Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Lorna989

Nuovo Utente

  • "Lorna989" started this thread

Posts: 1

Activitypoints: 10

Date of registration: May 2nd 2019

  • Send private message

1

Thursday, May 2nd 2019, 2:55pm

Grave problema università

Salve a tutti, sono un ragazzo di 19 anni in forte dubbio riguardo al suo futuro. Frequento il primo anno di ingegneria fisica al politecnico di Milano, seppur abbia forti dubbi riguardo la mia scelta. In seguito alla maturità come credo gran parte dei miei coetanei ero assolutamente indeciso su cosa volessi fare, seppur protendevo maggiormente nella scelta di ingegneria e medicina, in particolare quest'ultima. Nonostante mi fossi preparato tutta l'estate per il test di selezione, non sono riuscito a rientrare per cui ho deciso di iscrivermi ad ingegneria. Tuttavia la delusione del test è stata grande e mi ha portato a chiudermi in me stesso e saltare gran parte delle lezioni del primo semestre, con conseguente fallimento dei primi tre esami della sessione. Ho deciso dunque di rimettere la testa a posto per il secondo semestre e ho riscoperto appunto l'interesse verso queste materie. Recentemente ho dato due parziali ma sfortunatamente son riuscito a superarne solo uno con un misero 22 e l'altro no. Ora la mia delusione è grande e ho come l'istinto di mollare tutto visti i miei esami arretrati(del primo semestre) quasi impossibili da superare vista la mia assenza a quasi tutte le lezioni(del primo semestre). Dall'altra parte sento anche la delusione dei miei che hanno speso tantissimi soldi per farmi studiare qui che non hanno avuto dunque nessun ripagamento da parte mia dei loro sacrifici. In questo momento dunque la mia intenzione era interrompere l'uni e dedicarmi allo studio degli argomenti del test di medicina per riprovare seppure ora non sia completamente convinto come lo ero alla fine della maturità vista la mia grande confusione. Ho tanta paura di commettere lo stesso errore e di non trovare una via di uscita a tutto ciò, che non riesca dunque a capire cosa davvero voglia diventare da grande. Ho paura che lasviando questa università mi precluderei un sacco di opportunità visto anche l'interesse che avevo verso le materie, ma in parte sento che questa non sia la mia strada. Eppure qui sta il problema, non riesco a inquadrarmi in nessuna carriera seppure in parte fantastico nell'immaginarmi come fisico a causa del mio grande interesse verso lo spazio, gli atomi e il mondo della marvel ricca di riferimenti alle scienze, ma anche alla medicina e alla veterinaria visto il mio grande amore verso gli animali e l'interesse verso le malattie e la mente umana. In parte temo anche che una volta scelta la carriera di medico la mia strada possa essere sbarrata a causa del test di specializzazione e che quindi non riuscirò mai a trovare un lavoro. Sono in una posizione di stallo da cui non riesco più a uscire e non so davvero in che modo agire.

arianna73

Utente Avanzato

Posts: 850

Activitypoints: 2,564

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

2

Friday, May 3rd 2019, 4:03pm

Ciao! Mi sembri esageratamente sotto pressione, sei giovanissimo! Anche se giri a vuoto un anno non è una tragedia irrimediabile.
Non funziona nessun servizio d'orientamento nel centro in cui vivi?

Medicina al di là delle difficoltà del test è una scelta complessa.Non è una professione come un'altra... Avrai a che fare con tanta sofferenza e responsabilità da affrontare, non c'è solo una qualifica più o meno prestigiosa che può dare soddisfazione (anche ai tuoi genitori).
Può succedere di fallire il test, si può ritentare, ma dovresti essere davvero convinto che è la strada che senti tua.

Credo che ti farebbe molto bene poter parlare concretamente di sbocchi professionali, guardarti attorno con più concretezza. Le fantasticherie e i sogni vanno benissimo , possono dare forza agli obiettivi: però gli obiettivi vanno messi un po' più a fuoco.
Forse anche su internet puoi - magari lo avrai già fatto - cercato qualcosa sull'orientamento post - diploma... ma forse parlarne faccia a faccia con chi si occupa di orientamento post-diploma professionale e/o universitario.

Per ora non farti assolutamente prendere dal panico e dalla fretta, se c'è ancora un momento per tirare il fiato e ragionare costruttivamente senza impelagarti in perdite di tempo è questo. Sono sicura che anche i tuoi genitori pensano la stessa cosa, non credo vogliano vederti patire e viverti con ansia anni e anni di percorso universitario :)

3

Friday, May 3rd 2019, 4:08pm

aspetta, hai studiato per due esami con entusiasmo e uno è andato bene!
non mi sembra niente e nemmeno poco! l'inizio può essere difficile, ci sta anche perdere del tempo, non massacrarti di critiche. e soprattutto non buttare all'aria tutto.
tieni duro, serve un po' di rodaggio all'uni
namasté

Morpheus88

Utente Avanzato

  • "Morpheus88" is male

Posts: 601

Activitypoints: 1,802

Date of registration: Aug 9th 2011

Location: Abruzzo

Occupation: Freelance

  • Send private message

4

Friday, May 3rd 2019, 4:46pm

Mi sembri la classica persona che si è illusa di avere delle passioni e degli interessi che in realtà non ha.

arianna73

Utente Avanzato

Posts: 850

Activitypoints: 2,564

Date of registration: Apr 11th 2019

  • Send private message

5

Friday, May 3rd 2019, 4:55pm

Mi sembri la classica persona che si è illusa di avere delle passioni e degli interessi che in realtà non ha.


Può essere. O interessi e passioni che è però difficile tradurre in professioni.O anche come ha detto lui stesso uno dei tanti della sua età che non aveva assolutamente le idee chiare sul "dopo".
Il passaggio dalla vita regolata e scandita della scuola a quella tutta in costruzione dell'università e della professione non è scontato.
Non si vive in tempi definiti, del resto, e avere una passione o vocazione che illumina la strada non è affatto facile. Per motivi vari, inclusi anche i suoi coetanei fra i miei parenti, vedo la stessa indeterminazione.
Qualcuno ha ingranato, altri si sono fermati e stanno ridiscutendo il proprio percorso in modo più concreto, cambiando facoltà o addirittura capendo che la loro strada è entrare direttamente nel mondo del lavoro.


La cosa che manca di più - ed è facile in tempi come questi, di cambiamenti e svolte socioeconomiche molto rapide - è confrontarsi nel merito delle possibilità reali senza farsi prendere dall'angoscia con chi sa di cosa sta parlando. I genitori a volte sono ancora più "vaghi" e sognatori dei figli.

repcar

Amico Inseparabile

  • "repcar" is male

Posts: 1,251

Activitypoints: 3,489

Date of registration: Dec 10th 2016

Location: reggio calabria

Occupation: forze di polizia

  • Send private message

6

Saturday, May 4th 2019, 5:51pm

ciao......i dubbi, le incertezze etc. fanno parte della nostra vita, in special modo quando si è giovani e si aprono le porte del futuro. Il tutto rientra nella normalità pertanto, pertanto fantasticare rappresenta una evoluzione per quanto strano ti sembra della nostra psiche. Sicuramente lo studio ti ha messo sotto stress ed ora vedi e vivi tutto questo come incertezza nelle decisioni. Vai avanti con fiducia, sei giovane e vedrai che piano piano uscirai dalla situazione di "stallo" ....in bocca al lupo........ :thumbup: