio. Quando vuoi parlare sono sempre a tua disposizione.

Marco

Follaprile

Giovane Amico

  • "Follaprile" is female

Posts: 221

Activitypoints: 757

Date of registration: May 31st 2010

  • Send private message

3

Friday, June 11th 2010, 12:23pm

Tesoro, cerca di rivolgerti a uno psicologo che ti aiuti a capire quello che vuoi veramente. Mi sembra che tu sia molto condizionata dai tuoi genitori, ed è normale, anche io ho vissuto una situazione simile alla tua...però la vita appartiene a te e, anche facendoti in quattro, non potrai accontentare tutti. Solo te stessa, perché è a te che devi qualcosa. Purtroppo, non so quanti anni tu abbia, ma la generazione dei genitori fa fatica a comprendere una malattia che non si vede e che pure c'è e fa soffrire terribilmente. Hai fatto bene a cercare di spiegargliela ma credo che dovrai avere tu molta pazienza con loro e parlargli dei tuoi stati d'animo, chiedendo di poter consultare uno specialista...e magari, poco a poco, facendo balenare l'idea che nella vita non conta tanto una laurea. Conta la felicità.
Non c'è nessuna colpa nello star male ma è colpevole non fare niente per stare meglio.

damian88

Giovane Amico

  • "damian88" is male

Posts: 142

Activitypoints: 545

Date of registration: Feb 1st 2010

Location: Toscana

Occupation: Studente Universitario

  • Send private message

4

Friday, June 11th 2010, 1:15pm

Certe volte, anzi spesso, la cosa peggiore non è essere capiti dai propri genitori - in questi casi, non si rendono neahce conto di quale male fisico o emotivo stiamo attraversando e di sicuro quando pensano di aiutarti non lo fanno.

simone1984

Utente Attivo

  • "simone1984" is male

Posts: 35

Activitypoints: 112

Date of registration: Jun 7th 2010

Location: Torino

  • Send private message

5

Friday, June 11th 2010, 1:38pm

Io cercherei di dire tutto a tua madre. Ma dire TUTTO. E dicendo tutto io non credo che si limiti a dire che è l'ansia da esame. Tira fuori tutto, anche le lacrime!

kratos83

Giovane Amico

  • "kratos83" is male

Posts: 198

Activitypoints: 804

Date of registration: May 18th 2010

Location: Torino

  • Send private message

6

Friday, June 11th 2010, 8:40pm

ciao ben venuta spero di esserti di aiuto secondo me devi dire tutto a tua madre aprirti fino in fondo fare comprendere quanto stai soffrendo

Aiden il venerabile

Pilastro del Forum

Posts: 2,997

Activitypoints: 9,499

Date of registration: Dec 25th 2009

  • Send private message

7

Friday, June 11th 2010, 9:17pm

se stai così e avverti questa pesantezza è normale che non ottieni risultati anche studiando e non certo(o almeno non necessariamente)perchè sei stupida. Tu magari puoi impegnarti a dirti:"devo studiare per laurearmi per non essere una fallita per fare contenti i miei blabla" ma di fatto le parole che stai leggendo sono solo aria fritta di cui non ti fregherà mai niente, non ti parlano della tua infelicità e nemmeno l'ascoltano

Lupotta

asociale

  • "Lupotta" is female

Posts: 1,716

Activitypoints: 5,418

Date of registration: Jan 26th 2010

Location: Lombardia

Occupation: schifoso..

  • Send private message

8

Friday, June 11th 2010, 11:11pm

Ciao.
C'è molto dolore nelle tue parole, tantissima tristezza ed un pesante velo di costrizione fisica e mentale.
Sono d'accordo con la maggior parte delle risposte che ti sono state date, ma uno dei miei peggiori difetti è quello che non riesco a pensare solo al lato "personale", ma tendo a crearmi un quadro d'insieme.
Nella nostra vita non ci siamo solo noi con le nostre aspettative, anche se questo ovviamente dev'essere il nostro primo pensiero e quello che dobbiamo prendere in considerazione più d'ogni altra cosa.
Ma esistono anche gli altri, anche il mondo che ci circonda..ed hanno il loro notevole peso.
Che ogni tanto ci schiaccia, ci comprime talmente tanto che non si riesce più a trovare la forza per alzarsi dal letto, che ci ottenebra tanto la mente che quel che prima era semplice e chiaro, ora diventa difficile, enigmatico.
Ma non possiamo far finta che non esista.
Non possiamo andar in giro ad annusar piante in fiore, fregandocene di tutto ciò che ci circonda.
Per quel che è il mio modesto parere ..bisogna trovare ovviamente prima un modo per farti stare meglio.
Si deve trovare un modo per dialogare con i tuoi genitori e fargli capire il tuo malessere..e per farlo purtroppo non devi escludere nessun particolare: senza gli elementi necessari non possono capire.
Insieme a loro potrai programmare una strategia: magari lasciar perdere l'Università per un annetto, ma questo non vuol dire non far nulla.
Puoi fare volontariato, puoi avere un lavoretto..puoi fare molto.
Secondo me l'immobilità porta solo altra immobilità.
Va bene riscoprire se stessi, ma farlo rimanendo a letto a guardare il soffitto proprio non lo concepisco, mi dispiace.
Per stare meglio occorre scoprirsi, esaminare ciò che ci fa stare male..ma anche guardarsi intorno e cercare di trovare un contatto con questo mondo infame.

Almeno, io la penso così.
Un abbraccio
L'uomo si differenzia dal resto della natura soprattutto per una viscida gelatina di menzogne che lo avvolge e lo protegge.

Dream

Utente Fedele

  • "Dream" is male

Posts: 445

Activitypoints: 1,384

Date of registration: Aug 3rd 2008

Location: Roma

  • Send private message

9

Saturday, June 12th 2010, 2:33am

ciao francesca (bellissimo nome :) )....
leggere quanta sofferenza c'è dentro di te mi ha reso veramente triste....mi dispiace tantissimo sapere che ci sono persone che soffrono veramente tanto a causa dell'ansia... :(
come ti hanno consigliato gli amici sopra di me parlare con uno specialista tu puoi aiutare sicuramente....è anche un modo di sfogarsi...fidati....da soli è difficile riuscire a vincere l'ansia..io ci ho provato per anni ma senza grossi risultati...ed ora....dato che anche la mia vita condizionata dall'ansia non mi piace allora ho deciso che forse è giunto il momento di reagire e cominciare ad affrontarla come si deve....sempre però a piccoli passi....sperò di poter tornare a vivere come si deve e spero che anche tu ci riesca....
qui sul forum poi c'è tutta gente magnifica che non ti lascia mai sola....già solo il fatto di aver scritto qui ti farà stare meglio....non sei sola... :rolleyes:
ciao a presto ^^
Hope to change...