Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

anto85

Utente Attivo

  • "anto85" is female

Posts: 37

Activitypoints: 118

Date of registration: May 1st 2009

  • Send private message

16

Wednesday, May 16th 2012, 6:29am

Questa storia è scritta tanto per me quanto per tutti voi
compagni di sventura che hanno a che fare con la “Derealizzazione” e la
“Depersonalizzazione”.


Ormai sono tre anni che ci convivo senza riuscire ad
eliminare ansia e paure che inevitabilmente portano alla situazione che
conoscete.


Premetto che durante la mia Vita ho avuto altri casi di Der.
e Dep. ma grazie a Dio sempre superati dopo diversi mesi. La prima volta
successe a 16 anni, per paura di malattie, pensavo potesse venirmi l’Alzehimer
(a 16 anni?). Un'altra volta a 17 anni dopo che mi sono lasciato con una
ragazza e aver litigato molto animatamente con il suo ex.


L’ultima volta quella attuale successe quando avevo 21 anni.
Stavo con una ragazza con cui tutto andava male, persi tanti chili fino ad
arrivare a pesare 60 kg (sottopeso per 1,75 mt di altezza), soffri di alcuni
casi di attacchi di panico che riusci a superare senza danni, ma da buon
ipocondriaco iniziai a pensare che avessi problemi di cuore. Lasciai la ragazza
a settembre e a Dicembre ebbi la fortuna di trovare la mia attuale meravigliosa
compagna e un buon lavoro. Il lavoro… procedeva bene, ma turni massacranti,
lavoravo con le navi giorno e notte e in un periodo (verso aprile dell’anno
successivo) rimanemmo in due a lavorare per sbrigarci le pratiche di 120 navi
al mese. In quel periodo sentivo che a momenti non avrei retto allo sforzo e
all’improviso il mio collega va in ferie e io rimango solo facendomi carico di
tutto il lavoro (sono sempre stato cosi volenteroso e mi faccio carico di tutti
i problemi e responsabilità anche se non ce la faccio). I turni erano ancora
più massacranti, lavoravo giorno e notte, forse avoravo anche 20 ore al giorno,
la notte dormivo un’ora poi andavo a lavoro de orette, dormivo un’altra ora poi
di nuovo lavoro. Questo dormi e sveglia, quest’ansia legata alle troppe
responsabilità (imparite anche dai capi) mi stavano logorando.


L’ansia aumentava e il mio unico pensiero era quello di
riposare. A volte mi veniva voglia di piangere. Tutto sommatto ero felice perche
la mia ragazza è stupenda e mi stava sempre vicino. Un bel giorno verso ora di
pranzo non riusci a rientrare a casa (per motivi di tempo) e andammo a mangiare
tutti assieme in un bar vicino all’ufficio. Ero stanchissimo e ad un certo
punto il mio capo mi disse di andare in ufficio a vedere i messaggi delle navi.
Andai con molto nervosismo e come fecci per infilare la chiave nella
serrattura, mancai l’ingresso e scoppio il più grande attacco di panico che
ebbi mai provato. Pensai subito di avere qualcosa di brutto, un tumore al
cervello. La mia razionalità era andata a farsi friggere. Arrivai in ufficio
con il cuore a mille, tremavo e la derealizzazione aveva preo il sopravento
cosi come la depersonalizzazione, avevo escluso il mio braccio destro come la
gamba destra. Avevo usato il braccio destro per infilare la chiave e
automaticamente pensavo che avendo qualcosa di grave quel braccio fosse
danneggiato. Nonostante altre esperienze simili, non riuscivo a razionalizzare
che era solo stress e ansia. Tutto inizio ad essere strano, ero apatico, vedevo
le persone e mi sembravano automi, io stesso ero un automa, mi sforzavo di fare
tutto. La cosa peggiorò quando l’ufficio chiuse e io fini in un altro ufficio
con un capo stupido e affarista che pagava gente esperta appena 500 € al mese.
Feci un paio di mesi e me ne andai. La cosa sembrava migliorare ma quella
sensazione al braccio non me la toglievo e rimaneva di sottofondo la
derealizzazione. Cosi duro per un’anno e mezzo circa poi trovo lavoro in
un'altra agenzia ma il lavoro è sempre lo stesso, navi. Responsabilità a mille
anche qui ma soddisfato per uno stipendio adeguato. Tuttavia l’apatia non mi
abbandonava, sempre stanco, voglia di dormire, der. e dep. continua,
tacchicardia (sospettavo avere problemi di cuore), sbandamenti. Vivevo e i
giorni passavano. Dopo un po di tempo in quest’agenzia ci fu un problema tra
colleghi in particolare me e una collega che diceva che io potevo aver
manomesso il suo computer, le cose si muovevano male, si parlava di denunce,
licenziamenti nonostante Io non avessi fatto niente, tutto ricadeva su di me e
inizio ad assalirmi l’ansia, l’agitazione, la malinconia, di nuovo
tacchicardia, la derealizzazione aumento, la depersonalizzazione pure, non mi
riconoscevo più. Mi dava fastidio la luce. Alla fine non capivo che l’ansia mi
stava uccidendo. La rabbia di quel momento era tantissima. La questione non si
è mai risolta e i miei sintomi sono peggiorati. Iniziai a cercare i miei
sintomi in giro per intenet e usciva di tutto, sclerosi multipla, sla, demenze
e chi più ne ha più ne metta. Un bel giorno capitai in diversi siti e in
particolare in questo dove mi riconoscevo completamente nei sintomi descritti
da ogniuno di voi nella derealizzazione e nella depersonalizzazione.


