Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Meninblack

Utente Attivo

  • "Meninblack" started this thread

Posts: 191

Activitypoints: 361

Date of registration: Sep 28th 2017

  • Send private message

1

Wednesday, October 16th 2019, 11:54pm

L ipocondria mi ha rovinato letteralmente la vita (ho bisogno di aiuto)

Scusate il mio ennesimo messaggio/sfogo. Sono totalmente e ripeto totalmente disperato perché non so più come gestire la mia ipocondria che è più forte di qualsiasi cosa oramai. Nel giro di 2 settimane ho pensato e mi sono convinto di avere circa una decina di orribili malattie e mi sono comportato ogni singolo istante come se ne fossi davvero affetto. L unico momento tranquillo della giornata è stato il momento in cui dormo e automaticamente non penso. Ma ogni mattina mi sveglio con il panico e ripeto il panico di avere qualche problema di salute. Io non so più davvero che cosa pensare , il mio cervello mi fa percepire il mio corpo come difettoso o errato. Passo le mie giornate al lavoro in cui sono in stato ormai semi confusionale, Non rido più, non parlo più con nessuno, ho iniziato ad evitare contatti sociali e amicizie perché non riesco a sostenere delle conversazioni normali. Soffro anche di attacchi di panico che manco a farlo a posta si sono acutizzati tantissimo e non riesco a gestirli, ho già provato psicoterapie varie ma con insuccessi, ho provato dei farmaci ma mi stordivano e delle persone vicino a me mi hanno convinto che quei farmaci mi avrebbero creato problemi di salute quindi ho smesso. Ora sono davvero nel
Panico primo perché la mia testa è diventata una fabbrica di idee negative, dopo aver pensato di avere le peggiori malattie ora ho iniziato ad avere la paranoia di aver contratto (e non si sa come perché ho sempre avuto rapporti protetti) delle malattie veneree... ho disperatamente cercato dei dottori per farmi visitare ma non trovo nessuno nell’ immediato. Ho talmente panico che magari domani già il problema sarà altro, sposterò la mia attenzione su un altra malattia. Negli ultimi 10 giorni ho visto 3 specialisti che mi hanno dato tutti diagnosi negative ma il mio cervello ora non contento si è spostato su altro. Vorrei tanto richiamare uno psicologo ma mi dico: eh se sto davvero male? Meglio impiegare quei soldi per fare visite che per dei colloqui psicologici...oppure sono talmente ipocondriaco che penso che gli psicofarmaci mi faranno ammalare di altro in futuro. Quando sono da solo a casa ho pensieri ossessivi compulsivi , ho paura di farmi male e di non accorgermene, per 2 giorni ho avuto paura di aver ingerito un farmaco che in realtà sapevo benissimo di non aver mai preso ma nella mia testa si era scatenato questo dubbio fortissimo ...nel giro di 1 anno ho avuto centinaia di ossessioni , deliri, psicosi, veri e propri attacchi di panico. Non so davvero più cosa fare perché L andare dallo psicologo non mi aiuta? Perché ? Perché nella mia mente c’è sempre il terrore di stare male e anche quando sto bene si scatena questa reazione quasi inconscia? Spesso penso che vivere così e’ aberrante, per me , per chi mi sta intorno, per tutti. Ho pensato che si possa trattare di nevrosi, poi di ansia, poi di psicosi e ora penso sia disturbo post traumatico da stress perché lo scorso anno ho vissuto un bruttissimo evento. Nella mia mente ormai non so più distinguere se davvero i sintomi che ho sono reali o se sto semplicemente vaneggiando...io davvero non so più che fare. Voi riprovereste con la psicoterapia ? Se si quale ? I farmaci ho paura di prenderli , ne sono terrorizzato, ho paura che se poi li prendo posso avere in acutizzazione ulteriore ipocondriaca. Sto tirando avanti con gocce naturali, per calmarmi, funzionano bene perché almeno dormo ma poi il mattino mi alzo col panico addosso. Ho seriamente bisogno di consigli , so che questo post e’ lunghissimo e ripetitivo ma non so più che fare. Ho voglia di stare bene e di uscire da tutto questo schifo che vi assicuro è terribile. Io vivo la mia vita come un vegetale, non sono più io, sono diventato una specie di avvoltoio, vedo solo il brutto della vita. Voglio uscirne e voglio riprendere la mia lucidità. Non è normale è legittimo che nel fiore della mia giovinezza in cui io dovrei stare bene e pensare al mio futuro io sia piombato in questa cosa tremenda. Stanotte andrò a letto con Il terrore di aver preso queste malattie veneree, che chissà che mi succederà , partiranno le ricerche disperate su google immagini per capire se davvero la cosa che penso assomiglia alla mia...vivrò nella mia angoscia, nei miei film tragici per il
Futuro e così via fino a che magari scoprirò qualcos altro che non mi convince nel mio corpo e ripartiranno le
Paranoie. Ho paura che se continuo così posso davvero avere un distacco dalla realtà e impazzire e ho paura per me stesso.

This post has been edited 1 times, last edit by "Meninblack" (Oct 17th 2019, 12:01am)


gloriasinegloria

Amico Inseparabile

Posts: 1,501

Activitypoints: 4,636

Date of registration: Aug 11th 2017

  • Send private message

2

Thursday, October 17th 2019, 6:59am

Voi riprovereste con la psicoterapia ?


Ciao.
So su me stessa come l'ipocondria e gli attacchi di panico possano devastare il quotidiano.
No, personalmente non punterei sulla psicoterapia.

Mi rivolgerei ad uno Psichiatra e Psicoterapeuta e accetterei di seguire la terapia farmacologca che mi fosse prescritta.
Qualunque farmaco (anche l'Aspirina) può avere i suoi effetti collaterali e controndicazioni. Ma non mi sembra possa essere una buona ragione per farne a meno.
E quando si è seguiti da un buon Medico è sempre possibile segnalargli gli eventuali problemi per rimodulare e personalizzare la prescrizione.

Pensierino mio personale, senza alcuna pretesa che non sia quella di provare a ragionare: chi ha le "nostre" nevrosi è normalmente un iper-controllore da ansia.
Ma l'iper-controllo è anche sostanziale diffidenza generalizzata (anche verso se stessi).
E penso che questo sia il più micidiale ostacolo al successo di qualunque psicoterapia, perchè in realtà...noi siamo impegnati a valutare/controllare il terapeuta, molto più che essere disponibili a seguirlo in piena fiducia.
E questo giochino mentale...che a volte è prezioso e altre volte è solo demolitivo... verso i farmaci non può avvenire (a meno che ci si rifiuti di assumerli). ;)

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,152

Activitypoints: 21,798

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

3

Thursday, October 17th 2019, 7:40am

Tra le varie terapie hai provato anche la cognitiva comportamentale? Non funziona con tutti Ma io per esempio sono guarito con una decina di sedute. Ero arrivato ad un livello terribile di ipocondria.
In bocca al lupo
Allontana da me questo calice.....

Meninblack

Utente Attivo

  • "Meninblack" started this thread

Posts: 191

Activitypoints: 361

Date of registration: Sep 28th 2017

  • Send private message

4

Thursday, October 17th 2019, 1:04pm

Tra le varie terapie hai provato anche la cognitiva comportamentale? Non funziona con tutti Ma io per esempio sono guarito con una decina di sedute. Ero arrivato ad un livello terribile di ipocondria.
In bocca al lupo


Ho provato la terapia psicologica breve , poi psicodinamica se non sbaglio, poi 2 volte psicologi del ssn quindi non so bene che terapia applicassero. So solo una cosa L andarci mi creava quel
Sollievo momentaneo, ma poi poco dopo qualche ora stavo ancora male. La cosa strana alla radice della mia Ipocondria e’ sempre che vi è una specie di autopunizione nei miei confronti...vi spiego : magari penso di essermi ammalato di una malattia specifica, mi informo a menadito sui sintomi e cause, poi Mi inizio ad autocolpevolizzare tipo “vedi se ti controllavi più spesso non ti saresti ammalato e non moriresti” oppure “ vedi se faceva una determinata azione x non ti sarebbe venuto nulla” ora nel caso specifico delle malattie sessualmente trasmissibili di cui ora ho il terrore mi sto autocolpevolizzando del mio atteggiamento sessuale, cioè vedo me stesso come colpevole.
Proprio in questo caso specifico ora mi sono quasi autoconvonto di avere quella determinata patologia è che dovrò fare chissà quali cure terribili e ho addirittura il terrore di una probabile mutilazione o addirittura di morire. Nella mia mente questi pensieri così irrazionali assumono una razionalità pazzesca tale da convincermi. Ormai come vi dicevo vivo le mie giornate come un appestato, non riesco ad alzarmi dal letto, anche fare un azione semplice come lavarsi per me è complicatissima perché poi vedere il mio corpo per me è un arma
A doppio taglio, potrei convincermi di avere qualsiasi cosa da un semplice graffio. Pensate sia un caso molto grave? Stanotte L ho passata a piangere con gli occhi sbarrati al soffitto pensando il peggio. Forse devo contattare qualche bravissimo specialista subito per togliermi questi dubbi sulla mia salute fisica e poi subito dopo sentire quale ottimo psicoterapeuta.

stellapolare

Giovane Amico

  • "stellapolare" is female

Posts: 122

Activitypoints: 429

Date of registration: May 23rd 2012

Location: nel mondo!

  • Send private message

5

Thursday, October 17th 2019, 1:37pm

vedi

Citato da "fran235"

Tra le varie terapie hai provato anche la cognitiva comportamentale? Non funziona con tutti Ma io per esempio sono guarito con una decina di sedute. Ero arrivato ad un livello terribile di ipocondria.
In bocca al lupo

Ho provato la terapia psicologica breve , poi psicodinamica se non sbaglio, poi 2 volte psicologi del ssn quindi non so bene che terapia applicassero. So solo una cosa L andarci mi creava quel
Sollievo momentaneo, ma poi poco dopo qualche ora stavo ancora male. La cosa strana alla radice della mia Ipocondria e’ sempre che vi è una specie di autopunizione nei miei confronti...vi spiego : magari penso di essermi ammalato di una malattia specifica, mi informo a menadito sui sintomi e cause, poi Mi inizio ad autocolpevolizzare tipo “vedi se ti controllavi più spesso non ti saresti ammalato e non moriresti” oppure “ vedi se faceva una determinata azione x non ti sarebbe venuto nulla” ora nel caso specifico delle malattie sessualmente trasmissibili di cui ora ho il terrore mi sto autocolpevolizzando del mio atteggiamento sessuale, cioè vedo me stesso come colpevole.
Proprio in questo caso specifico ora mi sono quasi autoconvonto di avere quella determinata patologia è che dovrò fare chissà quali cure terribili e ho addirittura il terrore di una probabile mutilazione o addirittura di morire. Nella mia mente questi pensieri così irrazionali assumono una razionalità pazzesca tale da convincermi. Ormai come vi dicevo vivo le mie giornate come un appestato, non riesco ad alzarmi dal letto, anche fare un azione semplice come lavarsi per me è complicatissima perché poi vedere il mio corpo per me è un arma
A doppio taglio, potrei convincermi di avere qualsiasi cosa da un semplice graffio. Pensate sia un caso molto grave? Stanotte L ho passata a piangere con gli occhi sbarrati al soffitto pensando il peggio. Forse devo contattare qualche bravissimo specialista subito per togliermi questi dubbi sulla mia salute fisica e poi subito dopo sentire quale ottimo psicoterapeuta.

Tra le varie terapie hai provato anche la cognitiva comportamentale? Non funziona con tutti Ma io per esempio sono guarito con una decina di sedute. Ero arrivato ad un livello terribile di ipocondria.
In bocca al lupo


Ho provato la terapia psicologica breve , poi psicodinamica se non sbaglio, poi 2 volte psicologi del ssn quindi non so bene che terapia applicassero. So solo una cosa L andarci mi creava quel
Sollievo momentaneo, ma poi poco dopo qualche ora stavo ancora male. La cosa strana alla radice della mia Ipocondria e’ sempre che vi è una specie di autopunizione nei miei confronti...vi spiego : magari penso di essermi ammalato di una malattia specifica, mi informo a menadito sui sintomi e cause, poi Mi inizio ad autocolpevolizzare tipo “vedi se ti controllavi più spesso non ti saresti ammalato e non moriresti” oppure “ vedi se faceva una determinata azione x non ti sarebbe venuto nulla” ora nel caso specifico delle malattie sessualmente trasmissibili di cui ora ho il terrore mi sto autocolpevolizzando del mio atteggiamento sessuale, cioè vedo me stesso come colpevole.
Proprio in questo caso specifico ora mi sono quasi autoconvonto di avere quella determinata patologia è che dovrò fare chissà quali cure terribili e ho addirittura il terrore di una probabile mutilazione o addirittura di morire. Nella mia mente questi pensieri così irrazionali assumono una razionalità pazzesca tale da convincermi. Ormai come vi dicevo vivo le mie giornate come un appestato, non riesco ad alzarmi dal letto, anche fare un azione semplice come lavarsi per me è complicatissima perché poi vedere il mio corpo per me è un arma
A doppio taglio, potrei convincermi di avere qualsiasi cosa da un semplice graffio. Pensate sia un caso molto grave? Stanotte L ho passata a piangere con gli occhi sbarrati al soffitto pensando il peggio. Forse devo contattare qualche bravissimo specialista subito per togliermi questi dubbi sulla mia salute fisica e poi subito dopo sentire quale ottimo psicoterapeuta.

[email][/email]

Sarò brusca. Non puoi fare nulla per non morire :)
Si muore non perché ci si ammala, ma si muore perché siamo nati. Il processo è cominciato nel momento stesso in cui sei venuto al mondo.

Ciò premesso, il consiglio è quello di sentire uno psichiatra che possa contenere i tuoi sintomi con una cura farmacologica e un bravo psicoterapeuta che ti segua.

Un'altra cosa: non evitare di uscire, di cenare con amici, di vivere. Peggiori le cose.
Se sono qui, c'è sicuramente qualcuno che mi ha mandato.

Meninblack

Utente Attivo

  • "Meninblack" started this thread

Posts: 191

Activitypoints: 361

Date of registration: Sep 28th 2017

  • Send private message

6

Thursday, October 17th 2019, 3:28pm

Lo so ma ora io ho il tarlo di avere questo problema fisico che mi sta togliendo ogni forza. Sto sprecando ogni giorno con questo terrore, di che cosa mi succederà, di che terapie dovrò fare se davvero mi sono fatto una diagnosi giusta, se e quanto la mia vita cambierà se davvero ho beccato la diagnosi. Ho molta paura, non dormo più praticamente. Vedo la mia vita piena di queste cose psicologiche terribili e vedo gli altri che sembrano Così felici, così pieni di amor proprio , così in pace con loro stessi e che soprattutto amano, ripeto amano la vita.
Tutto ciò’ mi fa una rabbia assurda, perché io devo stare così? Pensate che la situazione è così irrecuperabile ??

repcar

Amico Inseparabile

  • "repcar" is male

Posts: 1,640

Activitypoints: 4,656

Date of registration: Dec 10th 2016

Location: reggio calabria

Occupation: forze di polizia

  • Send private message

7

Thursday, October 17th 2019, 4:41pm

ciao.....come vedi tutti gli utenti hanno risposto al tuo "richiamo di dolore" dandoti dei consigli che approvo in pieno. Quello che non approvo è che con tutta la sofferenza che provi non cerchi di staccare la spina mettendoti in testa che è ora di parlare con uno psichiatra per l'inizio di una cura. Io ho 55 anni e credimi conosco l'ipocondria provata sulla mia pelle, iniziata a 27 anni e per l'inesperienza, l'ignoranza da parte anche dei medici, nonchè l'arretratezza che correva in quei anni hanno fatto che dilungare la mia sofferenza. Chi è ipocondriaco passa le giornate a "scannerizzare il proprio fisico", alla ricerca del nulla. Ogni sintomo, dalla piccola puntura di spilla, un lieve dolore etc. viene vissuto come il "requiem" che sta per arrivare. Al di la dell'aspetto psicologico cui lascio la parola a che ne sa più di me, nel cervello si crea una specie di cortocircuito, in pratica una cattiva comunicazione ed utilizzo tra le sinapsi di vari neurotrasmettitori. Non voglio andare avanti, ma una domanda te le devo fare, il cervello è un organo del nostro corpo e può andare incontro a malattie oppure è esente? Quando capiremo che oltre il parkinson, la demenza etc possono esistere altre patologie psichiatriche quali l'ansia, la depressione per andare avanti con altre più invalidanti? Certamente potresti obiettare che in altre malattie vi sono esami che indicano lo "status", purtroppo,fino ad oggi non esiste un esame per l'ansia e la depressione, fobie etc., quindi cosa facciamo? aspettiamo? lasciando scorrere inesorabilmente la nostra vita con i se ed i ma, con le patologie più incredibili e subdole? Resta inteso che questo è un discorso che ormai per me è diventato un mantra, ma onestamente veder soffrire oggi giorno con un armamentario terapeutico (psicoterapia e farmacologia) così vasto una persona giovane mi riporta indietro negli anni quando anche io avrei voluto avere tanti consigli e non visto come una persona fuori di testa. Passiamo alla paura degli psicofarmaci, OK ci sta, per tutti è così l'inizio di una cura, ma ora ti faccio un'altra domanda? sai quante persone sono decedute per il medicinale vioxx, un antinfiammatorio di seconda generazione? quasi 28 mila persone nel mondo. Anche la semplice aspirina (che non è altro che acido) in determinati soggetti può avere effetti gravi. Nessuna paura, ma questo è un esempio che per tutti noi gli psicofarmaci sono il diavolo, le altre medicine sono la panacea. Ricorda che se utilizzati da un professionista preparato, ed oggi ce ne sono migliaia, hanno meno effetti collaterali di altre classi di farmaci (antibiotici etc.). Devi interrompere questa catena che ti sta logorando corpo e mente. Certamente, come la maggior parte dei farmaci non sono risolutivi, ma perchè gli antipertensivi, antidiabetici sono risolutivi? Mi sono messo di punta a scrivere così tanto perchè non voglio che nessuno soffra per ignoranza (nel senso di ignorare) e paura di non so che.
Ora vengo al sunto......non sono un medico, ma un veterano quindi prendi spunto da chi ha "sofferto come te" e trai le conclusioni. Certamente così non puoi andare avanti, la situazione non è "irrecuperabile" per come scrivi tu, ma devi prendere una decisione. Il farmaco è una stampella, ti aiuta a trovare un equilibrio chimico, poi si lavora sul lato psicologico.
Dimenticavo......forse ora ti stati chiedendo terrorizzato.......ma ancora soffri di ipocondria? Nei periodi di forte stress alcuni sintomi si fanno sentire ma nulla di fronte a quello che ho sofferto..........
Un grande in bocca al lupo e ricorda che in questo forum, chi più chi meno c'è passato......... :thumbup:
Ultima cosa, forse la più importante, lascia stare immediatamente il dott. Google, se non sei della materia allora sei spacciato se leggi articoli di cui non abbiamo contezza e come dico io, un lieve effetto collaterale diventa la "tumulazione della salma"........ :roftl:
Ricorda che hai una vita davanti.......... :beer:

stellapolare

Giovane Amico

  • "stellapolare" is female

Posts: 122

Activitypoints: 429

Date of registration: May 23rd 2012

Location: nel mondo!

  • Send private message

8

Thursday, October 17th 2019, 6:04pm

I tuoi sono i tipici pensieri che facciamo tutti. E dico TUTTI. Perché gli altri stanno bene e io no? Eppure vedi, siamo in tanti a pensarlo, evidentemente tanto bene gli altri non stanno :)
Stai davvero sprecando la tua vita in salute, ascoltami. Prendi una decisione seria, cioè di farti aiutare e spegni dottor Google, noto dispensatore di diagnosi errate.
In bocca al lupo
Se sono qui, c'è sicuramente qualcuno che mi ha mandato.

