Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Raffaele97

Giovane Amico

  • "Raffaele97" is male
  • "Raffaele97" started this thread

Posts: 98

Activitypoints: 434

Date of registration: Nov 14th 2012

Location: Puglia

Occupation: Studente

  • Send private message

1

Wednesday, November 14th 2012, 5:40pm

Ho paura

Ciao a tutti, mi chiamo Raffaele, ho 15 anni ed ho deciso di registrarmi in questo forum perché ultimamente sono nate in me tantissime paure immotivate e penso, anzi ho paura, di avere qualche serio problema :sos:
Fino a qualche mese fa ero un ragazzo normalissimo, felice, sereno che svolgeva la sua vita tranquillamente giocando e studiando senza nessun tipo di problema, invece, ultimamente, non mi sento per niente bene e purtroppo sto peggiorando di giorno in giorno. La mattina è il periodo più brutto della mia giornata, infatti mi alzo con tante ansie addosso: ho paura di non farcela, di sbagliare, di andare male a scuola anche se poi prendo voti come l'8 e il 9. Mi sento vuoto dentro e quello che più mi fa arrabbiare è il fatto che spesso ho problemi di concentrazione, infatti accuso un senso di stordimento che mi perseguita per tutta la mattinata! In classe con i miei compagni mi sento male anche se non lo dico a nessuno per paura che possano non capirmi ;( Quando torno a casa il senso di stordimento si fa ancora più forte tanto da farmi sentire stanco, come se fossi assonnato.... Vorrei dormire per sempre, non svegliarmi per giorni e giorni così da sentirmi finalmente bene una volta sveglio. La vita per me si fa sempre più dura, vorrei divertirmi, studiare tranquillamente ma quando faccio una semplicissima attività come ad esempio giocare a calcio con gli amici o uscire con questi ecco che subito si ripresentano tutte le mie paure. Quando mi sento un po' meglio ho paura di stare male e quando sto male mi chiedo come mai non sto bene. La mia vita ormai si basa su questi problemi... Io voglio vivere sereno, come tutti voi però le paure, le ansie crescono di giorno in giorno portando in me una tristezza incontrollabile.
Voglio sapere se qualcuno di voi ha avuto i miei stessi problemi e voglio capire come ha reagito. Grazie di tutto :S

Jivanmukti

Udele Fetente

  • "Jivanmukti" is male
  • "Jivanmukti" has been banned

Posts: 393

Activitypoints: 1,228

Date of registration: Sep 22nd 2012

  • Send private message

2

Thursday, November 15th 2012, 7:34pm

ho paura di non farcela, di sbagliare, di andare male a scuola anche se poi prendo voti come l'8 e il 9.
E allora di cosa hai paura? Dovresti cercare di capire come risolvere le tue insicurezze.

spesso ho problemi di concentrazione, infatti accuso un senso di stordimento che mi perseguita per tutta la mattinata!
Forse è perche' la tua testa è troppo impegnata ad arrovellarsi sulle cose, e ti rimane poca energia per concentrarti su quello che stai facendo. Ma deve essere un problema? Fregatene e basta.

vorrei divertirmi, studiare tranquillamente ma quando faccio una semplicissima attività come ad esempio giocare a calcio con gli amici o uscire con questi ecco che subito si ripresentano tutte le mie paure.
Le paure fanno parte della vita, accettale. Non c'è niente di male nella paura, non è un'anomalia. Vedi se riesci a trovare un hobby che ti permetta di produrre qualcosa di tangibile, di vedere dei risultati concreti.

Quando mi sento un po' meglio ho paura di stare male e quando sto male mi chiedo come mai non sto bene.
Hai letto cos'hai scritto? E' il classico serpente che si morde la coda.
Quando ti senti meglio concentrati su com'è bello stare meglio, quando stai male chiediti non perche' stai male, ma cosa puoi fare per stare bene.

La mia vita ormai si basa su questi problemi
Appunto. Allora basala su qualcos'altro.

Io voglio vivere sereno, come tutti voi

Chi ti dice che gli altri siano sereni? Ognuno ha i suoi problemi, oltre le apparenze. E' una cosa normale e accettarlo non dev'essere un problema.


E' normale a 15 anni passare una fase come la tua, passerà. Devi solo lasciar andare e aver fiducia, non continuare a preoccuparti.
Colui che conosce gli altri è sapiente; colui che conosce se stesso è illuminato.
Colui che vince un altro è potente; colui che vince se stesso è forte.

