Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


arancione

Nuovo Utente

  • "arancione" started this thread

Posts: 6

Activitypoints: 25

Date of registration: Oct 24th 2011

  • Send private message

1

Monday, October 24th 2011, 11:09pm

Ipocondria???

Salve a tutti. Mi sono appena iscritta perchè ho necessità di chiedere un vostro suggerimento.
Vi espongo in breve il mio problema. Al momento ho 28 anni,ho un lavoro che non amo,ma l'essere circondata da colleghi piacevoli me lo rende meno pesante,in più sto per laurearmi.
Quando avevo 17 anni ho avuto un primo attacco di panico,a scuola. Non sapevo cosa fosse sicchè ho fatto tutte le analisi del caso ed è risultato che ero sana come un pesce.
Intorno ai 23 anni ho iniziato una terapia breve strategica perchè i miei attacchi di panico si erano intensificati.
Purtroppo non sono riuscita a trarre il benchè minimo giovamento,così interrotta la terapia dopo 14 sedute, mi sono messa un po' "l'anima in pace" ed ho iniziato trainig autogeno ed esercizi di mindfulness scaricati da internet,sperando in un minimo di aiuto.
Negli anni successivi ho avuto solo attacchi sporadici,fino a che,a maggio di quest'anno,ho avuto una banale reazione allergica che mi ha irritato molto la gola,questo ha scatenato un attacco di panico di quelli che non ti lasciano scampo...da quel giorno,nonostante le rassicurazioni dell'allergologo,non riesco a togliermi dalla testa l'idea che mi verrà prima o poi una reazione anafilattica seria e che metterà in pericolo la mia vita..quindi devo sempre controllare tutto.
Così,senza aspettare troppo,rendendomi conto dell'assurdità del mio timore,ho chiesto aiuto ad una psicologa (cognitivo-comportamentale) e la prima cosa che ha detto è stata di accettare il fatto che i miei attacchi forse non spariranno mai. questo mi ha messo ancora di più a disagio,ma le ho comunque dato fiducia perchè ho pensato che magari quello era il suo modo di approcciare al problema.
..le ho detto che i sintomi fisici li gestisco,non ho tachicardia o altro...quello che non controllo sono i pensieri catastrofici.
e lei non mi dice nulla. dice che passerà,che facendo training autogeno e continuando a rilassarmi piano piano imparerò a conviverci.
quindi vi prego,almeno voi,ditemi che c'è una strada per risolvere il problema.
che poi ?...qual è il problema? l'ipocondria o gli attacchi di panico?...o forse nessuna delle due?
di cosa dovrei parlare con la psicologa?...e perchè lei mi lascia tutto questo spazio? è normale gestire così le sedute?
...so che avete pochi elementi per aiutarmi,ma magari qualcuno di voi ha un parere da condividere.
un saluto a tutti.

Morpheus88

Utente Avanzato

  • "Morpheus88" is male

Posts: 601

Activitypoints: 1,802

Date of registration: Aug 9th 2011

Location: Abruzzo

Occupation: Freelance

  • Send private message

2

Wednesday, October 26th 2011, 1:26am

Si esiste una soluzione al problema, per ogni problema c'è una soluzione e altro consiglio cambia psicologa, se leggi un post che ho scritto una settimana fa potrai capire perchè.

eleazar

Utente Attivo

Posts: 28

Activitypoints: 91

Date of registration: Oct 23rd 2011

  • Send private message

3

Wednesday, October 26th 2011, 2:46am

Posso farti solo un augurio ed un incoraggiamento,mai smettere di provare.

arancione

Nuovo Utente

  • "arancione" started this thread

Posts: 6

Activitypoints: 25

Date of registration: Oct 24th 2011

  • Send private message

4

Wednesday, October 26th 2011, 9:59am

Si esiste una soluzione al problema, per ogni problema c'è una soluzione e altro consiglio cambia psicologa, se leggi un post che ho scritto una settimana fa potrai capire perchè.
Grazie per il tuo supporto. dove posso trovare il post a cui fai riferimento?

arancione

Nuovo Utente

  • "arancione" started this thread

Posts: 6

Activitypoints: 25

Date of registration: Oct 24th 2011

  • Send private message

5

Wednesday, October 26th 2011, 10:02am

Posso farti solo un augurio ed un incoraggiamento,mai smettere di provare.
Ti ringrazio molto perchè certi giorni penso davvero che non ci sia soluzione se non il fatto di accettare passivamente la cosa ed imparare a conviverci,ma questo mi causa una frustrazione ancora più grande,perchè sento di non aver trovato ancora l'aiuto giusto.
ho bisogno di imparare a difendermi.