Quello che posso constatare è che le volte che provai questa
situazione non avevo internet e non cercando in giro i sintomi, tenevo a bada
la mia ipocondria così la cosa passava, adesso invece il cercare in internet ha
umentato la mia ipocondria, la mia ansia, la mia angoscia, la mia depressione.


Il buon consiglio che vi posso dare è di non cercare in
internet e se proprio lo fatte, spero arriviate a questo sito.





Per la cronaca Vi elenco i miei sintomi:





Ansia, tacchicardia, vertigini, sudorazione eccessiva..


Inizialmente sentivo estranei a me gamba e braccio destri,
adesso sinistri.


Mi guardo allo specchio, so che sono Io ma non mi riconosco.


Guardo le persone che conosco ma non sembrano loro.


Guardo le mie braccia, gambe e non sono le mie.


I movimenti delle mie braccia, mani e gambe non sembrano
miei.


Dispercezioni corporee chiaramente passati da un lato
all’altro del corpo, se non guardo dove sono braccia o gambe non so dove sono
(so dove sono, ma c’è una leggera alterazione delle propriocezioni tipiche
della depersonalizzazione).


Dispercezioni visive.


Vista annebiata, come se ci fosse una lente sporca davanti a
me.


Orecchie ovattate, tatto strano.


Difficoltà a percepire distanze degli oggetti.


Difficoltà a percepire posizione del mio corpo nello spazio.


Sembra di camminare sulle nuvole.


Sembra che mi muovo solo perché so come mi devo muovere ma
sembra che non sia Io a muovermi.


Alterazione dello schema corporeo.


A volte ma raramente formicolii.


Mi tocco e mi sento estraneo, come se non fossi Io.





Nonostante tutto la mia Ipocondria c’è ed è al massimo e
continuo a stare male. Un consiglio che do a tutti e che metterò in pratica a
breve è che le altre volte la depersonalizzaizone sé né andata via facendo
sport, in particolare body building in quanto essendo uno sport dove usate ogni
singolo muscolo, piani piano le propriocezioni aumentano quindi sentirete il
Vostro corpo come prima e un bel giorni Vi alzerete guardandovi allo specchi e
riconoscendovi e lodando il Vostro corpo. Strano però che Io lo dica ma non ci
sia ancora riuscito. Mi metterò all’opera.





A conclusione dico che chi vive questi sintomi si accorge
che sono sensazioni anche se pur molto fatidiose, sono solo sensazioni. Invece
chi sta male veramente, ha malattie, sono cose vere, non si muovono arti, non
hanno forza clinica (non si alzano nemmeno) non vedono, non sanno chi sono (
non si ricordano niente).





Spero di aver contribuito a fare un po di esperienza a chi
non sa dove andare a parare e mi piacerebbe confrontarmi con voi.





Con affetto. Riccardo

Salve, Riccardo...ho provato a cercarti qui sul forum ma non so se tu sia più un utente attivo o insomma se continui a collegarti qui. In ogni caso mi piacerebbe entrare in contatto diretto con te perché i tuoi disturbi li accuso anch'io, sono IDENTICI proprio. Non so quale sia il tuo stato attuale ma insomma se ti va possiamo sostenerci vicendevolmente. Un saluto!

Piccolagrandeansiosa

Utente Avanzato

Posts: 754

Activitypoints: 2,577

Date of registration: Sep 30th 2016

Location: Marshmellow

Occupation: Studentessa

  • Send private message

17

Thursday, November 24th 2016, 6:31pm

mh, il post è molto vecchio ma mi ritrovo in molte cose devo dire...
"Ah, ecco l'ansia, mi stavo preoccupando". :girl:

This post by "NatyOrazio" (Monday, July 15th 2019, 5:55pm) has been deleted by user "Elettra" (Tuesday, July 16th 2019, 7:36am) with the following reason: spam

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests