Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

Raffaele97

Giovane Amico

  • "Raffaele97" is male
  • "Raffaele97" started this thread

Posts: 98

Activitypoints: 434

Date of registration: Nov 14th 2012

Location: Puglia

Occupation: Studente

  • Send private message

1

Monday, October 3rd 2016, 5:10pm

Difficoltá di esprimersi

Mi capita di vivere quotidianamente fingendo. Fingo perché altrimenti sarei sempre triste e insoddisfatto di me, fingo in ogni circostanza per non avere troppi problemi e per non creare troppi problemi. Fingo perché altrimenti non sarei in grado di vivere, fingo per non dare fastidio, fingo per non far soffrire, ma fingendo soffro io. Ho finto perché ho sempre odiato la compassione, non voglio rendere tristi gli altri, io accetto la mia sofferenza cercando di capire il perché dei miei sentimenti, il motivo delle mie emozioni senza condurre i poveri malcapitati nella spirale della mia infelicitá esistenziale. Uno dei più grandi crucci della mia vita é il voler essere sempre e in ogni circostanza me stesso, lottare per la mia autenticità e fare di tutto per dimostrare agli altri di non essere ciò che non sono. Ma già chi ha il desiderio di voler dimostrare significa che in realtà vuole apparire, non essere. Io invece voglio sempre far capire agli altri che, far vedere agli altri che, dimostrare agli altri che, dire agli altri che.. Proprio io che ho sempre finto ho desiderato essere l'opposto di quel che apparivo, cioè essere me stesso. Non ci sono mai riuscito. Ho coltivato le mie passioni, ho cercato di concentrami su di me e di non guardare gli altri ma non ci sono riuscito. Le mie passioni diventano le mie gabbie più insostenibili. Tutto ciò che inizio con voglia finisce con odio. Il minimo inciampo produce in me sentimenti negativi, le più banali cadute mi distruggono, i più piccoli ostacoli mi rivolgono indietro. Tutto questo perché ancora dopo tanti anni di indagine non ho ancora scoperto ciò che voglio, non ho ancora trovato la mia via di serenità e piccola felicità.
Ogni studio razionale si é confrontato con l'irrazionalità delle mie ansie, paure, tristezze e angosce. Comprendo le cose ma non riesco ad applicarle nella mia vita concreta. Comprendo che il giudizio degli altri non dovrebbe farmi stare male eppure sto male. Comprendo che sbagliare non significa essere sbagliati nella propria interezza e nonostante ciò lo penso. Tutto potrebbe andare bene e inconsciamente faccio di tutto per andare male o per rovinarmi la vita. Ogni relazione va bene e inconsciamente preferisco evitare. Lo studio va bene ma faccio di tutto per evitare i confronti con gli altri per la convinzione di non valere nulla. Mi sono sempre ritirato, non ho mai affrontato la vita. Ho 19 anni e la prima volta che ho esposto i miei problemi ne avevo 15. 4 anni non mi anno aiutato a vivere meglio. Voglio frequentare uno psicoanalista o psicologo senza dire niente a nessuno. Ho voglia di incontrare una persona disposta ad ascoltarmi e finalmente dire tutto senza fermarmi, esporre tutto ciò che mi ha reso tristissimo, esporre tutte le mie depressioni. Fare tutto quello che non ho fatto nella mia vita. Mi converrebbe farlo?

Piccolagrandeansiosa

Utente Avanzato

Posts: 754

Activitypoints: 2,577

Date of registration: Sep 30th 2016

Location: Marshmellow

Occupation: Studentessa

  • Send private message

2

Monday, October 3rd 2016, 5:17pm

Ti consiglio, ovviamente, di andare da uno psicologo, io andrò domani!
Ho capito che hai degli interrogativi e delle preoccupazioni molto profonde,è successo qualcosa che ha fatto nascere queste cowe, qualche paura?
che sintomi fisici hai dell'ansia?

io di anni ne ho 17! X(
"Ah, ecco l'ansia, mi stavo preoccupando". :girl:

ansia123

Amico Inseparabile

  • "ansia123" is female

Posts: 1,592

Activitypoints: 4,562

Date of registration: Apr 16th 2016

  • Send private message

3

Monday, October 3rd 2016, 5:21pm

Sono 13 anni che lotto con le mie ansie e paure...cose che mi portano anche problemi fisici e spesso è insostenibile! Non ho mai trovato giovamento con gli psicologi però se non hai mai provato ti chiedo perchè non farlo??? Magari tu che hai rifiutato per così tanto tempo te stesso pur non volendo, potresti trovare sollievo nell'aprirti con una persona estranea alla tua vita! Per rispondere alla tua domanda...forse ti conviene! Tentar non nuoce no???

Piccolagrandeansiosa

Utente Avanzato

Posts: 754

Activitypoints: 2,577

Date of registration: Sep 30th 2016

Location: Marshmellow

Occupation: Studentessa

  • Send private message

4

Monday, October 3rd 2016, 5:26pm

tentar non nuoce.
e comunque lo psicologo aiuta davvero tanto, sicuramente.
io soffro di derealizzazione e depersonalizzazione dopo aver avuto degli attacchi di panico, in questo momento non so se prendere il lexotan per alleviare la cosa, ma anche se la dovesse alleviare domani magari sarà peggio..
"Ah, ecco l'ansia, mi stavo preoccupando". :girl:

Piccolagrandeansiosa

Utente Avanzato

Posts: 754

Activitypoints: 2,577

Date of registration: Sep 30th 2016

Location: Marshmellow

Occupation: Studentessa

  • Send private message

5

Monday, October 3rd 2016, 5:41pm

comunque raffaele, siamo coetanei e non sei solo qui, tu che sintomi hai?:)
"Ah, ecco l'ansia, mi stavo preoccupando". :girl:

Raffaele97

Giovane Amico

  • "Raffaele97" is male
  • "Raffaele97" started this thread

Posts: 98

Activitypoints: 434

Date of registration: Nov 14th 2012

Location: Puglia

Occupation: Studente

  • Send private message

6

Monday, October 3rd 2016, 6:04pm

Ho provato ad aprirmi con degli amici, negli anni sono molto cambiato e ho preferito scegliere e tenermi strette soltanto quelle poche persone che avrebbero potuto comprendermi, ma nonostante ciò non ho migliorato la mia condizione e tutti i problemi si ripresentano spesso. Sintomi fisici? Penso di aver avuto almeno tre volte dei piccoli attacchi di panico, ma non so se sia questo il giusto termine per definirli. Qualche mese fa mentre passeggiavo con i miei genitori all'improvviso ho incominciato ad aver paura di svenire, il cuore ha incominciato a battermi forte, mi sono fermato e ho cercato di tranquillizzarmi, non ci sono riuscito. Il respiro si faceva sempre più veloce e affannoso, cercavo un posto per sedermi ma star seduto non mi ha tranquillizzato, subito dopo ho avuto paura di morire e ho incominciato a urlare. Dopo pochi minuti mi sono ripreso ma non avevo il coraggio di alzare lo sguardo e guardare avanti, avevo gli occhi puntati soltanto verso basso. Tutto questo é durato un'ora all'incirca. Gli altri due casi sono stati simili a questo.
Per il resto provo spesso dolori allo stomaco e ho una cattiva digestione anche se penso di avere una dieta buona e regolare. Altre volte quando mi sento triste e giù di umore sento dolori muscolari alle gambe. Ogni tanto mal di testa e giramenti senza attacchi di panico..

Piccolagrandeansiosa

Utente Avanzato

Posts: 754

Activitypoints: 2,577

Date of registration: Sep 30th 2016

Location: Marshmellow

Occupation: Studentessa

  • Send private message

7

Monday, October 3rd 2016, 6:06pm

Come mai non ti rivolgi a uno specialista del caso?
non devi avere paura,anzi, ti aiuterà!
"Ah, ecco l'ansia, mi stavo preoccupando". :girl:

Raffaele97

Giovane Amico

  • "Raffaele97" is male
  • "Raffaele97" started this thread

Posts: 98

Activitypoints: 434

Date of registration: Nov 14th 2012

Location: Puglia

Occupation: Studente

  • Send private message

8

Monday, October 3rd 2016, 6:15pm

Tempo fa andai da uno psicologo ma non riuscii a migliorare nulla. Per questo motivo sono quasi sempre stato scettico, ho sempre preferito fare letture personali per comprendere meglio me stesso e agire in proposito. Ma come diceva Freud "Noi non siamo padroni del nostro corpo", quindi ho compreso che ogni consapevolezza raggiunta con l'uso della ragione non sarebbe bastata a superare ansie e paure profondamente inconsce. Avrebbe sicuramente aiutato, ma non sarebbe bastata. Infatti tutto quello che ho studiato non mi ha permesso di superare il vero nocciolo della questione. Sarebbe meglio uno psicoanalsta? Analisi dei sogni?
Certe notti faccio sogni che mi rovinano tutta la giornata, messaggi inconsci forti che ancora non riesco a comprendere, per questo ho bisogno di un aiuto esterno, ma mi sono sempre tirato indietro convinto di potermela cavare da solo. Piccola tensione autodistruttiva..

Piccolagrandeansiosa

Utente Avanzato

Posts: 754

Activitypoints: 2,577

Date of registration: Sep 30th 2016

Location: Marshmellow

Occupation: Studentessa

  • Send private message

9

Monday, October 3rd 2016, 6:36pm

mai sofferto di derealizzazione o depersonalizzazione?
"Ah, ecco l'ansia, mi stavo preoccupando". :girl:

Raffaele97

Giovane Amico

  • "Raffaele97" is male
  • "Raffaele97" started this thread

Posts: 98

Activitypoints: 434

Date of registration: Nov 14th 2012

Location: Puglia

Occupation: Studente

  • Send private message

10

Monday, October 3rd 2016, 6:43pm

Guarda assolutamente non ne ho idea. Ma non ho mai percepito il mondo come estraneo, non ho mai percepito me stesso come in un sogno, come se la realtà fosse irreale. Molte volte vivo con la percezione di un'assenza di senso in tutte le cose, questo sì. Ma preferisco non farmi autodiagnosi, mi farei influenzare da me stesso.

Piccolagrandeansiosa

Utente Avanzato

Posts: 754

Activitypoints: 2,577

Date of registration: Sep 30th 2016

Location: Marshmellow

Occupation: Studentessa

  • Send private message

11

Monday, October 3rd 2016, 6:45pm

io credo molto nell'effetto placebo per quanto riguarda me..:*
"Ah, ecco l'ansia, mi stavo preoccupando". :girl:

Raffaele97

Giovane Amico

  • "Raffaele97" is male
  • "Raffaele97" started this thread

Posts: 98

Activitypoints: 434

Date of registration: Nov 14th 2012

Location: Puglia

Occupation: Studente

  • Send private message

12

Monday, October 3rd 2016, 7:12pm

Ma le autodiagnosi possono facilmente ingannarci e quindi rallentare la strada per la guarigione, se esiste una "vera guarigione".

Piccolagrandeansiosa

Utente Avanzato

Posts: 754

Activitypoints: 2,577

Date of registration: Sep 30th 2016

Location: Marshmellow

Occupation: Studentessa

  • Send private message

13

Monday, October 3rd 2016, 7:14pm

effetto placebo nel senso che anche se non ho tachicardia mi sento l'attacco di panico e allora prendo le gocce per fissazione e mi dico "appena le prendo sto meglio" il lexotan fa effetto dopo pochi minuti, ma io già appena lo prendo sto bene perchè me ne autoconvinco e automaticamente non penso più ai sintomi, ecco ahah.
"Ah, ecco l'ansia, mi stavo preoccupando". :girl:

Raffaele97

Giovane Amico

  • "Raffaele97" is male
  • "Raffaele97" started this thread

Posts: 98

Activitypoints: 434

Date of registration: Nov 14th 2012

Location: Puglia

Occupation: Studente

  • Send private message

14

Monday, October 3rd 2016, 8:24pm

Parlarne con i genitori fa bene? Non ho mai avuto il coraggio di dirlo, non ho mai saputo da dove incominciare, mi sono sempre ritirato e mi sono di conseguenza sempre sentito in colpa. Loro di me conoscono soltanto la facciata superficiale della mia tristezza frequente, non sanno il perché, nemmeno io so il motivo più profondo, ma con loro ho sempre evitato il dialogo a riguardo er evitare critiche e giudizi negativi, so che tutto ciò é irrazionale, ma questo mio ritiro, questa chiusura a riccio ha reso di conseguenza il rapporto con i miei familiari sempre più difficile e la tristezza sempre più ingovernabile.
Ancora non saprei come dirglielo, cosa dire e cosa non dire. Ma con loro fingo come con tutti gli altri, sono più schietto in questo forum che in famiglia, ahimè

Piccolagrandeansiosa

Utente Avanzato

Posts: 754

Activitypoints: 2,577

Date of registration: Sep 30th 2016

Location: Marshmellow

Occupation: Studentessa

  • Send private message

15

Monday, October 3rd 2016, 8:56pm

I miei sanno tutto quanto
"Ah, ecco l'ansia, mi stavo preoccupando". :girl: