Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Ceridwen

Nuovo Utente

  • "Ceridwen" is male
  • "Ceridwen" started this thread

Posts: 2

Activitypoints: 13

Date of registration: Jun 2nd 2011

  • Send private message

1

Thursday, June 2nd 2011, 1:38pm

Mangio e bevo compulsivamente causa rottura routine

Da numerosi anni, forse da sempre causa storia familiare, soffro di comportamenti compulsivi dovuti a impossibilità di scaricare ansia e depressione diversamente. Sono stato per anni sull'orlo dell'alcolismo, pesavo 120 chili su un'altezza di un metro e 75, e questo nonostante anni di colloqui con uno psicologo del SerT al quale mi ero rivolto.

Nell'Autunno del 2007, causa forse un ricovero ospedaliero (dovevo installare una artroprotesi), il meccanismo che mi portava a bere e a mangiare quasi ogni giorno in maniera incontrollata, pare essersi spezzato. Sono riuscito a perdere quasi 40 chili nel giro di un anno, ho quasi completamente smesso di bere (non necessariamente alcolici, il mio problema di compulsività riguardava qualsiasi bevanda riuscissi a ingurgitare, dalla Coca Cola in poi), ma ogni tanto ho delle ricadute, dovute, ho scoperto, alla rottura della mia routine quotidiana. Ieri, ad esempio, sono uscito con un amico per fare qualche acquisto in un paese vicino a quello dove vivo, abbiamo mangiucchiato qualcosa, bevuto una birra, poco danno, ma questo ha innescato un meccanismo distruttivo che mi ha portato, una volta a casa, ad abbuffarmi di cibo in maniera incontrollata (ho divorato quasi un chilo di formaggio, mezzo chilo di biscotti secchi, un piatto enorme di tortellini con panna, bevuto tre birre grandi).

Non è la prima volta che succede, quando spesso la routine in questa maniera, anche perché, l'accettare uno snack mi porta poi a considerazioni del tipo "tanto sono andato fuori delle calorie previste, quindi diamoci giù"...

Premetto che cerco di seguire una dieta che non superi le 1400-1800 calorie giornaliere, pur non privandomi di nulla di ciò che amo, dal ragù sulla pasta, alla carne col grasso attaccato, passando per le patate fritte e non negandomi nemmeno un mezzo bicchiere di vino a pasto (non abitualmente, solo quando il cibo è molto grasso o pesante da digerire). Attuo la dieta pesando ogni singolo cibo, frutta, e talune verdure come le patate, compresa, oltre ai vari condimenti quali olio di oliva o burro o salse per condire (smetana, guacamole, usate grosso modo una volta la settimana e mai in quantità abnormi), e sommando calorie, grassi, proteine e carboidrati (mi baso sulla tabelline che trovo sull'web, ovviamente). Cerco di controllare la fame bevendo molto the (generalmente verde aromatizzato, oppure the particolari come il Lapsang o il Pu-erh) e, alla sera, karkadè o rooibos per evitare la teina, e senza zucchero, ovviamente. Cerco di bere anche almeno una bottiglia di minerale leggermente frizzante al giorno (diversamente berrei quella del lavandino, ma la frizzante mi dcà l'impressione di tacitare la fame repressa).

Da considerare che assumo comunque terapia per un ictus pregresso, in questo periodo anche per l'allergia stagionale.

È evidente che si tratta di un problema di ansia scatenato dalla rottura della routine, ho valutato svariate strategie per combatterlo, dallo stare senza accettare snacks o cose simili (salvo poi abbuffarmi al ritorno al casa), al cercare di dirmi che una piccola violazione non uccide la linea e quindi tentando di mangiare normalmente in casa, ma alla fine ci casco.

