Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Gandalf81

Utente Attivo

  • "Gandalf81" started this thread

Posts: 15

Activitypoints: 59

Date of registration: Jan 14th 2020

  • Send private message

1

Tuesday, January 14th 2020, 11:38pm

Le mie crisi di ansia e le vostre?

Ciao ragazzi, io son nuovo del forum ma un veterano dell'ansia. Non riesco più ad uscirmene, sono passati 12 anni dalle più crisi, sono passate tante boccette di lexotan, tante scatole di xanax e di zoloft eppure l'ansia é ancora qua, non mi avvisa ed improvvisamente si presenta.
Eppure son stato bene per un periodo di 3 anni dal 2013 al 2016, mi sentivo rinato, un leone, o meglio mi sentivo normale. Oggi sono uno xanax dipendente, quando devo affrontare un evento , un incontro, un discorso, o un qualsiasi evento, non riesco a farne a meno. Mi sorge un ansia anticipatoria che non mi dà scampo. Ma esisteranno dei rimedi che non siano psicofarmaci?

Le mie crisi sono principalmente queste:

- sbalzi di temperatura mi fanno letteralmente impazzire. Esempio, se sto in giro per strada al freddo ed entro in un locale al caldo, inizio letteralmente ad entrare nel panico. Inizio a sudare, lo sudorazione aumenta le palpitazioni e poi mi parte la testa che inizia a non connettere più.

- quando qualcuno alza la voce, un tono troppo forte durante un discorso, anche banale che ne so di calcio, non riesco più a seguire il discorso, quindi mi allarmo, sudo per la tensione e via fuori di testa!

- tanta gente, anche tra i familiari, tanta gente in un posto chiuso e via fuori testa.

E poi c’è quella strana sensazione che ogni tanto mi prende, quella la odio, la sensazione di non essere presente in quell''attimo, quando guardo il mare invece che un paesaggio ma non riesco a coglierne l'essenza, quando non mi sento realmente vivo e non riesco a godere a pieno di alcuni momenti come se fossi avulso da quella realtà....quello non mi da pace.

Non so se riesco a rendere l'idea delle mie emozioni ma a volte sono veramente rassegnato che non riesca più ad uscirmene. Che tristezza.

repcar

Moderatore

  • "repcar" is male

Posts: 1,771

Activitypoints: 5,056

Date of registration: Dec 10th 2016

Location: reggio calabria

Occupation: forze di polizia

  • Send private message

2

Wednesday, January 15th 2020, 5:36pm

se hai letto, essendo nuovo utente, i post del sottoscritto e degli altri utenti saprai bene che l'ansia è la causa dei tuoi "mali".
Intanto ho depositato io diritti di "veterano" di questo forum perchè io sono ben quasi 30 anni di anzianità.......... :roftl:
A parte gli scherzi, certo che rendi bene l'idea delle tue emozioni sono comuni a tutti noi, quindi ti invito a leggere i post dove troverai molta similitudine delle sensazioni che ti comporta l'ansia.
Alla tua domanda se esistono altri rimedi - non psicofarmaci - per l'ansia ti dico che esistono, ma secondo la tipologia e severità. Intendo dire che nel tuo caso (sono veterano ma non medico) la valeriana, camomilla, passiflora, fiori di back etc. non hanno nessun effetto in quanto la tua ansia, dato il tempo trascorso, è diventata patologica. Tali alternative sono indicati per lievissimi stati di tensione ed agiscono solo per brevi periodi dove il sintomo è ben circoscritto.
In bocca al lupo e sempre a disposizione.................piccolo veterano........ :roftl:
:thumbup:

ayrton76

Utente Attivo

Posts: 54

Activitypoints: 204

Date of registration: Dec 18th 2019

  • Send private message

3

Wednesday, January 15th 2020, 7:24pm

Ciao ragazzi, io son nuovo del forum ma un veterano dell'ansia. Non riesco più ad uscirmene, sono passati 12 anni dalle più crisi, sono passate tante boccette di lexotan, tante scatole di xanax e di zoloft eppure l'ansia é ancora qua, non mi avvisa ed improvvisamente si presenta.
Eppure son stato bene per un periodo di 3 anni dal 2013 al 2016, mi sentivo rinato, un leone, o meglio mi sentivo normale. Oggi sono uno xanax dipendente, quando devo affrontare un evento , un incontro, un discorso, o un qualsiasi evento, non riesco a farne a meno. Mi sorge un ansia anticipatoria che non mi dà scampo. Ma esisteranno dei rimedi che non siano psicofarmaci?

Le mie crisi sono principalmente queste:

- sbalzi di temperatura mi fanno letteralmente impazzire. Esempio, se sto in giro per strada al freddo ed entro in un locale al caldo, inizio letteralmente ad entrare nel panico. Inizio a sudare, lo sudorazione aumenta le palpitazioni e poi mi parte la testa che inizia a non connettere più.

- quando qualcuno alza la voce, un tono troppo forte durante un discorso, anche banale che ne so di calcio, non riesco più a seguire il discorso, quindi mi allarmo, sudo per la tensione e via fuori di testa!

- tanta gente, anche tra i familiari, tanta gente in un posto chiuso e via fuori testa.

E poi c’è quella strana sensazione che ogni tanto mi prende, quella la odio, la sensazione di non essere presente in quell''attimo, quando guardo il mare invece che un paesaggio ma non riesco a coglierne l'essenza, quando non mi sento realmente vivo e non riesco a godere a pieno di alcuni momenti come se fossi avulso da quella realtà....quello non mi da pace.

Non so se riesco a rendere l'idea delle mie emozioni ma a volte sono veramente rassegnato che non riesca più ad uscirmene. Che tristezza.

Ciao gandalf... Piacere!!!
Purtroppo capisco benissimo quello che dici... L ultima parte quella dove dici di sentirti estraneo a quello che accade fuori è anche una delle peggiori sensazioni per me!! Per me in quei momenti è come essere sott acqua in apnea ed è orribile, a me poi subentra il lato ipocondriaco e mi spavento perché mi chiedo e adesso????? E giù loop mentali che mi fanno pensare al peggio, che non finirà mai che non sono normale etc etc, un po' mi aiutano i farmaci, fino a un certo punto... Però cerco di usare il meno possibile gli ansiolitici perché so che danno dipendenza e assuefazione :dash:

Gandalf81

Utente Attivo

  • "Gandalf81" started this thread

Posts: 15

Activitypoints: 59

Date of registration: Jan 14th 2020

  • Send private message

4

Wednesday, January 15th 2020, 10:41pm

se hai letto, essendo nuovo utente, i post del sottoscritto e degli altri utenti saprai bene che l'ansia è la causa dei tuoi "mali".
Intanto ho depositato io diritti di "veterano" di questo forum perchè io sono ben quasi 30 anni di anzianità.......... :roftl:
A parte gli scherzi, certo che rendi bene l'idea delle tue emozioni sono comuni a tutti noi, quindi ti invito a leggere i post dove troverai molta similitudine delle sensazioni che ti comporta l'ansia.
Alla tua domanda se esistono altri rimedi - non psicofarmaci - per l'ansia ti dico che esistono, ma secondo la tipologia e severità. Intendo dire che nel tuo caso (sono veterano ma non medico) la valeriana, camomilla, passiflora, fiori di back etc. non hanno nessun effetto in quanto la tua ansia, dato il tempo trascorso, è diventata patologica. Tali alternative sono indicati per lievissimi stati di tensione ed agiscono solo per brevi periodi dove il sintomo è ben circoscritto.
In bocca al lupo e sempre a disposizione.................piccolo veterano........ :roftl:
:thumbup:


Ciao Repcar, attualmente, se ti va di dirlo, che cura stai facendo?
Io vado di zoloft 100 mg al di, e xanax 0,25 due volte al giorno. Sai che pensò che forse il confronto tra chi soffre delle stesse problematiche può essere utile come , se non di più, una visita medica. È chiaro che tutti quelli che siamo qua siamo passati dai medici e da loro abbiamo appreso parecchio.
Io ti posso dire che mentre qualche anno fa con lo zoloft ebbi una resurrezione, stavolta non riesco a vedere gli stessi benefici, non so se sia il caso di cambiare molecola, temo nuovi effetti collaterali.