Raffaele97

Giovane Amico

  • "Raffaele97" is male
  • "Raffaele97" started this thread

Posts: 98

Activitypoints: 434

Date of registration: Nov 14th 2012

Location: Puglia

Occupation: Studente

  • Send private message

3

Thursday, November 15th 2012, 10:50pm

Si, io cerco di fregarmene, di non pensarci e di concentrarmi in quello che faccio nella quotidianità, ma non è facile... Per questo motivo ho paura di soffrire sul serio di qualche disturbo mentale: mio padre ha sofferto d'ansia in questi ultimi anni e ancora sta prendendo dei farmaci, ecco io ho una tremenda paura di essere come lui :(
Questo mi rende sempre più triste

Raffaele97

Giovane Amico

  • "Raffaele97" is male
  • "Raffaele97" started this thread

Posts: 98

Activitypoints: 434

Date of registration: Nov 14th 2012

Location: Puglia

Occupation: Studente

  • Send private message

4

Thursday, November 15th 2012, 11:30pm

Paura più concreta

La mia paura più concreta, e soprattutto più fastidiosa,è quella di non saper rispondere adeguatamente ad una domanda che ad esempio mi fa un professore o una persona che non conosco. Mi viene un'ansia terribile quando i professori iniziano ad interrogare e se vengo chiamato mi sento completamente vuoto dentro, confuso e terribilmente stordito anche se le cose le ho studiate. Questa paura, man mano che passano i giorni, si fa sempre più forte. Quando assisto alle interrogazioni dei miei compagni bravi ho paura di non riuscire ad esporre le cose come loro, mi sento poco bravo ed anche se poi vado bene quest'ansia non passa. Perfino quando un professore spiega io mi chiedo come faccia a dire tutte quelle cose senza scordarsi niente, di conseguenza mi sento molto meno bravo di tutti quanti, penso di essere il peggiore della classe!! Questi pensieri mi assillano quando sono a scuola, sono più forti di me... Mi entrano nella testa e non mi lasciano più limitando molto la mia volontà di studio e di apprendimento, per questo motivo la mattina sono sempre triste agli occhi di tutti quanti...Mi vien da piangere e solo quando piango mi accorgo quanto sia ingiusta la vita ;(
Ho veramente paura di sbagliare a parlare, di confondere tutto quanto, di essere preso in giro per i miei errori. :dash:

icare

Utente Attivo

Posts: 11

Activitypoints: 47

Date of registration: Jun 5th 2012

  • Send private message

5

Sunday, November 18th 2012, 6:32pm

Ciao. Tu scrivi:
ho paura, di avere qualche serio problema Per questo motivo ho paura di soffrire sul serio di qualche disturbo mentale: mio padre ha sofferto d'ansia in questi ultimi anni e ancora sta prendendo dei farmaci, ecco io ho una tremenda paura di essere come lui :(
Prima cosa: ti assicuro che tutti gli ansiosi, prima o poi, temono di soffrire di qualche disturbo mentale serio. Ho 35 anni e appartengo anche io alla famiglia dell'ansia. Due anni fa ho passato un brutto periodo e finalmente sono stata seguita da una psicologa in gambissima, che mi ha fatto capire che non stavo impazzendo e mi ha aperto gli occhi sui miei meccanismi di ansia. Anche io avevo un papà con gravi (lui sì) distrubi d'ansia. Il problema non è che se i nostri padri sono così dobbiamo esserlo anche noi, quasi geneticamente. Il problema è che vivendo con loro in famiglia ne subiamo i comportamenti, le angosce, le ansie, che quindi ci condizionano. Un genitore deve costituire un punto di riferimento solido, deve dare sicurezza, mentre mio padre mi insinuava insicurezze, mi svalutava, e allo stesso tempo aveva bisogno di me. Per questo motivo, fin da piccola mi sono sentita troppo responsabile per lui: che lui stesse bene era mio compito. Questa cosa, a lungo andare, mi ha danneggiata. E mio padre si curava solo saltuariamente. Se il tuo fa una terapia regolare è già un buon segno. Quindi, nessuno dice che tu sia CONDANNATO ad essere come lui: sta a te capire al più presto qual è il problema e cercare una soluzione.

