Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Masker

Nuovo Utente

  • "Masker" started this thread

Posts: 11

Activitypoints: 40

Date of registration: Jan 10th 2020

  • Send private message

1

Friday, January 10th 2020, 9:34pm

Ho la PSSD

Salve, sono un ragazzo di 23 anni e soffro di depressione da circa 3 anni.
A settembre ricado nel vortice della depressione (depressione che è sempre stata presente ma che aveva raggiunto livelli invalidanti) avevo grosse difficoltà a mangiare (se sto male di testa somatizzo tantissimo a livello di stomaco e divento quasi completamente inappetente), abusavo di sostanze, capitava di avere scatti d'ira (non ho mai fatto del male a nessuno, mi sfogavo su me stesso e su gli oggetti che avevo a portata di mano) ecc.ecc. Decido così di riprendere il citolapram che avevo in casa, di mia spontanea volontà, senza essere seguito da nessuno, ricordandomi che l'anno prima mi aveva aiutato a superare un periodo analogo, inizio con 4 gocce, poi 6, 8 e mi fermo a 10, quindi 20mg di sostanza in totale, decido quindi di mantenermi così per tutto il tempo che sarebbe stato necessario per poi scalare al momento che avrei ritenuto opportuno.. durante la seconda settimana di assunzione vado a trovare un amico che è proprietario di un locale e mi inizia ad offrire da bere, avrò bevuto qualcosa come 4/5 birre e 10 shots, a fine serata verso le 2 di notte me ne torno barcollante verso casa e ho la malsana idea di fumare una canna prima di addormentarmi, mi sono letteralmente nuclearizzato il cervello, ho vomitato, non riuscivo a stare seduto sulla sedia, non capivo letteralmente niente, ho provato a distendermi sul letto ma come appoggiavo la testa sul cuscino mi ripartivano i conati di vomito, sono stato quindi qualcosa come 30 minuti a sedere facendo respiri profondi nel completo buio di camera mia cercando di farmi passare l'effetto, riuscito nell'intento sono finalmente riuscito a dormire. Il suddetto giorno non presi la mia dose da 20mg che di solito prendevo la sera.. tornando alla storia, mi sono svegliato il mattino seguente con disfunzione erettile, dolore interno al pene che si manifestava in fase semi erettiva ed aumentava di intensità all'aumentare del vigore dell'erezione, frenulo desensibilizzato e calo della libido. Li per li non preoccupai molto, cosciente che probabilmente l'abuso di alcolici, cannabis e la molecola in circolo avesse in qualche modo innescato degli effetti collaterali, decido quindi di scalare gradualmente e la settimana successiva smetto di assumere l'ssri. Sono passati poco di più di 2 mesi da allora (1 novembre) e grazie a dio sto avendo dei piccoli miglioramenti, il dolore che percepivo (ho effettuato una visita dal mio urologo e non ho infiammazioni prostatiche o del canale uretrale, non ho bruciore alla minzione ne niente di simile, ipotizzo sia un infiammazione di un nervo) è tutt'ora leggermente presente ma direi sia migliorato dell'80%, la mia libido ha recuperato tantissimo (il primo mese non ero nemmeno capace di immaginarmi delle scene a sfondo sessuale e visionare materiale pornografico non smuoveva minimamente niente), la mia disfunzione erettile attualmente non sono capace di valutarla perchè da circa 10 giorni ho iniziato una terapia riabilitativa proposta dal mio urologo con cialis 5mg che assumo un giorno si e uno no, che fin da subito mi ha risolto il problema che consisteva in un vigore erettivo scarso o se dignitoso, con grosse difficoltà nel mantenerlo, sia per il dolore/fastidio che provavo, sia per il calo della libido. Il frenulo non ha recuperato minimamente la sensibilità persa, alle volte mi capita di toccarlo, sentirlo sensibile per una frazione di secondo e poi nuovamente niente.. In questi due mesi ho smesso completamente di assumere alcolici, mi ritrovo al pub con il bicchiere di tonica, la gente che mi conosce quando mi vede non ci crede.. e da circa una settimana ho smesso con estrema difficoltà di fumare cannabis che ho consumato abitualmente per anni, purtroppo le sigarette le fumo ancora, ma ho diminuito drasticamente.
Personalmente non so se una PSSD indotta da una sinergia di abuso di sostanze come nel mio caso ed una PSSD causata solamente dal farmaco siano la stessa cosa, mi verrebbe da dire che il mio caso dovrebbe essere più compromesso per tale ragione, però grazie a dio dei leggeri miglioramenti li sto vedendo.. o comunque la mia forma di pssd sembra essere più blanda rispetto a tanti altri. Emotivamente sono sempre lo stesso depresso cinico bastardo, apprezzo ancora la musica, mi commuovo facilmente e la mia empatia è rimasta invariata. Cosa mi consigliate di fare? Sport? Integratori? se si, quali? Vi ringrazio in anticipo per la vostra disponibilità e attendo risposte

