Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

urbano

Nuovo Utente

  • "urbano" started this thread

Posts: 1

Activitypoints: 10

Date of registration: Oct 21st 2007

  • Send private message

1

Sunday, October 21st 2007, 10:11pm

Salve a tutti!
Ho 40 anni, un passato un po' spiacevole (ho la cirrosi a causa di un'epatite presa per trasfusione + HIV), al momento non ho un lavoro, e, tanto per non farmi mancare niente, mia moglie ha una ciclotimia pazzesca con ansia, crisi di pianto, forte irritabilità e aggressività e mi ha pure fatto le corna ripetutamente qualche anno fa...
Adesso, stanno probabilmente venendo a galla problemi che tentavo di tenere a bada, continuando a ripetere a me stesso che dovevo controllarmi: ho una grande ansia e in un paio di settimane ho avuto tre attacchi di panico, di cui l'ultimo ieri sera: non ce la faccio più! Da quasi un anno siamo in terapia di coppia e da maggio-giugno sono in terapia individuale.
Sono molto preoccupato: il terapeuta mi ha suggerito di trovarmi un'occupazione, di praticare tecniche di rilassamento, ma visto che mia moglie mi sembra non avere alcuna intenzione di porsi obbiettivi, di fidarsi dei consigli della sua psichiatra (lei, per inciso, beve circa un litro di vino al giorno, e prende sia ansiolitici che antidepressivi, e la sua dottoressa le ha ovviamente detto almeno di diminuire), sto seriamente pensando di lasciarla, anche se le voglio tanto bene...
Ah, anche il sesso ormai è una chimera, lei non ha alcuna voglia e ogni tanto (diciamo una volta ogni due mesi) mi ..."elemosina" qualcosa.
Per ora poi, qualsiasi cosa le chiedo mi risponde aggressiva, e se io capita che insisto mi manda subito a quel paese, con parolacce e insulti di tutti i tipi.
Calcolate che non posso bere e sarebbe consigliabile non prendere ansiolitici (per il fegato). Insomma, non ho più voglia di dedicare quasi tutte le mie forze per resistere alla sua malattia.
Ultima cosa: negli ultimi giorni ho fatto tre sogni che all'incirca ricordo: uno brutto (ero in macchina con suo padre al volante e morivamo con un incidente) e due piuttosto gradevoli con non ben identificate signorine (questi due non li ho raccontati a lei!).

Datemi una mano, per favore! Grazie!

Mario

Utente Avanzato

  • "Mario" is male

Posts: 802

Activitypoints: 2,476

Date of registration: Jul 30th 2007

Location: Pisa

Occupation: IT Manager

  • Send private message

2

Tuesday, October 23rd 2007, 6:54am

ciao urbano, benvenuto in questo forum. Resto stupito dalla tua storia e dalla tua età. Sei nel pieno della tua vita, ma mi hai raccontato la vita di un sessantenne decisamente sfigato. Non mi hai parlato di figli ed in questo caso è forse una fortuna non averli. La prima cosa da fare è: ricostruire la tua vita. Cerca un lavoro, pensa alla tua salute e, proprio nel pensare alla tua salute, separati da tua moglie. Non penso che questo causerà grandi danni sentimentali dato le cose che ci hai raccontato.

Trova subito un lavoro. Qualcosa di serio e che ti dia stabilità pe rproseguire. Spesso (e te lo dice uno che l'ha provato) mettiamo sotto terra la nostra dignità per inseguire amori impossibili. Ma esistono donne (e sicuramente anche uomini) che vivono esclusivamente per loro stessi, credimi!

m.
"Non sempre è amore quello che ci spinge ad attaccarci a chi ci rifiuta... quanto un misto di insicurezza, bisogno di protezione e di accettazione"

Aprikose

Forumista Incallito

  • "Aprikose" is female

Posts: 4,768

Activitypoints: 14,783

Date of registration: Jun 5th 2007

Location: il pianeta delle Fate

  • Send private message

3

Tuesday, October 23rd 2007, 2:42pm

Non capisco se hai scritto per avere aiuto per te...o per tua moglie. Lei di certo avrebbe bisogno di essere seguita da uno specialista, in ogni caso.

E tu...dovresti decidere se starle ancora accanto oppure lasciarla andare e cercare di ricominciare daccapo. Dipende da te, questo non possiamo dirtelo noi.
Viviamo in un mondo in cui l'uomo è l'abito che indossa. Meno c'è l'uomo, più è necessario l'abito.