ho paura di non farcela, di sbagliare, di andare male a scuola anche se poi prendo voti come l'8 e il 9. Mi sento vuoto dentro e quello che più mi fa arrabbiare è il fatto che spesso ho problemi di concentrazione, infatti accuso un senso di stordimento che mi perseguita per tutta la mattinata! In classe con i miei compagni mi sento male anche se non lo dico a nessuno per paura che possano non capirmi ;(
Dimmi se sbaglio, ma mi sembra che tu sia ossessionato da problemi che, in una certa misura, possono affliggere qualunque studente. Il fatto è che ti condizionano tutta la giornata. Se è normale essere agitato e sentirsi vuoti quando il prof deve interrogare, non è normale che questo pensiero occupi tutto il tuo tempo, anche quando esci con gli amici o vai a giocare a calcio.

Voglio sapere se qualcuno di voi ha avuto i miei stessi problemi e voglio capire come ha reagito.
Certo, a me di questi pensieri ne sono capitati molti. Sulla scuola non ho mai avuto ansie, ma su altro sì eccome. E pensieri angoscianti e continui, e io lì a controllarmi continuamente e a monitorare il mio stato d'animo. La prima volta avevo 12 anni. Poi mi è successo a 17. Poi altre volte. Ma NE SONO SEMPRE USCITA e, se mi fossi curata bene dall'inizio e se chi mi circondava avesse cambiato i suoi comportamenti, non mi sarebbe ricapitato più.

Perfino quando un professore spiega io mi chiedo come faccia a dire tutte quelle cose senza scordarsi niente, di conseguenza mi sento molto meno bravo di tutti quanti, penso di essere il peggiore della classe!!
Ora ti dico uno scoop: io sono una prof (e sono pure pugliese). I miei colleghi che parlano e non dimenticano niente sono in genere quelli o anziani (che hanno ripetuto un sacco di volte quelle cose) o quelli con molta memoria. Io ogni volta devo studiarmi la lezione che devo fare, mi faccio uno schema, guardo dal libro. Perché ti assicuro che nessun prof sa tutto. Spesso facciamo errori anche noi e quando un mio alunno me lo fa notare sono contentissima di ammettere che mi sono sbagliata. Con questo voglio insegnare ai miei ragazzi che l'errore è naturale e prezioso per formarsi il proprio spirito critico. Un'altra cosa che dico spesso (proprio perché so che qualche mio alunno potrebbe essere in ansia come te) è che, quando la scuola pone degli ostacoli, non devono essere visti dallo studente come muri, ma come occasioni di sempre nuove sfide, occasioni per crescere. Le materie al superiore diventano sempre più difficli, ma la cosa è fatta apposta, per stimolare lo sviluppo cognitivo degli studenti.

Che rimedi devi usare?
1) Parlane coi tuoi genitori (e non so se nel tuo caso la cosa sia facile: nel mio non lo era, per cui la mia ansia non la potevo sfogare con loro e si trasformava in pensieri ansiosi). Non fare il mio erroe, parlane, non aver paura di ferirli. Li ferirai se capiranno di aver sbagliato e di non averti capito. Devi dargli la possibilità di capirti!
2) Rivolgiti ad un terapeuta (uno psicologo) con cui fare dei colloqui (magari anche come terapia familiare).
3) Apriti agli altri, ai tuoi coetanei innanzitutto.
4) Parlane con un prof di cui ti fidi. Non so se nella tua scuola c'è uno sportello: potresti iniziare da lì.
5) Smetti subito di pensare di essere pazzo, perché ci siamo passati tutti e non è vero.
6) Non andare a leggere su Internet i casi che ti sembrano simili al tuoi: in genere su Internet scrive la gente che sta male, che si deve sfogare, e che ha una visione distorta della vita, proprio come te in questo momento.

In bocca al lupo! Forza, coraggio e fiducia.

Raffaele97

Giovane Amico

  • "Raffaele97" is male
  • "Raffaele97" started this thread

Posts: 98

Activitypoints: 434

Date of registration: Nov 14th 2012

Location: Puglia

Occupation: Studente

  • Send private message

6

Tuesday, November 20th 2012, 3:04pm

Grazie per la risposta, mi hai davvero confortato:)
In questi giorni mi sento un po' meglio e sono felice per questo:ho meno pensieri angoscianti,riesco a svolgere quasi tutte le attività quotidiane senza avere molti problemi, però c'è sempre quel brutto momento in cui tu ripensi alle paure che ti vengono spesso e ti senti di nuovo maluccio, anche se fortunatamente non per molto tempo :)
Non so perché ma mi sembra a volte che la mia vita sia incompleta, come se io stessi sprecando tempo nel fare quel che faccio: i giorni passano, i mesi passano e a me rimane la paura di essere una nullità nella vita. Questa paura purtroppo mi viene quando ad esempio guardo in tv un personaggio conosciuto,che sia un attore o un cantante,ed ecco che mi sento vuoto perché vorrei condurre la mia vita come loro: viaggiare,visitare il mondo, spassarmela...
Ho paura di non farcela: questo abbassa di molto la mia autostima ed è odioso!!
Io penso di non riuscire ad essere quello che vorrei essere (non so neanche io che cosa voglio essere).. Questi pensieri mi assediano! La mattina, quando devo andare a scuola, penso di non riuscire a fare le cose che do per scontato che siano fatte... Per fortuna quando faccio i compiti in classe riesco a concentrarmi, però,quando un prof. spiega, io ho paura di non capire, di non riuscire a ridire quello che il prof ha detto.. Mi sento spesso inferiore rispetto al mio migliore amico, nonché mio compagno di banco, anche se non è per niente vero, infatti quest'anno io prendo voti piú alti di lui :rolleyes: però i professori mi mettono molta paura:quando parlo con loro mi sento impotente,il cuore mi batte velocemente e alcune volte divento rosso in faccia :cursing:
Anche se parlo con una persona che non sia un mio coetaneo ho paura di sbagliare ad esprimermi, di fare errori grammaticali. Non ne posso più.
La vita è troppo difficile da gestire!!
Ho scritto questo velocemente, senza neanche rileggerlo, ci saranno sicuramente degli errori... :sos:

Pinguino

Utente Fedele

  • "Pinguino" is female

Posts: 346

Activitypoints: 1,045

Date of registration: May 14th 2012

  • Send private message

7

Wednesday, November 21st 2012, 2:26am

Bellissima la risposta di Icare :)

Se posso, ti dico brevemente qualcosa anch'io :) Io a scuola sono sempre stata molto brava, la tipica pagella con la media del 9.. Nonostante ciò provavo anch'io un senso di incompletezza che non può essere eliminati da voti alti o cose del genere.. Quel senso non deve spaventarti, è naturale che ci sia.Non devi preoccuparti di fare errori, di esprimerti male.. Quasi tutti lo fanno e non si fanno tanti problemi, persino quando sarebbe meglio che se ne facessero qualcuno ^^" Sai di essere bravo ma sembra che non ti fidi di te stesso.. Ti racconto un piccolo aneddoto, anche se qualcuno ci riderà sopra: in quarto superiore in filosofia non riuscivo a prendere mai più di 7. Mi piaceva la materia e nonostante facessi lo scientifico avevo un certo interesse quindi la cosa mi dava un pò fastidio.. Ho avuto nei mesi invernali la tipica settimana di febbre e per mettermi alla pari chiamai una mia 'amica' che veniva in classe con me chiedendole dove erano arrivati; lei mi disse che aveva introdotto vagamente Freud ma che non ne aveva spiagato né le opere né altro.. Per pura curiosità aprii il libro e lessi qualcosa di Freud, capii in maniera grossolana il suo pensiero e non mi preoccupai di andare oltre. La mattina dopo la prof interrogò e chiamò proprio me: domanda secca su Freud. Ovviamente non conoscevo la risposta ma iniziai a ragionare un pò ad alta voce su quel poco che avevo letto e non so nemmeno con quale coraggio iniziai a improvvisare (della serie.. tanto peggio della scena muta non posso fare!). La prof annuiva (non so nemmeno se mi ha ascoltata) e mi chiese qualcosa sulla religione per Freud.. non ricordo nemmeno la risposta che diedi, continuai a parlare finché un compagno di classe non uscì fuori dicendo "ma prof, la religione non l'abbiamo trattata.." e la prof mi chiese come mai io sapessi la risposta.. Ruffianamente le dissi che lo trovavo interessante e che per me qualsiasi domanda su Freud era indifferente (in fondo era vero...). Risultato? Strappai un 9,5 a una prof che più di 8 non aveva mai dato. Vedi, bisogna avere fiducia in se stessi, anche quando hai dei dubbi intanto esponi quel che sai, anche se il modo con cui ti esprimi ti sembra poco corretto.. Per la padronanza del linguaggio aiuta molto leggere, per il resto quel che ti manca è solo un pò di coraggio :) Ricorda che non sei inferiore a nessuno e anche i tuoi prof sono stati tra gli stessi banchi dove ti siedi ora te :)

Per quanto riguarda la volontà di essere diverso, di sentirti come se perdessi tempo o di non essere realizzato: capita anche a me. Posso dirti che ho 30 anni, sono ingegnere elettronico, ho una casa mia, una macchina, un lavoro. Ho buoni amici, un pò di sfortuna e qualche brutta esperienza alle spalle che però ho affrontato e superato. A volte mi dico che vorrei una vita diversa, vorrei una famiglia, vorrei viaggiare. Quando guardi oltre la vita che hai, la tua ti sembra sempre stretta ma poi vedi che c'è gente che vorrebbe essere al tuo posto e ti chiedi perché.. La realtà è che tutti vorremmo una vita 'normale' ma nessuno ce l'ha: manca sempre qualcosa. Ma è proprio il fatto che qualcosa manchi sempre a renderla assolutamente normale.. e molto più interessante :) Insomma, se te avessi tutto quel che desideri non avresti stimoli :)

Rilassati e non aver paura di sbagliare: solo chi non tenta non sbaglia mai ma di certo non impara!

PS: l'ansia non è necessariamente una malattia, te lo dice una che c'era dentro fino al collo e ora sta bene.. se c'è qualcosa che ti blocca davvero prendi in considerazione un pò di psicoterapia, non c'è nulla di strano ed è un valido aiuto.. stai alla larga dai farmaci se qualcuno te li propone e cerca qualche distrazione senza farti tanti problemi, non limitare le tue possibilità per paura di sbagliare qualcosa: quello sì, sarebbe un errore :)

In bocca al lupo!

Raffaele97

Giovane Amico

  • "Raffaele97" is male
  • "Raffaele97" started this thread

Posts: 98

Activitypoints: 434

Date of registration: Nov 14th 2012

Location: Puglia

Occupation: Studente

  • Send private message

8

Wednesday, November 21st 2012, 11:52am

Ringrazio anche Pinguino per la sua bellissima risposta.:)
Sono felice che qualcuno di questo forum si stia interessando al mio problema, vi ringrazio di cuore per quello che mi state dicendo :)
Ieri sera ho avuto un po' di febbre e stamattina ho deciso di rimanere a casa per dormire e riposarmi, ma appena mi sono alzato ho avuto una forte ansia addosso senza saperne il motivo:(
Mi trovavo ancora a letto quando una sensazione strana mi ha colpito senza saperne il motivo... Mi sono alzato di fretta, sono andato in cucina, ho bevuto il latte e subito dopo mi sono connesso su questo forum per scrvervi le sensazioni che ho avuto recentemente.
Adesso vorrei sapere se queste ansie immotivate che mi colpiscono soprattutto la mattina non sono preoccupanti oppure è arrivato il momento in cui io devo finalmente reagire ?
Ho paura di dire tutto questo ai miei, mentre ci riesco con una certa libertà in questo forum.
Cercate di capirmi.. Lo stato d'ansia che mi colpisce vorrei non averlo ma purtroppo si ripresenta almeno una volta al giorno:(
Per fortuna in questi giorni, come ho già detto prima,la situazione è migliorata, però i momenti d'ansia purtroppo rimangono ed io ho tanta voglia di reagire, di uscirne fuori una volta per tutte.
Grazie per le vostre risposte.

Raffaele97

Giovane Amico

  • "Raffaele97" is male
  • "Raffaele97" started this thread

Posts: 98

Activitypoints: 434

Date of registration: Nov 14th 2012

Location: Puglia

Occupation: Studente

  • Send private message

9

Wednesday, November 21st 2012, 12:52pm

La prima volta che l'ansia mi ha colpito è stata a maggio di quest'anno senza un reale motivo.

10

Wednesday, November 21st 2012, 1:18pm

Raffaele fai sport? Se sì che sport ? Come sei messo a postura, hai una buona postura o sei un po' curvo in avanti? Sovrappeso sottopeso?

Raffaele97

Giovane Amico

  • "Raffaele97" is male
  • "Raffaele97" started this thread

Posts: 98

Activitypoints: 434

Date of registration: Nov 14th 2012

Location: Puglia

Occupation: Studente

  • Send private message

11

Wednesday, November 21st 2012, 2:54pm

Qualche volta gioco a calcio con i miei amici, soprattutto a scuola.
Non sono nè sovrappeso e nè sottopeso e ho quasi tutte le volte una buona postura.

Pinguino

Utente Fedele

  • "Pinguino" is female

Posts: 346

Activitypoints: 1,045

Date of registration: May 14th 2012

  • Send private message

12

Thursday, November 22nd 2012, 12:24am

Raffaele per uscirne come vorresti dovresti affrontare la causa che scatena la tua ansia.. Se non riesci a identificarla probabilmente hai bisogno di qualcuno con cui confrontarti, per questo ti consigliavo uno psicoterapeuta o qualcosa del genere.. Ad esempio: l'attacco di oggi non ha avuto apparentemente una causa reale.. E' stato un pensiero, un'associazione di idee? Se no, cosa? E se sì, perché questa cosa ti fa reagire così? Il fatto che te abbia identificato chiaramente la prima volta che hai sofferto di ansia mi fa pensare che te almeno inconsciamente conosci bene la causa dei tuoi sintomi (hai scritto che tuo padre soffre di ansia in maniera forte.. è successo qualcosa a casa?).. So che parlarne con i tuoi non è facile, nonostante ciò forse sarebbe il caso di toccare l'argomento.. Non dico necessariamente per affrontare il problema con loro quanto per poterlo affrontare nel modo corretto..

dennys79

Giovane Amico

  • "dennys79" is male

Posts: 295

Activitypoints: 913

Date of registration: May 5th 2012

Location: Ferrara

Occupation: operaio

  • Send private message

13

Thursday, November 22nd 2012, 3:04am

Hai solo 15 anni, cavoli sei giovanissimo. Io a scuola me la cavavo senza troppe preoccupazioni, facevo ....diciamo il minimo per avere il sei pieno, considerando che avevo genitori molto apprensivi e pesanti, e io volevo fare un altro tipo di studi ( liceo artistico, DAMS o scuola d'arte). Invece ho fatto l'istituto tecnico elettronico, poi pero' non me sono fatto niente quando ho trovato il mio lavoro (avrei dovuto fare l'indirizzo in fisica). Vai molto bene, non c'e' nulla di male a fare una brutta, sai quante ne ho fatte io a scuola...! Ma non sono mai stato bocciato, me la sono sempre cavata bene, quindi stai tranquillo, avere avuto i tuoi voti !

Raffaele97

Giovane Amico

  • "Raffaele97" is male
  • "Raffaele97" started this thread

Posts: 98

Activitypoints: 434

Date of registration: Nov 14th 2012

Location: Puglia

Occupation: Studente

  • Send private message

14

Thursday, November 22nd 2012, 10:41pm

Sto cercando di identificare la causa del mio sconforto, ci vuole del tempo però... Intanto posso dirvi che sto cercando di dedicarmi ad altro come ad esempio alla musica che è una mia passione e vi posso assicurare che, quando sono preso da questa,le paure si levano di torno :) per questo sono felice.

Andriy94

Utente Attivo

Posts: 17

Activitypoints: 79

Date of registration: Oct 18th 2011

  • Send private message

15

Sunday, November 25th 2012, 12:31pm

Raffaele io di anni ne ho 18 e non ti nascondo che anche come te, a 15 anni, avevo problemi di concentrazione. Del resto nulla, anche perché facevo le cose che un 15 enne fa e deve fare, non ero timido e non avevo nessun imbarazzo, ero sempre abbastanza forte.

Il consiglio più grande che ti do è che sei molto giovane, sei in una fase molto delicata e soggetta a certi eventi; quindi non fartene un peso. Non alzarti la mattina pensando all'ansia o al malumore perché è lì che si impossessano di te. Pensa che è qualcosa che andrà via, sicuramente, è una fase di passaggio dovuta forse soprattutto alla tua (nostra :D ) giovane età.

Comunque uno psicoterapeuta potrebbe esserti d'aiuto, così, giusto per parlarci un po'. NON sei malato, questo è importantissimo! :)

Francesco.