Meninblack

Utente Attivo

  • "Meninblack" started this thread

Posts: 191

Activitypoints: 361

Date of registration: Sep 28th 2017

  • Send private message

9

Friday, October 18th 2019, 12:04am

Vi ringrazio davvero dal profondo del cuore, queste parole che ho letto mi hanno molto incoraggiato. Ho prenotato un appuntamento da uno specialista in terapia cognitivo comportamentale perché sembra sia la migliore per questo problema. Poi confrontandomi con questo specialista a 4 occhi chiederò se ho bisogno anche di farmaci.. la Risposta io già la so , ma ho un attimo bisogno di razionalizzare bene questo mio problema. Però non contento ho prenotato un altra visita specialistica per chiarire una problematica che sono quasi sicuro di avere, che si probabilmente mi sono auto diagnosticato da Google, ma che magari ci ho preso. Questo dubbio mi ammazza quindi devo assolutamente farlo . Ho cercato specialisti su specialisti ma tutti mi davano appuntamento tra settimane è così veramente stanco e turbato ho deciso che andrò da questo che ho trovato al momento. Non ho bellissime sensazioni e ho molta paura. Non so domani come mi sentirò nell andarci, quasi sicuramente male e avrò il terrore addosso. Mi auguro che vada tutto bene e comunque sia intraprenderò dalla prossima settimana questa psicoterapia mirata che mi auguro mi aiuti. Io più che altro vorrei sapere la causa scatenante di tutto ciò , solo la psicanalisi magari mi aiuterebbe ma sarebbe un lavorone. Io mi sono sempre sentito diverso dagli altri, come se fossi il
Giocattolo rotto in una catena di montaggio dove tutti gli altri erano usciti bene. Mi sono sempre sentito di valere meno di quanto credessi e di valere poco per tutti. Mi sono sempre sentito carente di amore da parte del mondo e probabilmente non mi sono mai voluto un briciolo bene. Potrebbero essere delle cause ?

gloriasinegloria

Amico Inseparabile

Posts: 1,501

Activitypoints: 4,636

Date of registration: Aug 11th 2017

  • Send private message

10

Friday, October 18th 2019, 9:11am

Ho prenotato un appuntamento da uno specialista in terapia cognitivo comportamentale perché sembra sia la migliore per questo problema. Poi confrontandomi con questo specialista a 4 occhi chiederò se ho bisogno anche di farmaci


Lo Psicologo NON è un Medico.
Quindi : non può prescrivere farmaci , nè per professione è tenuto a conoscerne i meccanismi d'azione. Lo Psichiatra, invece, sì.

Meninblack

Utente Attivo

  • "Meninblack" started this thread

Posts: 191

Activitypoints: 361

Date of registration: Sep 28th 2017

  • Send private message

11

Friday, October 18th 2019, 4:34pm

Ho fatto questa tanto temuta visita specialistica (non quella psicologica ma quella riguardante il mio presunto problema fisico) il dottore mi ha tranquillizzato molto dicendo che va tutto bene e non ho nulla, devo solo controllare periodicamente una cosa ma tutto tranquillo. Io sinceramente lì per lì mi sono molto tranquillizzato, però ora ho paura che non mi abbia visitato abbastanza bene, e se avesse sbagliato diagnosi? Se ne leggono tante in giro, di diagnosi sbagliate di errori vari...mi ero ripromesso che una volta calmatomi dopo questa visita mi sarei messo L anima in pace ma ho mille dubbi . Ho quasi come la paura di non riuscire a stare calmo perché magari c’è qualcosa che io non so !!! Come faccio a reggere fino L incontro con il terapeuta? Qualcuno conosce l approccio EMDR?? Dicono possa essere efficace nei casi simili al mio.

stellapolare

Giovane Amico

  • "stellapolare" is female

Posts: 122

Activitypoints: 429

Date of registration: May 23rd 2012

Location: nel mondo!

  • Send private message

12

Friday, October 18th 2019, 7:25pm

Caro, ti devi fidare e affidare. Il medico che ti ha visitato ha tutto l'interesse di fare le cose per bene.

Sembra quasi che ti dispiaccia star bene. Può essere un modo per chiedere aiuto per qualcos altro?
Incontra il terapeuta ;)
Se sono qui, c'è sicuramente qualcuno che mi ha mandato.

Meninblack

Utente Attivo

  • "Meninblack" started this thread

Posts: 191

Activitypoints: 361

Date of registration: Sep 28th 2017

  • Send private message

13

Friday, October 18th 2019, 10:08pm

Scusatemi L ora e il momento. Il problema è che da questa visita ne sono uscito si più tranquillizzato per il problema che pensavo di avere ma il fatto che mi ha trovato un neo da tenere sotto controllo ogni anno (parole sue) e sul quale ha soffermato L attenzione, mi ha fatto molto riflettere, non ha nemmeno escluso il fatto di poterlo togliere in un futuro, e la cosa mi ha mandato nel panico. Allora forse un vero problema c’è ? Lui ha detto solo di controllarlo ma di stare tranquillo, e anzi di essere sereno. Ovviamente sono uscito sollevato per il fatto che la prima cosa era a posto , ma ora riflettendo e pensando quelle sue parole mi girano in testa da ore. E se allora forse bisogna controllare più spesso? E Se dovrò toglierlo? Ne sono terrorizzato perché so cosa significa non sono stupido e sto già pensando al
Peggio . C’è una parte di me che è più tranquilla ma L Altra parte mi tiene sulle spine perche penso : e se devo fare altri controlli riguardo questa cosa ? E se mentre mi tranquillizzo in realtà c’è davvero un rischio e potrei avere problemi davvero? Ne ho il terrore e sto malissimo. Ho avuto un attacco d ansia prima e vorrei riparlare col medico, ma mi prenderebbe per pazzo. Poi penso ma se era davvero una situazione pericolosa me lo avrebbe fatto togliere da subito no? Non mi avrebbe detto di controllare ogni anno? Beh in realtà ha detto che se mi
Da problemi devo andare da lui ma questo era scontato. Ora ho paura per i prossimi giorni, ho paura di degenerare. Forse dovrei andare da una guardia medica a prendere delle gocce per L ansia ??

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,152

Activitypoints: 21,798

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

14

Friday, October 18th 2019, 10:24pm

Prima del neo occupati dell'ipocondria e va dal terapeuta. Eventualmente ti potrà indirizzare da uno psichiatra che capisce che hai temporaneamente bisogno di una terapia d'urto.
Un abbraccio
Allontana da me questo calice.....

Meninblack

Utente Attivo

  • "Meninblack" started this thread

Posts: 191

Activitypoints: 361

Date of registration: Sep 28th 2017

  • Send private message

15

Friday, October 18th 2019, 11:59pm

Lo so! Ho contatto questo terapeuta specializzato in cognitiva comportamentale e ho visto che fa anche EMDR, i prossimi giorni ho fissato questo appuntamento. A parte che mi sto rovinando per andare dai medici a livello finanziario. In 3 settimane ho visto 4 specialisti e fatto 2 analisi. Io quando sono da un medico mi sento molto rassicurato è vero, mi da proprio sicurezza per le mie fobie. La cosa che mi è stata detta oggi mi ha messo molta ansia, mi sento seriamente in pericolo. Dovrò essere forte questi giorni nel farmi coraggio e distrarre la
Mia mente ma sembra impossibile. Io ho 24h su 24 questi pensieri. Nella mia mente c’è solo e soltanto questo. Parlo con gli altri e penso a questo, cammino per strada e ci penso, guardo un film e ci penso. Nell ultima settimana mi sono accorto di alcune cose :
Ho perso tantissimo L appetito , non ho più fame, Mi va solo di dormire e passo il tempo connesso a Google a cercare e cercare. Spesso mi ritrovo con gli occhi sbarrati, faccio discorsi sconnessi, parlo sempre delle stesse cose, mi accorgo di essere davvero in uno stato mentale confuso. Datemi dei rimedi temporanei per stare meglio per affrontare almeno 2 giorni fino a che parlerò col terapeuta. Ho un grosso bisogno di rassicurazione . Scusate ancora gli sfoghi.

1 user apart from you is browsing this thread:

1 guests