Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

gigiotto

Utente Attivo

  • "gigiotto" started this thread

Posts: 22

Activitypoints: 73

Date of registration: Dec 15th 2012

  • Send private message

1

Friday, December 21st 2012, 1:32pm

ipocondria paura infarto

ciao a tutti,

qualcuno tra voi, "colleghi" di ansia e panico soffre di ipocondria relativa alla paura di infarto?

Grazie a chi vorrà rispondermi e suggerirmi che soluzione ha adottato!!

markmusic

Nuovo Utente

Posts: 4

Activitypoints: 19

Date of registration: Dec 2nd 2012

  • Send private message

2

Sunday, December 23rd 2012, 11:27pm

Ciao gigiotto ti posso dire ke 5 anni fa sn stato 2 anni cn paura di un infarto misuravo sempre la pressione e nn ti dico le visite cardiologiche da illustri primari, poi siccome la situazione era insopportabile ho deciso in una cura psichiatrica, per 3 anni sn stato bene ora ho una specie di ansia somatizzata e depressione dovro' riprendrre le cure. Comunque sta tranquillo e' solo ipocondria, anche io ho paura di tutte le malattie. Tanti auguri di buon natale.

zozie

Utente Attivo

Posts: 12

Activitypoints: 57

Date of registration: Dec 24th 2012

  • Send private message

3

Monday, December 24th 2012, 3:32am

io ho TANTISSIMA paura riguardo a tutto ciò, ma purtroppo non ho ancora trovato il modo di combatterla... :/

zozie

Utente Attivo

Posts: 12

Activitypoints: 57

Date of registration: Dec 24th 2012

  • Send private message

4

Monday, December 24th 2012, 3:03pm

scusate se non modifico ma ho bisogno che questa risposta venga notificata.. stanotte in preda al solito attacco d'angoscia/di morte ho parlato con un mio amico, che mi ha 'risolto' se non per sempre almeno temporaneamente questo problema. almeno, mi ha dato delle basi solide su cui appoggiare questa mia paura, per cui se dovessi tenerla sotto controllo cercherei di fare come dice lui. lui mi ha detto

Quoted

"Non puoi morire di infarto.. Di infarto si muore per il colesterolo.. Ed è impossibile che a te succeda una cosa simile.. Ti passo al massimo l'arresto cardiaco

Ma cmq anche quello è improbabile se non hai patologie cardiovascolari

per quanto possa ssere malmesso il tuo cervello

Alcune cose non puoi deciderle tu

Il tuo corpo continuerà a funzionare bene, il tuo cuore continuerà a battere senz achiederti il permesso"


e poi

io gli ho risposto così

Quoted

sì ecco, arresto cardiaco è la cosa giusta

io lo spero

forse è il fatto che lui se ne va da solo e non posso controllarlo

e ho paura che a ogni minimo cambiamento (battiti + lenti/forti)

possa succedere qualcosa

come con la deglutizione

e cose simili


e lui

Quoted

Puoi smettere di spendere energie nello sperare che tutto funzioni come deve..

È uno spreco

E non vivi più

Questi riflessi sono impeccabili

Puoi essere anche la peggiore psiicopatica sulla faccia della terra e pensare a cone fare ogni respiro che esali, ma appena ti distrarrai respirerai ugualmente


ecco insomma.. questo mi ha calmato. non decido io queste cose, per andar male devo avere il colesterolo alto o malattie cardiovascolari. e per essere sicura di non averle (cosa che cmq so di non avere) basta fare degli esami. e poi ci si potrà smettere (almeno temporaneamente) di preoccuparsi per queste cose. ho capito che il mio cuore non smetterà di battere perché io sono triste, piango, mi sento soffocare. quella è l'ansia ed è il mio cervello, come quando mi prendo una botta e la parte del corpo pulsa, ma non per questo succederà qualcosa di irreparabile. il cervello purtroppo e per fortuna condiziona tutto ciò che percepiamo, e, almeno a me, avere queste basi su cui poter fondare la mia paura mi ha aiutato a tenerla sotto controllo e ad andare a dormire più serena, senza la paura di non svegliarmi più!!

