Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


whitehorse90

Nuovo Utente

  • "whitehorse90" started this thread

Posts: 2

Activitypoints: 13

Date of registration: Feb 5th 2012

  • Send private message

1

Sunday, February 5th 2012, 1:16am

non so come andare avanti... manie di protagonismo, ansia, paura, ecc

Ciao a tutti,
ho trovato questo forum cercando su google e mi sono iscritto subito!
Ho proprio bisogno di qualcuno che mi aiuti o consigli cosa fare, io credo di soffrire di manie di protagonismo (credo eh), non nel senso che voglio essere sempre al centro dell'attenzione ma che gli altri mi ci mettano, quando sto in posti con molta gente penso sempre di essere osservato che quello che dicano o che facciano sia per me. C'è da dire che abito in un piccolo paesino e quindi tutti si conoscono, quindi non potete dirmi che è impossibile. Io faccio la vita da spettatore (come letto in un altro post su questo forum), guardo gli altri, mi assorbo le loro emozioni, ecc.. Non so più come fare per "sbloccarmi", ho la costante paura di sbagliare o di dire qualcosa di sbagliato.. Insomma sono messo male.
Grazie a chiunque vorrà aiutarmi :)

Andreius88

Utente Attivo

Posts: 26

Activitypoints: 120

Date of registration: Jan 25th 2012

  • Send private message

2

Sunday, February 5th 2012, 1:59am

Secondo me nn soffri di manie di protagonismo ma quella è la tua ansia anzi la nostra ansia che ci porta a sentirci protagonisti ed osservati in questi casi io stringo i denti e mi auto convinco che quello è solo il mia ansia che vuole sovrastarmi !! E addirittura mi metto alla prova e nn scappo anzi cerco sempre di affrontarla quindi nn mollare cerca di pensare ad altro in quei momenti ! Ma hai anche attacchi di panico??

whitehorse90

Nuovo Utente

  • "whitehorse90" started this thread

Posts: 2

Activitypoints: 13

Date of registration: Feb 5th 2012

  • Send private message

3

Sunday, February 5th 2012, 12:59pm

si, l'anno scorso avevo ogni giorno attachi di panico, adesso solo quando sono in posti affollati o se vedo qualcuno che mi ricorda dei brutti momenti.
Sono stato da una psichiatra che mi ha dato dei psicofarmaci, ho avuto dei miglioramenti ma non ne sono soddisfatto perché ho non riesco a togliermi l'ansia.. la prima cosa che penso in quei casi è che non vedo l'ora di andarmene, ne consegue che non ho un briciolo di vita sociale... :(

PierangeloLopopolo

Giovane Amico

  • "PierangeloLopopolo" is male

Posts: 214

Activitypoints: 694

Date of registration: Jan 13th 2012

Location: Crema-CR

Occupation: Medico Psicoterapeuta-Psicoanalista

  • Send private message

4

Sunday, February 5th 2012, 1:46pm

per whitehorse90

Cercar se stessi attraverso gli altri, darsi un volto attraverso lo sguardo altrui, attraverso ciò che gli altri possono o potrebbero notare e pensare....se ci pensi non sei certo il solo che cerca appoggio e che fa riferimento agli altri per stabilire chi sia, quanto valga, per fare verifiche attorno ai propri progressi, per stabilire quanto sappia stare al mondo, per fare manutenzione cercando nuove prove e allineamenti a quella che è considerata dai più la normalità o l'espressione di sè ideale. Mancando di un interlocutore interno, mai cercato, di una scoperta fatta attraverso sè e il proprio sentire, mancando della capacità di riflettere, di mettersi allo specchio, di condividere con sè, di confrontarsi con sè per capire e provar passione e convincimento, diventa fatale cercare tutto là fuori negli altri, aspettandosi che diano loro spunti e occasioni per capire, per metter su carne, per vedersi capace di qualcosa, per esser protagonista, si fa per dire, di qualcosa. La dipendenza dagli altri e dall'esterno può poi diventare opprimente e tirannica, con paura di sbagliare, di far brutta figura, di essere mal giudicati, di deviare dal retto o ideale, secondo altri, procedere, ma questo è il risvolto negativo della dipendenza, del cercare di farsi portare e dare da altro il proprio volto, i propri perchè, i propri scopi. Ciò che ci accade di provare nell'intimo non è mai casuale, indica, dà spunti per capire....certamente se si comincia a far solo opera di pulizia, distinguendo quel che sarebbe sensato da quel che invece sarebbe eccesso, stranezza o patologia, con l'aiuto di belle collezioni di sintomi, allora tutto va a ramengo. Se l'esperienza interna, come quel che accade a te di provare, anzichè guida significativa per orientarsi e per capire, diventa roba buona solo per finire o per ficcarsi nello stampino di una sindrome, di un quadro di patologia, allora la ricerca muore e il prezioso di sè, che cerca di farsi capire, va in discarica. Ciao, Pierangelo Lopopolo

This post has been edited 1 times, last edit by "PierangeloLopopolo" (Feb 5th 2012, 2:58pm)