È altrettanto chiaro che serve, probabilmente, una terapia farmacologica da associare, magari, a una psicologica (ma non ho molta fiducia negli psicologi, al SerT ho fatto quattro anni di chiacchiere senza cavare un ragno dal buco, e questo senza sminuire il lavoro degli psicologi, ci sono persone con le quali funziona, così come ci sono persone con le quali funzionano i gruppi di auto aiuto, alcolisti o mangiatori anonimi, eccetera - con me NO).

Che mi consigliate? Se servono ulteriori informazioni su età, terapia corrente, eccetera, ditemi come le posso fornire.

Ceridwen

Nuovo Utente

  • "Ceridwen" is male
  • "Ceridwen" started this thread

Posts: 2

Activitypoints: 13

Date of registration: Jun 2nd 2011

  • Send private message

2

Monday, June 13th 2011, 1:36pm

Ehi, grazie un sacco per le risposte.

jox

Amico Inseparabile

  • "jox" is male

Posts: 1,054

Activitypoints: 3,463

Date of registration: Aug 20th 2010

Location: sondrio

  • Send private message

3

Monday, June 13th 2011, 3:35pm

alla tele parlavano bene del sondino gastrico : http://www.dimagrimento-obesita.it/sondi…-dimagrire.html

pero' a leggere l' articolo non mi pare che ne parli tanto bene ??ma andavi al sert per l' obesità ??pensavo che ci andassero solo i tossici !!cmq lascia perdere la psicoterapia, soldi buttati, magari chiedi ad uno psichiatra :hi: oppure informati sul bendaggio gastrico !!!

kichibia

Utente Fedele

Posts: 425

Activitypoints: 1,509

Date of registration: May 19th 2010

Location: torino

  • Send private message

4

Tuesday, June 14th 2011, 8:46am

Ciao Ceridwen, la tua è una storia molto particolare, ma non irrisolvibile.
La cosa strana è che tu non hai questi atteggiamenti compulsivi verso il cibo e le bevande quando ti annoi, quando sei nel pieno della monotonia quotidiana, ma proprio quando esci fuori dalla routine; se fosse il contrario allora potrebbe essere d'aiuto trovare un hobby per distrarti, ma così non è semplice perchè dovresti piuttosto fare le stesse cose che fai tutti i giorni per mantenere un equilibrio e dimenticare cibo e bibite varie.
Beh intanto cerca di togliere le tentazioni da casa per il momento, cioè fai sparire snack e bevande, prova anche se è difficile a mangiare verdura quando hai questa fame compulsiva. Ho letto che assumi una terapia per un ictus pregresso quindi (se non sbaglio) qualche pastiglia che ti mantenga il sangue fluido e lì bisogna fare attenzione anche a determinati cibi, quindi prima di mangiare puoi pensare che quel determinato cibo può essere assunto ma in quantità modiche per non inficiare l'effetto della pillola per l'ictus.
Per quanto riguarda la psicoterapia, tu ne sai molto più di me e quindi mi è difficile darti un consiglio, l'unica cosa che mi viene in mente è che devi cercare di capire perchè uscire fuori dalla routine scatena in te questa agitazione che poi sfocia verso la compensazione nel cibo, e se non riesci a capirlo da solo allora prova da un altro psicoterapeuta... non è detto che il primo che hai avuto sia uguale a tutti gli altri.
In bocca al lupo, a presto

Manen

Utente Fedele

  • "Manen" has been banned

Posts: 420

Activitypoints: 1,274

Date of registration: May 6th 2011

  • Send private message

5

Thursday, June 16th 2011, 1:15pm

...Forse è a te che sembra la conseguenza di una rottura di routine; e se invece fosse che dopo certe uscite, qualcosa dentro di te, ti fa sentire male, o ti fa paura? Perchè solitamente, chi esce è felice e torna a casa felice e, se è felice, non ha bisogno di sfogarsi con il cibo. Oppure potrebbe darsi che quando esci sei felice e quando torni a casa ti assale l'angoscia che ti porta a mangiare... Non so, ti senti solo forse?...