Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Ale_M

Unregistered

1

Thursday, November 22nd 2018, 8:34am

inizio terapia ma non avrei voluto

Ciao ragazzi. come ho scritto nel titolo.. dopo due mesi di palpitazioni quasi costanti non ce l'ho fatta più e per la serie "fatti aiutare" mi sono rivolto ad un medico. Mi ha spiegato che l'ansia come nel mio caso diventa sempre più difficile da debellare se non trattata e prendere xanax o similari al bisogno non è la scelta giusta perchè non si cura il problema alla radice. La mia ansia è subdola perchè non ha un fondamento nella vita di tutti i giorni.. c'è chi ha dei motivi reali e toccabili con mano e chi come me non sa perchè questa maledetta arriva.. e si fa sempre più prepotente e duratura ad ogni attacco come se conquistasse ogni volta un pezzo di vita in più.
Ho sempre avuto un sano terrore dei medicinali di questo tipo ma questa volta mi sono dovuto arrendere con mia grande riluttanza. Primo perchè ho paura! si, ho paura che una volta che si inizia non se ne esce (vi prego smentitemi) e poi perchè la vivo come una sconfitta poichè me la sono sempre cavata da solo. La terapia prescritta consiste in due farmaci, zarelis + xanax. la posologia è zarelis da 35mg dopo colazione per 10 giorni poi passo a 75mg per "x" tempo.. ci vediamo e ne parliamo mi ha detto. e xanax compressa da 0,5mg a rilascio prolungato la sera. quest'ultima da togliere dopo circa un mese. leggendo i foglietti illustrativi, lo so, non si dovrebbe fare.. ma io lo faccio sempre, mi fa molta paura iniziare questa cosa!
mi piacerebbe essere rassicurato da qualcuno che ha usato questi farmaci.. del resto non dovrò prenderli a vita no? e se pure dovessero fare degli effetti indesiderati vado dal medico e vediamo di interrompere... che dite?
ah.. un'altra cosa.. c'è scritto di non assumere alcol durante il trattamento... io una birretta ogni tanto vorrei berla!
ciao e grazie a tutti.

Lu898

Giovane Amico

  • "Lu898" is female

Posts: 503

Activitypoints: 620

Date of registration: Jan 7th 2018

Occupation: Segretaria

  • Send private message

2

Thursday, November 22nd 2018, 10:03am

Ciao..allora io sono come te..ma

1) ho fatto una cura 8 anni fa e sono stata benissimo, nemmeno un effetto collaterale , anzi ingrassavo ma ero felice.
2) se inizi negativamente te li sentirai tutti, perché alla fine gli effetti collaterali, la maggior parte viene per colpa nostra..te lo dico perché a gennaio anche io come te non volevo prenderlo e invece ho iniziato ma dopo una settimana ho buttato via tutto..
3) siamo forti volendo passa anche con tanta forza, ma forse alcune volte ci serve una mano..io dopo ieri ho capito che per alcune fobie ho bisogno di aiuto, soprattutto se si tratta di dottori..
4) la dipendenza è rara, quindi tu segui il tuo medico e vedrai che starai bene..
5) per l alcool mi raccomando non esagerare..una birretta ogni tanto non fa nulla..

Lorenzo De Luca

Unregistered

3

Thursday, November 22nd 2018, 10:55am

Ciao ragazzi. come ho scritto nel titolo.. dopo due mesi di palpitazioni quasi costanti non ce l'ho fatta più e per la serie "fatti aiutare" mi sono rivolto ad un medico. Mi ha spiegato che l'ansia come nel mio caso diventa sempre più difficile da debellare se non trattata e prendere xanax o similari al bisogno non è la scelta giusta perchè non si cura il problema alla radice. La mia ansia è subdola perchè non ha un fondamento nella vita di tutti i giorni.. c'è chi ha dei motivi reali e toccabili con mano e chi come me non sa perchè questa maledetta arriva.. e si fa sempre più prepotente e duratura ad ogni attacco come se conquistasse ogni volta un pezzo di vita in più.
Ho sempre avuto un sano terrore dei medicinali di questo tipo ma questa volta mi sono dovuto arrendere con mia grande riluttanza. Primo perchè ho paura! si, ho paura che una volta che si inizia non se ne esce (vi prego smentitemi) e poi perchè la vivo come una sconfitta poichè me la sono sempre cavata da solo. La terapia prescritta consiste in due farmaci, zarelis + xanax. la posologia è zarelis da 35mg dopo colazione per 10 giorni poi passo a 75mg per "x" tempo.. ci vediamo e ne parliamo mi ha detto. e xanax compressa da 0,5mg a rilascio prolungato la sera. quest'ultima da togliere dopo circa un mese. leggendo i foglietti illustrativi, lo so, non si dovrebbe fare.. ma io lo faccio sempre, mi fa molta paura iniziare questa cosa!
mi piacerebbe essere rassicurato da qualcuno che ha usato questi farmaci.. del resto non dovrò prenderli a vita no? e se pure dovessero fare degli effetti indesiderati vado dal medico e vediamo di interrompere... che dite?
ah.. un'altra cosa.. c'è scritto di non assumere alcol durante il trattamento... io una birretta ogni tanto vorrei berla!
ciao e grazie a tutti.

L'ansia: ha detto bene, alprazolam non è risolutivo e preso cosi può pure peggiorare (può indurre depressione).
Ci son farmaci scelti dal medico che servono per poter fare cure anche lunghe.
Si può abbinare: sotto stretto controllo medico.
Se arriva ha una motivazione, ma facciamo fatica a discernerla.
Nulla arriva a caso.
Poi l'ansia è come il dolore: a volte ci è utile per spingerci a curarci, immagina se non ne avessimo.
E come il dolore per un dente: senza nevralgia non avrei curato manco morto un molare !
Anche io ero contrarissimo ai farmaci.Prima ho provato SOLO con terapie psicologiche.Prima non assumevo neanche la classica Aspirina(che è pure peggio).
In pratica fino a 20 anni nulla di nulla .
Foglietti illustrativi: il farmaco è conosciutissimo.Fidati di quello che ti dice lui.
Lasciali perdere proprio.
Parla e spiega,sopratutto chiedi premettendo che POI assumerai ciò che lui ti dirà di assumere, ma cerchi solo di capire perchè è un tuo diritto.O ti fidi o non iniziare affatto.
Ti consiglio di iniziare, e tuieni conto che le cure daranno iniziali problemi, anche lievi, o forse nessuno, che poi lentamente diminuiranno sino a sparire.
ALcool: chiedi .
Non tutto è uguale: dosi e tipologia, ed a distanza dall'assunzione dei farmaci,se puoi evitare è meglio per te.Controindicato al massimo.
Vai dal medico ed in caso di effetti collaterali NON interrompere se puoi (se non indispensabile: nel caso di totale intollerabilità sarà lui a valutare ).
Ma non partire dal fatto che poi interromperesti:sarebbe la peggior cosa che potresti fare come principio.Tu punta a placarla quell'ansia.I modi esistono.Faramci nel tuo caso e psicoterapia da abbinare (te la consiglio).
Quel farmaco l'ho assunto a dosaggi ben maggiori dei tuoi.
Su quelli a lungo termine non mi esprimo.
Tu pensa solo a curarti.SUpera il periodo iniziale che potrebbe essere fastidioso,poi dopo sempre meno.

windrew

La vita è attaccata ad un filo sottile che va tenuto stretto.

  • "windrew" is male

Posts: 1,371

Activitypoints: 3,511

Date of registration: Jun 26th 2016

Location: emilia-romagna

Occupation: una volta

  • Send private message

4

Thursday, November 22nd 2018, 11:35am

Segui la cura, vedrai che quando starai meglio, non ti sarai pentito di averlo fatto. Io ho dismesso lo xanax affiancandolo e sostituendolo con compresse di valeriana, ma dopo anni di cure. Per non diventare assuefatto fatti alternare varie molecole di benzodiazepine. Sono sempre ansiolitici. Anche io consiglio di affiancare la psicoterapia. Andrà sempre meglio ma l'ansia fa parte della vita e potrebbe ritornare, necessita imparare a stare il meno peggio possibile. Nel mio caso sono diventato piuttosto freddo e cinico e la mia grande sensibilità è stata in parte cestinata. A volte è meglio girarsi da un'altra parte. Buon proseguimento.
se vi è un problema, in quanto tale, ha una soluzione, altrimenti è un dato di fatto con cui convivere

Ale_M

Unregistered

5

Thursday, November 22nd 2018, 11:45am

Grazie Lu898. perchè dopo una settimana hai buttato via tutto? 8 anni fa sei riuscita a risolvere e questa volta non vuoi più provarci? si.. siamo forti e volendo passa. ma io questa volta ho provato di tutto, meditazione, mindfulness, pensiero positivo.. ma il mio cuore non ha voluto smetteren di farsi sentire. anche in questo momento che scrivo sento il cuore che batte forte e ogni tanto sospiro! e a dire che il cardiologo mi ha detto che sono bradicardico :D ma io questa ansia la voglio sconfiggere perchè al contrario di molte persone io somatizzo.. e ogni volta che mi viene l'ansia, di conseguenza mi ammalo anche di occhio secco.. e non vi dico il fastidio!!! ;( hai ragione, devo iniziare senza pensare che mi farà questo o quello.. come se stessi prendendo un banale farmaco. io poi sono stronzo perchè se leggo che fa venire la diarrea ecco che quella mi viene!

Hai ragione Lorenzo, se arriva c'è una ragione! ma io sono fatto così. sono iperprotettivo e da quando è nato mio figlio 11 anni fa ho iniziato a soffrire di questo disturbo. prima il massimo che poteva succedermi era qualche sbadiglio più del normale e un tremolio della palpebra! ora invece, la situazione è ben diversa e più seria! ti giuro, ci ho pensato mille volte ieri sera se andare o no all'appuntamento con il dottore, poi mia moglie mi ha praticamente spinto fuori dalla porta per andarci! io mi fido.. e stamattina ho iniziato. sono una persona allegra e solare e non voglio che questa maledetta ansia mi rovini le giornate e soprattutto la vita! mi ha fatto paura il fatto che se non mi curo poi sarà sempre peggio e questa cosa mi ha spinto ad iniziare la terapia.
comunque mi ha detto che non sarà per sempre.. ma che sarà "fin quando servira". senza metterci una scadenza, e piano piano me lo diminuirà fino a toglierlo del tutto.
cosa intendi con la frase "Su quelli a lungo termine non mi esprimo"? si, penso a curarmi perchè mi merito una vita migliore e se la merita anche chi è vicino a me.

Scusate la lungaggine ma avevo proprio bisogno di parlarne per esorcizzare questa sensazione di sconfitta che aleggia dentro di me e placare la vocina interiore che dice "stai prendendo psicofarmaci" :assi: spero che tutto questo un giorno sia solo un brutto ricordo. spero che tutti qui in questo forum possano migliorare e vivere una vita piena e felice perchè se ci facciamo davvero caso... la vita non torna più e noi siamo solo di passaggio. Ciao Amici, un abbraccio.

6

Thursday, November 22nd 2018, 12:37pm

Ho sempre avuto un sano terrore dei medicinali di questo tipo ma questa volta mi sono dovuto arrendere con mia grande riluttanza. Primo perchè ho paura! si, ho paura che una volta che si inizia non se ne esce (vi prego smentitemi) e poi perchè la vivo come una sconfitta poichè me la sono sempre cavata da solo

Caro Ale, innanzitutto rilassati e rasserenati perché hai avuto il grande privilegio di fare certamente la scelta migliore. Ciò detto, cerca di uscire da questa bufala del "non se ne esce più". Questo forum è zeppo di persone che hanno fatto terapie di varie tempistiche e che in moltissimi casi le hanno definitivamente dismesse perché stavano bene. Io stesso anni fa ho fatto una terapia a base di antidepressivi + ansiolitico durata nemmeno 6 mesi poi stop senza avere nessuna dipendenza.

Le terapie farmacologiche non servono per rendere le persone schiave dei medicinali ma per affrontare e si spera risolvere dei problemi che altri approcci non hanno risolto e il più delle volte questi nostri problemi sono semplicemente dovuti a dei crolli nervosi dovuti a situazioni stratificate o a preoccupazioni oppure a forti delusioni e difficoltà legate alla vita di tutti i giorni. Siamo esseri umani, c'è quello che davanti a un problema gli viene l'ulcera, c'è chi diventa bulimico, c'è chi gli viene la depressione e chi l'ansia.

Ora curati con serenità e vedrai che il medico che ti segue saprà gestire al meglio la terapia al fine di ottenere nel tempo più breve i migliori risultati.

Ale_M

Unregistered

7

Thursday, November 22nd 2018, 2:03pm

Grazie a tutti ragazzi. Qui ci si può sentire davvero a casa tra amici... grazie davvero!

Lorenzo De Luca

Unregistered

8

Thursday, November 22nd 2018, 7:29pm

Su quelli a lungo termine non mi esprimo perchè, se dovessi porre esempi su di me, non sarebbero positivi.
Un azione la hanno a lungo termine, cambiano il "cervello".
Ma ciò ha anche a fare col loro funzionamento.
Su altre non ti so dire, oppure dovrei entrare sia in effetti collaterali di cui ho letto anche qui(PSSD) e altri.
Questo equivarrebbe a farti venire delle paure.Ed io non voglio che avvenga.
Quando non si può far altrimenti e si ha una strada obbligata da seguire la si percorre.

Lorenzo De Luca

Unregistered

9

Thursday, November 22nd 2018, 8:27pm

"...se arriva c'è una ragione! ma io sono fatto così. sono iperprotettivo e da quando è nato mio figlio 11 anni fa ho iniziato a soffrire di questo disturbo. prima il massimo che poteva succedermi era qualche sbadiglio più del normale e un tremolio della palpebra! ora invece, la situazione è ben diversa e più seria! ti giuro, ci ho pensato mille volte ieri sera se andare o no all'appuntamento con il dottore, poi mia moglie mi ha praticamente spinto fuori dalla porta per andarci! io mi fido.. e stamattina ho iniziato. sono una persona allegra e solare e non voglio che questa maledetta ansia mi rovini le giornate e soprattutto la vita! mi ha fatto paura il fatto che se non mi curo poi sarà sempre peggio e questa cosa mi ha spinto ad iniziare la terapia.
comunque mi ha detto che non sarà per sempre.. ma che sarà "fin quando servira". senza metterci una scadenza, e piano piano me lo diminuirà fino a toglierlo del tutto.
cosa intendi con la frase "Su quelli a lungo termine non mi esprimo"? si, penso a curarmi perchè mi merito una vita migliore e se la merita anche chi è vicino a me.

Scusate la lungaggine ma avevo proprio bisogno di parlarne per esorcizzare questa sensazione di sconfitta che aleggia dentro di me e placare la vocina interiore che dice "stai prendendo psicofarmaci" :assi: spero che tutto questo un giorno sia solo un brutto ricordo. spero che tutti qui in questo forum possano migliorare e vivere una vita piena e felice perchè se ci facciamo davvero caso... la vita non torna più e noi siamo solo di passaggio. Ciao Amici, un abbraccio."
Tu hai una predisposizione in tal senso.
Rileggendo per diverse volte quel che hai scritto.Sembri ipersensibile, ma non sei strutturato (al momento) a prenderne atto.
Cioè: hai qualità enormi ma (Forse) ne hai paura.
Una mera ipotesi la mia, se sbagliata accetto un vaff.
Non averne paura.
La tua ansia si ridurrà, ed è normalissimo essere ansiosi, lo sono moderatamente e preferisco esserlo.
La tua al momento è forse patologica.
Moderandola avrai vantaggi e tornerai a stare bene.
Io mi fido: è fondamentale quel che hai scritto.
Vale mezza riuscita della terapia, ed a lungo termine la vale tutta secondo me.
Scusa eccezioni(non considerarle affatto): complimenti a tua moglie, per aver capito subito cosa e come aiutarti.