gigiotto

Utente Attivo

  • "gigiotto" started this thread

Posts: 22

Activitypoints: 73

Date of registration: Dec 15th 2012

  • Send private message

5

Thursday, December 27th 2012, 7:56pm

ciao!
sono contenta che ti abbia aiutato a risolvere il tuo problema. Però per me personalmente non c'è differenza tra infarto e arresto cardiaco in quanto tutte e due alla fine possono portare al medesimo risultato.. che è poi la paura di cui parlavo...
Oggi ho portato un peso leggero sulla schiena e dopo dieci minuti mettendolo giù mi sentivo un mattone tra le scapole, ho dovuto faticare per non pensare alla solita cosa o addirittura che i polmoni possono essere ammalati per darmi questo fastidio alla schiena. Si legge troppa robaccia sul web, di cui purtroppo non ne possiamo fare a meno.
Spero di fare tesoro dei tuoi suggerimenti, e di metterli in pratica!!! Buona serata!

patatina88

Nuovo Utente

Posts: 3

Activitypoints: 16

Date of registration: Sep 26th 2012

  • Send private message

6

Thursday, December 27th 2012, 10:30pm

giotto ti capisco

Ciao...non sai come ti capisco...tipo io ora sono sul divano con un dolore tremendo al petto che non capisco e anche se so(per via degli esami) che il mio cuore sta bene io tutte le volte penso sia un infarto!!!sai pero non so come puo passare questa paura...l'unica cosa che so è che puo esser perche non si è davvero felici in questo momento!!!

gigiotto

Utente Attivo

  • "gigiotto" started this thread

Posts: 22

Activitypoints: 73

Date of registration: Dec 15th 2012

  • Send private message

7

Friday, December 28th 2012, 6:56pm

patatina88 ciao!
spero tu stia meglio. Stamattina ho fatto riflessologia plantare e chiedevo al mio terapeuta il perchè se fai gli esami del sangue e vanno bene allora tiri un sospiro di sollievo e dici ok sto bene. Ho fatto invece in 3 mesi 4 ecg normali e uno sotto sforzo oltre agli altri esami per escludere emergenze tutti negativi e non riesco a convincermene. Tu che esami hai fatto?
Il mio terapeuta dice perchè mi sono fissata su quello e quello reagisce tirando fuori mille dolorini (adesso mi punge il petto a sx..)
Abbiamo buttato troppo senza esprimerci, tenuto dentro emozioni per troppo tempo ma ora non c'è più spazio e il corpo sta esplodendo. E' un bene direi... ma fa male alcune volte!
Un salutone e se vuoi rispondere leggo molto volentieri.
Tu quali sintomi senti oltre il petto?

enterprise1963

Nuovo Utente

  • "enterprise1963" is male

Posts: 3

Activitypoints: 9

Date of registration: Dec 28th 2012

Location: Sardegna

Occupation: Professore

  • Send private message

8

Friday, December 28th 2012, 9:47pm

L'ipocondria a mio modesto parere non è una malattia, ma, il conoscere ogni sei mesi, un'anno,la situazione del nostro corpo. Io ogni sei mesi procedo nel verificare la situazione del sangue ( emocromo completo), il PSA completo,Ptt ( vascolarizzazione) esame della tiroide e Uricemia, costo completo 76.00. Per completare un doppler addominali inferiore e superiori ((fegato, pancreas, vescica, prostata stomaco), poi doppler arti superioricon radiografia toracica e polmoni costo se dallo specialista privato 65,22 euro. Io non mi ritengo un'ipocondriaco ma una persona che cerca di muorire il più tardi possibile, correggendo inizi di malattia complesse se prese in tempo. Resta la colonscopia un controllo dell'intestino ogni anno, ma se non si hanno sanguinamenti o dolori che non passano, la colonscopia la si può effettuare ogni due e tre anni come il sottoscritto. Non si dimentichi la visita Cardiologica e ECG come inizio, se tutto e nella norma è suficente.Importante una visita dal Neurologo almeno una volta all'anno.
La salute và gestita è eliminate calla mente che l'ipocondria è una malattia, la paura di avere un male cattivo fà paura anche al sottoscritto, ma perchè non debellarlo dall'inizio?

gigiotto

Utente Attivo

  • "gigiotto" started this thread

Posts: 22

Activitypoints: 73

Date of registration: Dec 15th 2012

  • Send private message

9

Saturday, December 29th 2012, 3:31am

Il tuo discorso potrebbe filare ma... una volta fatti gli accertamenti, in qs caso visita cardiologica, 4 ecg e 1 ecg sotto sforzo continua imperterrita questa benedetta paura dell'infarto o arresto cardiaco che dir si voglia... questo però non è proprio così normale... diventa ipocondria credo.
In da luglio ad oggi personalmente ho anche fatto2 volte gli esami dell'emocromo, rx torace, tiroide, oltre a quelli per il cuore, il portafoglio può parlare... però i dolorini quando arrivano possono mandarti in orbita: punge e duole il petto, la bocca dello stomaco è pressata, l'esofago chiuso a volte un senso di bruciore, la gola è chiusa, insomma diciamo che non è proprio un bel momento quando ti prende...
Si tenta di debellarlo e infatti appena sentiamo il primo attacco corriamo chi dal medico chi al ps e poi una volta avuti i referti negativi tutto dovrebbe finire.. invece si ricomincia con un'altra cosa...
buona notte a tutti!

enterprise1963

Nuovo Utente

  • "enterprise1963" is male

Posts: 3

Activitypoints: 9

Date of registration: Dec 28th 2012

Location: Sardegna

Occupation: Professore

  • Send private message

10

Saturday, December 29th 2012, 4:33pm

Signor Giggiotto,

le faccio presente che L'infarto non può essere neutralizzato neppure stando sotto controllo 24 ore in un'ospedale. L'infarto è imprevvedibile perciò elimini dal pensiero che può verificarsi all'istante è vivrà una vita eccellente. Si ricordi chi gestisce le malattie ( ipocondria), che per il sottoscritto non l'ho è, sono i pensieri.Il nostro corpo è una macchina non perfetta ( la morte) dovuta all'invecchiamento dei tessuti. Lei, stà invecchiando prima del Suo tempo. La salute mentale signor Giggiotto, Lei deve convincersi che tutti moriremo, e l'infarto può accadere a tutti ( sei miliardi di persone). Signor Giggotto non viva la sua vita inultimente, l'infarto non lo debellerà nessuno, si preoccupi della salute di altri " organi" per anticipare ( come faccio io), malattie che potrebbero farla soffrire seriamente per lunghi anni. Si ricordi che l'eutanasia non esiste in Italia e ha mio modesto parere, preferisco morire di un'infarto che in un letto per lunghi anni attendendo la morte, impedito anche di comunicare. Fuori le " palle" la vita è brevissima, non si faccia schiacciare dall'idiozia. Se poi Lei soffre di Depressione, allora cancelli il mio pensiero, la depressione si cura con i psicofarmaci, ma non le risolverebbero il Suo problema. Ciao ?(


enterprise1963

Nuovo Utente

  • "enterprise1963" is male

Posts: 3

Activitypoints: 9

Date of registration: Dec 28th 2012

Location: Sardegna

Occupation: Professore

  • Send private message

11

Saturday, December 29th 2012, 4:58pm

l'ipocondria un'illusione

Gentilissimo,

cercherò di esprime il mio pensiero radicalmente e in un modo fanciullesco.

Tutti dobbiamo morire (vecchiaia dei tessuti n età avvanzata), infarto, cancro ecc....

L'infarto è imprevvedibile per tutti. Se Lei si controlla saltuariamente, almeno due volte all'anno se non esistono complicazioni. Gli infarti sono di vari tipi, polmonari, cardiaci ecc.., Lei a mi modesto parere ha bisogno di un controllo neurologico ( io ogni anno mi faccio controllare), l'avviso che è uno spreco di denaro, il suo problema potrebbe variare in positivo con la SEROTONINA, ma si tratta di un disturbo psicologico ( convinzione). Come risolverLO? Decidere se vivere con l'ansia che un'infarto arrivi senza chiamare, oppure, considerarsi uno sciocco e limitato intellettualmente. Nella mia famiglia ( se le può fare piacere), mia zia di primo grado è deceduta d'infarto, la seconda idem, la terza infarto fulminante, mio padre all'età di 54 anni infarto fulminante, mia cugina di primo grado cardiopatica, IO ATTUALMENTE SANISSISSIMO ( ho 50 anni) ma non ho paura che potrà per ereditarietà toccare anche a me e sono contento di vivere. SI TOLGA DALLA MASSA GRIGIA L'IMPERFEZIONE è si goda la vita , arriverà anche per LEI il momento della morte. Si faccia un giro nei centri oncologici dove non solo adulti ma bambini attendono la morte SICURI DI MORIRE, non come Lei che ha paura dell'infarto. Si aiuti non esiste altro rimedio altrimenti continui (?!) ha spendere soldi da psicologi, neurologi, psichiatri. I medici non hanno la sfera magicaper il Suo caso, Lei invece possiede la bacchetta magica, RESETTARE IL SUO PENSIERO INTRINSECO è ripartire, l'infarto l'ascolterà è perirà. :S