Homepage di Nienteansia.it
Switch to english language  Passa alla lingua italiana  

You are not logged in.


Dear visitor, welcome to Forum di Psicologia di Nienteansia.it. If this is your first visit here, please read the Help. It explains in detail how this page works. To use all features of this page, you should consider registering. Please use the registration form, to register here or read more information about the registration process. If you are already registered, please login here.

1

Tuesday, November 20th 2012, 9:10pm

Di nuovo qui!!!

Ciao a tutti!!! Mi ripresento anche se anni fa ho scritto diverse cose. Sono una ragazza, ho 21 anni e tre anni fa ho incominciato a soffrire di attacchi di panico e paure correlate tipo paura di perdere il controllo su gli altri e anche su me stessa, cioè ti poter fare del male fisicamente, sia a me che agli altri. Subito psicoterapia più xanax e zoloft. La psicoterapia è durata circa due anni se non ricordo male (lasciata per problemi economici) e sono stata sempre meglio e ho passato dei mesi davvero belli dove riuscivo, se mi veniva, a controllare sia l'ansia che le paure. Stavo bene, ero allegra e spensierata, sopratutto il mese di agosto è stato veramente bello dove finalmente stavo dando ascolto a me stessa per la prima volta e a fare tutto senza avere paure di qualsiasi genere. Insomma mi sentivo LIBERA!!! :girl:

Poi a metà settembre mi lascio con la persona con cui stavo da due anni e abbiamo avuto un litigio brutto. Durante il litigio, BOOM. Un attacco di panico fortissimo, con le paure di tre anni fa altrettanto forti. Dopo quel giorno ansia pazzesca tutto il giorno e tutti i giorni, stomaco chiuso, non uscivo, paure e tutto quello che sapete anche voi, schiavi del panico!
Poi mi succedeva che piano piano che arrivava la notte, mi sentivo star meglio, stavo a letto con i miei film, la mia musica e con quello che mi faceva stare bene. E piano piano mi accorgevo che avevo ''BISOGNO DI ME''. Ho preferito un sacco di volte starmene a casa piuttosto che uscire con gli amici. Ma proprio perchè mi andava stare con me, se avessi potuto mi sarei abbracciata, non lo so... una strana sensazione. ?(

Credevo di poter farcela da sola ancora una volta invece ho dovuto chiedere aiuto al mio psichiatra, quindi ho riniziato da poco, ho fatto solo 2 sedute. Mi ha detto che mi ha trovato molto cambiata, maturata in positivo. E' che forse è proprio questo che mi ''sconvolge''. La diagnosi è sempre forte ansia e attacchi di panico. Niente depressione. Eppure io sono ossessionata dalla paura di esserlo e la paura di poter fare un gesto estremo. Paura della sofferenza, paura di non poter reggere tutto quello che mi si pone davanti. Praticamente la mia vita è fatta di paura :D

Poi un altro episodio che mi ha toccato nel profondo, mia mamma è stata licenziata (io vivo con mia mamma e mia sorella di 30 anni, i miei sono separati) ed è sempre stata tendente alla depressione, quindi dopo che lei ha saputo la notizia si è depressa ancora di piu, preoccupata al massimo, ed è comprensibile perchè non siamo per niente benestanti!!! Ho un rapporto speciale con mia mamma, quando sono stata male è stata la mia forza, mi ha aiutato molto. Solo che da quando sono ristata male ho dovuto piu accudire io lei che lei a me (è sempre stato un po così alla fine). Sta sempre male e si lamenta sempre, fino a che ieri per l'ennesimo lamento, mia sorella stufa della situazione le ha urlato contro, e mia mamma ha sclerato urlando e spaccando una paletta della scopa!!! Io ho preso e sono fuggita da casa, non potevo reggere tutta quella tensione. Non potevo, dovevo salvarmi. Ho chiamato subito il mio ex con cui stavo avendo già da un pò di tempo dei contatti. Gli ho chiesto di raggiungermi perchè stavo troppo male: ansia a palla, panico, tristezza, di tutto!!! Alla fine abbiamo anche dormito insieme e mi sentivo bene di nuovo, ero quasi felice. Poi l'indomani mattina nuovamente ansia a palla e pensieri del tipo ''ma se stessi sbagliando a riavvicinarmi a lui?'' insomma paranoia. Il fatto è che la notte sono stata proprio bene con lui, mi sentivo protetta, è come se fosse stata la mia salvezza e lo è ancora adesso.

Stasera invece mi sento malinconica e triste, ansiosa e paurosa per il futuro. Confusa di tutto. Bo.
Voi che dite? Cosa ne pensate? Ne uscirò da questo malessere?
Perchè secondo voi sono ''ricaduta''?
Secondo voi è possibile che mi faccia del male o che faccia del male agli altri???? :( ho troppa paura :sos:

GRAZIE PER LE RISPOSTE....... :)

Ah premetto che da un mesetto ho iniziato anche a fare kundalini Yoga, proprio per cercare di solidificare il mio io e di trovare un benessere duraturo.

dennys79

Giovane Amico

  • "dennys79" is male

Posts: 295

Activitypoints: 913

Date of registration: May 5th 2012

Location: Ferrara

Occupation: operaio

  • Send private message

2

Wednesday, November 21st 2012, 12:51am

forse la causa scatenante e' stato proprio il lasciare il tuo fidanzato, per un po' hai retto poi magari ti sei sentita franare la terra sotto i piedi e boom, e' scattata l'ansia a mille con tutte le conseguenze del caso. Cerca magari di riavvicinarti al fidanzato, sempre che il rapporto non si sia gia' tutto logorato, se era quello, magari non servono neanche i farmici o le varie terapie.

3

Wednesday, November 21st 2012, 1:41am

mi sono riavvicinata, o meglio, lo sto facendo... piano piano però.. non voglio accellerare le cose...

4

Wednesday, November 21st 2012, 10:27pm

upppp

up! non c'è nessuno che risponde?