Gandalf81

Utente Attivo

  • "Gandalf81" started this thread

Posts: 15

Activitypoints: 59

Date of registration: Jan 14th 2020

  • Send private message

5

Wednesday, January 15th 2020, 10:46pm

Ciao ayrton,
un 7/8 anni fa i sintomi che hai descritto, inclusi i loop mentali egregiamente descritti li ho provati anch’io ma ti posso garantire che grazie allo zoloft ne ero uscito alla grande.
Ora sono di nuovo in crisi, ma i motivi sono altri, non ho ipocondria, ma ho perso il lavoro, ho problemi in famiglia, mi sono trasferito in una nuova città che odio.... tutto questo mi sta abbattendo un po’. Forse, oltre alla componente ansiogena sta subentrando una lieve depressione che stenta ad allontanarsi..

Vitto75-pr

Giovane Amico

  • "Vitto75-pr" is male

Posts: 357

Activitypoints: 604

Date of registration: Nov 8th 2017

Location: Parma

Occupation: Progettista meccanico

  • Send private message

6

Thursday, January 16th 2020, 9:23am

Ciao..io non ho mai preso farmaci, fortunatamente perchè i miei sintomi sono stati sempre lievi... Ho notato una cosa che mi fa stare molto bne...la passione..la passione per la pesca, l'auto,l musica, anche banale giardinaggio, qualcosa che rubi la mia mente da quel buco nero fatto di pensieri...

repcar

Moderatore

  • "repcar" is male

Posts: 1,771

Activitypoints: 5,056

Date of registration: Dec 10th 2016

Location: reggio calabria

Occupation: forze di polizia

  • Send private message

7

Thursday, January 16th 2020, 5:49pm

Ciao Repcar, attualmente, se ti va di dirlo, che cura stai facendo?
Io vado di zoloft 100 mg al di, e xanax 0,25 due volte al giorno. Sai che pensò che forse il confronto tra chi soffre delle stesse problematiche può essere utile come , se non di più, una visita medica. È chiaro che tutti quelli che siamo qua siamo passati dai medici e da loro abbiamo appreso parecchio.
Io ti posso dire che mentre qualche anno fa con lo zoloft ebbi una resurrezione, stavolta non riesco a vedere gli stessi benefici, non so se sia il caso di cambiare molecola, temo nuovi effetti collaterali.[/quote

Da molti anni prendo la venlafaxina a dosi di "mantenimento" ed all'occorrenza delle gocce di EN.

repcar

Moderatore

  • "repcar" is male

Posts: 1,771

Activitypoints: 5,056

Date of registration: Dec 10th 2016

Location: reggio calabria

Occupation: forze di polizia

  • Send private message

8

Thursday, January 16th 2020, 6:02pm

Ciao Repcar, attualmente, se ti va di dirlo, che cura stai facendo?
Io vado di zoloft 100 mg al di, e xanax 0,25 due volte al giorno. Sai che pensò che forse il confronto tra chi soffre delle stesse problematiche può essere utile come , se non di più, una visita medica. È chiaro che tutti quelli che siamo qua siamo passati dai medici e da loro abbiamo appreso parecchio.
Io ti posso dire che mentre qualche anno fa con lo zoloft ebbi una resurrezione, stavolta non riesco a vedere gli stessi benefici, non so se sia il caso di cambiare molecola, temo nuovi effetti collaterali.


Da molto tempo prendo la venlafaxina a dosi di mantenimento ed all'occorrenza delle gocce di EN. La dose di zoloft che prendi è, se non sbaglio, la metà di quella massima (200 mg). Non conosco il tempo che prendi la dose di 100 mg., ma se dopo una/due settimane che non si ha in innalzamento dell'umore bisogna gradualmente aumentare il dosaggio. Se dopo questo periodo nonostante la dose massima raggiunta non sortisce nessun effetto allora si cambia tipologia di principio attivo. Purtroppo tanti specialisti si ostinano a mantenere un dosaggio non adeguato, facendo si che aumenti la sofferenza psichica. Non lo dico io, ma numerosi studi in materia, nel nostro paese molti specialisti tendono a sottovalutare questo aspetto, in special modo gli specialisti (non tutti naturalmente) che non hanno mai avuto esperienza in ambito ospedaliero o CIM.
Parla con il tuo specialista perchè alle volte un piccolo rialzo del principio attivo può essere veramente d'aiuto. In bocca al lupo..... :thumbup:

N.b. non sono medico ma "veterano"....

Gandalf81

Utente Attivo

  • "Gandalf81" started this thread

Posts: 15

Activitypoints: 59

Date of registration: Jan 14th 2020

  • Send private message

9

Saturday, January 18th 2020, 1:08am

Ciao Repcar, attualmente, se ti va di dirlo, che cura stai facendo?
Io vado di zoloft 100 mg al di, e xanax 0,25 due volte al giorno. Sai che pensò che forse il confronto tra chi soffre delle stesse problematiche può essere utile come , se non di più, una visita medica. È chiaro che tutti quelli che siamo qua siamo passati dai medici e da loro abbiamo appreso parecchio.
Io ti posso dire che mentre qualche anno fa con lo zoloft ebbi una resurrezione, stavolta non riesco a vedere gli stessi benefici, non so se sia il caso di cambiare molecola, temo nuovi effetti collaterali.


Da molto tempo prendo la venlafaxina a dosi di mantenimento ed all'occorrenza delle gocce di EN. La dose di zoloft che prendi è, se non sbaglio, la metà di quella massima (200 mg). Non conosco il tempo che prendi la dose di 100 mg., ma se dopo una/due settimane che non si ha in innalzamento dell'umore bisogna gradualmente aumentare il dosaggio. Se dopo questo periodo nonostante la dose massima raggiunta non sortisce nessun effetto allora si cambia tipologia di principio attivo. Purtroppo tanti specialisti si ostinano a mantenere un dosaggio non adeguato, facendo si che aumenti la sofferenza psichica. Non lo dico io, ma numerosi studi in materia, nel nostro paese molti specialisti tendono a sottovalutare questo aspetto, in special modo gli specialisti (non tutti naturalmente) che non hanno mai avuto esperienza in ambito ospedaliero o CIM.
Parla con il tuo specialista perchè alle volte un piccolo rialzo del principio attivo può essere veramente d'aiuto. In bocca al lupo..... :thumbup:

N.b. non sono medico ma "veterano"....


Anni fa, quando ebbi le peggiori crisi della mia vita, e parlo di reiterati e violenti attacchi di panico uniti ad un ansia generalizzata e cronica, onnipresente in tutte le attività che facevo, persino il pranzo era diventato un problema, uscire e frequentare luoghi chiusi mi era diventato impossibile...frequentai uno specialista che veicolando lo zoloft alla dose di 100mg riuscì a ridarmi la vita, allo psichiatra abbinai anche una psicoterapia di 2 mesi su cadenza settimanale (secondo me la psicoterapia fu inutile).
Stavolta, non potendomi permettere psichiatra ho fatto tutto col medico di famiglia che conosce i miei trascorsi e con un neurologo dell'asl.
Il mio medico voleva mantenermi una dose di 50 mg, son stato io a premere per arrivare a 100 e volevo addirittura aumentare ed il neurologo mi disse invece che il farmaco se non fa effetto con 100 non avrebbe avuto effetto nemmeno con 150mg!

Gandalf81

Utente Attivo

  • "Gandalf81" started this thread

Posts: 15

Activitypoints: 59

Date of registration: Jan 14th 2020

  • Send private message

10

Saturday, January 18th 2020, 1:12am

Ciao..io non ho mai preso farmaci, fortunatamente perchè i miei sintomi sono stati sempre lievi... Ho notato una cosa che mi fa stare molto bne...la passione..la passione per la pesca, l'auto,l musica, anche banale giardinaggio, qualcosa che rubi la mia mente da quel buco nero fatto di pensieri...



Vitto ciao ritieniti fortunato, evidentemente non hai avuto a che fare con l'ansia che diventa una bestia incontrollabile. Senza dubbi coltivare passioni è un toccasana ma non in grado di debellare il problema, almeno mi riferisco alle mie esperienze. Io sono per i farmaci, certo a posteriori non so se è che tipo di danno potranno generare ma senza quelli addio vita sin da subito!

N.B. post modificato dalla moderazione i quanto riportato due volte stesso paragrafo.
repcar per lo staff di nienteansia.it

This post has been edited 2 times, last edit by "repcar" (Jan 18th 2020, 10:31am)


repcar

Moderatore

  • "repcar" is male

Posts: 1,771

Activitypoints: 5,056

Date of registration: Dec 10th 2016

Location: reggio calabria

Occupation: forze di polizia

  • Send private message

11

Saturday, January 18th 2020, 9:02pm

onestamente ho visto persone che hanno avuto un netto e significativo miglioramento proprio con l'innalzamento della dosaggio. Scusa se mi ripeto ma cerco sempre di ribadirlo fini all'esasperamento, ma quello che posto è frutto della mia esperienza, del gruppo di aiuto di cui faccio parte e dagli innumerevoli letture svolte nel settore.
Ognuno ha un suo campo di specializzazione, ma il neurologo è preparato proprio per le malattie del S.N.C., cioè malattie organiche del cervello, del midollo spinale, dei nervi e dei muscoli. Esso si avvale di sistemi di diagnostica ed esami strumentali. Purtroppo l'ansia e la depressione, fino ad oggi, hanno dei supporti per la ricerca medica di alterazioni del sistema di funzionamento del cervello che sono solo all'inizio, in pratica non esiste un esame clinico/strumentale per stabilire la malattia.
In surplus la sua conoscenza degli psicofarmaci, il dosaggio, la metabolizzazione, etc. sono limitate, certamente molti neurologi sono anche laureati in "psichiatria" pertanto la duplice funzione permette loro di essere molto più preparati.
Non parlo del medico generico, che meglio lasciar stare...........(n.b. lo so ci sono medici generici che sanno il fato loro, ma sono mosche bianche per chi li trova.....).
Nell'ASL a cui ti sei rivolto non esiste la figura dello psichiatra????
In bocca sempre al lupo e sempre a disposizione...... :thumbup:

Gandalf81

Utente Attivo

  • "Gandalf81" started this thread

Posts: 15

Activitypoints: 59

Date of registration: Jan 14th 2020

  • Send private message

12

Monday, January 20th 2020, 12:15am

onestamente ho visto persone che hanno avuto un netto e significativo miglioramento proprio con l'innalzamento della dosaggio. Scusa se mi ripeto ma cerco sempre di ribadirlo fini all'esasperamento, ma quello che posto è frutto della mia esperienza, del gruppo di aiuto di cui faccio parte e dagli innumerevoli letture svolte nel settore.
Ognuno ha un suo campo di specializzazione, ma il neurologo è preparato proprio per le malattie del S.N.C., cioè malattie organiche del cervello, del midollo spinale, dei nervi e dei muscoli. Esso si avvale di sistemi di diagnostica ed esami strumentali. Purtroppo l'ansia e la depressione, fino ad oggi, hanno dei supporti per la ricerca medica di alterazioni del sistema di funzionamento del cervello che sono solo all'inizio, in pratica non esiste un esame clinico/strumentale per stabilire la malattia.
In surplus la sua conoscenza degli psicofarmaci, il dosaggio, la metabolizzazione, etc. sono limitate, certamente molti neurologi sono anche laureati in "psichiatria" pertanto la duplice funzione permette loro di essere molto più preparati.
Non parlo del medico generico, che meglio lasciar stare...........(n.b. lo so ci sono medici generici che sanno il fato loro, ma sono mosche bianche per chi li trova.....).
Nell'ASL a cui ti sei rivolto non esiste la figura dello psichiatra????
In bocca sempre al lupo e sempre a disposizione...... :thumbup:


Se non erro la psichiatria da me non é convenzionata, ad esclusione dei consultori dove ho avuto in esperienza a dir poco negativa.
Che dire, dopo un paio di giorni positivi oggi ho avuto un altra crisi, credo di aver individuato la causa nel cambio di temperatura che ho riscontrato tra il bagno dove avevo appena fatto la doccia e il resto della casa, ho iniziato a sudare freddo improvvisamente, e dinanzi a questa condizione l’ansia é degenerata ....Capisco e condividi le tue diffidenze nei confronti del medico di famiglia, ti dico solo che il mio è omeopata!!
Mah non so se fare di testa mia ed aumentare di 0,25 la dose possa essermi di aiuto.