Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Il Corvo

Utente Attivo

  • "Il Corvo" is male
  • "Il Corvo" started this thread

Posts: 49

Activitypoints: 173

Date of registration: Sep 27th 2013

  • Send private message

1

Thursday, February 14th 2019, 12:12pm

Esperienze sulla dismissione del Daparox (Paroxetina)

Come concordato con il mio psichiatra, sto effettuando lo scalaggio del Daparox.
L'ho assunto per 4 anni tramite una compressa di 20 mg, e dopo l'ultimo controllo fatto a novembre sono passato alle gocce. Abbiamo deciso di scalare di una goccia al mese per attutire al meglio i sintomi d'astinenza.
Ad oggi sono arrivato a togliere 3 gocce, e da stasera passerò a 4. Ho notato che da una decina di giorni i sintomi dell'ansia sono riapparsi, seppur in maniera minima, soprattutto legati alle ossessioni, ossia proprio al fatto che a prescindere da tutto, l'ansia mi perseguiterà sempre. fastidiosi certo, ma comunque al momento totalmente gestibili, senza che mi aiuti con lo Xanax a gestirli.
Da luglio scorso sto prendendo insieme al Daparox anche una compressa di Anafranil da 25 mg, l'obbiettivo è quello di riuscire a togliere la paroxetina per tornare al vecchio triciclico.

Sono consapevole che prima o poi qualche sintomo d'astinenza si sarebbe manifestato, ma non pensavo dopo appena 3 mesi. Infatti non riesco a capire se sono effettivamente sintomi dovuti a questo, o pensieri derivanti dalle situazioni della vita quotidiana, che attualmente non è delle migliori. Sono curioso di sapere se qualcuno si è ritrovato nella mia stessa condizione, seguendo la mia stessa dose di scalaggio, ma in generale, che esperienze ha avuto con la dismissione della paroxetina. Per quanto tempo è stato afflitto dai sintomi di astinenza, e magari che sensazioni ha avuto tornando ad affidarsi unicamente ad un triciclico, nel caso abbia seguito una terapia simile alla mia.
"Non può piovere per sempre"

Fiammetta Cosci

Utente Attivo

Posts: 20

Activitypoints: 59

Date of registration: Oct 15th 2017

  • Send private message

2

Tuesday, February 19th 2019, 4:53pm

Buonasera,
i sintomi astinenziali possono perdurare e nel corso del tempo assumere caratteristiche diverse.
Se desidera ricevere una valutazione gratuita con la nostra intervista DID-W1, che consente di fare un'indagine sulla sintomatologia da sospensione o riduzione di SSRI, ci contatti. Saremo lieti di proporgliela anche via skype.
Fiammetta Cosci

3

Tuesday, February 19th 2019, 5:25pm

Ciao Corvo, avrei una domanda per te solo a scopo conoscitivo: hai scritto di aver assunto la Paroxetina per 4 anni e parlando della sua dismissione riferisci che i sintomi ansiogeni sono ritornati. La domanda che vorrei farti è se hai assunto il suddetto farmaco per curare ansia e/o attacchi di panico o se l'ansia di cui parli è solo un riflesso dell'aver scalato il medicinale.

Te lo chiedo unicamente poiché sono in terapia per disturbo da panico con altro SSRI (nel mio caso l'Escitalopram), e cerco confronti con chi ha trattato lo stesso problema con altre molecole.

Il Corvo

Utente Attivo

  • "Il Corvo" is male
  • "Il Corvo" started this thread

Posts: 49

Activitypoints: 173

Date of registration: Sep 27th 2013

  • Send private message

4

Tuesday, February 19th 2019, 9:50pm

Ciao Michele, fra brevi sospensioni sono in cura farmacologica da ormai quasi 9 anni.
Assumo la paroxetina per un disturbo d'ansia generalizzato cronico. Ad oggi devo dire che dopo una quindicina di giorni altalenanti, è tornato tutto alla mia solità normalità.
Non riesco a capire se cioè è stato dovuto allo scalaggio e per altro, ma penso più al primo, in ogni caso se devo dare una valutazione, sono molto contento del modo in cui sto effettuando la rimozione della paroxetina, ossia passando alle gocce e scalando di una goccia al mese. Attualmente la strada è ancora molto lunga, ma voglio essere fiducioso. Voglio totalmente levare questo SSRI e tornare ad affidarmi all'anafranil, nella speranza di riuscire a togliere anche quello quando sarà
"Non può piovere per sempre"

Il Corvo

Utente Attivo

  • "Il Corvo" is male
  • "Il Corvo" started this thread

Posts: 49

Activitypoints: 173

Date of registration: Sep 27th 2013

  • Send private message

5

Saturday, May 18th 2019, 11:23pm

Rianimo questo Topic in modo che la mia esperienza possa essere utile per chi si trova nella mia stessa condizione o si troverà ad affrontarla.
In vista dell'imminente visita con il mio psichiatra, sto continuando la mia terapia con l'assunzione di una compressa d'Anafranil 25 mg e per quanto riguarda il Daparox, sono arrivato a scalare dalle 20 gocce iniziali a 14, e da due giorni ho iniziato ad assumerne 13.
Arrivato alle 15 gocce ho ricominciato ad avere stimoli sessuali più continui dopo mesi in cui la libido era totalmente azzerata, e in cui anche le erezioni mattutine erano del tutto svanite. Penso che continuando lo scalaggio la situazione non potrà che migliorare notevolmente, anche se la sensibilità genitale continuerà ad essere assente ( Dico cosi perchè in passato ho già assunto l'anafranil)
Per quanto riguarda i sintomi ansiosi, al momento la situazione è sotto controllo. Nessun episodio particolare mi ha mandato in tilt, sicuramente il fatto di condurre una vita molto monotona divisa solamente fra casa e lavoro, riduce pesantemente l'avvento di certi episodi particolarmente ansiogeni.
In ogni caso dopo l'estate sicuramente inizierò un nuovo percorso psicoterapeutico improntato sulla terapia cognitiva-comportamentale
"Non può piovere per sempre"

6

Sunday, May 19th 2019, 5:57pm

Mi fa piacere che riducendo la paroxetina stanno ritornando le sensazioni. Il fatto che siano ritornate le erezioni mattutine fa capire che comunque il problema è ampiamente gestibile, spero che con la clomipramina una volta fuori dalla paroxetina le cose migliorino ulteriormente.
No one knows a prescription drug’s side effects like the person taking it.

Make your voice heard.

niki

Giovane Amico

  • "niki" is male

Posts: 143

Activitypoints: 498

Date of registration: Mar 14th 2016

Location: Venezia

Occupation: NCC

  • Send private message

7

Tuesday, May 21st 2019, 10:04pm

Mi accodo per un paio di domande... premetto che sono ormai 15 anni che assumo paroxetina e vorrei dismetterla.

Ho letto che sarebbe sostituibile con bupropione (Wellbutrin) che non dà effetti secondari sulla libido, però non so se siano compatibili, cioè, se possa sostituire la paroxetina senza avere i sintomi di sospensione... quindi scalare paroxetina compensandola con bupropione...

Poi, l’anafranil che ho assunto prima della paroxetina, per poco tempo però, dà gli stessi effetti sessuali della paroxetina?

Grazie

8

Wednesday, May 22nd 2019, 6:12pm

Quoted

Ho letto che sarebbe sostituibile con bupropione (Wellbutrin) che non dà effetti secondari sulla libido, però non so se siano compatibili, cioè, se possa sostituire la paroxetina senza avere i sintomi di sospensione... quindi scalare paroxetina compensandola con bupropione...

Poi, l’anafranil che ho assunto prima della paroxetina, per poco tempo però, dà gli stessi effetti sessuali della paroxetina?


In linea teorica è possibile. Se hai sviluppato pesanti disfunzioni sessuali dalla Paroxetina, esiste la possibilità del passaggio al bupropione, o aggiungerlo alla terapia in corso se gli stati ansiosi sono troppo forti dal non rendere possibile la dismissione dell'SSRI. In USA questo è un protocollo standard, qui da noi meno, perchè si pensa che l'ansia e la depressione siano sempre molto peggio delle disfunzioni sessuali causate dai farmaci. Quindi queste vengono messe quasi sempre in secondo piano al confronto di una buona salute mentale. Devi naturalmente chiedere allo psichiatria che ti ha in cura, come puoi arginare il problema e quello che si può rivedere o cambiare della terapia.

Il bupropione è un buon antidepressivo, ma agendo sulla trasmissione dopaminergica non è molto adatto per chi soffre di marcati stati d'ansia.

L'anafranil (Clomipramina) è un antidepressivo triciclico che inibisce il reuptake della serotonina e della noradrenalina. In linea teorica tutto quello che agisce aumentando la disponibilità di serotonina può causare disfunzioni sessuali, però gli antidepressivi triciclici sembrano causarne meno se confrontati agli SSRI/SNRI, che per alcune persone sembrano risultare le classi di antidepressivi più castranti in assoluto.

Sotto controllo medico e seguiti dal proprio psichiatra se la situazioni lo consente, teoricamente una dismissione è possibile cosi come il passaggio o l'aggiunta di un altra molecola, ma devi discuterne con il curante.
No one knows a prescription drug’s side effects like the person taking it.

Make your voice heard.

niki

Giovane Amico

  • "niki" is male

Posts: 143

Activitypoints: 498

Date of registration: Mar 14th 2016

Location: Venezia

Occupation: NCC

  • Send private message

9

Wednesday, May 22nd 2019, 7:21pm

Grazie della risposta...

Il medico che me lo prescrisse non l'ho più visto in realtà, in quanto visto che stavo decentemente bene (dimenticavo di dire che mi aveva detto essere sofferente di DOC) ho continuato passivamente ad assumere 30 e poi 20mg come mantenimento, ma ultimamente, complice anche una circoncisione per IPP, la sensibilità sta diminuendo e quindi farsi sentire più marcatamente l'anorgasmia, o comunque difficoltà a raggiumgere la conclusione.

Andai da un altro un paio di mesi fa, ma evidentemente ho trovato un imbecille che non sapeva nemmeno di che parlava, perchè mi ha sconsigliato in primis il passaggio ad altra molecola per poi dismetterla più facilmente e mi ha solo suggerito di sospendere la paroxetina, ma... dimezzando le dosi e smettere completamente in un mese!!!!!!!!!!

Gli ho "regalato" 80 euro e me ne sono andato... quello non immagina che significhi la dismissione della paroxetina...

Quindi, cortesemente, se puoi, se vuoi, il buprione compenserebbe la riduzione della paroxetina, corretto?... poi cerchèrò un altro meno ignorante dell'altro, ma non è che abbia molta fiducia nella classe medica...

Grazie