Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


RoseQuartz

Nuovo Utente

  • "RoseQuartz" started this thread

Posts: 1

Activitypoints: 10

Date of registration: Mar 31st 2019

  • Send private message

1

Sunday, March 31st 2019, 9:28pm

Mi hanno picchiata e ho paura

Questo è il primo post che scrivo qui e forse sarà anche l'ultimo... Non so cosa fare e sono confusa. Non sono mai andata da psicologi o psicoterapeuti perché ho paura che mi giudicherebbero se parlassi loro dei miei problemi e che non li prenderebbero sul serio. Mi sento perennemente senza speranze e so che non ci sono modi per cambiare la situazione. Sono bloccata in una situazione che trovo angosciante. Non so come spiegare quanta paura ho. Ho dei genitori che mi feriscono psicologicamente da anni, e pur spiegandoglielo mostrano di non capire. Dopo una discussione mi hanno picchiato e avevo 18 anni. Non si sono pentiti di questo, ho minacciato di denunciarli e loro si sono inquietati ancora di più. È passato del tempo da quel giorno ma io sto peggio che mai. Chiamare i servizi sociali per loro è ingiusto e senza senso in un caso del genere. Perché secondo loro io me lo meritavo. Per finire una discussione, ecco cosa gli sembra giusto fare. Io non so più come andare avanti. Il ricordo continua a tormentarmi a distanza di mesi. Non so che cosa ho. So solo che non voglio vederli e sono costretta da loro. Mi hanno sempre detto che sono "venuta male" perché non voglio fare ciò che mi dicono loro. Sono stata sempre una studentessa modello e loro, che pure mi ci costringevano, non sono mai stati soddisfatti. Ora che potrei essere più indipendente sono intrappolata da loro. Ho paura di non farcela... Come posso uscirne? C'è veramente qualcosa che posso fare? Loro sono inavvicinabili e intoccabili. A me tocca solo sopportare e stare male per le loro osservazioni distruttive. Ho paura di crollare e di non farcela, ho paura di essere ferita ancora. Perché vogliono giocare così tanto alla famiglia perfetta quando in realtà sono solo abusivi nei miei confronti? Perché non vogliono rendersene conto? Secondo loro sono solo isterica e non credono che le cose che mi dicono loro siano quelle che mi fanno reagire. Ogni volta che vengo da loro, ogni volta mi fanno sentire una buona a nulla, come se tutto quello che non va nelle loro vite sia colpa mia. Poi al telefono si mostrano premurosissimi. Mi sento così male. Più glielo faccio capire e più pensano che sia venuta male. Non riesco a descrivere lo stato pietoso in cui mi trovo... Preferirei non farcela, a questo punto

AndreaC

In cibum est medicina

Posts: 1,280

Activitypoints: 4,040

Date of registration: May 5th 2014

  • Send private message

2

Sunday, March 31st 2019, 10:07pm

Se non abiti più con loro puoi provare a perdonarli e a guardare avanti.
Ci sono dettagli che non sono chiari nel tuo racconto, evidentemente vuoi evitare di essere più dettagliata ed è comprensibile.

Vorrei poterti dire altro ma le famiglie sono tutte un po' così.
Anche mio padre e io ci siamo messi le mani addosso, avevo 17 anni, l'avevo avvertito di non darmi un altro schiaffo, che se no sarebbe successo qualcosa di brutto. Ricordo mio fratello che cercava di dividerci mentre rotolavamo per terra avvinghiati.

Sono solo episodi, forse è impossibile dimenticarsene ma si superano. Non penso affatto che i miei genitori siano perfetti ma so che non vorrei un'altra famiglia.

Cerca di guardare oltre, non covare rancore.

Fai del tuo meglio per amarli così come sono e se proprio non sei in grado di stabilire un contatto, accettali comunque e rivolgi il tuo sguardo fuori.

Il sangue non determina necessariamente l'importanza di un legame, puoi trovare legami ben più profondi al di fuori della tua famiglia.

Cerca di non rimanere bloccata a quell'episodio, vai oltre, sublimalo.
Buona fortuna

Used tags

ansia, genitori