Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Pinupansiosa

Giovane Amico

  • "Pinupansiosa" is female
  • "Pinupansiosa" started this thread

Posts: 137

Activitypoints: 600

Date of registration: Sep 19th 2010

Location: Bologna

  • Send private message

1

Thursday, September 27th 2012, 10:23pm

Gestire l'ansia in macchina

Ciao a tutti,
come chi mi conosce qui nel forum già sa, convivo con l'ansia da quasi 13 anni subendola e in alcuni casi riuscendo a gestirla abbastanza bene .
In seguito a SCORAGGIAMENTO da parte dei miei genitori, dopo aver preso la patente non guidai praticamente mai più.. finchè , alcuni mesi fa, ho iniziato a sentire progressivamente sempre più la necessità di superare questo mio blocco che per vari aspetti è invalidante ( non essere autonoma negli spostamenti, dipendere da mezzi pubblici atroci e sporchi e dagli altri per i passaggi.. ).
Così grazie anche al mio ragazzo ho trovato la vettura dei miei sogni : piccolina, usata ma non troppo, a metano quindi risparmiosa e con il cambio automatico, così da consentirmi di avere meno pensieri = un pedale in meno :)
Il fatto è che il mio percorso di "sbloccamento" è lungo e per niente facile.. ho iniziato ad agosto guidando con il mio ragazzo di fianco ; ho continuato guidando da sola con lui nella sua macchina che mi faceva strada ; e finalmente due settimane fa ho preso l'auto e un bel giorno ho deciso di andare in ufficio da sola. E' andata, ma non sono tranquilla del tutto guando sono alla guida.. soprattutto ho notato che i primi 5 minuti di solito sono pazzeschi : mi sento ingabbiata e soffocata, senza vie di fuga.. poi mi calmo piano piano e se poi mi metto a chiacchierare con qualcuno al telefono ( auricolari naturalmente ) allora mi rilasso e mi godo addirittura il percorso .
Ma oggi, dopo aver ritirato la macchina dal meccanico e senza aver guidato per una settimana intera, ho vissuto dieci minuti interminabili di inferno : extrasistole, tachicardia, sensazione di morte.. ero disperata .. mi sarei accostata e sarei schizzata fuori dalla macchina ma mi sono imposta di continuare, e piano piano mi sono sentita meglio ...
ma mi chiedo : sarà così per sempre? Arriverà il giorno in cui potrò sedermi in macchina e pur concentrandomi sulla guida potrò rilassarmi insieme ai miei pensieri o dovrò sempre aspettarmi che l'ansia mi travolga? Sono contenta di non arrendermi e di non fermarmi però è davvero sconfortante sentire ogni volta di aver scavalcato una montagna quando per gli altri è una passeggiata di piacere .. ti senti inevitabilmente diverso, senti come se anche la cosa più semplice fosse una lotta per la sopravvivenza :thinking:

Sabry_Ciao

Utente Attivo

  • "Sabry_Ciao" is female

Posts: 57

Activitypoints: 178

Date of registration: Sep 16th 2012

  • Send private message

2

Friday, September 28th 2012, 12:31pm

Piano, piano non metterti fretta, i traguardi si raggiungono un pò per volta ... ti rendi conto che hai già fatto un enorme passo in avanti? :) Non pensare che quello che per te è una montagna , per gli altri è una passeggiata ... è anche vero che chi fa le cose in modo scontato nemmeno è in grado di godersele, perché non sa apprezzare l'importanza di una piccola cosa. Maggiore è la difficoltà che incontri, più grande ancora sarà la soddisfazione di averla superata. E' un pò come chi si guadagna qualcosa che desidera con il proprio impegno e la propria fatica, sicuramente ne godrà in modo diverso da chi ha sempre tutto regalato e presto o tardi perde il gusto per la vita. Continua così, un pò di pazienza e vedrai i risultati!

Pinupansiosa

Giovane Amico

  • "Pinupansiosa" is female
  • "Pinupansiosa" started this thread

Posts: 137

Activitypoints: 600

Date of registration: Sep 19th 2010

Location: Bologna

  • Send private message

3

Monday, October 1st 2012, 11:16am

Ciao ,grazie per la tua risposta. Purtroppo l'ansia continua e la macchina non la mollo. Stamattina la tangenziale era un ingorgo pazzesco, si andava avanti un metro al minuto.. avevo macchine a sinistra, destra, davanti e dietro..condizione normalmente noiosa per chi è abituato, piuttosto soffocante per me, che tengo sempre uno spiraglio di aria dal finestrino e la radio accesa per farmi compagnia. So che se dovessi stare male avrei la corsia di emergenza (ma la evito come la peste) o uscire alla prima uscita della tangenziale. Ma mi impongo di procedere..prima o poi vincerò pure questa paura?
Stamattina avevo formicolii sul petto e sensazione di mancanza d'aria, poi ho capito che stavo respirando da cani, quando sei ansioso respiri malissimo e si innesca quel maledetto circolo vizioso dell'ansia.

Sabry_Ciao

Utente Attivo

  • "Sabry_Ciao" is female

Posts: 57

Activitypoints: 178

Date of registration: Sep 16th 2012

  • Send private message

4

Monday, October 1st 2012, 4:56pm

Esatto ... è ormai provato che una respirazione lenta e profonda aiuta tantissimo in queste situazioni, poiché agisce direttamente sul sistema nervoso, calmandolo ... potresti averne ancora di sintomi, magari pure più strani e ogni volta diversi ... e allora? Ignorali, poichè già sai da cosa derivano ;) una volta scoperto i "trucchetti" del corpo, è bene fare come la mamma col bambino che fa i capricci per attirare l'attenzione: guardarlo con benevolenza, e restare consapevoli che non succederà assolutamente nulla! E vedrai, che prima o poi i capricci finiranno :)

Jivanmukti

Udele Fetente

  • "Jivanmukti" is male
  • "Jivanmukti" has been banned

Posts: 393

Activitypoints: 1,228

Date of registration: Sep 22nd 2012

  • Send private message

5

Tuesday, October 2nd 2012, 2:10am

Io personalmente, se inizio a concentrarmi sul respiro durante gli attacchi d'ansia, vado ancora più in panico. A mio parere l'educazione alla respirazione va fatta nei momenti di tranquillità.
Per quanto riguarda il discorso panico in auto, secondo me dovresti lavorare su come ti approcci al pensiero della guida. Il fatto è che se tu vivi il fatto di metterti in macchina come un'ardua sfida, come una serie di agonie che devi obbligarti a sopportare, ti sei già preparata il preludio all'inferno.
So che queste sono belle parole ma poi mettere in pratica è tutta un'altra cosa, ma a mio parere il problema sta tutto lì.
Per la sensazione di "intrappolamento" dell'abitacolo puoi trovare qualche scappatoia, per esempio concentrati sui pedali e sul volante, pensando che le tue azioni influenzano quelle della macchina. Non puoi soffocare, la macchina "sei tu". Questa non so da dove mi è uscita. Ad ogni modo so bene cosa vuol dire non riuscire a guidare dal panico, sentirsi svenire in tangenziale senza respirare e con la tachicardia. E non demoralizzarti se fai così fatica, faccio fatica io che guido da 12 anni, figuriamoci tu.
Colui che conosce gli altri è sapiente; colui che conosce se stesso è illuminato.
Colui che vince un altro è potente; colui che vince se stesso è forte.

cl

Amico Inseparabile

  • "cl" is female

Posts: 1,574

Activitypoints: 4,847

Date of registration: Jul 26th 2010

Location: lazio

Occupation: commerciante

  • Send private message

6

Tuesday, October 2nd 2012, 6:28am

anche io odio giudare perchè gli attacchi di panico piu tremendi li ho avuti in auto , a volte penso che in macchina ci si sente molto soli , che bisogna contare solo su noi stessi , che se mi dovesse succedere qualcosa nessuno mi aiuterebbe , che sto lontano da casa e che il percorso per raggiungerla è interminabile , penso , forse questo pensare troppo è il mio dramma .....

Pinupansiosa

Giovane Amico

  • "Pinupansiosa" is female
  • "Pinupansiosa" started this thread

Posts: 137

Activitypoints: 600

Date of registration: Sep 19th 2010

Location: Bologna

  • Send private message

7

Tuesday, October 2nd 2012, 12:31pm

Io personalmente, se inizio a concentrarmi sul respiro durante gli attacchi d'ansia, vado ancora più in panico. A mio parere l'educazione alla respirazione va fatta nei momenti di tranquillità.
Per quanto riguarda il discorso panico in auto, secondo me dovresti lavorare su come ti approcci al pensiero della guida. Il fatto è che se tu vivi il fatto di metterti in macchina come un'ardua sfida, come una serie di agonie che devi obbligarti a sopportare, ti sei già preparata il preludio all'inferno.
So che queste sono belle parole ma poi mettere in pratica è tutta un'altra cosa, ma a mio parere il problema sta tutto lì.
Per la sensazione di "intrappolamento" dell'abitacolo puoi trovare qualche scappatoia, per esempio concentrati sui pedali e sul volante, pensando che le tue azioni influenzano quelle della macchina. Non puoi soffocare, la macchina "sei tu". Questa non so da dove mi è uscita. Ad ogni modo so bene cosa vuol dire non riuscire a guidare dal panico, sentirsi svenire in tangenziale senza respirare e con la tachicardia. E non demoralizzarti se fai così fatica, faccio fatica io che guido da 12 anni, figuriamoci tu.
Hai ragione, il mio problema è infatti come mi pongo alla guida : prima ancora di salire in macchina molto spesso inizio ad andare in apnea e via di colite, crampi e diarrea .. comunque poi mi decido a salire e cerco di concentrarmi sulla strada, pedali, volante e su quello che dicono alla radio.. e per l'emergenza ho sempre gli auricolari nelle orecchi e e il cellulare sottomano.. quello che mi spaventa di più è L'IDEA della guida che la guida in sè. E senz'altro se contraggo meno gli addominali mentre guido, respiro anche meglio.. :cursing:

3 users apart from you are browsing this thread:

3 guests