This post has been edited 2 times, last edit by "Masker" (Feb 15th 2020, 3:59pm)


2

Saturday, January 11th 2020, 12:02pm

Ciao Masker.

Il fai da te con questi farmaci è molto pericoloso, mischiarci insieme sostanze alcoliche poi è assolutamente sconsigliato. Comunque si può sviluppare PSSD praticamente con qualsiasi genere di assunzione, io non bevo e mentre dismettevo il Citalopram utilizzato per pochissimo ho sviluppato PSSD, e dopo 5 anni la mia funzionalità sessuale ancora non è tornata alla normalità.
Ho assunto integratori come la citrullina, ginko biloba, ecc. ma nel mio caso funzionavano davvero poco, anche io ho assunto cialis giornaliero da 5 mg per due mesi. Una cosa che mi ha aiutato è stata abassare i livelli di prolattina, dopo gli SSRI avevo iperprolattinemia, con il dostinex ti consiglio di consultare un Endocrinologo.

PS: abbiamo un gruppo whatsapp sulla PSSD siamo una trentina in questo momento in Italia, ma credo che in realtà il numero è di gran lunga superiore, visto che esiste il ragionevole dubbio che questa sindrome sia largamente sottistimata. Arrivato agli active points necessari, se vuoi puoi mandarmi un MP con il tuo numero di telefono e ti faccio aggiungere.
No one knows a prescription drug’s side effects like the person taking it.

Make your voice heard.

Masker

Nuovo Utente

  • "Masker" started this thread

Posts: 11

Activitypoints: 40

Date of registration: Jan 10th 2020

  • Send private message

3

Saturday, January 11th 2020, 7:07pm

Ah un altra cosa, cosa intendi per active points? Il discorso riguardante il consultare un endocrinologo sono perfettamente d'accordo ed è ciò che cercherò di fare a breve, quello che mi chiedevo è se in caso di valori eventualmente sballati, questi, una volta ristabiliti, rimangano invariati nel tempo o necessiterò di esami periodici?

4

Sunday, January 12th 2020, 11:47am

Quoted

Ah un altra cosa, cosa intendi per active points?


Un tot numero di messaggi sul forum, che ti abilitano a mandare messaggi privati.

Quoted

quello che mi chiedevo è se in caso di valori eventualmente sballati, questi, una volta ristabiliti, rimangano invariati nel tempo o necessiterò di esami periodici?


Dipende dal singolo caso, impossibile da prevedere, io di dostinex (cabergolina) per abbassare stabilmente i livelli di prolattina ho dovuto fare due cicli.
No one knows a prescription drug’s side effects like the person taking it.

Make your voice heard.

Masker

Nuovo Utente

  • "Masker" started this thread

Posts: 11

Activitypoints: 40

Date of registration: Jan 10th 2020

  • Send private message

5

Sunday, January 12th 2020, 12:00pm

Purtroppo avevo scritto anche un altro messaggio che non mi è stato caricato, mi ripeterò qui, ho parlato un paio di settimane fa via email con il Dr Melcangi che studia la PFS, a suo avviso sarebbe necessario attendere 5-6 mesi prima di trarre le conclusioni finali.
Quello che mi chiedevo io è questo: gli ssri se ho capito bene agiscono inibendo i recettori della seratonina 5HT1A , io ho innescato gli effetti collaterali tramite un mix di alcolici e cannabis, quest'ultima che agisce in maniera opposta rispetto all'ssri, essendo un agonista dell'5HT1A. Mi chiedo quindi se ciò che è accaduto nella mia testa quella sera sia la stessa cosa di un altro che è incappato nella pssd tramite il solo uso del farmaco.

6

Sunday, January 12th 2020, 4:30pm

Masker non è possibile allo stato attuale sapere se senza il mix di sostanze con gli SSRI avresti sviluppato PSSD o no, sicuramente non è una buona cosa e che aiuta. Ma esistono persone che hanno sviluppato questa sindrome praticamente con qualsiasi modalità di assunzione. Sono d'accordo che 5 o 6 messi è il tasso di tempo giusto da aspettare per capire se si soffre al 100% della sindrome, in quanto un recupero è possibile. Alcune storie riportate online parlano di recupero nell'arco di 6 mesi/un anno.
No one knows a prescription drug’s side effects like the person taking it.

Make your voice heard.

Masker

Nuovo Utente

  • "Masker" started this thread

Posts: 11

Activitypoints: 40

Date of registration: Jan 10th 2020

  • Send private message

7

Sunday, January 12th 2020, 4:36pm

Purtroppo mi sono fottuto con le mie stesse mani, se mi facevo una dose di eroina rischiavo meno. Una pssd a 23 anni con 3 anni di depressione alle spalle è tosta, ma proprio tosta. Se davvero si dovesse rivelare essere una condizione permanente non so cosa la mia mente deviata mi potrebbe portare a fare .. aspetterò

Masker

Nuovo Utente

  • "Masker" started this thread

Posts: 11

Activitypoints: 40

Date of registration: Jan 10th 2020

  • Send private message

8

Sunday, January 12th 2020, 5:49pm

Adam posso chiederti quanto tu sia realmente migliorato su una scala da 1 a 10 per ogni sintomo che la pssd ti ha "regalato"? Ho visto che c'è un altro utente del forum che ha sofferto la stessa cosa ed è riuscito a recuperare sembrerebbe totalmente, un certo fran235.. ho parlato anche con degli utenti americani in particolare con due che sono riusciti a guarire dopo circa un anno e mezzo, riporto una di queste testimonianze che mi hanno condiviso privatamente:
"I’m sorry to hear about your situation. I’ve heard some bad stuff about celexa so it’s good you stopped taking it. 2 months of the symptoms you’ve described is a sign that you have PSSD, but don’t be alarmed. The condition is almost always temporary, the only bad part is that there’s no telling how long it’ll take to recover. For me it was about 13-14 months to fully recover. For you it could be 4 months, could be 2 years. I’m not familiar with Italy’s healthcare system, do you have access to viagra of cialis? These two drugs will be your best friend while you recover. Please let me know if you have any questions."
La suddetta persona è stata completamente impotente per più di 6 mesi, oltre ad avere tanti altri sintomi, riguardanti la sensibilità ridotta e orgasmi mutati, poi gradualmente ha recuperato funzionalità.
A me spaventa questo strano sintomo del dolore che provo, che sembra non avere praticamente nessuno o quasi. Ho solo trovato solo una testimonianza di una persona affetta dalla PSSD con il mio stesso problema, nel suo caso fu' il primo sintomo, venne convinto a continuare l'assunzione di quella merda di ssri e nel giro 4 mesi gli scomparse per dare spazio a una totale anestesia genitale, anorgasmia e disfunzione erettile totale. La suddetta persona a distanza di 2 anni dall'interruzione è ancora in questa condizione.

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,776

Activitypoints: 23,677

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

9

Sunday, January 12th 2020, 9:48pm

Non bere e non prendere più robaccia....lui ne risente. Non so se sia pssd perché per dirlo dovresti aver smesso i farmaci da mesi.
I feel stupid and contagious

(Subcomandante Fran)

Masker

Nuovo Utente

  • "Masker" started this thread

Posts: 11

Activitypoints: 40

Date of registration: Jan 10th 2020

  • Send private message

10

Sunday, January 12th 2020, 10:03pm

Ciao fran aspettavo un tuo commento, ho letto la tua storia ed il tuo recupero, mi ha dato molta speranza, per adesso ho smesso da due mesi e mezzo circa, qualche miglioramento c'è stato..
volevo chiedere, mi potreste spiegare (chiedo ad entrambi) a cosa vi riferite quando si parla di anestesia genitale? Nel mio caso ho perso sensibilità solo al frenulo, ma non è anestetizzato.. Per adesso non assumo nessun integratore, mi sto limitando a smettere con l'alcol e la cannabis, che vi assicuro per me è già molto impegnativo ..

Milo

Giovane Amico

Posts: 162

Activitypoints: 640

Date of registration: Oct 27th 2013

  • Send private message

11

Sunday, January 12th 2020, 10:35pm

Il problema del piacere quasi assente durante l'orgasmo credo me l'abbia provocato l'ansiolitico..diventa facile supporlo perchè è da quando ho incominciato ad assumerlo che si è presentato... disturbi di erezione e di mancanza di desiderio sessuale invece non me ne ha dati... anche negli attimi immediatamente antecedenti alla venuta dell'orgasmo provo le stesse sensazioni piacevoli di una volta.. poi peró durante l'eiaculazione ,che avviene quando si raggiunge l'orgasmo,non percepisco quasi nulla.. e credetemi che questa è una cosa alquanto frustrante perchè cadi ogni volta proprio sul piú bello...
Qualcuno di voi ha avuto con gli psicofarmaci il mio stesso tipo di disturbo sessuale?

12

Monday, January 13th 2020, 11:39am

Quoted

Qualcuno di voi ha avuto con gli psicofarmaci il mio stesso tipo di disturbo sessuale?


La mancanza di piacere durante l'orgasmo è un sintomo classico che possono causare alcune classi di antidepressivi. Però è raro che a causarlo siano le benzodiazepine, ma comunque possibile, invece è piuttosto frequente con antidepressivi e antipsicotici. Ho avuto questo sintomo dopo la dismissione del Citalopram, l'ho parzialmente risolto con la Cabergolina abbassando i miei livelli di prolattina elevati. Però questo è il mio caso specifico, non per tutti ha funzionato questo approccio.
No one knows a prescription drug’s side effects like the person taking it.

Make your voice heard.

13

Monday, January 13th 2020, 11:43am

Quoted

Quello che mi chiedevo io è questo: gli ssri se ho capito bene agiscono inibendo i recettori della seratonina 5HT1A , io ho innescato gli effetti collaterali tramite un mix di alcolici e cannabis, quest'ultima che agisce in maniera opposta rispetto all'ssri, essendo un agonista dell'5HT1A.


Una delle teorie più accreditate e che sembrano più solide sul possibile innescarsi della PSSD, sembra essere la desinsibilizzazione dei recettori della serotonina 5HT1-A su base epigenetica, soprattutto con la fluoxetina.
No one knows a prescription drug’s side effects like the person taking it.

Make your voice heard.

Masker

Nuovo Utente

  • "Masker" started this thread

Posts: 11

Activitypoints: 40

Date of registration: Jan 10th 2020

  • Send private message

14

Monday, January 13th 2020, 8:57pm

Spero possiate rispondere ai miei precedenti messaggi, purtroppo mi vengono caricati in ritardo e temo non siano letti

fran235

Esperto del Forum

  • "fran235" is male

Posts: 9,776

Activitypoints: 23,677

Date of registration: Oct 5th 2016

Location: Roma e l'universo

Occupation: something

  • Send private message

15

Monday, January 13th 2020, 11:20pm

Carissimo cerco di spiegarmi sul sintomo relativo all'anestesia genitale. Anche qui purtroppo la pssd si dimostra sfuggente. Ho scambiato opinioni con molte persone e ho letto di tanti casi. Purtroppo lo stesso sintomo può manifestarsi in modo differente da persone a persona. Alcuni la descrivono come sensazione di freddo. Altri la avvertono su tutto l'organo altri su una parte. Nel mio caso la sensazione era proprio di sensibilità molto ridotta. Ti suggerisco però di attendere prima di allarmanti. Hai preso tante sostanze. L'effetto potrebbe essere assolutamente transitorio.
Coraggio
I feel stupid and contagious

(Subcomandante Fran)

Similar threads